Connect with us
Pubblicità

Politica

Viviana Dal Cin (M5S): «Si all’Autonomia, no alla Flat Tax»

Pubblicato

-

Viviana dal Cin, nata a Treviso e residente a Trieste, 41 anni, è laureata in Economia del commercio internazionale e dei mercati valutari all’Università di Trieste, con specializzazione in finanza quantitativa rilasciata dal CQF di Londra.

Parla inglese e francese e dal 2008 lavora nell’area investimenti in un gruppo assicurativo internazionale. 

Attualmente è impiegata nell’area finanza e si occupa di gestione di attivi e passivi dei portafogli assicurativi e di allocazione strategica degli investimenti.

Pubblicità
Pubblicità

Ha raggiunto una tesi in Diritto commerciale internazionale sulla sostenibilità dei finanziamenti alle energie rinnovabili.

Si presenta per essere eletta nel parlamento europeo nel distretto del nord est 

Si all’Europa unita, ma non come quella che degli ultimi anni.

Pubblicità
Pubblicità

«L’Europa di oggi è un’entità che percepiamo lontana e non ci piace. Abbiamo scoperto probabilmente, – spiega Viviana dal Cin –  soprattutto durante la crisi in Grecia, che non è l’Europa che vogliamo, è l’Europa di qualcun altro, di queste famose entità economiche, superpotenze, che non abbiamo certo votato e scopriamo che il Parlamento non è rappresentativo di quello che vorrebbero i cittadini. Siamo qui per cambiarla».

Nell’ Europa futura come si colloca il sistema delle autonomie?

Pubblicità
Pubblicità

«Ogni sistema di autonomie locali deriva da vicende storiche complesse molto spesso create dalle guerre del XX secolo per quanto riguarda l’Italia, e a volte ancora più lontane per quanto riguarda altri Paesi, penso ad esempio alla Catalogna o alle Fiandre, ma anche a regioni come il Trentino Alto Adige o la minoranza slovena nel FVG per quanto riguarda l’Italia. Voglio un’Europa che tuteli le prerogative delle minoranze e che si ponga come ponte tra le regioni. In Italia esistono modelli di buongoverno e di convivenza come quello del Trentino Alto Adige (vera regione europea in cui convivono gruppi etnici diversi: italiani, tedeschi e ladini) e che l’Europa dovrebbe studiare esportare e valorizzare».

Cosa ne pensi della Flat Tax?

«Credo molto nei principi della nostra Costituzione attuale che ancora prevede che tutti siano tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva e che il sistema tributario sia informato a criteri di progressività. Non mi sembra che la Flat Tax garantisca il rispetto di tale principio. Ritengo che in materia fiscale le imposte debbano essere diminuite ma seguendo i principi di equità sanciti dalla nostra Costituzione».

In questi anni il M5S ha criticato ripetutamente le politiche europee e i trattati, quali ritieni dovrebbero essere le priorità dopo il 26 maggio?

«Trattati come quello di Dublino devono essere revisionati per non lasciare l’Italia sola davanti a una emergenza che è europea: il M5S chiede la redistribuzione, tra i diversi Stati, dei migranti e dei relativi costi di integrazione. In materia ambientale e nella lotta ai cambiamenti climatici non possiamo tergiversare, serve coraggio per dare risposte più incisive: l’Europa dovrà aiutare le imprese piccole e medie a convertirsi verso forme di energia rinnovabile anche tramite adeguati incentivi, in termini di sconti sul capitale di copertura richiesto da prevedere per gli istituti di credito che finanziano la green economy. In materia economica é necessario separare le banche d’affari da quelle di raccolta del risparmio, dare alla BCE un mandato diverso dal mero controllo dell’inflazione, per perseguire la piena occupazione, la crescita economica e una vera iniezione di liquidità nel sistema, non più agli istituti finanziari ma a cittadini e imprese. Insomma perseguire gli interessi diffusi, fino ad oggi penalizzati dallo strapotere delle lobbies che hanno fin qui condizionato la politica europea».

La concorrenza anche fiscale tra i diversi stati dell’Unione è ancora tollerabile?

«Il dumping fiscale tra i paesi aderenti è qualcosa di inammissibile: grazie ai Paradisi fiscali interni all’Unione sono stati sottratti ogni anno mille miliardi di euro alle tasche dei cittadini e si è favorita concorrenza sleale tra imprese con sede in Stati diversi. Il fatto poi che Juncker, ministro delle Finanze in Lussemburgo dal 1989 per 20 anni, sia diventato Presidente della Commissione anche con il voto di PD e FI la dice lunga sulle modalità con cui questi partiti intendono la tutela degli interessi nazionali».

Su quali punti pensa di impegnarsi con maggiore competenza se fosse eletta?

«Sono laureata In Economia del Commercio Internazionale e dei Mercati Valutari, mi sono poi specializzata in Finanza Quantitativa. Non è più tempo che i parlamentari europei italiani vadano in “vacanza” a Bruxelles ma dovranno essere competenti anche nelle materie economiche e presenti nelle commissioni per presidiare gli interessi degli italiani. Il fiscal compact, il two pack, il six pack, il pareggio di bilancio in Costituzione, sono provvedimenti che alimentano l’ingerenza della Commissione europea rispetto all’autonomia degli Stati. E, soprattutto prevedono indici di valutazione dei diversi Stati che non considerano le peculiarità e la complessità del tessuto economico e sociale di ciascuno Stato. La politica lacrime e sangue che ha ridotto in ginocchio la Grecia, è la prova che l’Austerità non ci potrà che portare al baratro. Ma una cosa a cui tengo particolarmente è il costante contatto e la trasparenza con i cittadini dei territori di riferimento».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ferrarelle punta sulla sostenibilità ambientale: bottiglie in plastica riciclata ad impatto zero
    Dai sacchetti per gli alimenti, alle bottiglie fino ai più comuni oggetti per la casa: l‘utilizzo incontrollato della plastica a livello globale, ha portato verso lo studio di specifiche procedure per il riciclo, utili a recuperare un materiale praticamente indistruttibile ma altamente inquinante. Questo, è uno dei motivi che ha spinto Ferrarelle, unica azienda di acqua […]
  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]

Categorie

di tendenza