Connect with us
Pubblicità

Trento

«Lagorai d’InCanto 2019» con Cristicchi, Barbarossa e Fortis

Pubblicato

-

Al via la terza edizione del festival “Lagorai d’InCanto”, rassegna musicale in acustico che punta alla valorizzazione e promozione del territorio a ridosso della catena del Lagorai e del Gruppo di Cima D’Asta, nata da uno spunto del Comune di Castel Ivano.

Giunta al terzo anno di attività, la rassegna si avvale della preziosa collaborazione dei comuni di Castel Ivano, Baselga di Pinè, Pergine Valsugana, Pieve Tesino, Predazzo, Roncegno Terme, Telve di Sopra, oltre al sostegno della Provincia autonoma di Trento e alla collaborazione storica con la Fondazione Trentina Alcide Degasperi.

Il programma è stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa da Giacomo Pasquazzo, assessore del Comune di Castel Ivano, Marco Odorizzi, direttore Fondazione Trentina “Alcide Degasperi”, Giada Dalmaso, gruppo giovani “Il Quadrifoglio” e Stefano Ravelli, amministratore delegato APT Valsugana Lagorai.

Pubblicità
Pubblicità

Raccontare l’amore di una vasta comunità per il territorio di cui si sente custode e, allo stesso tempo, insegnarlo ad un gruppo ancora più ampio e variegato di persone.

«Lagorai d’InCanto» nasce tre anni fa con questo obiettivo chiaro e semplice, ma anche ambizioso, che ha saputo riunire nello stesso solco le energie di vari attori locali, amministrazioni comunali, enti culturali, associazioni e soggetti economici, realizzando un’originale rassegna musicale in acustico, che tra giugno e agosto si muove a cavallo di quella che è forse la più selvaggia delle catene montuose del Trentino.

Per tre mesi la musica di artisti e cantautori di caratura nazionale e internazionale caratterizzerà un calendario di appuntamenti, da domenica 23 giugno a sabato 31 agosto: 7 concerti che racconteranno l’amore della comunità del Lagorai per il proprio territorio.

L’edizione di quest’anno avrà tuttavia un ulteriore e particolare significato, legato al territorio del Lagorai. Nello scorso mese di ottobre il ciclone Vaia si è abbattuto sull’intero arco dolomitico, cambiando forse per sempre la “geografia naturale” di questo territorio e compromettendo irrimediabilmente gran parte dei boschi.

Tutto ciò non ha mutato solamente il territorio, ma ha inevitabilmente scosso anche le persone che lo vivono. «Lagorai d’InCanto» vuole così ricordare questo triste avvenimento, facendosi portatore di un messaggio di speranza e di rinascita, che passa attraverso la vitalità della musica.

«Il Lagorai è un insieme di montagne e vallate, di storia e di roccia, di sport e di attività all’aperto. È territorio e persone. È legame fra confini, antiche tradizioni e nuove opportunità. È la nostra finestra aperta su ciò che ci circonda. – spiegano gli organizzatori – È un racconto di emozioni e sensazioni, che vengono amplificate e valorizzate dalla musica. Ma Lagorai d’InCanto non si ferma soltanto alla musica e chiede qualche cosa di più: vuole che lo spettatore stenda lo sguardo oltre il palco, fino alle cime più alte come la Cima d’Asta; chiede che il pubblico tenda l’orecchio anche ai suoni del Lagorai e ne osservi le sue preziose meraviglie».

Il festival prenderà il via domenica 23 giugno con l’esibizione a Malga Cambroncoi, fra l’Altopiano di Pinè e la Valle dei Mocheni, del celebre cantautore romano LUCA BARBAROSSA (in caso di mal tempo il concerto è rinviato alle 17 presso il centro congressi di Pinè).

Il 21 luglio, ore 15, sarà il turno di ENRICO NIGIOTTI che si esibirà sul Monte Lefre, nel Comune di Castel Ivano (in caso di pioggia il concerto si terrà alla Palestra Scuole Medie di Strigno nel Comune di Castel Ivano alle ore 17).

Domenica 28 luglio spazio ad ALBERTO FORTIS, alle ore 11 presso Malga Casabolenga a Telve di Sopra (in caso di pioggia, Palestra di Telve di Sopra alle ore 17).

Sabato 3 agosto, invece, a Cinque Valli di Sopra – nel Comune di Roncegno Terme – si esibiranno MARINA REI e PAOLO BENVEGNÙ (in caso di pioggia Casa Raphael a Roncegno Terme alle ore 17).

Proseguendo con il programma, il 17 agosto, alle ore 11, il duo N.A.N.O. E ALBERTO BIANCO avrà modo di cimentarsi in un concerto acustico nella splendida cornice del Panarotta a Pergine Valsugana (in caso di pioggia Teatro di Pergine alle ore 17).

Penultimo appuntamento con RICCARDO SINIGALLIA, che domenica 25 agosto sarà protagonista al Lago Cece di Predazzo, alle ore 15 (in caso di pioggia Auditorium Casa della Gioventù di Predazzo alle ore 17).

Infine, toccherà a SIMONE CRISTICCHI chiudere questa terza edizione del festival. Il quarantaduenne cantautore romano si esibirà il 31 agosto, alle ore 15, presso il Giardino d’Europa a Pieve Tesino, in un evento organizzato in collaborazione con l’Agosto degasperiano (in caso di pioggia, Centro polifunzionale di Pieve Tesino alle ore 17).

Tutti gli eventi saranno aperti liberamente al pubblico. Per chi volesse partecipare, è consigliato presentarsi sul luogo del concerto un’ora prima dell’orario di inizio dello stesso.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

64 enne trentino investe e uccide due ragazzi lungo la superstrada 450

Pubblicato

-

Credits © Tgr Veneto

Due persone sono morte e una terza è ricoverata all’ospedale di Verona a seguito di un incidente stradale avvenuto lungo la superstrada 450, tra Lazise e Calmasino, nel veronese.

Tre ragazzi della provincia di Torino si sono fermati sulla corsia di emergenza per cambiare un pneumatico forato.

Il gruppo di amici si era fermato in corsia di soccorso quando si era accorto di avere un problema ad una gomma.

Pubblicità
Pubblicità

L’auto che li ha travolti era una Volvo Xc70 con un rimorchio, guidata da un uomo di 64 anni, residente in provincia di Trento in viaggio insieme alla compagna.

Le due vittime arrivavano da None e Nichelino e avevano 20 e 21 anni.

Il primo dei ragazzi è morto sull’asfalto mentre i sanitari del 118 cercavano di rianimarlo, un secondo è stato trasportato in ospedale con l’elisoccorso ma è deceduto poco dopo, mentre il terzo che risiede ad Airasca, è ferito ma non in pericolo di vita.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Meteo, caldo nuovamente in arrivo sul Trentino

Pubblicato

-

Il meteo estivo è arrivato ad una svolta, dopo alcuni giorni in cui le calde temperature e le giornate assolate hanno lasciato spazio a temporali, forti venti e un considerevole calo termico.

Ma nei prossimi giorni tutto dovrebbe cambiare dal punto di vista meteorologico, con questa ‘pausa‘ dalla stagione estiva che verrà ricordata come una breve tregua.

Entro pochi giorni infatti, ecco che potrà cambiare tutto con il ritorno di temperature decisamente più elevate fino a 10°C in più rispetto a questi giorni.

Pubblicità
Pubblicità

Spazio dunque ad un ritorno del clima puramente estivo su molte regioni del nostro Paese.

In Trentino già partire da domani le temperature risaliranno anche di 4/5 gradi.

Dopo una domenica all’insegna delle piogge i primi giorni della prossima settimana registreranno temperature anche fino a 37° in città 

Questo perché l’alta pressione sub tropicale si risveglierà da questo temporaneo letargo.

Il suo alito caldo comincerà ad accarezzare il nostro Paese e già da domenica sera le temperature torneranno di stampo tipicamente estivo.

La seconda parte della prossima settimana dopo i picchi di caldo sarà costellata dal brutto tempo e dalle piogge.

Le temperature si manterranno comunque intorno ai 33°

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Orso M49: gli aggiornamenti e il video del rilascio al “Casteller”

Pubblicato

-

Prosegue l’attività delle squadre del Corpo forestale provinciale che sta monitorando l’area in cui è stata documentata la presenza dell’orso dopo la sua fuga dal recinto speciale del Casteller.

L’ultimo avvistamento è stato fatto ieri sulla Marzola. 

Fino a questo momento non sono intervenuti elementi di novità.

Pubblicità
Pubblicità

Nel frattempo il Servizio foreste e fauna della Provincia rende disponibile un nuovo video che testimonia il momento del rilascio di M49 nel recinto del Casteller.

Questo per mettere fine ai teoremi complottisti inventati dal mondo animalista e per dimostrare che l’orso era arrivato al Casteller vivo e vegeto.

Anzi, talmente vivo e in perfetta forma da essere in grado di abbattere una rete metallica con 7.000 volt di portata e fuggire a gambe levate sulla Marzola.

La provincia di Trento dopo la cattura pensa di portare l’Orso M49 in Germania, in una struttura apposita e sicura. 

Fra vignette, lazzi, frizzi e battute ironiche c’è anche chi per l’occasione ha dedicato una poesia all’Orso M49 e perfettamente in rima.

Eccola, firmata da G.D.: 

Terzo dì de latitanza,
la ricerca la va a oltranza.
L’orso Rambo superstar
senza pù radiocolar
par che l’abia sconfinà;
i l’ha vist sora Susà.

No, contrordine! L’è altrove!
porca vacca se ‘l se move!
quatto quatto, pian pianin,
l’è passà da Bosentin.

“No , no gh’è d’aver paura,
è circondato!”, i rassicura,
ma me sa che el circondà
o l’è n’altro o l’è scampà.

Forsi en zerca de ristoro
l’è diretto a Gocciadoro
a far visita ala tana
de parenti ala lontana,

o forsi ‘l sta tornando endrè
però ‘l colmo el sarìa che
‘ntant che i zerca da tre dì
no ‘l se sia movest da lì
sot le vigne al Casteler
che ‘l se beve en bon bicer!

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza