Connect with us
Pubblicità

Trento

Festival dell’economia: l’analisi del voto Europeo

Pubblicato

-

Ieri, primo giorno del Festival dell’economia, alle 19 presso la sala Depero, c’è stato l’incontro con Nando Pagnoncelli, Elisa Ferreira, Cas Mudde, Jean Pisani-Ferry e Nadia Urbinati che hanno dibattuto alla luce dl voto di europeo, sulle piu evidenti conseguenze economiche e politiche in Italia e in UE.

L’economista Jean Pisani Ferry, che è stato responsabile del programma di Macron ed è uno dei suoi più ascoltati consiglieri economisti francesi, professore alla Hertie School of Governance di Berlino e alla Sciences Po di Paris, ha sottolineato che nel voto europeo c’è un forte segnale di cambiamento per quanto riguarda le politiche trasversali che l’UE può mettere in campo, soprattutto politiche che abbiano come soggetto le istanze dei giovani; di una risposta alle istanze dei verdi sul cambiamento climatico e le politiche di integrazione.

Il fatto che dell’aumento dell’affluenza dell’8% in più rispetto alle precedenti elezioni e un consolidamento del trend di crescita nella partecipazione, dimostra come l’interesse degli elettori verso l’Europa sia in aumento.

Pubblicità
Pubblicità

D’altra parte il rischio che scaturisce da questo voto, è che assista ad un’inerzia nelle decisioni future, a discapito delle aspettative dei cittadini.

Questo a causa del frazionamento della rappresentanza, in particolare PPI il maggior partito che ha perso consenso, mentre anche la base liberal democratica si è frazionata in più partiti.

Pubblicità
Pubblicità

Elisa Ferreira, vicepresidente della Banca de Portugal, ha fatto un quadro dell’esperienza portoghese, che al momento risulta essere l’unico paese europeo che non ha avuto un exploit dei partiti cosiddetti sovranisti. L’”insurgery populista”, come l’ha denominata Fubini, ha avuto il suo massimo consenso in Italia.

Questo fatto, secondo Nando Pagnoncelli, è dato da due principi di base: un principio di tornaconto, ovvero cosa ci guadagniamo a stare in Europa, e un principio di precauzione, ovvero, se usciamo c’è un rischio di peggiorare la situazione.

«Al voto europeo – come ha spiegato in apertura Nando Pagnoncelli – si è arrivati con un sentiment (atteggiamento, ndr.) dei cittadini comunitari sostanzialmente positivo verso l’Unione europea: i due fronti (favorevoli o contrari) se la giocano alla pari sulla fiducia verso l’Europa (l’Italia, per la verità, va controcorrente con il 55% di diffidenti e il 33% di favorevoli). Gli stessi elettori non hanno però dubbi sull’adesione alla Ue (62% di favorevoli) per arrivare al  75% di giudizi positivi sull’euro». 

Il sondaggista di Ipsos, ha terminato il suo intervento con una standing ovation, per il suo riferimento al recupero di una nuova missione europea, che il nuovo Parlamento dovrà aver a riferimento se vuole governare secondo le indicazioni dell’elettorato, ovvero al fatto che esiste una responsabilità europea di garantire gli strumenti più idonei affinché tutti gli stati membri ne traggano vantaggio, un ritorno alle radici comuni, che questa politica pre elezioni sembra aver accantonato.

Pertanto i temi più caldi risultano essere la riduzione delle disuguaglianze e soprattutto la sostenibilità della crescita.

Tutto questo ha senso in Europa se capiamo il valore del nostro star insieme.

L’ultima domanda provocatoria di Federico Fubini, è stata sulla Germania, come dobbiamo considerare la Germania nel contesto europeo?

La Germania, sembra aver capito che senza l’Europa, anche i suoi interessi risultano meno tutelati, e la vecchia visione, prima Germania e poi gli altri, sembra essere stata abbandonata anche per la decrescita della cancelliera Merkel, e dell’emergere di forze piu attente a valori universali, i particolare i verdi, che proprio in Germania hanno avuto un successo maggiore.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza