Connect with us
Pubblicità

Trento

Buche a Trento: tutte le bugie di Italo Gilmozzi

Pubblicato

-

«Tutto l’ordinamento giuridico del nostro stato, a partire della Costituzione, riconosce e garantisce la proprietà privata, come un diritto inviolabile.

Questo diritto può essere “oltraggiato” solo e soltanto per un interesse generale, cioè per soddisfare il benessere di molteplici persone.

Un esempio di questo applicazione sono gli espropri, cioè togliere al privato la sua proprietà o parte di essa, ad esempio un terreno, per realizzare una strada.

Pubblicità
Pubblicità

Gli espropri però hanno un costo ingente per la pubblica amministrazione, e per ovviare a questo esborso economico, l’ente pubblico adottata una strategia più economica, cioè far sì che un bene, di proprietà privata, sia liberamente utilizzato da tutta la comunità».

A dirlo è la Geometra Cristina Chemelli che incaricata dal nostro giornale ha indagato sul caso «buche a Trento» effettuando i riscontri al libro fondiario e al catasto urbano di Trento, smentendo ancora una volta quanto detto dall’assessore Italo Gilmozzi.

Questo è uno dei tanti esempi di questa “sorniona” strategia adottata dal comune di Trento per le strade denominate “via Pancheri” e “via Garbari” ubicate a Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Ci troviamo nel rione di Cristo Re, un quartiere sorto negli anni 30, ad alta concentrazione abitativa attuata mediante la realizzazione di edifici sviluppati in altezza (condomini) anche di 18 metri.

Le vie, ad andamento nord-sud, collegano via Antonio Abbondi con via Umberto Moggioli, è a doppio senso di marcia con segnaletica stradale e illuminazione pubblica.

Malgrado la proprietà al libro fondiario risulti privata, il comune nel corso degli anni, oltre ad averla inserita nell’elenco delle vie comunali (stradario comune di Trento), ha creato la condizione affinché da strada privata diventasse una strada pubblica evitando di dare ai legittimi proprietari il giusto ristoro economico visto l’utilizzo.

Infatti sovrapponendo il tracciato della strada alla mappa catastale si evince che ad ogni particella edificiale, frontista alla via, sono stati tolti dai 2 ai 3 metri per una lunghezza che va dai 20 ai 30 metri, per realizzare un tratto stradale che non è solo al servizio dei frontisti, o di altri la cui servitù risulta iscritta al tavolare, ma a chiunque voglia passare.

La condizione di per se’ non crediamo possa costituire un problema per i legittimi proprietari tavolari, l’assurdità sta nel fatto che il comune, malgrado l’utilizzo che sta facendo della strada, cioè è usata per fini pubblici, non intervenga per sistemare le enormi e pericolose buche che con le pioggie si trasformano in vere e proprie piscine e trappole per anziani e mezzi in transito.

Buche che con il passare degli anni sono diventate voragini di 20 cm. dove passeggiare diventa pericolosissimo e usale con autovetture, biciclette e motorini diventa un autentico suicidio.

Delle strade talmente malconce da renderle intransitabili anche dalle mamme con le carrozzine con dentro i figli piccoli.  Uno scenario da Stato del quinto mondo.

Una situazione da quinto mondo che i cittadini riportano da 5 anni all’assessore Italo Gilmozzi che nonostante i sopralluoghi ha fatto solo promesse mai mantenute.

Non solo.

L’assessore Gilmozzi continua ad avere la sicurezza che non sia dovere del comune di Trento la manutenzione delle strade sopracitate.

Ma mente clamorosamente e racconta frottole e bugie. Il comportamento dell’assessore non è che la conferma delle politiche inermi del centro sinistra che in questi anni non ha voluto decidere su nulla. Nemmeno sul rifacimento di 10 buche, lavori che si potrebbero effettuare in una sola giornata.

Gilmozzi sembra completamente fregarsene anche delle numerose sentenze della cassazione che condannano i comuni ad effettuare la manutenzione della strade private se ad uso pubblico.

Un caso di menefreghismo ed incompetenza unico nel suo caso che sbeffeggia i cittadini che pagano regolarmente le tasse e si sentono presi in giro dall’amministrazione.

Una situazione che ormai vede i residenti allo stremo e imbufaliti per un comportamento da parte  dell’amministrazione comunale a dir poco oltraggioso nei confronti dei contribuenti.

E’ chiaro infatti, che una strada sulla quale transitano una moltitudine di autovetture, è soggetta ad un’usura più veloce di una strada dove accedono un numero limitato/contenuto di autovetture e pertanto la manutenzione dell’asfalto se non eseguita determina le voragini ora visibili.

Vista la situazione in cui versa la strada i residenti dei fabbricati frontisti alla via potrebbero posizionare una stanga con comando a distanza in modo da transitare solo loro, interdendo così il traffico a tutti i cittadini presenti sul territorio comunale.

Il comitato di Cristo re ha inoltre confermato che nei prossimi giorni, a fronte delle continue promesse mai mantenute di Italo Gilmozzi,  procederà al deposito di esposto alla procura di Trento.

Una situazione irreale in quella che il centro sinistra osa ancora chiamare «smart city» 

«Una situazione che si protrae ormai da anni e che continua ad aggravarsi, abbiamo avuto anche troppa pazienza – spiega il vice presidente del comitato – l’assessore Gilmozzi aveva fatto un sopralluogo 2 anni fa dicendo che avrebbe risolto la situazione, però per ora nulla, continuano a mandare gli operai con il pentolino pieno di catrame per rattoppare aggravando ancora più la cosa, una situazione al limite del paradossale. Venerdì discuteremo il da farsi, siamo stufi di essere presi in giro anche perchè le vie ora sono davvero pericolose, specie per gli anziani e quindi di questo la procura va messa al corrente. Una situazione indegna per un paese civile. Ora vogliamo andare fino in fondo a questa cosa»

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]

Categorie

di tendenza