Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Punto nascita di Cavalese, Cia e Cavada: «Se per Ghezzi i servizi sanitari nelle valli sono un “costo”…»

Pubblicato

-

Negli scorsi giorni è stato dato ampio spazio sui media alla risposta ad una interrogazione del consigliere Paolo Ghezzi (Futura2018) sui “costi” della riapertura del punto nascita di Cavalese

Dai dati ricavati dal solo primo mese di apertura un quotidiano ha evidenziato il “costo medio per parto”, arrivando a parlare di “quanto onerosa sia la cambiale elettorale che la giunta guidata da Maurizio Fugatti sta onorando”

Pubblicità
Pubblicità

Sull’argomento è intervenuto il consigliere Claudio Cia: «Premesso che i cittadini della Valle di Fiemme non sono cittadini di serie B rispetto a chi, come il consigliere Ghezzi, è abituato a vivere nella città capoluogo dove i servizi sanitari li ha sotto casa, va ricordato che la riapertura del punto nascita è stata fortemente richiesta e voluta dalla popolazione e dalle istituzioni presenti in Valle di Fiemme. Se è possibile garantire anche alle residenti delle zone di montagna la possibilità di partorire nell’ospedale di zona in condizioni di sicurezza, allora è giusto investire nel nostro territorio, ed è anche per questa sensibilità che i cittadini ci hanno votato il 21 ottobre» – Afferma Cia.

Pubblicità
Pubblicità

Il consigliere di Agire poi pone una  domanda a Ghezzi con relativa immediata risposta: «a quanto ammontano i “costi” della Protonterapia voluta fortemente dal centrosinistra? Se non lo sa glielo dico io: per il solo fatto di esistere ci costa oltre 13 milioni di Euro all’anno. Eppure nessuno sano di mente si sognerebbe di andare a calcolare il “costo medio” per paziente oncologico che ne beneficia».

Secondo Cia anche i costi sostenuti dalla collettività per il compenso del consigliere Ghezzi potrebbero risultare spropositati per i cittadini che si trovano ad assistere attoniti a tali elucubrazioni mentali. «Forse il consigliere dimentica che i cittadini delle valli trentine hanno già pagato con le loro tasse per avere i servizi che qualcuno vorrebbe invece negare in nome del pallottoliere».

«Dopo le battaglie dei territori e l’iniziativa della politica provinciale, – commenta invece in una breve nota il consigliere Gianluca Cavada –  il 9 ottobre è arrivato il parere favorevole da Roma ed è stata concessa una deroga unica in Italia. Così Cavalese ha riavuto il suo punto nascita che ha riaperto i battenti il primo dicembre».

E ancora: «Questo servizio offre alle future mamme la possibilità di partorire in un ambiente accogliente e sicuro, con l’opportunità per le famiglie, che arrivano da tutta Italia, di alloggiare gratuitamente in una struttura della zona. L’importanza di suddetta struttura, chiesta a gran voce e con molte battaglie dai cittadini, è di conseguenza innegabile ed è il riferimento per le future mamme di tre valli (Fiemme, Fassa e Cembra). Ciò che forse non è chiaro al Consigliere Ghezzi – che si focalizza solamente sui costi della sanità – è il fatto che è proprio il punto nascita a permettere il mantenimento di altri servizi essenziali, come la pediatria, la ginecologia e la presenza dell’anestesista, 7 giorni su 7, per tutti, per qualsiasi urgenza. Ritengo quindi fondamentale supportare la linea politica dell’Assessore Segnana che predilige e tutela quell’attenzione sanitaria chiesta a gran voce da tutti i cittadini».

Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Nuovo incidente col parapendio. Sul col Rodella un pilota salvato per miracolo

Pubblicato

-

Pochi minuti dopo lo schianto mortale avvenuto sempre sul Col Rodella, che ha visto la morte di un pilota di nazionalità straniera (il terzo in pochi giorni in Trentino) i soccorsi hanno dovuto intervenire ancora.

Poco prima, verso le 15.20, l’Area operativa Trentino settentrionale del Soccorso Alpino è intervenuta per un incidente ai danni di un pilota di parapendio a cui si è chiusa la vela mentre stava sorvolando il Col Rodella (Val di Fassa).

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo è precipitato sulle rocce ed è rimasto appeso con la vela alla parete.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto si sono portati l’elicottero del Nucleo Elicotteri della Provincia Autonoma di Trento e due operatori della Stazione Alta Val di Fassa del Soccorso Alpino.

È stata quindi attrezzata una sosta che ha permesso al Tecnico di Elisoccorso, all’equipe medica e ai due soccorritori di calarsi in corda doppia fino al paziente.

Dopo essere stato messo in sicurezza, l’uomo è stato stabilizzato, imbarellato e recuperato a bordo dell’elicottero con il verricello per essere trasportato in codice rosso, con gravi politraumi, all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Si schianta sulla Marmolada col parapendio. È il terzo morto in pochi giorni in Trentino

Pubblicato

-

Un pilota di parapendio svedese di 43 anni ha perso la vita precipitando sulla Marmolada.

È la terza vittima in pochi giorni in Trentino che muore col parapendio.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo, dopo aver perso presumibilmente il controllo della vela, è andato a sbattere sulle rocce della parete nord della Marmolada ed è scivolato fino ad adagiarsi sul ghiacciaio del Piccolo Vernel.

Pubblicità
Pubblicità

L’allarme al Numero Unico per le Emergenze 112 è stato lanciato poco dopo le 16.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino settentrionale del Soccorso Alpino ha chiesto l’intervento dell’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites, il quale ha caricato a bordo due operatori della Stazione Alta Val di Fassa per portarli sul luogo dell’incidente insieme all’equipe medica.

Per l’uomo non c’era ormai nulla da fare e dopo il nulla osta delle autorità la salma è stata ricomposta ed elitrasportata alla camera mortuaria di Canazei.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Tradizione, spettacolo e comunità: sale l’attesa per la 62esima Festa dell’Uva di Verla di Giovo

Pubblicato

-

La sede della Federazione Pro Loco a Trento ha ospitato questa mattina la presentazione della 62esima edizione della Festa dell’Uva, appuntamento al quale hanno preso parte il presidente della Pro Loco di Giovo Cesare Pellegrini, l’assessore del Comune di Giovo  Mauro Stonfer, la vicepresidente del’Apt Pinè Cembra Mara Lona, il presidente della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino Francesco Antoniolli e il vicepresidente della Cassa Rurale di Giovo Alessandro Lettieri. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza