Connect with us
Pubblicità

Trento

Fallimento Mercatone Uno: 3,8 milioni di caparre dei clienti e 60 di debiti verso i fornitori. Le novità

Pubblicato

-

Sul fronte del Mercatone Uno ancora nessuna novità, ma solamente delle ipotesi in attesa che il Tribunale di Bologna emetta una sentenza che di fatto sbloccherebbe la situazione.

Di certo il fallimento dichiarato dal Tribunale di Milano che ha aperto un’inchiesta per bancarotta fraudolenta, ha coinvolto diverse realtà oltre che mettere in ginocchio i 1860 dipendenti.

L’aggiornamento della situazione parte proprio da loro che allo stato attuale non ricevono lo stipendio da aprile, ma non possono nemmeno accedere alla cassa integrazione o licenziarsi.

Pubblicità
Pubblicità

Infatti il rapporto di lavoro lo si potrebbe definire sospeso in quanto la comunicazione di fallimento, è stata accompagnata solo da un invito a non presentarsi al lavoro.

Da parte loro, anche se trovassero un’ altra occupazione non possono licenziarsi non avendo un referente al quale rivolgersi e con quale trattare il preavviso.

In questa situazione di stallo la Regione Emilia Romagna ha invitato all’Inps a pagare ai lavoratori il Tfr maturato fino alla cessione alla Shernon Holding ed ha avuto un esito positivo il vertice con le banche, per valutare la possibilità di una sospensione temporanea delle rate dei mutui e dei prestiti concessi ai dipendenti.

Complessa anche la situazione dei clienti.

Molti dovrebbero solo ritirare la merce bloccata nei magazzini. 3,8 milioni è l’ammontare delle caparre versate dai clienti che si sono vaporizzate col fallimento e che sarà quasi impossibile recuperare. Resta aperto il problema di chi per l’acquisto di merce mai ricevuta, era ricorso ad un finanziamento con accredito della cifra totale direttamente a Mercatone Uno e che adesso deve pagare lo stesso le rate.

Infine i fornitori la cui esposizione totale e vario titolo, ammonta a quasi 60 milioni.

Parte delle forniture è bloccata all’interno dei magazzini e ovviamente nulla sarà mai pagato.

Sarebbero disposti a costituirsi in cooperativa e subentrare nella proprietà, ma è un’ipotesi che non convince i sindacati.

In credito anche tutto l’indotto collegato all’attività dei punti vendita.

In questo contesto la possibilità che potrebbe risolvere la situazione – a parte la difficoltà del recupero della credibilità sul mercato – sarebbe quella della riapertura dei punti vendita e la conseguente ripresa dell’attività commerciale.

Difficile però trovare una realtà disposta ad acquisire tutti i punti vendita e sarebbe quindi preferibile trattare le singole realtà, ipotesi che però finirebbe per spaccare il fronte unico dei lavoratori che oggi è il solo punto di forza dei dipendenti.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Alla Campana dei Caduti sabato la giornata internazionale della Pace dell’Onu

Pubblicato

-

È stata celebrata con grande solennità  sabato mattina 21 settembre 2019 sul Colle di Miravalle a Rovereto la Giornata Internazionale della Pace indetta dall’ONU.

Per la Provincia era presente l’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro, Achille Spinelli che si è complimentato con i vertici della Fondazione Campana dei Caduti affermando come Maria Dolens si conferma a livello internazionale quale fulcro delle iniziative legate alla pace e porta in tutto il mondo il nome della città di Rovereto.

“La costruzione della pace – ha commentato Spinelli – è un lavoro quotidiano e anche noi amministratori siamo impegnati ogni giorno nella costruzione di questo percorso, fatto di responsabilità, che non può prescindere dal coinvolgimento dei nostri cittadini.

Pubblicità
Pubblicità

“Con la giornata odierna – sono state le parole del Reggente della Fondazione Campana dei Caduti, Alberto Robol – si ricordano due eventi importanti e fra loro collegati: il 70° compleanno del Consiglio d’ Europa e l’anniversario della giornata della Pace, voluta dall’ONU negli anni 80 del secolo scorso”.

“Il 2019 – ha proseguito il Reggente – è la conclusione di un mandato di reggenza, ma anche l’apertura di una nuova storia della nostra Campana che si pone sempre più come sentinella del bene e voce che parla al mondo intero”.

Dopo il saluto del Reggente della Fondazione Campana dei Caduti, Alberto Robol ha preso la parola Giuseppe Zaffuto, portavoce del Consiglio d’Europa, che ha presentato in modo sintetico origini e funzioni del Coe, organizzazione internazionale con sede a Strasburgo, il cui scopo è promuovere la democrazia, i diritti umani, l’identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali in Europa.

Il Consiglio d’Europa fu fondato il 5 maggio 1949 con il Trattato di Londra e conta oggi 47 stati membri. È estraneo all’Unione europea e non va confuso con organi di quest’ultima, quali il Consiglio dell’Unione europea o il Consiglio europeo.

L’importanza dell’ attività del Consiglio d’Europa è stata ribadita da Marco Mascia, professore associato al Dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali dell’Università di Padova e direttore del Centro per i Diritti Umani della città patavina.

Molto interessanti sono stati gli interventi di due giovani studenti roveretani, Sofia Moschin, rappresentante Youth Delegate Italia presso il Congresso Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa e Leonardo Preschern studente del Liceo Internazionale Arcivescovile di Rovereto, testimoni della centralità del processo europeo per il mantenimento della pace e del benessere tra le nazioni.

Gli interventi si sono conclusi con quello di Marco Marsilli, già ambasciatore italiano presso il Consiglio d’Europa, il quale si è soffermato sulla sua esperienza durante la sua permanenza a Strasburgo.

La mattinata si è terminata con l’alzabandiera accompagnato dall’esecuzione dell’Inno Europeo a cura del Minicoro di Rovereto e con il suono di Maria Dolens.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Polonia: opportunità per le imprese della meccatronica e dello smart building

Pubblicato

-

Con un tasso di crescita del 5,1% registrato nel 2018, la posizione strategica in Europa e i suoi 38 milioni di abitanti, la Polonia rappresenta oggi una delle economie più attrattive d’Europa.

L’alta percentuale di consumatori giovani e sempre più istruiti stimola l’export con tante nuove opportunità anche per le imprese trentine. Se ne parlerà mercoledì 25 settembre a Trentino Sviluppo (Via Fortunato Zeni, 8 Rovereto), a partire dalle ore 10.30, in un momento di inquadramento Paese promosso in collaborazione con Italdesk Central Europe. Particolare attenzione sarà dedicata agli ambiti della meccanica/meccatronica e dello smart building.

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione sul sito trentinosviluppo.it.

Pubblicità
Pubblicità

La giornata di approfondimento si inserisce in una serie di iniziative espressione di una crescente attenzione trentina verso questo mercato, tra cui la visita di una delegazione di operatori economici e rappresentanti istituzionali della città di Radom, nota per la lavorazione del metallo, e l’incontro con imprese dei parchi tecnologici polacchi.

Quello della Polonia è un mercato di grande interesse, verso il quale le esportazioni italiane nel 2018 si sono avvicinate ai 13 milioni e mezzo di euro, con un incremento del 5,9% rispetto all’anno precedente. Le opportunità non mancano, vista la crescente innovazione tecnologica delle imprese di questo Paese, in cerca di fornitori qualificati, e la presenza di consumatori sempre più attenti alla qualità dei prodotti per cui si distingue il Trentino.

Per approfondire la conoscenza di questo mercato ed entrare in contatto con possibili aziende partner, Trentino Sviluppo promuove una presentazione Paese il prossimo mercoledì, 25 settembre, al Polo Tecnologico di Rovereto. L’incontro, rivolto alle imprese con particolare attenzione agli ambiti della meccatronica e dello smart building, è promosso in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento e Italdesk Central Europe.

L’iniziativa permetterà di approfondire la conoscenza delle opportunità di business che la Polonia offre e permetterà e di entrare in contatto con un gruppo di imprese dei parchi tecnologici delle regioni sud occidentali del Paese, interessate a tessere nuove relazioni e trovare partner commerciali qualificati. Le imprese sono insediate, nello specifico, nell’Invest Park-WSSE e sono alla ricerca di fornitori di vario genere, dalle macchine utensili alla subfornitura, e di potenziali partner commerciali.

All’incontro presenzieranno alcuni imprenditori e i rappresentanti del Cluster tecnologico di cui Italdesk Central Europe è partner.

Il programma prevede, alle ore 10, la registrazione dei partecipanti. Seguiranno, alle 10.30, i saluti istituzionali con Raffaele Farella, Dirigente del Servizio Attività Internazionali della Provincia autonoma di Trento, e Renata Diazzi, Direttrice dell’Area Internazionalizzazione di Trentino Sviluppo. Alle 10.45 prenderanno il via gli interventi di Andrea Bandirali, CEO & BM Italdesk Central Europe (“Presentazione del mercato polacco e focus settoriali: meccanica, meccatronica, smart building) e di Beata Rzemyszkiewicz, Agenzia regionale WSSE (Andamento dei consumi e prodotti italiani maggiormente richiesti – Presentazione delle aziende polacche). Alle 13.00 sono previsti il momento delle conclusioni e un networking lunch, seguiti dagli incontri individuali.

La partecipazione è gratuita ma è richiesta l’iscrizione (anche per gli incontri) attraverso il modulo presente sul sito di Trentino Sviluppo.

Quella del 25 settembre è una delle iniziative promosse da Trentino Sviluppo dedicate a questo mercato. Un’altra è stata l’incoming del 10 e 11 settembre scorsi, che ha visto la visita di una delegazione istituzionale ed economica polacca, proveniente da Radom, città a sud di Varsavia. L’iniziativa, svolta in collaborazione con l’Institute of Sustainable Technologies – ITeE e la Camera di Commercio e Industria di Radom, ha coinvolto Polo Meccatronica, Fondazione Bruno Kessler e e varie aziende trentine. (f.r.)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Esplode una caldaia a Villazzano, nessun ferito

Pubblicato

-

Forte esplosione stamane poco dopo le 11.00 a San Rocco di Villazzano.

Il botto si è sentito a chilometri di distanza mettendo in apprensione i residenti del paese.

Da una prima ricostruzione una caldaia posizionata nel garage di una abitazione è saltata per aria.

Pubblicità
Pubblicità

Allertati sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Trento due un’ambulanze di Trentino emergenza e l’automedica.

A rimanere spaventato è stato un anziano che è stato ricoverato all’ospedale santa Chiara in codice rosso.

Le sue condizioni sono buone anche se è sotto shock.

L’esplosione ha creato lunghe colonne di fumo visibili fino dalla città.

Ai Carabinieri, intervenuti sul posto, toccherà ora il compito di capire il motivo dell’esplosione che poteva causare danni peggiori.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza