Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Passamani e Beretta in confusione. Intanto Tommaso Acler presenta una petizione per annullare la delibera 160

Pubblicato

-

Tommaso Acler presenta una petizione per chiedere l’annullamento della deliberazione N°160 del 24 maggio 2019 fatta dal Commissario Straordinario Marino Simoni.

Dopo poche ore dall’apertura della petizione a Levico Terme  sono state raccolte 122 firme.

Ricordiamo che la deliberazione 160 prevede, a fronte della demolizione di alcune strutture alberghiere a Vetriolo, la possibilità di utilizzo delle cubature in un’area prossima al centro di Levico con destinazione commerciale.

Pubblicità
Pubblicità

La coalizione #progettocomune, da mesi in campagna elettorale, si era detta contraria a qualsiasi iniziativa volta alla realizzazione di centri commerciali sul territorio comunale; per questo motivo la decisione di presentare una petizione.

Sull’altra sponda anche il candidato Sindaco Gianni Beretta e l’ex Consigliere Gianpiero Passamani, padrino della lista civica «Levico e frazioni al centro», si oppongono alla deliberazione dichiarando ieri su media locale “..le firme e la petizione non servono a nulla…””…faremo un esposto alla Procura…”.

Pubblicità
Pubblicità

Singolare a nostro avviso che un ex Sindaco ed un candidato Sindaco non sappiano che proprio lo Statuto del Comune di Levico recita al TITOLO V Art. 57 – Istanze, petizioni e proposte;

1. Ogni residente nel Comune può inviare agli organi comunali istanze, petizioni e proposte relative agli oggetti di competenza dell’organo interpellato.

2. L’organo interpellato risponde alle istanze, petizioni e proposte nei modi e tempi stabiliti dal Regolamento.

Ma soprattutto che mettano in dubbio che uno strumento democratico come la «Petizione» e «la raccolta firme» che garantiscono i cittadini, secondo loro «non serva a nulla». 

In questo caso – se le affermazioni di Passamani e Beretta rilasciate ai media fossero vere – sarebbe una grave mancanza di rispetto alla democrazia, alla libertà e alla comunità di Levico Terme.

Un sindaco infatti che non  rispetta questi valori non può dirsi certo adatto alla poltrona del municipio.

Non si comprende nemmeno la motivazione dell’esposto alla Procura visto che la determinazione fatta dal Commissario Simoni non è configurabile come “reato” oltre al fatto che, considerate le lungaggini della Giustizia, il procedimento avviato da Simoni proseguirebbe nel suo iter rendendo ancora più difficile l’eventuale annullamento della determinazione. In casi come questi ci si rivolge al TAR.

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Lutto a Bosentino: si è spento a 47 anni Roberto Bonvecchio

Pubblicato

-

Si è spento ieri Roberto Bonvecchio, quarantasettenne di Bosentino, ad appena dieci giorni dal malore che lo aveva colpito.

Purtroppo i controlli dopo il malore non avevano portato a nulla di buono.

I medici infatti avevano scoperto un brutto tumore già in fase terminale. 

Pubblicità
Pubblicità

Grande commozione per la comunità di Bosentino e per l’intero Altopiano della Vigolana.

Roberto da dieci anni era membro del corpo dei vigili del fuoco volontari ed era anche tra le anime della pro loco. Era un uomo che viveva appieno la propria comunità, mettendosi sempre a disposizione per gli altri.

Pubblicità
Pubblicità

Era sempre pronto a rimboccarsi le maniche: aveva preso parte agli interventi in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 e in Emilia dopo l’emergenza neve del 2012.

Il quarantasettenne che lavorava alla Mav, azienda meccanica di Bosentino, verrà salutato da familiari, amici e parenti domani pomeriggio alle ore 16 nella chiesa parrocchiale di Bosentino, dove questa sera alle 20 verrà recitato il rosario.

Lascia la moglie Roberta, la mamma Rosana e le sorelle Franca e Michela.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Malore mentre guida, 73 enne esce di strada a Levico

Pubblicato

-

Il 73 enne colto da malore mentre guidava ha invaso la corsia opposta finendo fuori strada.

L’autovettura, poco prima delle 13.00, si è cappottata finendo nell’alveo di un torrente, con le ruote all’aria dopo aver percorso contromano un centinaio di metri.

L’incidente è avvenuto lungo la statale 47 della Valsugana all’altezza dell’abitato di Levico terme in prossimità del distributore Agip.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto sono arrivati i soccorsi con un’ambulanza di Trentino Emergenza e i vigili del fuoco di Levico Terme che hanno estratto l’anziano dall’abitacolo.

Il 73 enne è stato ricoverato al santa Chiara di Trento in condizioni gravi.

Pubblicità
Pubblicità

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Il Jeep Camp ha danneggiato prati, pascoli e foreste, Zanotelli: «Per questo i responsabili pagheranno»

Pubblicato

-

Il Jeep Camp ha “sconfinato” non rispettando le autorizzazioni con veicoli che hanno attraversato aree e sentieri vietati, danneggiando prati, foreste e pascoli del Primiero.

Per questo i responsabili della manifestazione dovranno provvedere al ripristino del territorio pagando le sanzioni previste ancora in via di quantificazione.

È quanto emerge dalla risposta scritta di Giulia Zanotelli, titolare dell’assessorato provinciale all’agricoltura e alle foreste, a un’interrogazione presentata dal capogruppo del Movimento 5 stelle Filippo Degasperi e sottoscritta anche dal collega Marini.

Pubblicità
Pubblicità

Degasperi chiedeva un “bilancio ambientale” del Jeep Camp 2019 svoltosi dal 12 al 14 luglio scorso a San Martino di Castrozza.

Bilancio da fare a più di un mese di distanza dall’evento, visto che la Giunta, una settimana dopo la manifestazione, non aveva espresso una “valutazione definitiva sull’opportunità dell’iniziativa”, non avendo una “piena conoscenza dei contenuti”.

Pubblicità
Pubblicità

L’interrogazione, corredata da 7 foto che mostrano i gravi danni arrecati all’ambiente dal Jeep Camp che – come documentato da testimonianze e immagini – ha interessato anche aree di proprietà del Comune di Imer e altre zone dove i mezzi non erano autorizzati a transitare, chiedeva conto alla Giunta delle verifiche effettuate ex post per accertare il rispetto di regole ed impegni.

Tra le domande poste con l’interrogazione, Dagasperi voleva anche sapere se nell’area interessata dal tracciato del Jeep Camp esistano lotti interessati dai lavori per il recupero degli schianti provocati dalla tempesta Vaia (“fatto – commentava il consigliere – che apparirebbe singolare dato che le piante sono ancora tutte a terra). Infine il penatstellato sollecitava l’esecutivo a pronunciarsi ora, sulla base degli elementi acquisiti, in merito all’opportunità dell’iniziativa.

Zanotelli risponde che in seguito all’accertamento di quanto accaduto, per la precisione, in località Monte Vederna nel Comune di Imer, la Stazione forestale di Primiero ha provveduto a quantificare il danno causato al patrimonio silvo–pastorale dal transito dei veicoli.

Danno che, prosegue la nota, riguarda 600 metri quadrati circa di cotico erboso del pascolo, 900 metri quadrati circa di suolo forestale, 26 alberi (radici o chiome).

Quanto ai risarcimenti, prosegue Zanotelli, “ferme restando le sanzioni conseguenti, la quantificazione economica del danno ai fini del ripristino dipenderà anche dalle sistemazioni che saranno eventualmente fatte nei trenta giorni successivi all’evento da parte del soggetto responsabile della manifestazione, che comunque ha depositato una cauzione di 5.000 euro”.

Per la Provincia insomma, riconosce l’assessora, vi è stata effettivamente una violazione delle norme, in particolare di quanto era stato autorizzato l’8 luglio scorso, qualche giorno prima dell’evento, con una determinazione del dirigente del servizio polizia amministrativa. “Infatti – prosegue – i mezzi (le Jeep) circolavano in aree non autorizzate dal provvedimento e per questo è al vaglio la possibilità di contestazione della violazione anche di altre norme, quale la legge provinciale 11 del 2007, sulle foreste e la protezione della natura”.

Zanotelli conferma pure che la violazione ha coinvolto particelle di proprietà del Comune di Imer. Ciò in quanto “il nulla osta al transito rilasciato dal Comune di Imer con nota 3 luglio 2019, era riferito – per la località Monte Vederna – solamente alla viabilità forestale e non alle aree pascolive e boscate contermini”.

L’assessora precisa che in merito alle interferenze tra la manifestazione e le attività conseguenti alla tempesta Vaia, “nell’area del Monte Vederna non erano in esecuzione attività di taglio ed esbosco di lotti per il recupero degli schianti”.

Di fatto “però – conclude – una parte dei percorsi effettuati in difetto di autorizzazione ha interessato piste di esbosco già esistenti”.

Da ultimo, Zanotelli non si pronuncia sull’accaduto, rinviando alle “competenze collegiali della Giunta” la valutazione di opportunità richiesta dall’interrogazione.

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza