Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Omicidio Pamela, mamma dopo la condanna di Oseghale: «Fuori uno, ora tocca agli altri»

Pubblicato

-

Ha ragione la mamma di Pamela Mastropietro quando commenta la condanna all’ergastolo della belva nigeriana Innocent Oseghale che ha ucciso facendola a pezzi sua figlia: “ Fuori uno, ora tocca agli altri”.

Ha ragione perché non c’è nulla da festeggiare per questa sentenza.

Prima di tutto perché copre le responsabilità e la partecipazione di terzi ad una mattanza che non ha uguali in Italia.

Pubblicità
Pubblicità

Poco si è detto di quello che realmente è successo, ma si sa che parti del corpo sono state cannibalizzate ed il sangue di Pamela, bevuto.

Poi perché nello svolgersi del processo non si è voluto indagare e quindi riconoscere, il coinvolgimento della mafia nigeriana anche se l’assassinio di Pamela richiama rituali mafiosi nigeriani.

Insomma una sentenza che rispecchia un’indagine parziale a tal punto condizionata dal fattore ambientale che il sindaco di Macerata Romano Carancini a gennaio, aveva vietato una manifestazione commemorativa a ricordo di Pamela per non creare tensioni con la numerosa comunità nigeriana presente a Macerata.

D’accordo che dal momento che in Italia la pena di morte non c’è, ad un macellaio come Oseghale è stata data la pena massima.

Pubblicità
Pubblicità

Ma appunto siamo in Italia e quell’ergastolo con isolamento diurno di 18 mesi ed un risarcimento di 300 mila euro che il violentatore che ama fare a pezzi le proprie vittime, mai pagherà: sembra una sentenza dura.

Ma non lo sarà. Arriveranno sconti di pena, magari un affidamento a qualche associazione dedita alla redenzione dei carcerati e comunque in carcere una simile belva, saprà trovare il modo per sopravvivere.

Oseghale andava affidato alla polizia nigeriana perché scontasse la pena nella realtà carceraria dello stato africano, non in uno dei comodi carceri italiani.

Espulso alla pari di quegli spacciatori di morte clandestini che popolano le strade delle città italiane, ma che invece restano in Italia.

Purtroppo non è andata così.

A meno che le indagini non proseguano o Oseghale non giudichi opportuno pentirsi per alleggerire la sua posizione e racconti la verità sulla notte di mattanza e di violenza della quale è rimasta vittima la povera Pamela.

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

L’Italia dice no all’abolizione dell’ora legale. Tutto rimane come prima

Pubblicato

-

Nel nostro Paese resterà in vigore il doppio orario. Infatti l’Italia ha detto no all’abolizione dell’ora legale.

Come richiesto dall’Unione europea, dal 2021 ogni Paese dovrà decidere se adottare per tutto l’anno l’ora legale o quella solare.

Il governo italiano a Giugno ha depositato a Bruxelles una richiesta formale per mantenere la situazione attuale, senza variazioni. Tutto rimane inalterato.

Pubblicità
Pubblicità

Sono  tre i motivi principali che hanno determinato questo scelta come spiega il Corriere della Sera in un articolo a firma di Lorenzo Salvia.

La prima perplessità espressa dal nostro Paese riguarda la “mancanza di una valutazione d’impatto dalla quale si possa evincere, in modo esaustivo, il quadro dei vantaggi e degli svantaggi”.

Non ci sarebbero, dunque, prove scientifiche che i cambiamenti dell’ora possano davvero danneggiare l’equilibrio psico-fisico.

Il secondo dubbio espresso dal governo italiano è quello relativo all’aspetto economico: grazie all’ora legale, che per sei mesi l’anno ci consente di accendere le luci un’ora dopo, si risparmiano soldi.

Pubblicità
Pubblicità

Il terzo e ultimo motivo è legato alla possibilità che le “singole scelte degli Stati membri possano creare un mosaico di fusi orari, con il rischio di non garantire il corretto funzionamento del mercato interno”.

Nel dettaglio comunque i Paesi dell’Europa del Sud (come l’Italia) sono a favore del doppio fuso orario in vigore adesso, perché questo fa guadagnare un’ora di luce nel periodo estivo e ne fa recuperare un’altra nelle mattine invernali.

Al contrario, i Paesi del Nord Europa sono contro l’ora legale perché da loro in estate fa buio più tardi e conseguentemente non hanno bisogno di spostare le lancette in avanti per risparmiare sulle bollette. La discussione su questo tema avverrà nei prossimi mesi nelle sedi del Parlamento e della Commissione europea.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Allarme rosso nella laguna veneta, il Governo stanzia 20 milioni di euro

Pubblicato

-

Non la solita acqua, l’intera laguna veneta è stata in balia dell’acqua per quasi 20 ore, rischiando la rovina di chiese e musei ma portando forti danni a numerose famiglie.

Questo è stato il motivo per cui il Governo ha decretato lo stato di emergenza, non solo per la città di Venezia ma per un tratto di zona molto più ampio intorno al capoluogo veneto.

Verranno stanziati 20 milioni di euro per fronteggiare le prime necessità, in particolare i primissimi aiuti  alla comunità che è stata duramente colpita in queste ore.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, è stata presa la decisione di nominare un commissario alla realizzazione esecutiva del Mose, il sistema paratie di dighe mobile della città.

Il commissario nominato, Elisabetta Spitz avrà il compito di supervisionare i lavori e portare a termine il grande accusato della città.

L’emergenza meteorologia continua e la situazione in laguna resta grave e difficile,  con la popolazione che già propone la prima conta dei danni.

Persiste, l’allerta rossa in tutta la zona colpita. Attesa per oggi alle 11.00 una marea di 145 cm, sopra la soglia di sicurezza gestibile di 130 cm.

Pubblicità
Pubblicità

Nel giro di poche ore tutti gli abitanti e i commercianti torneranno ad essere dominati dall’acqua. Forte la preoccupazione anche per tutto il patrimonio culturale del capoluogo veneto e non solo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Insulti contro Matteo Salvini, Don Giorgio condannato a multa e risarcimento

Pubblicato

-

E’ arrivato poco fa il verdetto del tribunale di Lecco sulla causa tra Don Giorgio De Capitani e l’ex ministro Matteo Salvini: il giudice Nora Lisa Passoni ha condannato il sacerdote al pagamento di una pena pecuniaria di 7.500 euro e al risarcimento di 7 mila euro nei confronti del politico, oltre che al pagamento delle spese processuali.

Ne da notizia il quotidiano «Lecco Notizie» con un articolo a firma di Andrea Brivio

Don Giorgio è stato riconosciuto colpevole per gli insulti rivolti al leader della Lega in quattro post specifici pubblicati sul proprio blog tra marzo e ottobre del 2015, oggetto del processo.

Pubblicità
Pubblicità

Un’attività diffamatoria reiterata nel tempo” ha ricordato il pubblico ministero Paolo Del Grosso avanzando la richiesta di una pena pecuniaria di 10 mila euro, escludendo l’ipotesi di una misura detentiva in quanto le offese sarebbero per il pm riconducibili ad una critica di carattere politico.

La motivazione di quelle parole offensive, per il pubblico ministero, “parte dal dissenso politico, un valore in sé da tutelare nella nostra democrazia – ha sottolineato Del Grosso – ma la critica deve avvenire nei modi e nei termini previsti dalla legge, senza insulti e offese”.

I discorsi di Don Giorgio devono essere contestualizzati, spiegano i legali: “Di certo non si invocava la morte di Salvini, in quell’occasione si parlava della legge sulla legittima difesa, ‘se qualcuno legittima il fatto che si possa uccidere un ladro, allora diciamo che si possa uccidere anche questa persona che ci ruba i diritti’ è il ragionamento di Don Giorgio”.

Tra le espressioni rivolte dal religioso a Salvini anche quella di ‘bovaro senza cultura’. Mi sono diplomato al liceo classico, poi l’università fermandomi a 5 esami dalla laurea in storia perché ho iniziato l’attività politica. Ma tutto questo è soggettivo – ha sottolineato l’ex ministro – le cose gravi sono altri termini e minacce. Raramente querelo, di solito si chiede scusa e finisce li, qui invece è stata un escalation. Bisognava mettere un punto fermo”

Pubblicità
Pubblicità

Il parroco aveva inoltre definito «pezzo di Merda» Salvini e gli aveva augurato anche la morte.

“Sarebbe bastato chiedere scusa, non saremmo arrivati a questo punto e non avrei fatto perdere tempo a tutti voi. Chiedo scusa e regalo i soldi in beneficenza”. – Così Matteo Salvini parla dal banco dei testimoni, nell’aula del tribunale di Lecco prima della sentenza.

Singolari le affermazioni del parroco dopo la sentenza. Don Giorgjo infatti ha detto di non credere più nella giustizia e di essere stato condannato ingiustamente.

Speriamo ora che per lui sia la giustizia del Signore a pareggiare le cose.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza