Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Con l’estate prende il via l’iniziativa “Timbralibro” nelle biblioteche della Val di Non e di Mezzolombardo

Pubblicato

-

L’anno scolastico è ormai agli sgoccioli e con l’inizio dell’estate prenderà il via l’iniziativa “Timbralibro”, organizzata dalle biblioteche della Val di Non e Mezzolombardo.

Il progetto di promozione della lettura, alla sua quinta edizione, ha registrato negli anni passati un crescente successo di adesioni.

Ma che cos’è “Timbralibro”? È un divertente gioco di lettura, al quale partecipano bambini di prima e seconda elementare. Su due distinte schede, coloratissime e fresche di stampa, sono riportate le copertine di 24 libri per la classe prima e altri 24 per la seconda.

Pubblicità
Pubblicità

Queste schede saranno distribuite nelle scuole, a cura dei bibliotecari delle sedi interessate, prima del termine dell’anno scolastico.

Durante l’estate i bambini potranno prendere in prestito i libri nelle biblioteche aderenti, leggerli, restituirli entro 15 giorni e ottenere il timbro di convalida sulla scheda. Entro il 7 settembre la scheda dovrà poi essere restituita a una delle biblioteche promotrici dell’iniziativa.

Coloro che avranno raggiunto l’obiettivo di 8 letture per la prima e 4 per la seconda, acquisiranno il diritto di partecipare alle feste finali per ritirare il premio.

Pubblicità
Pubblicità

La Cassa Rurale Val di Non, la Cassa Rurale Rotaliana e Giovo e la Cassa Rurale Novella Alta Anaunia hanno dato la loro adesione e il loro supporto logistico e finanziario. Questi istituti di credito hanno infatti finanziato in toto il materiale promozionale e i premi finali, e contribuiranno inoltre alla pubblicizzazione dell’iniziativa attraverso i loro canali.

Pubblicità
Pubblicità

Le biblioteche hanno voluto quindi ringraziare i Consigli di amministrazione, che hanno esaudito, per la quasi totalità, le richieste.

Ecco le biblioteche che hanno dato la loro adesione e presso le quali si può giocare a “Timbralibro 2019”: Campodenno, Castelfondo, Cloz, Coredo, Denno, Fondo, Mezzolombardo, Rallo, Revò, Romeno, Rumo, Sarnonico, Sporminore, Taio, Terres, Ton, Tuenno.

Come detto, tutti i bambini possono liberamente scegliere di partecipare al gioco di lettura ritirando la scheda nei luoghi già indicati. L’iniziativa è aperta a tutti, residenti e non.

Al termine dell’estate saranno poi organizzate tre grandi feste finali per premiare tutti i piccoli “lettori coraggiosi”.

L’appuntamento sarà quindi a Mezzolombardo, al Teatro S. Pietro, venerdì 13 settembre alle 20.30, al Palanaunia di Fondo sabato 14 settembre alle 17 e al Teatro del Polo Scolastico di Taio sabato 14 settembre alle 20.30.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Referendum Val di Non. Assessore regionale Claudio Cia: «Soddisfazione per un percorso che ha messo al centro la volontà popolare. Come Regione è passato un messaggio di rispetto per le scelte dei territori».

Pubblicato

-

Sono ormai terminate le operazioni relative ai due referendum consultivi che si sono svolti nei comuni di Fondo, Castelfondo e Malosco e nei comuni di Ronzone, Cavareno e Romeno. (qui oppre sotto l’articolo i risultati ufficiali definitivi).

Con il primo si è votato per scegliere una diversa denominazione del nuovo comune che nascerà il 1° gennaio 2020 (a maggioranza dei votanti è stato scelto “Borgo d’Anaunia”), mentre nel secondo i cittadini sono stati chiamati per esprimersi sull’eventuale fusione dal 1° gennaio 2020 in un unico comune denominato “Belvedere d’Anaunia” (scelta bocciata a causa del “no” alla fusione da parte della maggioranza dei votanti nel Comune di Romeno).

Al di là dei singoli risultati, l’Assessore regionale agli Enti locali Claudio Cia, esprime soddisfazione per un percorso che ha messo al centro la volontà popolare e la partecipazione dei cittadini. “Ritengo sia passato il messaggio che come Regione volevamo trasmettere, ovvero che abbiamo il massimo rispetto per i territori, in particolare in merito al delicato argomento dei progetti di fusione – dichiara Cia -. Vorrei ricordare che in altre parti d’Italia le fusioni vengono imposte e portate avanti d’ufficio, e che di fronte ad un referendum consultivo anche la Regione avrebbe la possibilità di procedere comunque alla fusione. Sono però fermamente convinto che queste forzature siano incompatibili con il nostro concetto di Autonomia, che nasce prima di tutto a livello locale dai piccoli comuni sul nostro territorio. Pertanto, a prescindere dai risultati referendari – continua l’Assessore regionale –, sono soddisfatto per questo momento di partecipazione, che ha contribuito al dibattito sul tema dell’organizzazione dei comuni e dei servizi da garantire al cittadino

Pubblicità
Pubblicità

Il prossimo referendum in vista è quello nei Comuni di Ossana e Pellizzano, dove negli scorsi mesi si era recato personalmente l’Assessore Cia per approfondire con gli amministratori locali un eventuale progetto comune di fusione, idea per le quale i due Comuni hanno manifestato il proprio interesse e hanno poi mosso i passi ufficiali con l’adozione, da parte dei Consigli comunali interessati, della delibera con la quale chiedono alla Giunta regionale l’indizione del referendum consultivo. “In questi casi la struttura tecnica e di segreteria del mio Assessorato – ribadisce Claudio Cia- garantisce il necessario supporto e assistenza, senza interferire nelle valutazioni o decisioni che spettano poi ai cittadini. Pertanto nella prossima Giunta regionale proporrò la data anche per questo referendum, che indicativamente potrà svolgersi verso la metà di novembre».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

“Prima la Terra: istantanee sulla via del ritorno”: a Palazzo Aliprandini Laifenthurn di Livo quasi 80 scatti di Marco Simonini

Pubblicato

-

Sabato prossimo, 28 settembre, sarà inaugurata a Livo la mostra fotografica dal titolo “Prima la Terra: istantanee sulla via del ritorno”, che raccoglie quasi 80 scatti del fotografo trentino Marco Simonini. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Piccole dame e piccoli cavalieri alla scoperta di Castel Belasi

Pubblicato

-

Tre piccole dame e un cavaliere nella corte di Castel Belasi (foto Sergio Zanotti)

Vestiti con abiti d’epoca, messi gentilmente a disposizione del Gruppo Arzberg Val di Non, alla scoperta del castello, dei suoi segreti, dei suoi aneddoti nascosti e delle opere d’arte ospitate nelle sue sale. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza