Connect with us
Pubblicità

Trento

Mattia Merzi combatte come un guerriero: la grande gara di solidarietà della comunità trentina

Pubblicato

-


Mattia Merzi è un bambino colpito da un malattia rara e respira solo attraverso dei macchinari.

Trascorre mesi in terapia in intensiva girando fra gli ospedali di Padova, Trento e Rovereto.

Ora è ricoverato a Villa Serena dove è accudito giorno e notte da infermiere che hanno preso a cuore la sua situazione.

PubblicitàPubblicità

I genitori Barbara Sartori e Dimitri Merzi e il fratello Alessandro non hanno mai smesso di combattere.

Tutto è partito con la creazione della  pagina Facebook “Un aiuto per Mattia” dove viene raccontata la storia di Mattia.

Sulla pagina l’appello della famiglia che chiede sostegno economico e aiuto, anche con la semplice condivisione del post.

Pubblicità
Pubblicità

E’ stata però la comunità trentina a compiere il gesto più bello e inaspettato: decine e decine di persone hanno voluto essere vicine alla famiglia con un messaggio o un piccolo versamento economico.

Dopo solo pochi giorni infatti è stato pubblicato un breve aggiornamento.

«Carissimi tutti – scrivono i genitori –  in pochissime ore ci è piovuto addosso tutto il vostro sostegno; oltre 400 “mi piace” alla pagina FB, interazioni continue, oltre 53.000 visualizzazioni del post e della foto del sorriso di Mattia. Per i genitori un supporto così forte rappresenta sicuramente un’iniezione di energia in questo momento buio, la sensazione di non sentirsi soli con una tifoseria che li sostiene in questa partita. Speriamo che anche Mattia possa avvertire questa vicinanza di tante persone e che gli serva per affrontare meglio la sua salita. Vi terremo costantemente aggiornati sulle attività e traguardi che la nostra iniziativa saprà raggiungere.  Grazie!💖»

Una rete di solidarietà che ha lasciato stupiti i genitori e ha dato loro ancora più forza per combattere. La madre Barbara, che ha abbandonato il lavoro insieme al marito per accudire il figlio malato, spiega che si sentiva in colpa a chiedere qualcosa agli altri, ma Deborah e Paola (due amiche di famiglia) hanno aperto una pagina Facebook e hanno iniziato una raccolta fondi per aiutare il piccolo Mattia.

In pochi giorni tantissimi hanno condiviso la loro storia e hanno deciso di dare il loro contributo con un sostegno morale ed economico.

Fino al 2014 Mattia è un bambino come tutti gli altri, poi arriva una polmonite e alcune difficoltà respiratorie.

E allora comincia la trafila dei ricoveri nei vari ospedali.

Viene ricoverato prima al Santa Chiara e poi a Padova in terapia intensiva.

Sembrava guarito, ma nel 2015 altri problemi lo hanno costretto un’altra volta alla terapia intensiva. La parte del cervello che regola la denutrizione e la respirazione è andata in tilt.

Con le apposite macchinette il bambino è tornato  a casa e a scuola, terminando le medie.

A dicembre dell’anno scorso ha fatto ulteriori visite da cui sono emersi ulteriori problemi, e a febbraio Mattia è tornato per l’ennesima volta in ospedale. Gli è stata diagnosticata una malattia rara, ma non si sa bene cosa sia e come curarla.

Ad oggi non è più quello di prima: non cammina, non parla e ha bisogno di assistenza 24 ore su 24. I genitori devono essere presenti in tutti gli ospedali dove il piccolo è ricoverato, perché le infermiere di turno sono poche e devono accudire anche gli altri malati.

A causa di ciò la madre è stata costretta a lasciare il lavoro, mentre i titolari del Music Center per cui lavorava il padre, hanno deciso di mandarlo in aspettativa.

Ieri grazie all’aiuto dell’Azienda Sanitaria hanno trascorso un’intera giornata a Casa Serena (centro residenziale di ANFFAS Trentino Onlus che si occupa di persone con grave disabilità psico-fisica 24 ore al giorno).

Il primo obiettivo sarà quello di farlo tornare a camminare e poi, piano piano, staccare il ventilatore al quale è attaccato.

Qui la storia pubblicata sulla pagina facebook:

Ciao a tutti, mi chiamo Paola e sono di Trento ed il bimbo nella foto è “l’ eroe” Mattia, eroe perché Mattia combatte quotidianamente da quasi cinque anni con una grave malattia di quelle che vengono definite rare e per le quali non esiste cura, almeno per il momento attuale.

Mattia è passato da una vita normale e spensierata al letto di un ospedale costantemente legato alle macchine che gli permettono di alimentarsi e respirare e sempre minacciato da crisi epilettiche che determinano un monitoraggio “a vista” continuo affinché queste non possano risultare pericolose se non addirittura letali in caso di intervento non immediato.

Tale necessità di assistenza h 24 ha evidentemente comportato la presenza continua dei genitori che sono stati costretti a licenziarsi, la mamma, e a richiedere aspettativa non retribuita il padre, con tutte le conseguenze logistico economiche devastanti per il nucleo familiare, vista anche la presenza di un altro figlio.

A breve Mattia sarà trasferito presso una struttura più adeguata a gestire la sua malattia, “Casa Serena” di Trento ed i genitori continueranno ad assisterlo con tutto l’amore e la forza che sapranno avere.

Non sono una persona particolarmente attiva sui social, ma so che oggi sono un rapido strumento di divulgazione.

Chiedo quindi a tutto coloro che lo vorranno di sostenere Mattia e la sua famiglia condividendo il post e, per chi lo vorrà e potrà farlo, di dare anche un sostegno economico quanto mai necessario per la situazione sopra descritta.

Il conto corrente è intestato a: “UN AIUTO PER MATTIA”– IBAN : IT68W0830401800000004384222
Grazie a tutti.

Dopo il verbo “amare” il verbo “aiutare” è il più bello del mondo.
(Anonimo)

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]

Categorie

di tendenza