Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Mori: tariffe altissime, ambulanti sul piede di guerra

Pubblicato

-

Mugugni, malumori e forse anche qualcosa di più, da parte degli ambulanti del mercato di Mori. 

Nel mirino finisce l’amministrazione comunale di Mori per gli aumenti stratosferici del canone per l’occupazione degli spazi e aree pubbliche (COSAP).

Il consiglio comunale di Mori nel gennaio 2017 approva il nuovo regolamento di applicazione del canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (Cosap), non ritenendo più adeguato il regolamento per l’applicazione della Tosap (tassa di occupazione) entrato in vigore nel 1994.

Pubblicità
Pubblicità

Fino a 4 anni fa gli ambulanti pagavano il plateatico comprensivo della tassa dei rifiuti attraverso una convenzione che prevedeva il pagamento in 2 rate. (a marzo ed Agosto)

3 anni fa ICA, dopo la delibera del nuovo regolamento improvvisamente aumenta, senza nessun avvertimento, la tariffa annuale del 75% con pagamento in una sola soluzione.

Pubblicità
Pubblicità

Ma, cosa strana, la tipologia di pagamento non è uguale per tutti.

Infatti agli ambulanti che lavorano fuori dai giorni di mercato è data la possibilità di continuare a pagare in due rate.

Perché questa diversità di trattamento si chiedono tutti gli ambulanti? Esistono quindi gli ambulanti si serie A e quelli di serie B?

Le cose precipitano quanto il comune decide di dare in gestione gli spazi a GestEL terminando la collaborazione con ICA.

La GestEl invia subito una raccomandata a tutti quegli ambulanti che non avevano versato la quota annuale (la maggioranza) con richiesta di interessi a dir poco da usura.

Chiede infatti per ogni giorno di ritardo l’1% della somma. Totale: un 30% di interessi mensili.

Ma non è finita. Adesso viene la cosa da ridere.

GestEL chiede agli ambulanti anche il costo della raccomandata (5.50 €).

Nel mondo della tecnologia dove per legge (ripetiamo per legge) le aziende e le istituzioni sono obbligate ad inviare le comunicazione via pec ecco che GestEL non solo non usa la pec ma addebita il costo cartaceo della raccomandata ai poveri ambulanti già tartassati con l’aumento del 75% del canone e minacciati di dove pagare sanzioni e interessi proibitivi.

Sia ben chiaro, gli ambulanti vogliono pagare tutto fino all’ultimo euro ma chiedono di essere ascoltati.

«Vogliamo sederci a un tavolo e con dignità affrontare tutti questi temi importanti, ci sentiamo molto amareggiati, in fin dei conti nessuno di noi ha detto che non voleva pagare» – spiegano alcuni ambulanti.

Gli ambulanti il 4 di maggio 2019 mandano una PEC al comune di Mori e alla GestEl chiedendo la dilazione del pagamento in due rate. Il comune non risponde mentre la concessionaria degli spazi risponde «picche» il 29 maggio.

Da tenere in considerazione anche che esiste uno specifico regolamento del mercato che dice che qualora il canone annuale superi i 600 euro è obbligatorio dividere i pagamenti in 2 rate.

Da GestEl però arriva un’altra doccia fredda: questo articolo del regolamento  – fanno sapere – riguarderebbe infatti solo gli ambulanti che lavorano fuori dalla piazza del mercato del giovedì.

Bisogna ricordare che rispetto alle altre piazze del mercato trentino quella di Mori appare forse la più costosa in assoluto. «E questo è una contraddizione – spiega un ambulante – in un paese dove i negozi chiudono e dove il mercato del giovedì ravviva la comunità»

Ma purtroppo dal mondo ambulante emergono anche dei malumori che riguardano la gestione delle piazze dove ormai non esistono più controlli di nessun tipo e dove la concorrenza diventa spietata a danno di chi paga le tasse, regola le assunzioni e detiene un durc (verifica la regolarità contributiva) limpido e trasparente.

La concorrenza di Pakistani e Marocchini è spietata e scorretta. «Vediamo banchetti con 8 persone che lavorano tutte in nero e che vendono tutta la merce a 0,50 centesimi, impossibile sopravvivere, così si uccide il mercato»

Domani partirà una nuova lettera all‘attenzione dell’assessore al commercio del  comune di Mori per chiedere il rimborso delle giornate che gli ambulanti non hanno sfruttato. Mori infatti è l’unico comune che non rimborsa le giornate di assenza dal mercato. Anzi, in caso di assenza affitta gli spazi agli «spuntisti» guadagnando così il doppio.

Nella lettera c’è anche la richiesta di essere tenuti maggiormente in considerazione, sperando che «questa comunicazione non rimanga nella polvere di qualche cassetto. Vogliamo essere rispettati e non usati come limoni da spremere, visto anche che contribuiamo alla vita del paese» – si legge ancora

Ci sono anche due segnalazione: la prima riguarda una voragine che si è aperta nella pavimentazione di cubetti di porfido al parcheggio 39 già segnalata precedentemente ai vigili del comune. In quel caso qualcuno può farsi del male.

La seconda denuncia la presenza insistente di due «accattoni» che disturbano lavoratori e clienti in modo assillante tutti i giovedì.

«Visto quello che paghiamo abbiamo il diritto di essere difesi in tal senso crediamo» 

Un lavoro, quello degli ambulanti, che negli ultimi anni è diventato difficile e con margini risicati. Un lavoro che però le comunità amano e che si dovrebbe maggiormente valorizzare con idee innovative, regolamenti trasparenti e confronti serrati e costruttivi con le istituzioni. 

Cosa che fino ad ora a Mori non è successa. Attendiamo quindi con curiosità l’esito di questa nuova lettera inviata al comune. Questa volta risponderà? E come?

A posteri l’ardua sentenza oppure in questo caso, risposta.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza