Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Venerdì la mostra euregionale «Signora fotograf(i)a. Collezioni storiche Tirolo – Alto Adige – Trentino»

Pubblicato

-

Sarà inaugurata il prossimo venerdì 24 maggio alle 17.30, nella prestigiosa cornice di Palazzo Roccabruna, la sezione trentina della mostra euregionale “Signora fotograf(i)a.

Collezioni storiche TiroloAlto Adige – Trentino”, realizzata con il contributo della Provincia autonoma di Trento e il coordinamento locale della Soprintendenza per i beni culturali, nell’ambito del progetto interregionale Italia-Austria “Argento vivo”, per la prima volta esteso anche al Trentino.

In particolare, l’iniziativa si sviluppa in cinque sedi tra Lienz, Innsbruck, Brunico e Bolzano (18 maggio – 30 giugno 2019), trovando completamento a Trento (24 maggio – 27 luglio 2019), con l’obiettivo di valorizzare la fotografia storica in quanto specchio di trasformazioni culturali e tecniche e parte integrante del patrimonio culturale.

Pubblicità
Pubblicità

Maria Bolognini, moglie del fotografo, in viaggio di nozze, 1905 Foto: Enrico Unterveger; Archivio fotografico storico, Soprintendenza per i beni culturali PAT
In ogni città, la selezione delle fotografie, sempre diversa, affianca esemplari provenienti da tutte le istituzioni coinvolte.

Trova così espressione la ricchezza dei numerosi archivi fotografici qui uniti in un inedito percorso di collaborazione, con precisi rimandi alla materialità delle raccolte e alle pratiche archivistiche.

Il progetto espositivo, a cura di Giusi Campisi e Luca Bertoldi, si collega inoltre alle ricerche ancora in corso sulla costruzione delle identità femminili e la presenza delle donne nella storia della fotografia, nel periodo compreso tra la seconda metà dell’Ottocento e la stagione tra le due guerre mondiali, quando i territori del Tirolo storico, divisi tra Italia e Austria, conobbero diversi destini.

Per le donne furono anni di cambiamenti e conquiste, ma anche di ritardi, persistenze e involuzioni, documentati e riletti con diversi focus nelle cinque cittàpartner.

Presso la Spitalskirche di Lienz (Le età della donna), una scelta di ritratti in atelier e fotografie vernacolari documenta i riti di passaggio, quelle tappe fondamentali di costruzione identitaria che scandiscono le fasi dell’esistenza delle donne in tutte le classi sociali.

Gli scatti in mostra al Museo Civico di Brunico (Lavoro) seguono il mutamento, più o meno evidente, delle professioni e delle attività femminili, dall’agricoltura alla meccanizzazione e al terziario.

L’esposizione al Museo Civico di Bolzano (Atelier) si concentra sulla produzione dei fotografi d’atelier e degli ambulanti, e sui rispettivi contributi allo sviluppo, non privo di contraddizioni, della rappresentazione del femminile. La Zeughaus di Innsbruck (Fotografe) dà invece uno spazio alle donne dietro l’obiettivo, con opere di Maria Egger, Trude Fleischmann, Erika Groth-Schmachtenberger, Erika Ketzler e di Catina Unterweger.

È infine dedicata agli Stili di vita la sezione trentina, che sarà inaugurata il prossimo venerdì 24 maggio, alle ore 17.30, con il coordinamento locale della Soprintendenza per i beni culturali e il sostegno del Servizio attività culturali.

Grazie alla collaborazione della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Trento, sarà la prestigiosa cornice di Palazzo Roccabruna ad accogliere il percorso tra le espressioni fotografiche di ciò che oggi chiamiamo “tempo libero”, in relazione con le nuove libertà, reali e/o illusorie, sperimentate dalle donne nel corso di una storia che coinvolge il corpo e il mutevole concetto del pudore. Speciale attenzione sarà dedicata a quel peculiare dispositivo di auto rappresentazione e conservazione della memoria che è l’album fotografico.

Alle immagini si aggiungerà un montaggio video dedicato alle donne nei filmati storici dei F.lli Pedrotti, che dalla fine degli anni Venti si distinsero nei campi della musica, dell’alpinismo, della fotografia e del cinema di montagna; l’elaborazione, a cura di Format – Centro audiovisivi per l’Ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento, si segnala tra l’altro per le rare immagini di sciatrici su pendii ancora privi di impianti di risalita.

A Trento la mostra resterà aperta fino al 27 luglio 2019 con orario: mar-mer 10-17, gio-ven 10-20, sab 17-20.

Ai primi 10 visitatori che completeranno la visita di tutte le sedi della mostra, l’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi offrirà gratuitamente il Museum pass e l’occasione di approfondire la conoscenza delle attrazioni culturali trentine.

Nell’occasione, Palazzo Roccabruna ospiterà anche un calendario di iniziative collaterali, con proposte laboratoriali a cura dell’Ufficio per il sistema bibliotecario trentino PAT e la presentazione del volume miscellaneo in cui sono approfonditi i temi dell’esposizione.

Pubblicità
Pubblicità

eventi

Dal 5 settembre a Trento l’ottava edizione dell’Oktoberfest

Pubblicato

-

Tutto è pronto per l’ottava edizione dell’Oktoberfest trentina che si svolgerà a Trento Sud a partire dal 5 settembre con la festa dei Soci della Cassa Rurale di Trento che durerà fino all’8 settembre.

Da li in poi sarà vera Oktoberfest con una serie di iniziative capaci di coinvolgere tutte le età.

Ogni fine settimana sarà Family Luna Park e sarà attivo il nuovo Street Food Garden.

Dal 26 agosto sarà possibile la prenotazione online dei biglietti.

La location per la seconda volta sarà in Via San Vincenzo in quell’area che sarebbe stata destinata ad ospitare le nuove caserme; mentre il programma prevede tra gli altri appuntamenti, per giovedì 5 settembre la festa dei giovani atleti delle società del territorio alla quale seguirà una fase di dimostrazione alla presenza di atleti nazionali e internazionali.

Alla 20 inizierà la cena dei soci della Cassa Rurale. L’Oktoberfest si concluderà domenica 6 ottobre.

Sarà attivato anche quest’anno il servizio taxi per poter far festa in sicurezza.

Saranno 5 week end al’insegna della tradizione bavarese, ma con quel tocco di stile italiano che non guasta mai.

Continua a leggere

Spettacolo

La notte degli Oscar: Ferrari è la bollicina ufficiale degli Emmy® Awards

Pubblicato

-

Nella foto Matteo Lunelli e John Leguizamo

Ferrari è per il quinto anno consecutivo bollicina ufficiale degli Emmy® Awards, ribadendo così la passione per l’Arte di Vivere Italiana del mondo dello spettacolo americano, che si riunirà a Los Angeles la sera del 22 settembre per celebrare gli “Oscar” della Televisione.

Subito dopo le premiazioni, si terrà al Microsoft Theatre il Governors Ball, la grande cena di gala dove si brinderà ai vincitori e agli altri personaggi illustri del piccolo schermo.

Gli Emmy Awards rappresentano per la televisione americana l’evento più prestigioso dell’anno, durante il quale vengono annunciati i traguardi più importanti raggiunti.

Pubblicità
Pubblicità

I programmi e il talento dei suoi artisti sono noti al mondo, in quanto il successo crescente delle serie TV ha attratto attori dal cinema internazionale e dal teatro, creando un pubblico globale sempre più fedele.

Il concetto che dà il tema di quest’anno è Brilliance in Motion, una fontana di luce, “un insieme di effetti speciali che riflettono l’energia dell’industria televisiva di questo periodo”, ha commentato Maury McIntyre, Presidente della Television Academy.

Sarà il Ferrari Brut Trentodoc, medaglia d’oro al “The Champagne & Sparkling Wine World Championships 2019” ad accogliere gli ospiti all’ingresso del grande evento e ad essere esposto con delle scenografiche torri di bottiglie.

Durante la serata, le star brinderanno anche con altri Trentodoc, tra cui il Ferrari Rosé e il Ferrari Perlé.

In seguito agli ottimi riscontri dello scorso anno, le Cantine Ferrari riproporranno nel periodo degli Emmy® Awards una villa nel cuore di Beverly Hills, dove si terranno alcuni eventi all’insegna dell’Arte di Vivere Italiana.

“Siamo davvero orgogliosi che per il quinto anno consecutivo la Television Academy abbia confermato Ferrari brindisi ufficiale degli Emmy® Awards – ha commentato Matteo Lunelli, Presidente delle Cantine Ferrari –. Ancora una volta porteremo un tocco di stile italiano in uno degli eventi più glamour di Hollywood celebrando la creatività e il dinamismo dell’industria televisiva con le nostre bollicine Trentodoc”.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

Arte e cultura: Rovereto si trasformi in una «Depero City»

Pubblicato

-

Dopo Trento, Rovereto.

Parliamo di progetti messi in atto da altre amministrazioni comunali italiane che potrebbero “copiati” per così essere utili anche alla nostra realtà.

Nel caso di Trento l’idea sulla quale riflettere erano i corsi di guida delle biciclette e in generale sul codice della strada per profughi che in toscana la giunta di centro sinistra ha attivato dopo la presa d’atto della pericolosità tenuta che non rispetta regole e disciplina.

Pubblicità
Pubblicità

Nel caso di Rovereto invece, l’idea arriva da Rimini dove fervono i preparativi per festeggiare il prossimo 20 gennaio la nascita di Federico Fellini.

Rovereto potrebbe fare altrettanto con Depero, trasformandosi in una temporanea “ Depero City”.

La spesa per creare il Museo Fellini sarà di 15 milioni di euro di cui 12 stanziati dal Ministero dei Beni Culturali, poi Rimini si trasformerà in un grande set del quale saranno protagonisti i turisti, oltre che i cittadini.

Con moderne tecnologie ci sarà una stanza nella quale si avrà la sensazione di tuffarsi nella Fontana di Trevi insieme ad Anita Ekberg.

Poi ci saranno mostre, laboratori ed un effetto speciale che si adatterebbe molto bene anche all’idea Futurista di Depero: l’immagine del mitico Rex di Amarcord apparirà magicamente su un muro d’acqua grazie ad un braccio di 25 metri che si alzerà da terra.

Rovereto potrebbe finalmente puntare sulla valorizzazione di uno dei più noti concittadini, con una manifestazione che gli renda onore.

Piazza Malfatti con Via dei Portici dove ha sede La Casa d’Arte Futurista Depero, Via della Terra e Via Rialto potrebbero ricostruire con facilità il clima di inizio diciannovesimo secolo e si potrebbe creare un evento anche su più giorni, di richiamo assoluto.

Un aiuto lo potrebbe anche dare Sgarbi presidente del Mart e si potrebbe realizzare un appuntamento da ricordare.

Purtroppo l’immobilismo delle giunte di centro sinistra e la mancanza di fantasia è cosa conosciuta.

Non dimentichiamoci infatti che il Sindaco Valduga è perfino riuscito ad affidare l’organizzazione degli eventi natalizi ad Agostino Carollo il cui disastro creativo e organizzativo ha fatto infuriare la maggior parte dei roveretani.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza