Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Mori: tariffe altissime, ambulanti sul piede di guerra

Pubblicato

-

Mugugni, malumori e forse anche qualcosa di più, da parte degli ambulanti del mercato di Mori. 

Nel mirino finisce l’amministrazione comunale di Mori per gli aumenti stratosferici del canone per l’occupazione degli spazi e aree pubbliche (COSAP).

Il consiglio comunale di Mori nel gennaio 2017 approva il nuovo regolamento di applicazione del canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (Cosap), non ritenendo più adeguato il regolamento per l’applicazione della Tosap (tassa di occupazione) entrato in vigore nel 1994.

Pubblicità
Pubblicità

Fino a 4 anni fa gli ambulanti pagavano il plateatico comprensivo della tassa dei rifiuti attraverso una convenzione che prevedeva il pagamento in 2 rate. (a marzo ed Agosto)

3 anni fa ICA, dopo la delibera del nuovo regolamento improvvisamente aumenta, senza nessun avvertimento, la tariffa annuale del 75% con pagamento in una sola soluzione.

Ma, cosa strana, la tipologia di pagamento non è uguale per tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Infatti agli ambulanti che lavorano fuori dai giorni di mercato è data la possibilità di continuare a pagare in due rate.

Pubblicità
Pubblicità

Perché questa diversità di trattamento si chiedono tutti gli ambulanti? Esistono quindi gli ambulanti si serie A e quelli di serie B?

Le cose precipitano quanto il comune decide di dare in gestione gli spazi a GestEL terminando la collaborazione con ICA.

La GestEl invia subito una raccomandata a tutti quegli ambulanti che non avevano versato la quota annuale (la maggioranza) con richiesta di interessi a dir poco da usura.

Chiede infatti per ogni giorno di ritardo l’1% della somma. Totale: un 30% di interessi mensili.

Ma non è finita. Adesso viene la cosa da ridere.

GestEL chiede agli ambulanti anche il costo della raccomandata (5.50 €).

Nel mondo della tecnologia dove per legge (ripetiamo per legge) le aziende e le istituzioni sono obbligate ad inviare le comunicazione via pec ecco che GestEL non solo non usa la pec ma addebita il costo cartaceo della raccomandata ai poveri ambulanti già tartassati con l’aumento del 75% del canone e minacciati di dove pagare sanzioni e interessi proibitivi.

Sia ben chiaro, gli ambulanti vogliono pagare tutto fino all’ultimo euro ma chiedono di essere ascoltati.

«Vogliamo sederci a un tavolo e con dignità affrontare tutti questi temi importanti, ci sentiamo molto amareggiati, in fin dei conti nessuno di noi ha detto che non voleva pagare» – spiegano alcuni ambulanti.

Gli ambulanti il 4 di maggio 2019 mandano una PEC al comune di Mori e alla GestEl chiedendo la dilazione del pagamento in due rate. Il comune non risponde mentre la concessionaria degli spazi risponde «picche» il 29 maggio.

Da tenere in considerazione anche che esiste uno specifico regolamento del mercato che dice che qualora il canone annuale superi i 600 euro è obbligatorio dividere i pagamenti in 2 rate.

Da GestEl però arriva un’altra doccia fredda: questo articolo del regolamento  – fanno sapere – riguarderebbe infatti solo gli ambulanti che lavorano fuori dalla piazza del mercato del giovedì.

Bisogna ricordare che rispetto alle altre piazze del mercato trentino quella di Mori appare forse la più costosa in assoluto. «E questo è una contraddizione – spiega un ambulante – in un paese dove i negozi chiudono e dove il mercato del giovedì ravviva la comunità»

Ma purtroppo dal mondo ambulante emergono anche dei malumori che riguardano la gestione delle piazze dove ormai non esistono più controlli di nessun tipo e dove la concorrenza diventa spietata a danno di chi paga le tasse, regola le assunzioni e detiene un durc (verifica la regolarità contributiva) limpido e trasparente.

La concorrenza di Pakistani e Marocchini è spietata e scorretta. «Vediamo banchetti con 8 persone che lavorano tutte in nero e che vendono tutta la merce a 0,50 centesimi, impossibile sopravvivere, così si uccide il mercato»

Domani partirà una nuova lettera all‘attenzione dell’assessore al commercio del  comune di Mori per chiedere il rimborso delle giornate che gli ambulanti non hanno sfruttato. Mori infatti è l’unico comune che non rimborsa le giornate di assenza dal mercato. Anzi, in caso di assenza affitta gli spazi agli «spuntisti» guadagnando così il doppio.

Nella lettera c’è anche la richiesta di essere tenuti maggiormente in considerazione, sperando che «questa comunicazione non rimanga nella polvere di qualche cassetto. Vogliamo essere rispettati e non usati come limoni da spremere, visto anche che contribuiamo alla vita del paese» – si legge ancora

Ci sono anche due segnalazione: la prima riguarda una voragine che si è aperta nella pavimentazione di cubetti di porfido al parcheggio 39 già segnalata precedentemente ai vigili del comune. In quel caso qualcuno può farsi del male.

La seconda denuncia la presenza insistente di due «accattoni» che disturbano lavoratori e clienti in modo assillante tutti i giovedì.

«Visto quello che paghiamo abbiamo il diritto di essere difesi in tal senso crediamo» 

Un lavoro, quello degli ambulanti, che negli ultimi anni è diventato difficile e con margini risicati. Un lavoro che però le comunità amano e che si dovrebbe maggiormente valorizzare con idee innovative, regolamenti trasparenti e confronti serrati e costruttivi con le istituzioni. 

Cosa che fino ad ora a Mori non è successa. Attendiamo quindi con curiosità l’esito di questa nuova lettera inviata al comune. Questa volta risponderà? E come?

A posteri l’ardua sentenza oppure in questo caso, risposta.

 

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza