Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Laurea triennale e Alta formazione: due titoli post diploma in 4 anni

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Due titoli di studio in quattro anni: per chi, dopo il diploma, desidera specializzarsi in grafica multicanale, interfacce e tecnologie della comunicazione c’è in Trentino un nuovo percorso formativo.

Unico in Italia, somma i vantaggi di un diploma superiore biennale di Alta formazione professionale – da subito molto appetibile dal mercato del lavoro – a una laurea triennale, essenziale per accedere a incarichi di crescente responsabilità e sviluppare la propria carriera nel tempo. Si tratta del percorso formativo lanciato in questi giorni e attivo già con il prossimo anno accademico 2019/20, nato dalla collaborazione tra l’Istituto Artigianelli di Trento e il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Ateneo trentino.

Il corso di laurea in Interfacce e Tecnologie della Comunicazione (ITC) e il biennio di alta formazione in Tecnico Superiore Grafico per la Comunicazione Multicanale (TAG) hanno fatto squadra per integrare i rispettivi ordinamenti didattici e riconoscere a vicenda molti crediti. Il risultato è particolarmente appetibile per i diplomati TAG, a cui vengono riconosciuti 81 crediti in entrata nel corso di laurea triennale: oltre un terzo dei 180 necessari per laurearsi, equivalente a uno sconto di circa un anno.

Pubblicità
Pubblicità

Ma è conveniente anche per i laureati triennali ITC che vedono riconosciuti ben 66 crediti sui 120 necessari a ottenere il diploma superiore TAG, anche in questo caso, con una riduzione di circa un anno.

«Il vantaggio principale sta nell’integrazione di modelli diversi, a beneficio dell’occupabilità» spiega Marco Franceschini, responsabile del TAG dell’istituto Artigianelli. «Proseguire la propria formazione con il corso di laurea ITC permette di allargare la prospettiva rispetto alla forte specializzazione ricevuta durante il biennio di alta formazione. Consente di ottenere un titolo universitario che garantirà di accedere ad ambiti lavorativi in cui è richiesta la laurea, come il settore pubblico, ma anche di sviluppare la propria carriera in ambito universitario o nella ricerca. Una prospettiva teorica e disciplinare diversa e assolutamente complementare apre decisamente gli orizzonti professionali».

«Di fatto, aggiungere un anno al termine della laurea triennale è un impegno relativamente contenuto rispetto ai vantaggi che offre questa scelta» sottolinea Paola Venuti, direttrice del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive. «È la scelta ideale per chi sente la necessità di specializzarsi sul campo, sviluppare e testare quanto appreso nella pratica con l’obiettivo di accorciare le distanze verso l’inserimento lavorativo, approfittando della possibilità di lavorare su progetti concreti, commissionati dai privati, che sono un grande punto di forza del percorso di alta formazione TAG».

Pubblicità
Pubblicità

I destinatari sono gli studenti e le studentesse che nell’anno 2019/20 si iscriveranno al primo anno del diploma superiore TAG e gli studenti che si iscrivono al primo anno della laurea in ITC che avranno l’occasione di portare a termine un percorso nella grafica multicanale e nelle interfacce di comunicazione, più completo e integrato tra alta formazione e università.

Proprio l’integrazione e la complementarietà dei due percorsi – alta formazione e laurea triennale – rappresenta un caso unico, in Trentino ma anche in Italia. Uno sforzo congiunto a cui l’Istituto Artigianelli di Trento e il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Ateneo trentino hanno lavorato con grande convinzione. Un esempio di collaborazione che ha portato a disegnare una proposta molto efficace per gli studenti, perché completa in modo ideale la loro preparazione sfruttando l’offerta già presente a livello territoriale. Ma anche perché ha permesso ai due corsi di aprirsi al confronto e rivedere in modo critico l’offerta didattica di ciascuno. Un passaggio che ha portato a innovare dall’interno anche gli stessi percorsi base.

Inoltre, i futuri studenti del TAG e quelli della laurea triennale ITC saranno coinvolti nello sviluppo di progetti di ricerca, prodotti e servizi innovativi all’interno dei laboratori attivi all’Istituto Artigianelli e al Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive, in collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina43 secondi fa

Carambola tra due veicoli sull’A22, uno si ribalta. Sette feriti

Trento2 ore fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

Trento5 ore fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

La Fondazione Ivo de Carneri di Cles è orgogliosa della nomina a Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana del collaboratore Dott. Donato Greco

Trento9 ore fa

Opere strategiche: inserite anche il tratto Castelnuovo – Grigno e la Ciclovia del Garda

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Arianna Ferrari in concerto a Tuenno insieme a Giorgio Vanni

Trento9 ore fa

Studentato, via al progetto con 55 alloggi per 200 posti letto

Trento9 ore fa

Anche da Trento l’addio a Piero Angela, il suo ultimo messaggio: «Io ho fatto la mia parte ora tocca a voi»

Trento11 ore fa

Formazione professionale, aggiornato il programma pluriennale

Valsugana e Primiero11 ore fa

Sicurezza sulla SS 50. Aggiudicati i lavori contro il rischio valanghe

Trento11 ore fa

Programma FSE+ della Provincia autonoma di Trento: incremento delle risorse

Trento12 ore fa

Contributi per investimenti nei processi produttivi per le piccole e medie imprese: prosegue la raccolta delle domande

Rovereto e Vallagarina20 ore fa

Ancora auto danneggiate a Rovereto: ingenti i danni

Giudicarie e Rendena20 ore fa

Due minori in difficoltà su Cima Cop a 3.000 metri. Salvati dal Soccorso Alpino

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza