Connect with us
Pubblicità

Trento

102° Giro d’Italia: Ecco la sospensione della circolazione sui percorsi interessati in Trentino

Pubblicato

-

Il Commissario del Governo, in occasione dello svolgimento della 17^ tappa- 29 maggio 2019 – COMMEZZADURA (TN)- ANTERSELVA, della 19^ tappa- 31 maggio 2019 – TREVISO- SAN MARTINO DI CASTROZZA e della 20^ tappa-1° giugno 2019- FELTRE-MONTE AVENA della competizione ciclistica, categoria professionisti, denominata “102° GIRO D’ITALIA” che attraverserà il territorio provinciale, ha disposto la sospensione temporanea del traffico veicolare sulla viabilità interessata dalla manifestazione, con l’ordinanza commissariale pubblicata sul sito internet di questo Ufficio. (qui nel dettaglio le tappe)

In particolare è stata disposta, rispettivamente nelle giornate di mercoledì 29 e 31 maggio e 1° giugno, la chiusura delle arterie statali, provinciali e comunali poste fuori dai centri abitati interessate con un anticipo di due ore rispetto al passaggio della gara in entrambi i sensi di marcia secondo gli orari di cui all’allegate tabelle di marcia.

Inoltre, per esigenze precauzionali, durante lo svolgimento della 20^ tappa nella giornata del 1^ giugno 2019 sono state disposte le ulteriori chiusure di seguito elencate:

Pubblicità
Pubblicità
  • chiusura sulla SP. 31 del Passo Manghen, in entrambe le direzioni, dal bivio “Valtrigheta” (km.16+950) alla località “Piazzol” ( km.38+600) dalle ore 20.00 del giorno antecedente la gara (31 maggio) e sino a cessate esigenze ;

  • chiusura della SP.31 dal bivio con la SP.65 (km.3+950) fino allo scollinamento del Passo Manghen (km.23+300) nel senso della gara fino alle ore 16.00 e comunque sino a cessate esigenze;

  • chiusura sulla SS. 50 del Passo Rolle, in entrambi le direzione, dall’intersezione con la SP. 81 (km, 101+800) alla zona immediatamente a monte dell’abitato di San Martino di Castrozza (km. 87) dalle ore 20.00 del giorno antecedente la gara (31 maggio) e sino a cessate esigenze;

Inoltre in occasione delle tappe del 31 maggio e del 1° giugno (sulla parte del percorso da Predazzo fino a Croce d’Aune) nella mattinata, nell’ambito delle manifestazioni collaterali del Giro d’Italia, l’Organizzazione ha predisposto il c.d. Giro E Bike.

Pubblicità
Pubblicità

Per consentire il passaggio in sicurezza anche di tale evento cicloamatoriale verrà sospesa la circolazione viaria per un breve lasso di tempo (30/45 minuti) sul percorso interessato.

Le prescrizioni, contenute nell’ordinanza di chiusura delle strade, vigenti durante il periodo di sospensione temporanea, sono dettate per la sicurezza della generale incolumità pubblica e pertanto comportano il divieto a tutti i veicoli di immettersi nel percorso interessato dal transito dei concorrenti, nonché l’obbligo a tutti coloro che provengono da strade o da aree che intersecano ovvero che si immettono su quella interessata dal transito dei concorrenti di arrestarsi prima di impegnarla, rispettando le segnalazioni manuali o luminose degli organi preposti alla vigilanza o dal personale dell’organizzazione.

Alla scopo di consentire il regolare svolgimento della manifestazione sportiva è estremamente importante che il numeroso pubblico, presente sul percorso di gara, non crei intralci e pericoli per i concorrenti. Soprattutto i pedoni dovranno usare le cautele necessarie astenendosi dall’attraversamento della strada durante il periodo di sospensione della circolazione.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Fusione casse rurali: è scontro totale. Chiusa e poi riaperta la pagina facebook dei «ribelli»

Pubblicato

-

S’avvicina l’assemblea straordinaria della Cassa Rurale di Lavis, Mezzacorona e Valle di Cembra e non mancano le sorprese.

La Cassa Rurale nel timore di una bassa affluenza di soci ha pensato di indire una lotteria che metterà in palio tra gli altri due televisori 55 pollici , due iPhone, due iPad, due Macbook e altrettante scope elettriche ricaricabili per un monte premi complessivo pari a 11 mila e 330 euro.

Mentre chi si oppone al progetto di fusione ha dato vita ad una pagina Facebook “ soci cooperatori Giovo, Cembra e Rotaliana” che è già stata bloccata per le troppe segnalazioni, ma poi riaperta dopo la sospensione: 292 follower e 289 like.

Pubblicità
Pubblicità

Il simbolo è quello di una pecora sbarrata, che rappresenta i soci che non sono pecore nel seguire passivamente il consiglio d’amministrazione nel cammino della fusione. (clicca qui per entrare nella pagina)

Una pagina che conferma come i territori non siano per nulla favorevoli ad una fusione che pare essere una decisione di vertice e poco condivisa dalla base.

Specialmente quella della Cassa Rurale di Lavis, Mezzacorona e Valle di Cembra.

L’appuntamento del 22 novembre al PalaRotari non sarà una passeggiata e non sarà certo una lotteria, seppur dal ricchissimo montepremi, a rasserenare gli animi.

Pubblicità
Pubblicità

Intanto i soci contrari all’operazione si stanno organizzando e la pagina Facebook è solo una modalità di coordinamento. “ Lo sapevate che dopo questa fusione noi soci di Lavis Mezzocorona Val di Cembra saremo meno di un quarto??? Come potrà contare il nostro voto? Come potremo incidere sulle scelte che riguarderanno la nostra comunità della Rotaliana e di Cembra? Diventeremo sobborghi di Trento…”.

E’ uno degli interrogativi presenti nella pagina Facebook che è anche un tema reale di riflessione.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Giovane della Lega aggredito dagli estremisti della sinistra

Pubblicato

-

Nuovamente in azione i «fenomeni» dell‘estrema sinistra a Trento. 

Questa volta non se la sono presa con le vetrine dei negozi e non hanno nemmeno rovinato i muri della città, il tutto naturalmente fatto come al solito coperti dai passamontagna.

Mercoledì se la sono presa con un giovane militante della Lega, studente universitario.

PubblicitàPubblicità

5 persone appartenenti a gruppi dell’estrema sinistra hanno aggredito il giovane leghista prima con le minacce e gli insulti e poi sono passati alle vie di fatto aggredendolo. 

A rendere nota la cosa è stato il coordinatore Leonardelli che ha diffuso sulla pagina facebook della Lega Giovani questo messaggio:

«Mercoledì sera in via Verdi a Trento un nostro giovane militante è stato aggredito da 5 persone appartenenti a gruppi dell’estrema sinistra che hanno accusato nelle ultime settimane la Lega di essersi associata con degli squadristi. Ci dobbiamo domandare ora chi siano gli squadristi, quelli che manifestano per la libertà di espressione o quelli che aggrediscono militanti di un partito libero e pacifico? Non ci resta che esprimere rammarico e aspettarci un netto intervento del rettorato, che deve limitare le azioni violente e criminali di gruppi antagonisti e garantire la sicurezza degli studenti. Ringraziamo il consueto pronto intervento dei carabinieri, Il nostro militante fortunatamente non ha riscontrato lesioni. È questa l’università che vogliamo avere a Trento? Bisogna agire subito! Non ci faremo intimidire, noi ci siamo!»

Fra i commenti sotto il post un commento laconico: «I soliti che accusano gli altri di fascismo» e un invito: «Che si faccia un po’ di pulizia della monnezza che c’è in giro cominciando a fare dei bei controlli sanitari e antidroga in alcuni locali del centro storico frequentati da questi illuminati estremisti di sinistra»

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Il presidente Fugatti ha visitato le zone più colpite dal maltempo

Pubblicato

-

Dopo aver presieduto il vertice della Protezione civile a Trento, il presidente Maurizio Fugatti si è recato, nel primo pomeriggio, accompagnato dal dirigente generale, Gianfranco Cesarini Sforza e da Giancarlo Anderle dirigente del Servizio gestione strade, in visita ad alcune delle zone più colpite dal maltempo di ieri, al fine di visionare i lavori sulle strade e per lo sgombero degli alberi caduti.

Prima in Val di Fassa, dove è stato incontrato l’ispettore dei Vigili del fuoco volontari Giancarlo Pederiva.

Poi in Val di Non, a Fondo, dove si è fatto il punto dei danni con l’ispettore Corrado Asson ed il sindaco di Ruffrè-Mendola, Donato Sepp<

PubblicitàPubblicità

Infine a Rumo, dove si è svolto l’incontro con l’ispettore Raffele Michelet e il sindaco Michela Noletti.

Qui è stato fatto un sopralluogo aereo della zona, per verificare la situazione della strada per Bresimo, tutto’ora interrotta.

“Ringrazio gli uomini del sistema della Protezione civile del Trentino, i volontari, i tecnici e gli amministratori dei comuni per quanto stanno facendo – ha detto al termine il presidente Fugatti. Come sempre, in queste situazioni, dimostrano le loro capacità, la passione e la professionalità che mettono nel loro lavoro al servizio della comunità”

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza