Connect with us
Pubblicità

Trento

Ugo Rossi preferisce il giro d’Italia ai lavori in aula consiliare

Pubblicato

-

Di comportamenti strani da parte dei nostri parlamentari e consiglieri provinciali e regionali in aula, durante i lavori del consiglio e del parlamento, ne abbiamo visti molti.

Come per esempio quello dell’ex ministro Gaetano Martino, concentrato su un gioco di carte, alla dem Rosy Bindi, alle prese con un rebus linguistico, dal grillino Alessandro Di Battista, beccato mentre guardava una partita di calcio, a Simeone Di Cagno Abbrescia, deputato pdl, sorpreso mentre consultava un sito a luci rosse.

Molti gli uomini politici beccati nel tradizionale sonnellino pomeridiano fatto sui banchi delle aule parlamentari o peggio mentre votavano anche per i colleghi assenti.

Pubblicità
Pubblicità

Nell’ultimo caso per loro è stato coniato il termine di  «pianisti». Cioè quei deputati che maneggiando velocemente da una postazione all’altra riuscivano a votare per i colleghi assenti.

Il cattivo costume è continuato in questi giorni e dentro l’aula del consiglio della provincia autonoma di Trento dove i rappresentanti eletti dai Trentini si trovano per 2 o 3 giorni ogni mese per discutere sul leggi, interrogazioni, mozioni, ordini del giorno e via dicendo.

Insomma dove si dovrebbe lavorare.

Abbiamo usato il condizionale.

Pubblicità
Pubblicità

Già, perché pare che qualcuno di lavorare non ne abbia proprio voglia.

Alludiamo dell’ex governatore Ugo Rossi, ora consigliere di minoranza che preferisce godersi in diretta le fasi delle tappe del 102° giro d’italia invece che lavorare con serietà per cercare di risolvere i problemi della comunità

Come possiamo vedere si è pure organizzato bene con tanto tablet, con il quale in questi giorni di lavori dentro il consiglio non si perso una tappa, cellulare per comunicare via social e bicchiere d’acqua. Mancano solo i pop corn e il sacchetto classico di patatine per intenderci….

Dopo le mascherate in maglietta rossa di Paolo Ghezzi «essere umano», ecco un’altra triste fotografia delle opposizioni che in questo caso vede protagonista Ugo Rossi.

Ma un consigliere provinciale lautamente pagato dalla comunità non dovrebbe avere un comportamento consono e rispettoso dell’aula e del lavoro?

Come sempre ai lettori ed ai posteri l’ardua, stavolta un po’ meno, sentenza.

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Giovane della Lega aggredito dagli estremisti della sinistra

Pubblicato

-

Nuovamente in azione i «fenomeni» dell‘estrema sinistra a Trento. 

Questa volta non se la sono presa con le vetrine dei negozi e non hanno nemmeno rovinato i muri della città, il tutto naturalmente fatto come al solito coperti dai passamontagna.

Mercoledì se la sono presa con un giovane militante della Lega, studente universitario.

Pubblicità
Pubblicità

5 persone appartenenti a gruppi dell’estrema sinistra hanno aggredito il giovane leghista prima con le minacce e gli insulti e poi sono passati alle vie di fatto aggredendolo. 

A rendere nota la cosa è stato il coordinatore Leonardelli che ha diffuso sulla pagina facebook della Lega Giovani questo messaggio:

«Mercoledì sera in via Verdi a Trento un nostro giovane militante è stato aggredito da 5 persone appartenenti a gruppi dell’estrema sinistra che hanno accusato nelle ultime settimane la Lega di essersi associata con degli squadristi. Ci dobbiamo domandare ora chi siano gli squadristi, quelli che manifestano per la libertà di espressione o quelli che aggrediscono militanti di un partito libero e pacifico? Non ci resta che esprimere rammarico e aspettarci un netto intervento del rettorato, che deve limitare le azioni violente e criminali di gruppi antagonisti e garantire la sicurezza degli studenti. Ringraziamo il consueto pronto intervento dei carabinieri, Il nostro militante fortunatamente non ha riscontrato lesioni. È questa l’università che vogliamo avere a Trento? Bisogna agire subito! Non ci faremo intimidire, noi ci siamo!»

Fra i commenti sotto il post un commento laconico: «I soliti che accusano gli altri di fascismo» e un invito: «Che si faccia un po’ di pulizia della monnezza che c’è in giro cominciando a fare dei bei controlli sanitari e antidroga in alcuni locali del centro storico frequentati da questi illuminati estremisti di sinistra»

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Il presidente Fugatti ha visitato le zone più colpite dal maltempo

Pubblicato

-

Dopo aver presieduto il vertice della Protezione civile a Trento, il presidente Maurizio Fugatti si è recato, nel primo pomeriggio, accompagnato dal dirigente generale, Gianfranco Cesarini Sforza e da Giancarlo Anderle dirigente del Servizio gestione strade, in visita ad alcune delle zone più colpite dal maltempo di ieri, al fine di visionare i lavori sulle strade e per lo sgombero degli alberi caduti.

Prima in Val di Fassa, dove è stato incontrato l’ispettore dei Vigili del fuoco volontari Giancarlo Pederiva.

Poi in Val di Non, a Fondo, dove si è fatto il punto dei danni con l’ispettore Corrado Asson ed il sindaco di Ruffrè-Mendola, Donato Sepp<

Pubblicità
Pubblicità

Infine a Rumo, dove si è svolto l’incontro con l’ispettore Raffele Michelet e il sindaco Michela Noletti.

Qui è stato fatto un sopralluogo aereo della zona, per verificare la situazione della strada per Bresimo, tutto’ora interrotta.

“Ringrazio gli uomini del sistema della Protezione civile del Trentino, i volontari, i tecnici e gli amministratori dei comuni per quanto stanno facendo – ha detto al termine il presidente Fugatti. Come sempre, in queste situazioni, dimostrano le loro capacità, la passione e la professionalità che mettono nel loro lavoro al servizio della comunità”

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Contrabbando: in 10 mesi sequestrati 24 tonnellate di carburanti e lubrificanti e 28 mila litri di prodotti alcolici.

Pubblicato

-

La Guardia di Finanza riserva un’attenzione particolare al controllo del flusso veicolare, soprattutto di mezzi pesanti, in transito sulle principali vie di comunicazione che collegano l’Italia al resto d’Europa.

Per la sua connotazione di asse di collegamento tra l’Italia ed il resto d’Europa  il corridoio del Brennero si presta, anche, a costituire una delle principali rotte utilizzate dai trafficanti, per introdurre nel territorio nazionale le più svariate tipologie di merci illegali.

Nelle ultime 48 ore è stato, quindi, attuato uno specifico “Dispositivo di contrasto ai traffici illeciti”, che ha visto dispiegati, con pattuglie automontate, 61 finanzieri dei Comandi Provinciali di Trento e di Bolzano, che hanno operato, presso la barriera di Vipiteno, in ingresso Stato, nonché presso gli autoporti, interporti ed aree di sosta, con servizi di pattugliamento e perlustrazione, sottoponendo a controllo 105 automezzi ed identificando 123 persone.

Pubblicità
Pubblicità

Nei primi 10 mesi del corrente anno, proprio grazie alle mirate indagini ed al costante monitoraggio del territorio e del traffico commerciale, lungo le principali arterie stradali e ferroviarie, i Reparti del Trentino Alto Adige hanno sequestrato, nel solo settore delle accise, oltre 24 tonnellate di carburanti e lubrificanti e circa 28 mila litri di prodotti alcolici, con la denuncia di 12 responsabili, nonché intercettato movimentazioni transfrontaliere di contanti non dichiarati per diverse centinaia di migliaia di euro, sottraendo alle organizzazioni criminali anche 15 automezzi, utilizzati per trasportare generi illegali.

Sempre più insidiosi i sistemi di frode adottati dai “contrabbandieri”, in particolare, di carburanti. In uno dei casi scoperti, infatti, era stata predisposta falsa documentazione commerciale, all’apparenza ineccepibile, che attestava trattarsi di un trasporto di lubrificanti provenienti dalla Germania.

Dagli accertamenti esperiti, nell’immediato, dalla pattuglia operante, però, emergeva che la presunta impresa destinataria, pur realmente esistente, non avesse mai effettuato un tale ordine e che le migliaia di litri di prodotto trasportati fossero, in realtà, gasolio miscelato con infinitesimali quantitativi di oli lubrificanti, destinato ad essere commercializzato “in nero” sul territorio nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre a reprimere un illecito traffico, in questo modo, è stata evitata l’immissione sul mercato di carburanti di dubbia qualità, fonte di potenziali rischi per i consumatori finali e di ingentissimi guadagni per la criminalità organizzata.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza