Connect with us
Pubblicità

Politica

Perché molti elettori di sinistra domenica voteranno Lega

Pubblicato

-

Ci siamo. Tra pochi giorni ancora una volta andremo a sceglierci coloro che ci rappresenteranno, alcuni localmente, alcuni in Europa, e non tutti hanno le idee chiare, ma molti ex elettori di sinistra ci dicono che voteranno Lega.

E qui bisogna tentare di ragionare sinteticamente sul perché di queste scelte ideologiche radicali e apparentemente opposte.

Checché ne pensi l’opposizione di sinistra, talvolta diffondendo false informazioni derivanti da quell’area politica (brutto segno, se iniziano con le fake news, sono del tutto finiti) la LEGA non è percepita come un partito fascista e razzista, e nemmeno giustizialista, semplicemente giusto.

Pubblicità
Pubblicità

Il perché è presto detto: una delle caratteristiche richieste ai pubblici ufficiali e amministratori era quella di agire come un buon padre di famiglia.

E la LEGA non sta facendo altro, nulla di più, nulla di meno.

Pensateci: (ma lo hanno già fatto molti ex-elettori di sinistra) qual è l’unico partito che ha dato risposte efficaci in tema di immigrazione di massa e priva di controllo ed ha, lasciatecelo dire, “pisciato” in testa ad un Europa, arrogante ed egoista che per la prima volta si è trovata di fronte esponenti italiani membruti e non asserviti al potere delle banche e degli stati più (economicamente) forti?

Per non parlare della sicurezza urbana, dall’aumento delle pene per la piaga (per non dire emergenza) dei furti, o aggressioni alle Forze dell’Ordine, per anni incatenate nel loro agire, da un melting pot di normative tutte a loro sfavore per non dare l’idea di uno Stato troppo severo.

Ed è proprio l’idea di questo Stato poco serio e severo con le regole che ha creato il brodo di coltura per un’immigrazione di massa, con relativo radicamento degli immigrati, che non si sognavano certo di andare in altri paesi più efficaci e rigidi nell’applicazione delle norme di pubblica sicurezza.

Ma noi, in Trentino, abbiamo fatto di più. Abbiamo dato, scusateci ancora, il culo, per la scellerata e, per alcuni addetti ai lavori, vantaggiosa proliferazione di organismi assistenziali per stranieri.

Ci siamo trovati così a tenerci in casa spacciatori e delinquenti di ogni risma, per non parlare di potenziali terroristi islamici, che foraggiamo e assistiamo con ogni premura. Il contrario del buon senso.

E di fronte a tutto questo cosa ha fatto la LEGA? Ci ha messo mano, e con coraggio visto gli strali che si è attirata da ogni parte: Europa, Presidente della Repubblica e del Consiglio, opposizioni, poteri forti internazionali (leggi: Soros ecc..), per finire con gli alleati di governo.

Roba da far tremare i polsi a chiunque.

Ma alla Lega non sono tremati ed ecco che una massa critica di elettori di sinistra vessati continuamente da perdita economica e micro/macro criminalità, esausti, hanno deciso di votare LEGA.

Si badi che molti hanno optato anche per il M5S che pur nella loro ancor confusa integrazione con quello che significa governare non hanno fatto poi troppo male, almeno in tema di economia: il reddito sta funzionando e così il microcredito governativo, oltre a tante altre iniziative che hanno dato ossigeno ad un Italia stremata ancorché incolpevole dalle vessazioni europee.

Il genio della LEGA sta anche in questo: aver lasciato lavorare gli alleati, pur nel ribadire fermamente le proprie convinzioni su certe tematiche comuni, e lavorare su quello che stava più a cuore agli italiani: la sicurezza.

Direte forse che se ne è abusato, rispondiamo col dire che proprio perché siamo una redazione di un quotidiano e perché ogni giorno riceviamo i giornali di tutta Italia con un vero e proprio costante bollettino di guerra, che siamo sicuri di non averlo fatto.

Anzi, siamo sicuri che quello che i lettori leggono sui giornali e vedono in Televisione è solo una minima parte di quanto succede veramente in Italia ed in Trentino.

E i nemici purtroppo sapete già da che aree provengono.

Ma il cittadino vuole sicurezza fisica sì, ma anche economica, e uscire dall’Europa spaventa tutti, perché i danni per un paese come il nostro sarebbero incalcolabili.

Tranquilli, la LEGA vorrà tante cose, ma non uscire dall’Europa. Vuole solo contare di più

Ora ci sono alcuni fattori interessanti da considerare, e tra questi il fatto che Marine Le Pen e il suo vice di origini italiane mangiano letteralmente nelle mani di Salvini.

E questo perché lui ha idee chiare, loro poche e confuse.

Ne consegue che in caso di vittoria di un’area, diciamo così, per un Europa più giusta, l’Italia avrebbe maggior peso politico di quanto ne abbia avuto finora.

Ecco perché spaventa la LEGA, ecco perché viene tacciata in maniera idiota e controstorica (ha fatto più cose di sinistra del PCI) di essere un partito dittatoriale, fascista e razzista.

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Padre Alex Zanotelli: «Lega peggio del peggio». Replica Moranduzzo: «Sei un fanatico terzomondista in preda ai deliri»

Pubblicato

-

Come sempre padre Alex Zanotelli è andato giù pesante.

Le sue dichiarazioni rilasciate al giornale L’Adige sono un vero attacco alla lega.

Secondo padre Alex Zanotelli «non ci si può dichiarare cristiani e votare Lega» in quanto «la politica leghista è antitetica al Vangelo», oppure «In questi mesi abbiamo assistito ad uno spettacolo indecente. Indegno per l’Italia. Abbandonare in mare – attacca il missionario comboniano – come ha fatto Matteo Salvini, chi fugge dalla povertà, dalle torture, dagli stupri è un comportamento criminale. Spero che un giorno lui e altri ne rispondano in tribunale».

Pubblicità
Pubblicità
Padre Alex si augura un ridimensionamento della Lega che reputa «Il peggio del peggio, i portatori dei valori contrari a quelli che sono indicati nel Vangelo».

E a chi gli ricorda gli attacchi della Lega nei suoi confronti risponde: «La macchina del fango è sempre in funzione. So che le mie affermazioni hanno fatto discutere pure in Trentino. Sono abituato agli insulti.». Certo è che il padre non porge certo l’altra guancia, anzi, risponde agli insulti con la stessa moneta.

Al consigliere Devid Moranduzzo non sono andate giù le parole di Zanotelli ed è partito al contrattacco: «Questo personaggio sprizza odio da tutti i pori. È indegno utilizzare la religione per dividere le persone tra buoni e cattivi sulla base di opinioni puramente personali e ideologizzate. Rimango sempre dell’idea che la Chiesa (preti compresi) non deve fare politica, in caso contrario si tolgano la tonaca e si candidino».

«Io sono orgoglioso di professarmi cristiano e cattolico – aggiunge Moranduzzo –  anche se mi sento sempre meno parte di questa Chiesa Cattolica, per fortuna non tutta, ridotta a fare la sponda a ONG a fini di lucro. Forse la riflessione che andrebbe fatta è proprio in riferimento a preti come Zanotelli che, a causa di questa professata lontananza dalle persone, portano le chiese a svuotarsi».

Il consigliere leghista lo attacca sui valori: «Come lui si prende la libertà di additarci a non-veri-cristiani, allora noi possiamo dire che lui non è un vero prete, e di cristianesimo vero ne dimostra ben poco, mentre si preoccupa solamente di ricoprire il ruolo di terzomondista fanatico spesso preda di deliri ideologici che con la religione hanno poco o nulla a che fare. Padre Zanotelli pensi a fare il missionario, anche se devo ricordare che dall’Africa – alla fine – è scappato pure lui. Con questi suoi continui attacchi dimostra solo di essere una persona maleducata, che non ha rispetto per gli altri e per le altrui vedute. Per fortuna anche all’interno della Chiesa stanno emergendo sempre più voci non allineate, a dimostrazione che l’interpretazione del Vangelo non è univoca ed il pensiero unico è sempre sbagliato.»

«Invece che predicare il Vangelo – conclude poi –  questo si preoccupa solo di ragioni di Stato: ecco uno dei motivi della crisi della Chiesa: preti prestati alla politica invece che a Dio. Gli consiglio un esame di coscienza e capire che – forse – ha sbagliato missione».

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Claudio Cia contro i sindaci di Pergine e Rovereto: «L’errore è quando sbagli una volta. Due volte, è stupidità»

Pubblicato

-

«Leggo con stupore le parole del Sindaco di Pergine Oss Emer e del suo omologo roveretano Francesco Valduga, circa le future mosse dei Civici per le elezioni comunali e in caso di eventuali elezioni politiche anticipate» – esordisce così la nota del consigliere provinciale Claudio Cia l’indomani delle  dichiarazioni dei due sindaci nuovamente nostalgici per il polo civico miseramente fallito prima delle elezioni provinciali del 21 ottobre 2018.

I due amministratori, candidatisi in passato contro il centrosinistra, oggi sostengono inspiegabilmente, prima, la necessità di dialogare con tutti e, poi, che il mondo del civismo è incompatibile con la visione del centrodestra, che “riduce al minimo gli aiuti a chi soffre” (ndr riforma sugli aiuti internazionali), ma sembrerebbe invece adattarsi alla perfezione con i valori dei partiti del centrosinistra quelli, cioè, di chi in Trentino chiude i punti nascite e che a Bibbiano gestisce, quantomeno in maniera poco trasparente, il sistema degli affidi.

Claudio Cia nella sua nota ricorda ai due primi cittadini che «autodefinitisi, al tempo, alternativi al centrosinistra, che all’interno del mondo civico vi sono diverse anime, con valori, storie e sensibilità differenti e che nessuno ha delegato loro il compito di rappresentare sulla scena provinciale il mondo del civismo. Valduga e Oss Emer potranno parlare, quando non agiscono da Sindaci, a titolo personale o in vece dei loro sostenitori, ma trovo profondamente scorretto sostituirsi, senza alcuna legittimazione, alla miriade di idee e ideali che compongono il mondo civico».

Pubblicità
Pubblicità

E ancora: «Ricordo infine a Oss Emer, che stimo e apprezzo per il lavoro che svolge nella sua città, che la modifica approvata con l’assestamento non prevede “tagli agli aiuti internazionali” ma elimina la regola che obbligava a destinare lo 0,25% del bilancio agli stessi, preparando il terreno per una riforma che metta al centro il merito e che abolisca gli automatismi in materia di contributi internazionali, i quali, come dimostrato in Aula dallo scrivente e non solo, hanno prodotto vere e proprie forzature, per non dire mostruosità, nell’elargizione di contributi pubblici».

Secondo il consigliere provinciale il progetto civico per le Provinciali 2018 «è naufragato proprio per la sua ambiguità di fondo materializzatasi poi nella volontà dell’ex assessore Daldoss, al tempo asso nella manica del sedicente mondo civico tutto, di allearsi con il centrosinistra, fazione rispetto alla quale i civici si erano sempre proposti come alternativi. Come diceva il saggio, “l’errore è quando sbagli una volta. Due volte, è stupidità. Oppure, amore”».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Movimento 5 Stelle: Da Anticasta a Casta, la metamorfosi Grillina

Pubblicato

-

Il Movimento è in crisi.

Di fronte alla decisione di Salvini di smetterla con un governo nel quale i Grillini sembravano battere in pugni perché incapaci di comandare ha posto i Pentastellati davanti ad una dura evidenza: Se si vuole fare politica bisogna diventare dei Politici.

Da qui il gioco di forza con la Lega, il detto e non detto di un patto con il Pd.

Pubblicità
Pubblicità

Il partito anticasta che diventa La Casta per sopravvivere e mantenere la poltrona.

La realtà di fatto è questa.

I Pentastellati sono offesi, adirati perché ora  “Il Capitano” vuole monetizzare l’elettorato che è dalla sua. Quel’ elettorato al quale se si aggiunge Fratelli d’Italia e Forza Italia potrebbe far giungere il centrodestra  ai due terzi utili per governare senza opposizione.

L’Italia è stufa dei giochi di potere, del buonismo fatto per accaparrare denaro statale o finanziamenti Europei.

Il Bel Paese vuole e chiede sicurezza, lavoro, investimenti e rispetto in Europa.

L’inesperienza, come in ogni ambito, si paga, e Di Maio e soci hanno semplicemente permesso che la Lega facesse da padrona.

Ad oggi poco hanno da criticare in quanto poco hanno ottenuto. Il reddito di cittadinanza si è dimostrato un’arma a doppio taglio per tutto quell’elettorato che si aspettava il classico assistenzialismo all’italiana.

Alla fine si è avuta la metamorfosi. Quella metamorfosi Kafkiana che costringe il Movimento a diventare quello che ha sempre criticato per poter sopravvivere.

Ora il Pd non fa cosi’ tanto schifo. Non sono cosi tanto Mafiosi come molti sostenevano. No, ora no, perché la poltrona potrebbe saltare e tutti loro hanno una famiglia da mantenere.

Il destino dei Grillini sarà quello di ritrovarsi fagocitati da quel sistema che tanto hanno contestato. Contestazione che fù il cavallo di battaglia fino ad oggi ma che oggi li ingloba gioco forza.

Non ci resta che aspettare l’evoluzione e le decisioni di Mattarella. Sicuramente risulterebbe paradossale se a resuscitare Renzi e il Pd fossero coloro che lo hanno sempre combattuto e disprezzato.

Modificando un aforisma di Kafka si potrebbe cosi concludere: “Luigi Di Maio, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza