Connect with us
Pubblicità

Trento

Il meglio del Trentino sotto gli occhi del mondo

Pubblicato

-

Sono quasi 400 i partecipanti attesi per l’evento “Traverse19” organizzato per la prima volta in Italia e che nelle prime due giornate ha già prodotto 10 milioni di impressions dedicati al Trentino sui principali strumenti social.

Basta fare una passeggiata nel centro storico di Trento in questi giorni per accorgersi che Traverse19 è cominciato.

Americani, canadesi, australiani, indiani, arabi, neozelandesi, giamaicani: centinaia di travel blogger, instagrammer e youtuber internazionali sono in giro per la città a scattare foto, girare video, raccontare storie per poi, ovviamente, condividere il tutto sui propri canali social. Sono passati solo due giorni dall’arrivo dei primi ospiti e l’evento ha finora già prodotto la cifra record di 10 milioni di impressions.

Pubblicità
Pubblicità

Non solo monumenti, palazzi e montagna; nel mirino delle fotocamere di Traverse sono finiti anche piccoli negozi, locali del centro, bar, ristoranti e gelaterie, per raccontare “l’italian lifestye”, sempre apprezzato in Europa e oltreoceano. Se siete curiosi, cercate su Instagram, Facebook e Twitter l’hashtag #Traverse19, per vedere in quanti modi e con quanti colori questi “viaggiatori digitali” stanno raccontando il Trentino.

Perché è il viaggio il tema principale di Traverse19, il più importante meeting dedicato al mondo degli influencer del settore travel che per la prima volta viene ospitato in Italia, grazie all’accordo tra Trentino Marketing e la britannica Traverse, una delle maggiori agenzie internazionali specializzate nel mercato digitale e nell’influencer marketing.

Sono quasi quattrocento gli influencer che hanno già raggiunto o stanno raggiungendo Trento per la due giorni di incontri, dove si discuterà delle ultime tendenze in fatto di turismo sul web e sui social con alcune delle “star” dei blog di viaggi, come Jordan Hammond travel instagrammer di fama mondiale o Kate McCulley famosa blogger americana, prima al mondo a specializzarsi in solo female travel e nominata da Forbes una delle top 10 travel influencers al mondo.

La fascia di età più rappresentata è quella fra i 20 e i 29 anni.

I più lontani dei partecipanti sono giunti in Trentino da paesi come gli Emirati Arabi, l’India, la Giamaica, la Nuova Zelanda e l’Australia.

Scorrendo questo lungo elenco è interessante, ad esempio, osservare l’interesse che un territorio, in fondo piccolo come il Trentino, ha suscitato tra affermati blogger americani e canadesi: sono 60 in totale, ma la rappresentanza più numerosa proviene da Inghilterra, Scozia e Irlanda.

I workshop e le conferenze avranno luogo presso il Teatro Sociale sabato 8 e domenica 9 con oltre 30 speakers internazionali, ma già da martedì 4 giugno, una buona parte di loro ha raggiunto Trento per i mid-week events, una serie di esperienze in luoghi significativi nei dintorni di Trento.

Le attività più gettonate sono state le escursioni a cavallo tra i vigneti di Nosiola in valle dei Laghi, i tour in elicottero sopra il Garda e le Dolomiti e l’escursione all’Orrido di Ponte Alto.

Evento clou e novità di quest’edizione di Traverse è la serata Traverse Content Creator Awards sabato 8 giugno al Mart di Rovereto.

Per la prima volta, infatti, verranno premiati i blogger che si sono distinti per creatività, originalità e qualità della comunicazione online. Video, fotografia, storytelling, innovazione: sono 15 le categorie in gara per questa “Notte degli Oscar” dedicata agli influencer.

Nei giorni successivi alla conferenza, dal 10 al 14 giugno, un centinaio di loro parteciperà infine alle Post Event Adventures: 12 tour tematici alla scoperta del Trentino. Grazie alla collaborazione con Apt e i Consorzi turistici, gli influencer avranno la possibilità di provare emozionanti esperienze alla scoperta del nostro territorio.

Dai tour più avventurosi che prevedono discese in kayak, vie ferrate e arrampicate nelle Dolomiti, a quelli enogastronomici e culturali, come il concerto di Capossela ad Arte Sella o le visite a forti e castelli, per toccare con mano le tante meraviglie del Trentino ed incontrare persone che, grazie al proprio lavoro, “presidiano” il territorio e se ne prendono cura.

«Possiamo tranquillamente affermare”, dice Maurizio Rossini CEO di Trentino Marketing, “che in questi giorni c’è un racconto del Trentino e di tutte le sue maggiori attrattive che sta scorrendo sotto gli occhi dell’intero pianeta, grazie alle esperienze riportate da centinaia di blogger e influencer che sono riuniti a Trento per questo evento e che solo nei primi due giorni hanno già prodotto un numero davvero enorme, oltre 10 milioni di impressions e 7 milioni di reach, ovvero il numero di volte che i contenuti dedicati al nostro territorio sono stati visualizzati da fan e follower sui principali canali social».

«L’evento Traverse19 – dichiara a sua volta l’Assessore provinciale al turismo Roberto Failoni – costituisce un’opportunità molto importante per il Trentino che va nella direzione di una maggiore internazionalizzazione del turismo trentino, facendo conoscere il nostro territorio e le tante esperienze possibili in ogni momento dell’anno ad un pubblico nuovo, in particolare di giovani, a loro agio nell’interagire e nell’informarsi attraverso i social media ed i nuovi strumenti offerti dalle piattaforme digitali».

Traverse19 è realizzato da Trentino Marketing con la collaborazione dell’agenzia Traverse, di tutte le Apt e i Consorzi turistici del Trentino, i musei Mart e Le Gallerie di Piedicastello, l’Istituto Trentodoc, e la Starpool Zerobody in veste di sponsor.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Studi post-diploma, il sostegno alle famiglie con il Contributo provinciale

Pubblicato

-

Sostenere economicamente gli studenti trentini che affronteranno un percorso di studi post diploma, con un contributo provinciale proporzionale a quanto accantoneranno le famiglie di ciascuno studente durante la scuola superiore.

Questo, in sintesi, l’obiettivo della misura che fissa al 31 agosto la scadenza per effettuare il versamento annuale per gli studenti del secondo ciclo di studi.

Un’iniziativa di aiuto alle famiglie, che potranno così dare vita a un piano di risparmio al quale concorrerà la Provincia al momento dell’iscrizione all’università, con una somma in denaro tale da aumentare in maniera importante il capitale accumulato per le spese universitarie.

Pubblicità
Pubblicità

Si continua così ad investire nelle risorse umane, nella convinzione che una maggiore preparazione sia per i giovani un elemento determinante nella ricerca di lavoro.

Il contributo per gli studi post diploma è una misura voluta dalla Provincia autonoma di Trento per aiutare le famiglie trentine a sostenere le spese per gli studi dei propri figli.

La misura prevede, a fronte di un piano di risparmio effettuato dalla famiglia, l’erogazione di una somma di denaro al momento dell’iscrizione  ai percorsi di studi post-diploma, universitari e di alta formazione proporzionale a quanto accantonato.

Accedere al contributo è facile, sarà sufficiente:

– aprire un libretto di risparmio o un conto corrente o un piano di accumulo di capitale (PAC) o polizze assicurative;

– versare per ogni anno scolastico, entro il 31 agosto, una somma di denaro per un periodo da 3 a 5 anni precedenti all’iscrizione a percorsi di studio post diploma;

– accumulare una somma complessiva compresa tra 3.000 e 6.000 euro;

– avere un indicatore ISEE famigliare compreso tra 23.001 e 32.000 euro.

Si tratta di una misura importante se si pensa che, se una famiglia risparmia una cifra tra i 3.000 e i 6.000 euro negli anni delle scuole superiori, quando lo studente si iscriverà a un corso post-diploma, sia in Trentino che fuori provincia o all’estero, potrà ricevere un aiuto pubblico provinciale fino al doppio di quanto risparmiato.

La domanda dovrà essere presentata agli Uffici provinciali nell’anno di iscrizione ai percorsi post diploma, completa della documentazione che attesta l’avvenuto accumulo e dell’indicatore ISEE della famiglia. Ogni anno viene pubblicato un bando con le modalità e le scadenze per inoltrare la richiesta.

I versamenti per costituire il risparmio dovranno essere effettuati entro il 31 agosto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Santa Chiara: ora arrivano anche i venditori di penne abusivi

Pubblicato

-

Il posto è il più frequentato di Trento, cioè, l’ospedale santa Chiara di Trento, il trucco è il solito ed è vecchio come il «cucco».

Da stamane due venditori di penne abusivi stazionano davanti all’entrata dell’ospedale tentanto di ricavare qualche offerta dai parenti in visita ai malati.

«Ti danno in mano due penne e ti dicono che devi fare un’offerta» – spiega un nostro lettore.

Pubblicità
Pubblicità

Alla domanda a chi andassero poi i soldi ecco la risposta: «siamo un associazione che con il ricavato aiuta i disoccupati».

Il dubbio che al primo posto tra i disoccupati ci siano proprio loro due, diviene certezza, specie dopo aver capito che non viene rilasciata nessuna ricevuta.

I due, intorno ai 40 anni, italiani, ma con accento meridionale durante la mattinata pare siano comunque riusciti a convincere qualche anziano a versare l’obolo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Orso M49: gli ultimi aggiornamenti

Pubblicato

-

Prosegue l’attività di monitoraggio, di informazione, supporto e presidio territoriale da parte del personale forestale nell’area interessata dalla presenza dell’orso M49 fuggito lunedì scorso dal recinto del Casteller.

Una nuova fotografia scattata da una fototrappola testimonia la presenza di M49 sui pendii della Marzola.

L’ultimo scatto risale alle 22.54 della scorsa notte in un’area non molto distante da quella dove è stata rilevata la sua presenza ieri mattina.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza