Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Bosentino: centauro perde la vita a pochi chilometri da casa

Pubblicato

-


Ieri sera un motociclista di 60 anni, Walter Posch residente a Caldonazzo, ha perso la vita mentre percorreva i tornanti della strada che da Calceranica sale a Bosentino, nella zona del lago di Caldonazzo.

Erano da poco passate le 21 quando un automobilista si è accorto di una moto a lato della strada e di un uomo riverso a terra.

Immediato l’arrivo di due ambulanze e dell’elicottero con a bordo il medico rianimatore.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo era a terra incosciente e purtroppo i tentativi di rianimazione si sono rivelati vani. Il 60 enne infatti era morto sul colpo

Dai primi accertamenti dei carabinieri dell’Altopiano della Vigolana, sembrerebbe che le lesioni riscontrate sul corpo del motociclista riguarderebbero traumi causati da una fuoriuscita autonoma dalla strada e quindi senza il coinvolgimento di altri mezzi.

Pubblicità
Pubblicità

Molto probabile che l’uomo stesse salendo i tornanti verso per l’altopiano della Vigolana per tornare a casa, distante dal luogo dell’incidente solo pochi chilometri.

Purtroppo quello passato per i centauri è stato un week end drammatico, dopo la morte del turista tedesco in val di Cembra si sono verificati in tutta la provincia numerosissimi incidenti che hanno appunto coinvolto le motociclette

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Borgo, area sosta camper: installate le telecamere e l’apertura automatizzata

Pubblicato

-


Enrico Galvan lo aveva promesso nel mese di Febbraio quando ricopriva il ruolo di sindaco reggente, da alcuni giorni la discussa area sosta camper di Via Temanza è stata dotata di un sistema di video sorveglianza e barriere automatizzate per l’entrata e l’uscita

Un intervento atteso da molto tempo da tutta la comunità di Borgo e Olle che in questi anni ha denunciato spesso il degrado totale dell’area di proprietà del Comune di Borgo Valsugana e gestita da Valsugana Sport S.r.l. società pubblico privata di cui direttore è Michele Tessaro

Una gestione definita da molti cittadini “allegra” con il totale disinteresse dell’ente gestore.

PubblicitàPubblicità

L’intervento effettuato in questi giorni ha gravato sulle casse comunali per 35.000,00 Euro, con l’auspicio di limitare gli accessi e l’utilizzo dell’area abusivo da parte di alcuni rom che hanno monopolizzato l’intera area e anche la vicina ciclo pedonale e relativo parco giochi.

Rom, che anche in questi giorni stanno utilizzando il vicino piazzale spargendo rifiuti ovunque, e purtroppo, ci viene segnalato nella totale indifferenza di chi dovrebbe controllare.

Pubblicità
Pubblicità

Alludiamo alla postazione autovelox gestita dal corpo di polizia locale presidiata pressoché quotidianamente.

Riportiamo comunque l’appello del neo sindaco Enrico Galvan che invita la comunità a denunciare alle autorità competenti qualsiasi azione o illecito in modo che possano intervenire celermente.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Dracuslonga: la Remenga domina il Lago di Caldonazzo

Pubblicato

-


Un tripudio di emozioni ha colorato le acque del Lago di Caldonazzo.

L’ultima gara di campionato UISP trentino di Dragonboat ha visto trionfare la squadra organizzatrice dell’evento, La Remenga, con un tempo record di 36.06.4. 

La gara, svoltasi su di un circuito di 8 km, ha raggiunto quest’anno la quinta edizione e ha portato una ventata di novità. Organizzata dall’A.S.D. Dragonboat La Remenga in collaborazione con il Centro Nautico Universitario Augsburgherhof diretto dal CUS Trento, ha visto le nove imbarcazioni iscritte sfidarsi su di un tracciato di 8 km con partenze ogni 2 minuti, la cosiddetta “partenza ad inseguimento”.

Pubblicità
Pubblicità

Una gara di resistenza, di forza ma anche di tanta concentrazione per concludere un tracciato in “solitaria” e a pari condizioni.

Per La Remenga, squadra levicense ma presente da anni sul Lago di Caldonazzo, è stata un’emozione fortissima: non solo per l’ottimo tempo in una gara così impegnativa ma anche per aver vinto la propria gara di casa. Il capitano, Denis Eccher, in un emozionante discorso finale, ha ricordato lo spirito di questo sport: la vittoria non è del singolo ma di tutti coloro che, con i loro sacrifici e impegno, permettono di crescere e raggiungere un’armonia tale da superare qualsiasi ostacolo.

Pubblicità
Pubblicità

I complimenti vanno anche alla squadra dei Pirat che hanno chiuso la loro gara con il tempo di 36.17.0 e al Tchen Tchen di 36.42.6. Infine, è doveroso menzionare i campioni di questa stagione 2019, la squadra del Pinè, che, gara dopo gara, si sono imposti sulle altre imbarcazioni.

 

Pubblicità
Pubblicità

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Caldonazzo, aggredisce una mamma: ragazzo ubriaco denunciato per molestie, violenza privata e lesioni

Pubblicato

-


Alcuni giorni fa sul lago Caldonazzo un ragazzo ubriaco ha molestato una giovane mamma.

L’episodio è avvenuto prima sulla spiaggia e si è poi protratto nel parcheggio.

Mancavano pochi minuti a mezzogiorno e la tranquillità è stata interrotta da un gruppo di giovani visibilmente alterati dall’alcol, che incapaci di guidare un pedalò hanno comunque raggiunto la riva a fatica.

Pubblicità
Pubblicità

All’arrivo sulla spiaggia sono stati fermati da alcuni agenti per un controllo. Dopo aver confermato di aver esagerato con l’alcol, hanno rassicurato le forze dell’ordine che stavano andando via e che da lì a poco un loro conoscente avrebbe riportato loro a casa.

La situazione sembrava ritornata alla normalità, ma poco dopo dalla spiaggia si sono sentite delle urla di donna.

Pubblicità
Pubblicità

Gli agenti sono ancora una volta accorsi  in suo soccorso scoprendo che a molestarla è stato lo stesso ragazzo sul quale avevano effettuato il controllo pochi minuti fa.

Secondo la ricostruzione degli agenti la giovane donna stava spingendo il passeggino verso la sua auto, quando il giovane, appoggiato alla macchina, si è offerto di caricarle  il passeggino.

Pubblicità
Pubblicità

Al suo netto rifiuto ha deciso di entrare nell’abitacolo e di sostenere che il bambino fosse suo. La donna è riuscita ad allontanarlo dal posto di guida, ma lo sconosciuto ha nuovamente aperto la portiera e l’ha afferrata per il braccio sottraendole le chiavi dell’autovettura.

La donna disperata ha provato a difendersi anche a morsi.

Gli agenti hanno fermato il giovane che è stato sanzionato per ubriachezza molesta. La giovane mamma nel frattempo l’ha denunciato per molestie, violenza privata e lesioni.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza