Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Luigi Prevedel «svela» al pubblico la sua «Bellezza Indisturbata nel marmo»

Pubblicato

-


Oggi pomeriggio, venerdì 24 maggio 2019,  nell’atrio d’ingresso di Palazzo Trentini è stata “svelata” ed esposta al pubblico per la prima volta un’opera dello scultore noneso Luigi Prevedel.

Indisturbata – questo il nome dato alla statua scolpita in marmo rosa Portogallo –, che raffigura una giovane donna adagiata con due libri accanto, rimarrà per un mese nel salone d’accesso alla sede del Consiglio provinciale – al civico 27 di via Manci a Trento.

Un’opera realizzata senza riferimenti –  Ad offrire a tutti la possibilità di ammirare la scultura – la quarta realizzata da Prevedel – nello storico edificio pubblico che ospita gli uffici dell’assemblea legislativa trentina, è stato il presidente del Consiglio provinciale. Il quale ha raccontato – introducendo l’incontro davanti ad un folto pubblico – come la statua sia arrivata a Palazzo Trentini. “Qualche mese fa un amico mi aveva invitato ad incontrare Prevedel a Castelfondo per vedere di persona la scultura. Impressionato dall’opera soprattutto – ha spiegato – per la bellezza dei dettagli, ho deciso di organizzare l’esposizione della statua nella sede istituzionale del Consiglio provinciale. “Anche per significare – ha concluso – che un’opera come questa sarebbe auspicabile che rimanesse in Trentino”.

Pubblicità
Pubblicità

A presentare Luigi Prevedel è stata Alice Salavolti, curatrice dell’esposizione, laureata in beni culturali all’università di Trento e che da tre anni affianca lo scultore come modella, ma soprattutto per gestirne le pubbliche relazioni e gli allestimenti. Salavolti ha ricordato che Prevedel è un carpentiere che non ha mai studiato scultura. “Questa – ha aggiunto – è la sua quarta opera, realizzata senza disegni preparatori né riferimenti, che trova solo in me l’unica ispirazione”.

Scolpita “nel” marmo – “Le mie opere – ha esordito Luigi Pervedel – nascono da fatti che mi sono capitati nella mia vita personale o che sono accaduti nel mondo e che mi hanno colpito. In questo caso scolpire una donna è stato particolarmente impegnativo. Un lavoro – ha aggiunto – che mi ha assorbito tutti i giorni per un anno, perché il marmo portoghese è molto duro e per arrivare alla fine dell’opera (inizialmente il blocco pesava 36 quintali e una volta scolpito l’ho ridotto a 19) ho dovuto seguire una dieta particolare perdendo 10 chili”.

Quanto alla figura rappresentata, Prevedel ha precisato che Alice ha posato per lui appena 4 volte all’inizio del lavoro, fornendogli solo l’ispirazione. Dopodiché lui ha proseguito il lavoro basandosi esclusivamente sulla propria memoria fotografica. La ragazza sembra dormire. In realtà dal suo viso traspare un mezzo sorriso perché sa di essere osservata, ma non se ne cura e rimane nel suo mondo. Di qui il nome “Indisturbata”.

Pubblicità
Pubblicità

Accanto alla donna si notano due libri che, ha chiarito lo scultore, hanno un preciso significato: uno parla della scultura “nel” marmo” e non “del” o “sul” marmo, mentre l’altro, aperto a metà, indica che la prima parte della vita dell’artista è già trascorsa e il resto è ancora da vivere e quindi da scrivere. “Voglio regalare a ciascuno di voi, tramite la bellezza di quest’opera, un’emozione unica da portarvi a casa”, ha concluso Prevedel.

All’inaugurazione della statua hanno partecipato portando il loro saluto anche l’assessore provinciale alla cultura, il sindaco di Castelfondo, comune dove Prevedel risiede, e due consiglieri provinciali.

CHI È LUIGI PREVEDEL – Scultore autodidatta trentino residente a Calstelfondo, nato a Cles nel 1969, ha studiato all’Istituto superiore d’Arte di Trento “Vittoria” – sezione legno. Prevedel, prima che scultore, è piastrellista e carpentiere. Nel 2010 decise di scolpire in un blocco di marmo di Carrara di 58 quintali per rappresentare a grandezza naturale la figura dell’artista trentino Stefano Zuech, originario di Brez in val di Non, vissuto il secolo scorso e autore tra l’altro delle immagini impresse sulla Campana dei caduti di Rovereto. Con questa sua scultura Prevedel si aggiudica il primo premio alla Biennale Internazionale di Asolo del 2014.

L’opera diventa famosa all’Expo 2015 a Milano, voluta da Vittorio Sgarbi perché venga esposta alla mostra “Tesoro d’Italia” allestita nel padiglione dedicato al nostro Paese. La statua è successivamente richiesta anche per un’esposizione a Seul. Prevedel realizza poi la scultura “Sognando nel marmo”, per la Prima Triennale dell’Arte Contemporanea di Verona del 2016. Nel 2017 scolpisce “La Morte e il Pianto”, che rappresenta il corpicino esanime di Aylan, il bambino fuggito con tanti altri profughi della Siria in guerra e ritrovato lungo una spiaggia della Turchia. Accanto a lui siede, piangente, un piccolo angelo custode.

L’opera, donata nel settembre del 2017 a Papa Francesco, viene poi ceduta dal Santo Padre alla sede romana della FAO, dove è tutt’ora esposta. Nel gennaio di quest’anno Prevedel termina “Indisturbata”, scolpita nel marmo Rosa Portogallo. L’opera, per la cui realizzazione l’artista impiega 10 mesi, è scolpita completamente a mano senza alcun schizzo preparatorio né l’utilizzo di strumenti elettrici.

Di quest’ultima opera, “svelata” ed esposta per la prima volta nell’atrio d’ingresso di Palazzo Trentini, abbiamo parlato con lo scultore, Luigi Prevedel, e la sua modella-collaboratrice, Alice Salavolti, 25 anni, laureata in storia dell’arte.

Prevedel, perché ha dato alla statua il nome “indisturbata”?

«Per la posizione rilassata e serena della donna, che non dorme e ha un mezzo sorriso dovuto alla consapevolezza di essere guardata, ma la cosa non la “disturba”: rimane nel suo mondo».

Cosa ha ispirato questa sua scultura?

«Il rapporto lavorativo e umano con Alice. Che però è rimasta poco in posa. Non ho utilizzato disegni preparatori, schizzi, bozze, studi o immagini di statue precedenti. Ho lavorato solo a livello mentale, ricordando l’immagine iniziale e servendomi della memoria fotografica».

Alice, come vi siete conosciuti?

«Ci siamo conosciuti nel marzo del 2016. Lui cercava una modella che posasse per le sue sculture. Visti i miei studi e la fiducia nata nei miei confronti, ho iniziato a seguire il suo lavoro curando per lui le pubbliche relazioni. Ora cerco di valorizzare il più possibile le sue opere».

Prevedel, ci parli del marmo “Rosa Portogallo” che ha utilizzato per questa scultura….

«Si utilizza nell’edilizia, soprattutto per i bagni. Rispetto al marmo di Carrara è molto più duro e difficile da scolpire. Quest’opera mi è costata una fatica enorme. Ho dovuto seguire una dieta particolare, mangiando molto la sera perché in sei mesi avevo perso 10 chili. Poi il lavoro è durato quasi un anno. Il blocco di marmo iniziale pesava 36 quintali e la statua che ne ho tratto ne pesa 19. Per realizzare una scultura del genere serve il pieno controllo di sé, non si può sbagliare nulla. Se non avessi trovato il giusto equilibrio mentale e fisico, non sarei riuscito a fare nulla».

Alice, l’ambiente espositivo di Palazzo Trentini vi sembra adatto per esporre la statua?

«E’ una cornice perfetta per una scultura del genere. E l’androne dove è esposta è un ambiente fantastico per la luce che entra. Inoltre per Luigi è un’onore poter inaugurare la statua a Trento e in una sede come questa. Abbiamo apprezzato molto che lo stesso presidente del Consiglio provinciale sia venuto ad incontrarci a Castelfondo nel garage dove Luigi Prevedel ha scolpito l’opera».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]

Categorie

di tendenza