Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Mori: tariffe altissime, ambulanti sul piede di guerra

Pubblicato

-

Mugugni, malumori e forse anche qualcosa di più, da parte degli ambulanti del mercato di Mori. 

Nel mirino finisce l’amministrazione comunale di Mori per gli aumenti stratosferici del canone per l’occupazione degli spazi e aree pubbliche (COSAP).

Il consiglio comunale di Mori nel gennaio 2017 approva il nuovo regolamento di applicazione del canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (Cosap), non ritenendo più adeguato il regolamento per l’applicazione della Tosap (tassa di occupazione) entrato in vigore nel 1994.

Pubblicità
Pubblicità

Fino a 4 anni fa gli ambulanti pagavano il plateatico comprensivo della tassa dei rifiuti attraverso una convenzione che prevedeva il pagamento in 2 rate. (a marzo ed Agosto)

3 anni fa ICA, dopo la delibera del nuovo regolamento improvvisamente aumenta, senza nessun avvertimento, la tariffa annuale del 75% con pagamento in una sola soluzione.

Ma, cosa strana, la tipologia di pagamento non è uguale per tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Infatti agli ambulanti che lavorano fuori dai giorni di mercato è data la possibilità di continuare a pagare in due rate.

Perché questa diversità di trattamento si chiedono tutti gli ambulanti? Esistono quindi gli ambulanti si serie A e quelli di serie B?

Le cose precipitano quanto il comune decide di dare in gestione gli spazi a GestEL terminando la collaborazione con ICA.

La GestEl invia subito una raccomandata a tutti quegli ambulanti che non avevano versato la quota annuale (la maggioranza) con richiesta di interessi a dir poco da usura.

Chiede infatti per ogni giorno di ritardo l’1% della somma. Totale: un 30% di interessi mensili.

Ma non è finita. Adesso viene la cosa da ridere.

GestEL chiede agli ambulanti anche il costo della raccomandata (5.50 €).

Nel mondo della tecnologia dove per legge (ripetiamo per legge) le aziende e le istituzioni sono obbligate ad inviare le comunicazione via pec ecco che GestEL non solo non usa la pec ma addebita il costo cartaceo della raccomandata ai poveri ambulanti già tartassati con l’aumento del 75% del canone e minacciati di dove pagare sanzioni e interessi proibitivi.

Sia ben chiaro, gli ambulanti vogliono pagare tutto fino all’ultimo euro ma chiedono di essere ascoltati.

«Vogliamo sederci a un tavolo e con dignità affrontare tutti questi temi importanti, ci sentiamo molto amareggiati, in fin dei conti nessuno di noi ha detto che non voleva pagare» – spiegano alcuni ambulanti.

Gli ambulanti il 4 di maggio 2019 mandano una PEC al comune di Mori e alla GestEl chiedendo la dilazione del pagamento in due rate. Il comune non risponde mentre la concessionaria degli spazi risponde «picche» il 29 maggio.

Da tenere in considerazione anche che esiste uno specifico regolamento del mercato che dice che qualora il canone annuale superi i 600 euro è obbligatorio dividere i pagamenti in 2 rate.

Da GestEl però arriva un’altra doccia fredda: questo articolo del regolamento  – fanno sapere – riguarderebbe infatti solo gli ambulanti che lavorano fuori dalla piazza del mercato del giovedì.

Bisogna ricordare che rispetto alle altre piazze del mercato trentino quella di Mori appare forse la più costosa in assoluto. «E questo è una contraddizione – spiega un ambulante – in un paese dove i negozi chiudono e dove il mercato del giovedì ravviva la comunità»

Ma purtroppo dal mondo ambulante emergono anche dei malumori che riguardano la gestione delle piazze dove ormai non esistono più controlli di nessun tipo e dove la concorrenza diventa spietata a danno di chi paga le tasse, regola le assunzioni e detiene un durc (verifica la regolarità contributiva) limpido e trasparente.

La concorrenza di Pakistani e Marocchini è spietata e scorretta. «Vediamo banchetti con 8 persone che lavorano tutte in nero e che vendono tutta la merce a 0,50 centesimi, impossibile sopravvivere, così si uccide il mercato»

Domani partirà una nuova lettera all‘attenzione dell’assessore al commercio del  comune di Mori per chiedere il rimborso delle giornate che gli ambulanti non hanno sfruttato. Mori infatti è l’unico comune che non rimborsa le giornate di assenza dal mercato. Anzi, in caso di assenza affitta gli spazi agli «spuntisti» guadagnando così il doppio.

Nella lettera c’è anche la richiesta di essere tenuti maggiormente in considerazione, sperando che «questa comunicazione non rimanga nella polvere di qualche cassetto. Vogliamo essere rispettati e non usati come limoni da spremere, visto anche che contribuiamo alla vita del paese» – si legge ancora

Ci sono anche due segnalazione: la prima riguarda una voragine che si è aperta nella pavimentazione di cubetti di porfido al parcheggio 39 già segnalata precedentemente ai vigili del comune. In quel caso qualcuno può farsi del male.

La seconda denuncia la presenza insistente di due «accattoni» che disturbano lavoratori e clienti in modo assillante tutti i giovedì.

«Visto quello che paghiamo abbiamo il diritto di essere difesi in tal senso crediamo» 

Un lavoro, quello degli ambulanti, che negli ultimi anni è diventato difficile e con margini risicati. Un lavoro che però le comunità amano e che si dovrebbe maggiormente valorizzare con idee innovative, regolamenti trasparenti e confronti serrati e costruttivi con le istituzioni. 

Cosa che fino ad ora a Mori non è successa. Attendiamo quindi con curiosità l’esito di questa nuova lettera inviata al comune. Questa volta risponderà? E come?

A posteri l’ardua sentenza oppure in questo caso, risposta.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza