Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

La Val di Non terra di castelli: Castel Coredo apre le porte al mondo

Pubblicato

-


Si aggiunge un nuovo gioiello alla collezione dei castelli visitabili della Val di Non. Un sole splendente e un cielo terso hanno fatto da degna cornice questa mattina, venerdì 7 giugno, all’apertura ufficiale di Castel Coredo, maniero ricco di fascino che sorge, nascosto tra gli alberi, su una collinetta in cima al paese, di fianco al cimitero.

Una posizione magica e strategica, il posto ideale per un castello incantevole che a partire da domani, sabato 8 giugno, sarà aperto al pubblico, aggiungendosi al circuito dei castelli nonesi visitabili di cui già fanno parte Castel Thun, Castel Valer e Castel Nanno. Con la speranza che presto altri pezzi di storia della valle possano rientrare in un percorso fatto di tradizioni e cultura.

Questa mattina è stato come fare un viaggio nel tempo, immergendosi nelle atmosfere e nei racconti di un passato suggestivo e ricco di aneddoti, di volti, di vissuti che meritano di essere conosciuti. Entrando, in punta di piedi, nell’intimità di una famiglia che ha fatto la storia di Coredo.

Pubblicità
Pubblicità

Con domani si potrà andare alla scoperta del castello, ma anche del poco distante Palazzo Nero, anch’esso dimora privata, con interessanti visite guidate che ne metteranno in luce opere d’arte, storie, leggende e segreti.

Fino alla fine di giugno e nei restanti periodi sarà possibile accedere a questi edifici storici solamente nel weekend e nei giorni festivi, mentre dal 1° luglio al 15 settembre gli appuntamenti in programma saranno tutti i giorni, con due visite al giorno.

“UN PRODOTTO TURISTICO CHE CI RENDE UNICI” – Incalzati da una frizzante Ivana Rizzardi in versione dama di corte, sono stati molti gli interventi di amministratori, autorità e personaggi noti che hanno salutato con parole cariche di riconoscenza – prima di tutto nei confronti della famiglia Coreth che ha acconsentito all’apertura al pubblico del suo castello – questo momento così intriso di significato e tanto atteso. È infatti la prima volta che Castel Coredo spalanca le porte al mondo.

Augustin Coreth, affiancato dalla moglie Nathalie, dà il benvenuto ai presenti

Purtroppo, a causa di problemi di salute, il conte Constantin non è potuto essere presente, ma la rappresentanza della famiglia Coreth era comunque folta e solare, guidata da Augustin e dalla moglie Nathalie, che ha fatto da interprete per i presenti traducendo in italiano le parole in tedesco del marito.

Augustin ha infatti dato il benvenuto al castello a nome di tutta la famiglia, spiegando come sia per loro un “grande piacere festeggiare insieme quest’apertura”.

Il sindaco di Predaia Paolo Forno ha evidenziato l’importanza del percorso dei castelli in Val di Non

Il sindaco di Predaia Paolo Forno ha poi voluto porre in evidenza come questa rappresenti un’occasione unica per l’intera Val di Non. Ma non solo. “Oggi è una bella giornata per tutti – ha dichiarato il sindaco –. Innanzitutto per il paese di Coredo, credo infatti che i primi fruitori del castello saranno proprio i coredani, curiosi di visitare una dimora rimasta per anni nascosta tra gli alberi e avvolta nel mistero. Poi per Predaia, che ha intrapreso e sta portando avanti un percorso di valorizzazione dei beni culturali. E infine per la collettività della Val di Non e i suoi visitatori: questo progetto si inserisce infatti come un tassello fondamentale in un mosaico fatto di cultura. L’Apt Val di Non ha bisogno di proposte come questa per crescere ulteriormente, testimone di come turismo e cultura vadano a braccetto. La nostra è davvero la valle dei castelli”.

Alla sua prima uscita ufficiale nelle vesti di presidente dell’Apt, Lorenzo Paoli ha voluto ringraziare tutti coloro che si sono spesi per la riuscita di questa iniziativa, a partire dal suo predecessore Andrea Paternoster. “Ha sempre creduto fortemente che la Val di Non non potesse prescindere dalla valorizzazione dei suoi castelli – ha spiegato il presidente –. Per questo mi sento anche di rivolgere un ringraziamento particolare al conte Ulrico Spaur, che per primo ha avuto la volontà di aprire Castel Valer. In questo modo viene a crearsi un prodotto turistico che ci distingue e ci rende unici. È una strada da proseguire, un elemento nuovo da continuare ad arricchire e potenziare. Da sottolineare anche il fatto che questo percorso offre delle interessanti opportunità lavorative ai giovani del territorio”.

Andrea Widmann e Lorenzo Paoli hanno ringraziato la famiglia Coreth per la disponibilità e la preziosa collaborazione

Paoli ha voluto condividere il suo intervento con il vicepresidente dell’Apt Andrea Widmann, che ha messo in luce la preziosa collaborazione da parte della famiglia Coreth nel raggiungimento di un “obiettivo ambizioso che speriamo possa creare attrattiva per arricchire la nostra valle anche a livello di presenze”, e con la direttrice Giulia Dalla Palma, una della anime di questa nuova proposta.

Si sono susseguiti poi gli interventi di Franco Marzatico, soprintendente per i beni culturali della Provincia Autonoma di Trento, dei consiglieri provinciali Paola Demagri e Lorenzo Ossanna, dell’ex senatore Franco Panizza e di Raffaella Colbacchini, che insieme a Roberto Pancheri ha curato la formazione delle guide.

Entrare in Castel Coredo è entrare nella storia di questo maniero e nel cuore di una famiglia – ha dichiarato Colbacchini –. Facciamolo perciò in punta di piedi, entriamo in amicizia, in intimità con tutto ciò che ci circonda”.

Don Raimondo Merceca, parroco di Coredo, ha dato quindi la sua benedizione al castello, ai presenti e a tutti coloro che lo visiteranno. È stata poi la volta del taglio del nastro da parte di Augustin Coreth, affiancato dal sindaco Paolo Forno, che ha dato il via ufficiale alle visite. I presenti hanno potuto poi godere di un ricco buffet allestito nello splendido giardino antistante il castello.

La fiaba di Castel Coredo si è arricchita oggi di una nuova pagina. Una pagina colorata, vivace, fatta di voglia di vivere e valorizzare il proprio territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Tabaka, la spedizione dei volontari trentini è finita: «Obiettivo raggiunto, ma questo è solo l’inizio»

Pubblicato

-


Un’avventura umanitaria iniziata alla fine di luglio con partenza da Trento in direzione Tabaka in Kenya con l’obiettivo di portare all’ospedale «Tabaka mission hospital» le cure mediche convenzionali grazie all’utilizzo del Seqex, un apparecchio che crea un debolissimo campo elettromagnetico pulsato di Ionorisonanza Ciclotronica su tutto il corpo del paziente, allo scopo di favorirne i processi di guarigione.

L’apparecchio brevettato Seqex dall’azienda trentina «Sistemi srl» di Pergine Valsugana è un’assoluta innovazione tecnologica e scientifica nel settore della terapia con campi magnetici pulsati.

Il trattamento erogato non è invasivo ed è basato su un sistema in grado di dialogare con il corpo del paziente personalizzando il trattamento.

Pubblicità
Pubblicità

Una sinergia che sta dando ottimi risultati, e che ha come obiettivo il benessere dei pazienti grazie alla ricostruzione dei tessuti e il controllo del dolore.

Il ponte fra il Trentino e il Kenya è stato reso possibile grazie all’associazione Tabaka Mission Hospital’s Friends che ha rafforzato questo legame il 1° gennaio 2018 con l’intitolazione del reparto pediatrico ad Alice Magnani, giovane ragazza trentina, scomparsa a causa di un incidente stradale, ma che ha lasciato un grande esempio per tutti, il suo motto “Credici!” che per lei è stato l’arma in più per combattere la sua malattia, e realizzare il suo sogno di guarigione, anche se pur momentaneamente.

Alla spedizione che si è conclusa in questi giorni hanno partecipato Valerio e Sofia Dallago, titolari della Sistema srl e il Filmaker Massimo Gabbani che realizzerà un documentario per mettere in luce la nuova strategia dell’ OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità – per la medicina tradizionale.

L’ospedale di Tabaka da sempre è molto legato con il Trentino, per oltre 40 anni infatti la struttura è stata diretta da padre Francesco Avi, missionario Camilliano di Baselga di Pinè, e nel corso degli anni sono molti i trentini che si sono recati in Kenya, a Tabaka come volontari.

«La nostra esperienza è stata molto positiva – dichiara Valerio Dallago – l’obiettivo di integrare una medicina convenzionale  con una medicina elettromagnetica è stato raggiunto. Seqex ha messo in trattamento molte persone con problematiche piuttosto importanti dove la sofferenza è molto alta ed è riuscita a ridurre il dolore in modo significativo, ma questo deve essere è solo l’inizio».

«Ho sentito spesso parlare del Mal d’Africa, ed ora ho capito cosa significa – commenta in modo commovente nel video la figlia Sofia – una permanenza che mi ha arricchito molto di grandi emozioni, un viaggio che rimanendo a contatto con le persone che soffrono mi dato molto in una parte del mondo dove ho trovato molte  persone di buona volontà che intendono cambiare le cose, una realtà molto lontana dalla nostra quotidianità».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Raccolta funghi sul territorio di Predaia: i non residenti in provincia di Trento devono versare un corrispettivo

Pubblicato

-


Il Comune di Predaia ha pubblicato un avviso nel quale comunica che per la raccolta di funghi i non residenti in Provincia di Trento devono effettuare apposita denuncia, sostituita di fatto dal versamento di un corrispettivo commisurato ai giorni di raccolta. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Nanno, sospesa l’erogazione dell’acqua per lavori

Pubblicato

-


Il Comune di Ville d’Anaunia, attraverso un avviso pubblicato sul sito internet comunale, ha reso noto che nelle giornate di domani, mercoledì 21 agosto, e dopodomani, giovedì 22 agosto, verrà sospesa l’erogazione dell’acqua in alcune zone dalle 8.30 fino alla fine dei lavori. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza