Connect with us
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Dal Cern alla biodiversità, le scoperte dell’Istituto “Guetti” di Tione

Pubblicato

-

E’ un festival del tutto particolare quello che si è inaugurato oggi a Tione presso l’Istituto d’Istruzione Lorenzo Guetti, un festival dove i protagonisti sono la biodiversità, le scienze e naturalmente la voglia di imparare e scoprire dei giovani.

Il Guetti-Festival delle Scienze e della biodiversità 2019, che ha come tema portante “la scoperta”, si è presentato oggi come una vera e propria fiera dei saperi, una cittadella all’aperto in cui meravigliarsi ed imparare cose nuove, osservando magari in presa diretta la natura e la sua biodiversità.

Quella stessa biodiversità che, declinata in un linguaggio semplice e immediatamente comprensibile a tutti, si può vedere e toccare lungo il nuovo sentiero di collegamento, inaugurato oggi e realizzato dal Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale (SOVA) della Provincia autonoma di Trento, a servizio dell’Istituto ma anche di tutta la popolazione di Tione, che facilita l’accesso alla sottostante zona sportiva.

Pubblicità
Pubblicità

La scoperta dunque, intesa come momento dedicato all’esperienza e alla conoscenza di argomenti, nozioni, concetti, luoghi, fenomeni, indagini e metodologie. Mettendo a disposizione le competenze acquisite durante le attività progettuali sviluppatesi nel corso dell’anno scolastico, gli alunni hanno animato numerosi laboratori-officine al fine di trasmettere tutte quelle emozioni che accompagnano appunto “la scoperta”.

Emozioni che, al massimo livello, ha vissuto in particolare uno degli studenti del “Guetti”, Riccardo Scalmazzi (dichiarazione audio in allegato), alunno della classe 5a Scienze Applicate, che ha avuto la straordinaria opportunità di vivere, giorno e notte, per due settimane dentro il Cern di Ginevra, lavorando alla realizzazione di un robot destinato a sostituire l’uomo nelle attività di controllo e monitoraggio dei siti con presenza di radioattività.

Emozionati dal suo racconto, accompagnato nell’aula magna dalle slide e fotografie dello stage, lo erano certamente la dirigente del “Guetti” Viviana Sbardella ed i suoi docenti. “Per me – ha spiegato Riccardo – è stata un’esperienza straordinaria che mi ha aperto le porte del futuro”.

Dalla robotica alla biodiversità in natura, all’Istituto “Guetti” di Tione tutto si lega. “Questa è la scuola che tutto noi vorremmo” ha affermato l’insegnante di Scienze Sabrina Valentini all’inaugurazione del sentiero “BIO-DIV-ERTO”, alla quale sono intervenuti tra gli altri, accanto al sindaco del paese Eugenio Antolini, il dirigente del SOVA Innocenzo Coppola – che ha portato il saluto dell’assessore Achille Spinelli, impossibilitato a partecipare all’evento – i responsabili del cantiere e gli operai che materialmente hanno realizzato l’opera, fatta talmente bene da meritarsi i complimenti di tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Il nuovo sentiero rientra tra le attività finanziate nel “Programma di Gestione 2018” degli interventi provinciali per il Ripristino e la Valorizzazione Ambientale. Lungo qualche decina di metri ma di pregevole esecuzione e fascino, il percorso collega il piazzale dell’Istituto “L. Guetti” con la sottostante via Fabbrica in località Vat, consentendo un collegamento rapido e semplice tra la zona scolastica e l’area sportiva di Sesena, utilizzata dagli studenti durante le ore di educazione fisica, senza dover attraversare l’abitato di Tione.

Prima dell’intervento gli alunni dovevano compiere un lungo tragitto, in parte sviluppato lungo la S.S. 239.

Inoltre nel 2016 l’Istituto “L. Guetti”, che tra l’altro si è visto recentemente confermare l’attribuzione del marchio Qualità Parco per le azioni di sostenibilità intraprese, ha partecipato al bando indetto dal Servizio Sviluppo sostenibile e Aree Protette con il progetto “Sentiero BIO-DIV-ERTO” che prevedeva l’allestimento di pannelli informativi lungo il percorso, allo scopo di valorizzare la biodiversità.

L’allestimento del “Sentiero BIO-DIV-ERTO” è stato curato dagli studenti dell’Istituto Tecnico coordinati dalla docente dello stesso Istituto.

Il nuovo sentiero parte a fianco del C.R.M. e risale il breve e ripido pendio boscato fino a raggiungere il piazzale del parcheggio della scuola.

Il percorso definito in fase di progetto con le osservazioni del geologo si sviluppa per una lunghezza di circa 160 metri ed una larghezza costante di 1,20 ml.

Il percorso presenta sei piccoli tornanti che permettono di salire la rampa con una pendenza regolare e contenuta. Il fondo del percorso pedonale è stato realizzato mediante la posa di stabilizzato naturale e lungo i tratti più esposti del percorso è stata posizionata una staccionata in legno di larice della tipologia adottata dal Servizio SOVA.

Per la realizzazione del sentiero è stato necessario eseguire in alcuni tratti delle opere di sostegno, consistenti in alcune “arce” in legno ed una breve scogliera, oltre che una serie di sterri e riporti.

Lungo il percorso sono state posizionate delle bacheche e dei supporti in acciaio per l’applicazione dei pannelli informativi allo scopo di valorizzare la biodiversità.

E’ stato realizzato anche un muretto a secco con le principali rocce trentine, posizionate dal basso verso l’alto secondo la successione geologica temporale in cui si sono costituite, in modo da aiutare a ricostruire la storia geologica del trentino.

Infine sono stati creati dei piccoli rimboschimenti tematici con piante arboree e arbustive.

A completamento dell’intervento è stata fatta una manutenzione di alcune aiuole all’interno dell’Istituto di Istruzione “L. Guetti” con la messa a dimora delle essenze arbustive.

Pubblicità
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Escono di strada a Comano Terme, due feriti

Pubblicato

-

L’allerta è scattata alle 9.30 di questa mattina sulla Statale 237 del Caffaro.

Un’autovettura, probabilmente per il terreno reso viscido dalla pioggia, è uscita di strada rompendo il guard rail e finendo dentro il bosco adiacente alla carreggiata.

L’autovettura è uscita di strada in modo autonomo e l’incidente non ha coinvolto nessun altra vettura.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto è arrivata l’ambulanza della croce Rossa e gli agenti della polizia delle Giudicarie.

Due le persone ricoverate all’ospedale di Tione. Si tratta di una ragazza di 26 anni, e un giovane di 23. 

Entrambi stanno bene nonostante qualche botta e lo spavento.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Ieri grande festa a Fiavè per l’arrivo del nuovo parroco don Gianni Poli

Pubblicato

-

E’ stato accolto ieri con una grande festa che ha riunito a Fiavè tutte le comunità delle Giudicarie Esteriori, il nuovo parroco don Gianni Poli, scelto dall’arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, per guidare una ventina di parrocchie fra Bleggio, Lomaso e Banale.

Fra i presenti vi erano gli amministratori dei Comuni coinvolti e il vicepresidente e assessore provinciale all’urbanistica, ambiente e cooperazione, Mario Tonina.

“L’incarico che don Gianni Poli assume oggi, in questo tempo segnato da insicurezza e trasformazioni è davvero importante e di responsabilità – sono state le parole del vicepresidente Tonina -, ma conosciamo il valore di don Gianni che ha saputo operare da missionario nel difficile contesto dell’Amazzonia e sono sicuro che saprà assistere i fedeli di questa comunità pastorale molto ampia con amore, comprensione, sensibilità e grande attenzione. Siamo nella terra di don Guetti – ha proseguito Tonina, ricordando che a Fiavé don Guetti trascorse gli ultimi anni del suo sacerdozio – che attraverso la cooperazione, di cui è stato il fondatore, ha saputo dare una speranza di riscatto alle genti contadine, affermando i valori cristiani della solidarietà e dell’uguaglianza. Un seme, quello piantato da don Guetti, che ha saputo germogliare ed è ancora vivo in questa comunità. Il compito che l’aspetta è complesso, ma le assicuro, caro don Gianni, che lei non sarà solo. Sono certo che riusciremo a camminare insieme impegnandoci per il bene di tutti“.

Pubblicità
Pubblicità

A fare gli onori di casa è stato il sindaco di Fiavè Angelo Zambotti, che ha parlato anche a nome degli altri amministratori: Fabio Zambotti sindaco di Comano Terme, Davide Orlandi assessore di San Lorenzo Dorsino, Monica Mattevi sindaco di Stenico e l’assessore del Comune di Bleggio Superiore Erica Serafini.

Il sindaco Zambotti ha ripercorso alcuni dei compiti ai quali è stato chiamato don Gianni, nativo di Rovereto, che proprio il prossimo anno celebrerà i suoi 30 anni di sacerdozio. Don Gianni, infatti, ha trascorso oltre dieci anni missionario in Brasile, sul rio delle Amazzoni, e ha fatto esperienza anche nella pastorale carceraria.

Al suo arrivo, scortato dai Vigili del Fuoco, è stato accolto da una folla festante nella piazza di San Zeno, da qui la processione è proseguita verso la chiesa per la messa solenne e l’affidamento delle parrocchie.

Pubblicità
Pubblicità

“Volevo dire con chiarezza che sono contento di essere qui”, ha detto il nuovo parroco commosso rivolgendosi ai tantissimi fedeli che hanno riempito la chiesa di Fiavè.

Don Gianni ha poi voluto ringraziare “la mia famiglia che è qui oggi, la mia comunità di origine e anche i fedeli che provengono dalle comunità di San Marco e della Val Rendena che vedo qui fra noi”, scusandosi anche per “la mia cantilena”, che deriva appunto dagli anni trascorsi in Brasile.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Slackline intralcia l’elisoccorso sul Campanil Basso, denunciati 4 ragazzi. Rischiano fino a 5 anni di prigione

Pubblicato

-

I Carabinieri della Stazione di Madonna di Campiglio, dipendenti dalla Compagnia di Riva del Garda, unitamente al personale del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Bolzano, stanno svolgendo indagini per far luce su un episodio avvenuto nel gruppo del Brenta.

I fatti risalgono al pomeriggio del 15.09.2019 quando, un elicottero di Trentino Emergenza, approssimandosi ad attraversare il gruppo del Brenta, diretto a Trento, giunto in prossimità del Campanil Basso (mt. 2883 slm) e del Campanil Alto (mt. 2937 slm) ha fortunatamente notato che vi era una Slackline tesa tra le due cime, con una persona sospesa nel vuoto, che la stava percorrendo.

Vista la presenza della fune, l’elicottero è stato costretto ad invertire la rotta e trovare un altro passaggio libero, per giungere a destinazione in sicurezza.

Pubblicità
Pubblicità

Quanto accaduto, vista la pericolosità della presenza della SLACKLINE per il traffico aereo, in considerazione sia dell’altezza dell’installazione (circa 300 metri dalla base delle cime) che della scarsa visibilità del cavo, è stato subito comunicato al 3° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Bolzano che, il 16 settembre successivo, ha effettuato una missione di volo, con elicottero AB412, unitamente ai Carabinieri della Squadra di Soccorso Alpino di Madonna di Campiglio, finalizzata a verificare la presenza e la pericolosità del cavo.

Proprio nel mentre i Carabinieri stavano procedendo al sorvolo dell’area, constatavano che alcune persone stavano rimuovendo la SLACKLINE ma, a causa dell’asperità dell’area, che non permetteva l’atterraggio dell’elicottero, non riuscivano ad identificarli.

I Carabinieri hanno già individuato un video, pubblicato su un Social Network, girato dalla sommità del Campanil Basso, che riprende proprio l’elicottero di Trentino Emergenza costretto a invertire la rotta.

Pubblicità
Pubblicità

I responsabili della “bravata”, conclusasi a buon fine, sarebbero quattro giovani, slackliner.

L’esito conclusivo delle indagini sarà trasmesso alla Procura Della Repubblica presso il Tribunale di Trento, poiché una tale azione può configurare il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti, punito con la pena della reclusione da uno a cinque anni.

Il fenomeno della SLACKLINE si sta diffondendo anche sulle montagne trentine e rappresenta un grosso rischio soprattutto per la sicurezza degli elicotteri del soccorso, ma anche per chi fa parapendio e deltaplano. La fettuccia tesa fra due cime risulta quasi invisibile agli occhi dell’equipaggio di un elicottero.

Già nel gennaio 2017 vi era stato un problema analogo nelle Dolomiti Bellunesi, che aveva impensierito non poco gli elicotteristi impegnati nel soccorso in montagna.

L’episodio accaduto nei giorni scorsi, solo grazie alla professionalità ed estrema attenzione degli elicotteristi di Trentino Emergenza e dei Carabinieri, si è concluso senza causare danni. Risulta necessario però sensibilizzare gli appassionati di tale disciplina ad evitare di procedere in futuro con comportamenti simili, adottare ogni possibile misura di prevenzione per evitare incidenti, in considerazione del potenziale pericolo cui possono incorrere gli elicotteri impegnati in attività di soccorso, nonché della possibilità di essere perseguiti penalmente.

Sotto Alexander Schulz uno dei più popolari personaggi che praticano questo sport estremo

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza