Connect with us
Pubblicità

Politica

Perché molti elettori di sinistra domenica voteranno Lega

Pubblicato

-


Ci siamo. Tra pochi giorni ancora una volta andremo a sceglierci coloro che ci rappresenteranno, alcuni localmente, alcuni in Europa, e non tutti hanno le idee chiare, ma molti ex elettori di sinistra ci dicono che voteranno Lega.

E qui bisogna tentare di ragionare sinteticamente sul perché di queste scelte ideologiche radicali e apparentemente opposte.

Checché ne pensi l’opposizione di sinistra, talvolta diffondendo false informazioni derivanti da quell’area politica (brutto segno, se iniziano con le fake news, sono del tutto finiti) la LEGA non è percepita come un partito fascista e razzista, e nemmeno giustizialista, semplicemente giusto.

PubblicitàPubblicità

Il perché è presto detto: una delle caratteristiche richieste ai pubblici ufficiali e amministratori era quella di agire come un buon padre di famiglia.

E la LEGA non sta facendo altro, nulla di più, nulla di meno.

Pensateci: (ma lo hanno già fatto molti ex-elettori di sinistra) qual è l’unico partito che ha dato risposte efficaci in tema di immigrazione di massa e priva di controllo ed ha, lasciatecelo dire, “pisciato” in testa ad un Europa, arrogante ed egoista che per la prima volta si è trovata di fronte esponenti italiani membruti e non asserviti al potere delle banche e degli stati più (economicamente) forti?

Per non parlare della sicurezza urbana, dall’aumento delle pene per la piaga (per non dire emergenza) dei furti, o aggressioni alle Forze dell’Ordine, per anni incatenate nel loro agire, da un melting pot di normative tutte a loro sfavore per non dare l’idea di uno Stato troppo severo.

Ed è proprio l’idea di questo Stato poco serio e severo con le regole che ha creato il brodo di coltura per un’immigrazione di massa, con relativo radicamento degli immigrati, che non si sognavano certo di andare in altri paesi più efficaci e rigidi nell’applicazione delle norme di pubblica sicurezza.

Ma noi, in Trentino, abbiamo fatto di più. Abbiamo dato, scusateci ancora, il culo, per la scellerata e, per alcuni addetti ai lavori, vantaggiosa proliferazione di organismi assistenziali per stranieri.

Ci siamo trovati così a tenerci in casa spacciatori e delinquenti di ogni risma, per non parlare di potenziali terroristi islamici, che foraggiamo e assistiamo con ogni premura. Il contrario del buon senso.

E di fronte a tutto questo cosa ha fatto la LEGA? Ci ha messo mano, e con coraggio visto gli strali che si è attirata da ogni parte: Europa, Presidente della Repubblica e del Consiglio, opposizioni, poteri forti internazionali (leggi: Soros ecc..), per finire con gli alleati di governo.

Roba da far tremare i polsi a chiunque.

Ma alla Lega non sono tremati ed ecco che una massa critica di elettori di sinistra vessati continuamente da perdita economica e micro/macro criminalità, esausti, hanno deciso di votare LEGA.

Si badi che molti hanno optato anche per il M5S che pur nella loro ancor confusa integrazione con quello che significa governare non hanno fatto poi troppo male, almeno in tema di economia: il reddito sta funzionando e così il microcredito governativo, oltre a tante altre iniziative che hanno dato ossigeno ad un Italia stremata ancorché incolpevole dalle vessazioni europee.

Il genio della LEGA sta anche in questo: aver lasciato lavorare gli alleati, pur nel ribadire fermamente le proprie convinzioni su certe tematiche comuni, e lavorare su quello che stava più a cuore agli italiani: la sicurezza.

Direte forse che se ne è abusato, rispondiamo col dire che proprio perché siamo una redazione di un quotidiano e perché ogni giorno riceviamo i giornali di tutta Italia con un vero e proprio costante bollettino di guerra, che siamo sicuri di non averlo fatto.

Anzi, siamo sicuri che quello che i lettori leggono sui giornali e vedono in Televisione è solo una minima parte di quanto succede veramente in Italia ed in Trentino.

E i nemici purtroppo sapete già da che aree provengono.

Ma il cittadino vuole sicurezza fisica sì, ma anche economica, e uscire dall’Europa spaventa tutti, perché i danni per un paese come il nostro sarebbero incalcolabili.

Tranquilli, la LEGA vorrà tante cose, ma non uscire dall’Europa. Vuole solo contare di più

Ora ci sono alcuni fattori interessanti da considerare, e tra questi il fatto che Marine Le Pen e il suo vice di origini italiane mangiano letteralmente nelle mani di Salvini.

E questo perché lui ha idee chiare, loro poche e confuse.

Ne consegue che in caso di vittoria di un’area, diciamo così, per un Europa più giusta, l’Italia avrebbe maggior peso politico di quanto ne abbia avuto finora.

Ecco perché spaventa la LEGA, ecco perché viene tacciata in maniera idiota e controstorica (ha fatto più cose di sinistra del PCI) di essere un partito dittatoriale, fascista e razzista.

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Matteo Renzi lascia il PD in «bancarotta» con 600 mila euro di debiti

Pubblicato

-


Si chiude con 600.495 euro di passivo il bilancio del Partito democratico relativo al 2018.

Il documento è stato approvato giovedì scorso insieme alla relazione del tesoriere Luigi Zanda.

Ma i conti fatti non hanno niente a che vedere con l’attuale gestione guidata da Nicola Zingaretti, in quanto costituiscono piuttosto l’ultimo resoconto finanziario della segreteria Renzi.

PubblicitàPubblicità

Una pesante eredità, quella lasciata da Matteo Renzi al Pd.

La notizia viene riportata oggi da giornale online Huffington Post

Cinque anni complicati, con la progressiva riduzione dei rimborsi elettorali, che ovviamente ha avuto un grande peso specifico sul bilancio.

Molto peggio di Renzi, comunque, fece Pier Luigi Bersani: lasciò le casse del Pd all’allora tesoriere Francesco Bonifazi con un passivo-monstre pari a 10,8 milioni di euro.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Annalisa Caumo confermata presidente dell’UPT

Pubblicato

-


L’assemblea degli iscritti dell’Unione del Trentino ha approvato oggi  all’unanimità l’atto di indirizzo, documento guida per l’organizzazione della fase costituente.

Annalisa Caumo è stata confermata presidente dell’Upt. Responsabili politici dell’Unione per il Trentino sono stati eletti Alessio Rauzi e Valter Giacomazzi fino alla prossima assemblea provinciale. Eletto anche il  nuovo Parlamentino UPT

Nel documento d’indirizzo viene preso atto che «un ciclo sociale e politico si è chiuso. In Trentino – come in Italia e in Europa – si misurano cambiamenti epocali che hanno provocato una radicale mutazione della politica e delle sue categorie. La crisi del compromesso tra democrazia e mercato che aveva realizzato in Europa uno dei sistemi di redistribuzione della ricchezza più efficaci che la storia ricordi e la conseguente perdita di carisma delle istituzioni rappresentative, hanno fatto nascere una domanda politica nuova, che i partiti democratici tradizionali faticano ad intercettare e che diventa invece la base costitutiva delle proposte populiste e della destra sovranista».

PubblicitàPubblicità

In modo particolare  – viene scritto nel documento – del fatto che anche in Trentino i comportamenti elettorali siano oggi del tutto omologati a quelli del resto del Paese, pur in presenza degli importanti risultati ottenuti dai Governi Provinciali degli ultimi decenni proprio sul piano dei diritti sociali e della difesa dei sistemi di welfare e di redistribuzione della ricchezza.

Segno evidente, questo, di una Speciale Autonomia che non ha coltivato e condiviso con la comunità in modo adeguato il senso di un progetto che non può essere confinato nelle sole, pur importanti, prestazioni di tipo amministrativo.

Attraverso una delibera l’assemblea degli aderenti all’Unione del Trentino da mandato ai nuovi organi del partito:

  • di completare entro i prossimi dodici mesi il processo costituente di una forza politica nuova, che l’UPT deve concorrere a costruire – in coerenza con i propri valori – ricercando l’apporto di persone, associazioni, esperienze civiche territoriali e formazioni politiche disponibili ad aprire una nuova stagione di presenza del popolarismo trentino di ispirazione democratica, autonomista e riformatrice.

  • di elaborare una nuova forma organizzativa capace di valorizzare l’apporto democratico delle persone e delle formazioni sociali indisponibili e non più interessate ad una militanza partitica di tipo tradizionale.
    Tale obiettivo diventa fondamentale non solo per la vita della nuova formazione politica, ma anche e soprattutto per la tenuta del sistema democratico e per la possibilità che esso sia ancora alimentato da meccanismi efficaci di rappresentanza politica.

  • di adeguare la comunicazione del nostro messaggio in modo immediato, forte e pratico tenendo nel dovuto conto la necessità di raggiungere la platea giovanile e la positività dei messaggi in contrapposizione alla comunicazione negativa tendente a sollecitare paure e falsi nemici.

  • Di stabilire un approccio alla Comunità e alle sue varie componenti che rifletta ciò he siamo: un’associazione di volontari. Politica significa fare cose per le persone e con le persone. Recuperare l’attività sul territorio, “on the road” al fianco dei lavoratori, delle imprese, del mondo del volontariato e dell’associazionismo.

L’unione del Trentino punta sulla tornata dei rinnovi amministrativi della primavera 2020 come un primo importante passaggio sulla strada sopra indicata.

«Occorre un rilancio cedibile delle Autonomie Locali in Trentino, – si legge ancora nel documento – da sempre veicolo di partecipazione e di autogoverno delle comunità ed oggi fortemente condizionate dalle incertezze derivate dalla controriforma istituzionale e dalle spinte centraliste che sembrano connotare il Governo Provinciale in carica. E occorre che – pur attraverso strumenti di presenza elettorale diversi in ragione della specificità delle situazioni – le forze politiche popolari, democratiche ed autonomiste nonché le aggregazioni civiche presenti in molte realtà locali costruiscano da subito una prospettiva di impegno comune in vista di tale scadenza».

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Nuova struttura organizzativa per il partito democratico Trentino

Pubblicato

-


Qualche mese è passato dall’elezione di Lucia Maestri quale nuova segretaria del Partito Democratico del Trentino.

Per il partito democratico trentino i mesi intensi di campagna elettorale e i numerosi gazebo allestiti in mezzo alla gente sono una base di partenza incoraggiante, che «ci impone di dispiegare il massimo impegno ed esercitare la massima responsabilità nei prossimi cruciali mesi, in vista della campagna elettorale per le elezioni comunali del 2020» – Spiega Maestri.

Il partito Democratico del Trentino riparte anche da una nuova struttura organizzativa.

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso dell’ultimo coordinamento provinciale, tenutosi a Nomi presso la Festa dell’Unità venerdì 7 giugno, sono stati presentati nomi delle persone che comporranno la segreteria organizzativa.

A ciascuno di loro è stata affidata una delega: Enti locali, Circoli, Comunicazione, Organizzazione, Formazione, Coordinamento commissioni di lavoro e Rapporti con il coordinamento.

La Segretaria, Lucia Maestri, ha ritenuto opportuno affidare alcune delle deleghe sopra indicate a membri del coordinamento provinciale in modo tale da garantire sempre una solida saldatura tra l’azione della segreteria, di nomina fiduciaria della Segretaria, e il coordinamento provinciale.

I due organi devono procedere e operare di pari passo in modo tale da tenere sempre aggiornato il partito e i suoi diversi rappresentanti rispetto alle decisioni assunte in segreteria e viceversa.

«Le sfide, difficili ma entusiasmanti, che ci attendono richiedono, da subito, – sottolinea Maestri –  il massimo grado di coinvolgimento e la massima collaborazione da parte di tutte/i. E’ e sarà, per altro, il coinvolgimento, già vissuto nella recente campagna elettorale, la modalità di fondo del nostro lavoro».

Di seguito i nomi delle persone indicate:

Enti locali: Vera Rossi (coordinamento provinciale)

Circoli: Sacha De Carli (coordinamento provinciale)

Organizzazione: Roberto Menegaldo, Cristina Casagrande e Davide Tabarelli

Formazione: Pasquale Mormile

Coordinamento commissioni di lavoro: Chiara Rossi

Comunicazione: Cristina Frassoni (coordinamento provinciale) e Giulio Piffer.

Rapporti con il coordinamento: Alessandro Fedrigotti.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza