Connect with us
Pubblicità

Politica

Roberto Battiston: i disastri spaziali del cocco della sinistra

Pubblicato

-

Giù le mani dal nipotone di Romano Prodi, giù le mani dalla scienza.

La revoca del mandato di presidente dell’Agenzia spaziale italiana a Roberto Battiston, che era stato rinnovato in articulo mortis da Valeria Fedeli il 7 maggio, continua a scandalizzare le anime belle che «lo spoil system sulla ricerca non si fa».

L’altro giorno, in prima pagina sul Corriere della Sera, il lamento del fisico Carlo Rovelli: «Le mani politiche sulla scienza».

Pubblicità
Pubblicità

E l’udienza al Quirinale con Sergio Mattarella per il novello Galileo Galilei del Pd.

Peccato che al Colle andrebbero forse invitati anche i revisori dei conti dell’Asi che, in una serie di relazioni che la Verità è in grado di rivelare, hanno descritto un ente gestito in modo decisamente discutibile da Battiston, tra contratti di lavoro su misura e decreti presidenziali d’urgenza a raffica.

Oltre alle mille magagne del Centro italiano ricerche aerospaziali (Cira) di Capua, oggetto di perquisizione della Finanza proprio nei giorni scorsi.

L’attenta analisi la scrive Francesco Bonazzi su «la Verità» il quotidiano, diretto da Maurizio Belpietro, pochi giorni prima delle elezioni europee dove manco a dirlo Roberto Battiston è candidato del PD 

Pubblicità
Pubblicità

Dopo la decisione del ministro della Ricerca, Marco Bussetti, di utilizzare i poteri che la legge gli attribuisce, tutti i giornaloni sono stati compatti nel denunciare «la rimozione politica» di Battiston. Ma sono stati egualmente compatti nel tacere due elementi non banali: come denunciato il 16 febbraio scorso da questo giornale, la procedura di selezione per il nuovo presidente era stata smaccatamente anticipata di tre mesi per mettere in sicurezza Battiston. Il quale, oltre che un noto uomo di scienza, è anche il noto marito della nipote di Romano Prodi.

L’incarico di Battiston ai vertici dell’Asi significava, per il centrosinistra, il controllo su un bilancio da 1,6 miliardi di euro e su tutta una serie di incentivi e partnership con le aziende pubbliche e private italiane del settore.

Non è dato conoscere se Battiston sapesse o meno che dopo le elezioni del 4 marzo sarebbe saltato. Ma certo andava di fretta. Nel verbale della riunione del 3 ottobre scorso, il collegio dei revisori dei conti (Natale MonsurròGaetano Tatò e Francesco Mercurio) osserva che dall’inizio del 2018 Battiston ha governato l’ente con 42 decreti presidenziali, la maggior parte dei quali d’urgenza.

I revisori puntano il dito, per esempio, su un contratto a tempo determinato a un ingegnere, Giuseppe Dell’Amore, che riporta come data di registrazione il 1° gennaio, il che suscita «perplessità» se non altro per il giorno festivo. Il 26 gennaio, Battiston proroga al 29 febbraio 2020 un contratto di ricerca a Vanessa Viti. Anche qui, i revisori chiedono la ragione di una proroga «d’urgenza» di addirittura due anni. Con un’altra decisione autonoma, l’ex presidente mette in sicurezza anche la ricercatrice Sara Piccirillo.

Il suo incarico sarebbe scaduto il 28 febbraio di quest’anno, ma con un mese d’anticipo lui la sistema fino al 29 febbraio 2020. Tra gennaio e il 25 giugno, Battiston si nomina in splendida solitudine dieci commissioni valutatrici per temi che vanno dal contratto con Alenia thales fino alla creazione di un asilo nido aziendale. I revisori dei conti obiettano: ma visto che la relazione finanziaria dice che queste nomine non portano oneri finanziari, non sarebbe il caso di «chiarire il carattere onorifico di detti decreti, atteso che i relativi dispositivi non chiariscono l’aspetto finanziario»?

Poi c’è il capitolo del telelavoro: i revisori scoprono che chi lavora da casa ha un rimborso forfettario delle spese energetiche e telefoniche. Ma l’accordo aziendale prevede che «il predetto rimborso sarà calcolato, e conseguentemente erogato, per le giornate di telelavoro effettivamente prestate».

Nella riunione dell’11 ottobre, i revisori affrontano ancora il tema dell’iperattività del Battiston: «Il collegio rinnova l’invito a voler meglio specificare in ogni provvedimento le motivazioni dell’urgenza che hanno determinato la procedura in deroga». E vengono messi in fila altri provvedimenti, in gran parte a favore di singoli, dei quali non si capisce la fretta.

Poi c’è il Cira di Capua, controllato da Asi, che sembra una specie di buco nero, tra personale scaricato sui suoi bilanci, macchinari costosi mal custoditi e una girandola di manager impressionante. Il magistrato della Corte dei conti il 2 ottobre scodella una relazione che al ministro Bussetti avrà fatto venire i capelli bianchi. Negli ultimi due anni, il Cira ha cambiato tre presidenti e tre direttori generali. Il primo, Luigi Carrino, scelto da Battiston nel 2015, è stato cacciato nel 2016 e denunciato dagli organi di controllo per irregolarità gestionali.

Il secondo, Claudio Rovai, si è dimesso a fine 2017 per asseriti «motivi personali», ma in realtà fonti sindacali parlano di uno scontro durissimo con Battiston su una due diligence. Il terzo presidente, Paolo Annunziato, è stato scelto sempre dall’ex presidente Asi a inizio 2018.

Il primo direttore generale, Mario Cosmo, è stato silurato a marzo 2017 per motivi mai resi noti. Il secondo, Massimo Cavaliere, ha resistito due mesi appena e il terzo, Pierluigi Pirrelli, è stato scelto da Battiston dopo una durissima selezione nel corso della quale ha dovuto vedersela con sé stesso e basta. Pirrelli prende 240.000 euro di stipendio, che son davvero sudati perché per i magistrati contabili ha delle rogne incredibili.

C’è perfino un dirigente da 110.000 euro l’anno che s’è visto solo nei primi giorni, parla spagnolo e ha vinto la selezione anche grazie al fatto che nel bando era richiesta, con stupore di tutti, una lingua: lo spagnolo. Lo stesso Pirrelli è stato sfiduciato due volte dal cda, ma Battiston l’ha sempre difeso.

Non poteva però difenderlo dalla Guardia di finanza, arrivata l’11 ottobre con un mandato di perquisizione su ordine della Procura di Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Sono stati presi bandi e documenti sulla manutenzione degli impianti, oggetto di una due diligence voluta da Battiston e affidata alla Deloitte, sul periodo 2010-2016. La relazione finale era stata durissima, suggeriva di andare in Procura e di chiedere risarcimenti ai responsabili, ma si è persa nei meandri dell’Asi. Forse è finita nello spazio.

Fonte: la Verità

 

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Ok alla commissione speciale d’indagine sull’affidamento dei minori. Ghezzi: «Un mostro». Dalzocchio: «Serve per dare risposte ai cittadini»

Pubblicato

-

Buona parte dei lavori consiliari di ieri mattina sono stati dedicati alla discussione della delibera letta dal presidente Kaswalder per la nomina della controversa Commissione speciale d’indagine in materia di affidamento di minori, organismo la cui istituzione era stata già decisa dall’Aula il mese scorso con l’approvazione a maggioranza di una mozione proposta dalla Lega.

Alla fine del lungo dibattito il Consiglio si è espresso a favore del documento che indica i compiti e gli obiettivi dell’organismo, testo molto criticato dalle opposizioni, con 19 voti a favore espressi dalla maggioranza e i 13 di astensione delle minoranze.

Il testo comprende anche i nomi dei consiglieri designati ieri all’interno dell’organismo con un’apposita riunione dei capigruppo: Claudio Cia di Agire, Luca Guglielmi di Fassa, Mara Dalzocchio, Denis Paoli e Katia Rossato della Lega, oltre a Lucia Coppola di Futura, Filippo Degasperi dei 5 Stelle, Sara Ferrari del Pd e Pietro De Godenz dell’UpT.

Pubblicità
Pubblicità

Paolo Ghezzi di Futura ha ricordato il motivo per cui Futura, che il mese scorso aveva votato contro la creazione della Commissione d’indagine, ieri ha deciso di partecipare all’organismo.

Il capogruppo ha spiegato di giudicare la Commissione “un mostro”, vale a dire un’iniziativa “abnorme” rispetto al suo oggetto perché formata da persone non competenti che per due anni rischiano di tenere in scacco un intero settore da cui dipende la vita di bambine, bambine, ragazze e ragazzi minorenni.

Ma proprio perché si tratta di minori le cui storie, in questi casi sempre dolorose, esigono di essere affrontate con estrema discrezione, assoluto rispetto e la massima sensibilità “non potevamo – ha detto – non entrare in questa Commissione.

La presenza nell’organismo di Coppola garantisce per Ghezzi che vi sarà una grande attenzione a questi temi. L’obiettivo di Futura è evitare che la Commissione, anziché favorire una visione serena e costruttiva del settore, causi dei danni.

Pubblicità
Pubblicità

“Avete consapevolmente deciso di giocare con il fuoco”, ha aggiunto, “facendo un’operazione di propaganda sulla pelle dei minori”. Ghezzi ha poi passato al setaccio il testo della delibera istitutiva della Commissione, incaricata di “vagliare la qualità degli interventi”.

Compito appunto abnorme secondo Ghezzi. La verità a suo avviso è che pur essendo tutti i dati nelle mani dall’assessora leghista al welfare, la Lega ritiene, alla trentina, che “no se sa mai” e che solo questo sospetto giustifica la Commissione speciale.

Sarebbe auspicabile per il consigliere che grazie alla Commissione emergesse effettivamente qualche caso problematico, perché gli esperti che l’organismo ascolterà non potranno certo, per ovvi divieti di legge, fare nomi e cognomi di questo o quel minore.

Ma stando alla delibera, inoltre, l’organismo dovrebbe individuare i minori da tutelare e verificare l’adeguatezza dei servizi rispetto ai bisogni affettivi dei soggetti da tutelare. Ghezzi non ha escluso che nei due anni in cui dovrà lavorare la Commissione riesca a produrre qualche spunto di riflessione per migliorare le cose.

Ma se ciò avverrà sarà solo grazie alla saggezza dei componenti di minoranza e anche della Lega, che consentirà di evitare perdite di tempo e la migliore gestione possibile di quest’organismo che non doveva neppure vedere la luce.

A Ghezzi ha risposto Mara Dalzocchio, capogruppo del Carroccio da cui la Commissione d’indagine era stata richiesta, ha ricordato che a proporre la creazione di quest’organismo consiliare sono state le donne della Lega. Con motivazioni nate dallo scandalo di Bibbiano che ha interessato tutto il Paese.

Era giusto, quindi, chiedere di valutare anche la situazione del Trentino attraverso una Commissione d’indagine. Dalzocchio ha tenuto a precisare che la Commissione non è contro qualcuno ma mira ad indagare il settore per fare il bene dei minori.

Parlare della Commissione come di un mostro è quindi inaccettabile perché – ha aggiunto la capogruppo – qui si tratta di dare supporto alle persone impegnate e coinvolte nel settore. Questo è a suo avviso un preciso dovere di chi siede in quest’Aula.

Dalzocchio ha apprezzato la scelta di Futuro di partecipare con Coppola alla Commissione ma ha respinto con forza le critiche di Ghezzi il quale da un lato contesta l’organismo ma dall’altro riconosce che su questa problematica non esiste una realtà perfetta.

Dunque, ha dedotto Dalzocchio, secondo lui anche nel Trentino può essere che vi sia qualcosa che non va. Tant’è vero, ha ricordato, che tutti i giorni emergono casi di sottrazione di minori dannosi per loro e che non tutelano i loro interessi.

Dalzocchio ha anche negato che la richiesta della Commissione sia frutto di un diktat di Salvini, perché la mozione era stata presentata prima della proposta del capo della Lega. Ha poi ricordato che la bambina presa in braccio sul palco da Salvini era sua figlia e che il caso è stato strumentalizzato fino a quando la verità non è emersa.

“Non c’è alcuna volontà da parte nostra di finire sui giornali – ha assicurato Dalzocchio – perché vogliamo salvaguardare i minori. Innanzitutto evitando che siano allontanati dai genitori se non per brevissimo tempo, perché le separazioni li danneggiano gravemente.

Dopo la richiesta da noi avanzata in Aula con la mozione, ha concluso Dalzocchio, molti genitori si sono presentati da me, il che significa che questa Commissione potrebbe essere utile. Non c’è comunque da parte nostra alcuna volontà di strumentalizzazione – ha ribadito – perché l’argomento è molto delicato.

E di questo siamo del tutto consapevoli. Tuttavia il problema esiste e di fronte ad esso non si può mettere la testa sotto la sabbia. Il desiderio della Lega è che si lavori serenamente nell’esclusivo interesse dei minori.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Dopo la cittadinanza «facile» la sinistra ci riprova con il voto ai sedicenni

Pubblicato

-

Dopo la cittadinanza facile, il voto ai sedicenni: la sinistra non sa più cosa fare per trovare quei voti che sta regolarmente perdendo in ogni tornata elettorale.

L’idea del voto ai sedicenni arriva dallo slancio emotivo di vedere i giovani sfilare per le strade italiane a sostegno di una politica ambientale che salvaguardi il pianeta.

Obiettivi, motivazioni e cortei sono stati d’ufficio etichettati di sinistra e da qui l’illusione che possano essere tutti voti che confluiranno verso una sinistra in profonda crisi.

Pubblicità
Pubblicità

Un’ipotesi supportata anche da una realtà: la scuola trasmette cultura e valori di sinistra e quindi quei giovani che al contrario di chi ha più anni, non hanno memoria storica è chiaro che possono diventare una miniera di voti.

Peccato che un conto sia manifestare saltando un giorno di scuola ed un altro possa essere l’andare a votare.

Insomma non c’è nulla di scontato, così come la cittadinanza facile ottenibile sotto varie forme, settore dove la sinistra continua le sue battaglie imperterrita contro il volere della maggior parte degli italiani.

L’idea era semplice, ricreare quel proletariato che la stessa sinistra ha contribuito a polverizzare con i migranti.

Pubblicità
Pubblicità

Persone che avendo acquisito dei diritti grazie alla sinistra, si sarebbero sdebitati col voto.

Solo teoria però. Prima di tutto perché tra gli immigrati, in particolar modo per quelli provenienti dall’Est Europa i sentimenti anticomunisti sono molto forti, poi le comunità di stranieri sono frammentate e non danno garanzie.

Ma quello che è peggio è che gli italiani si sono ribellati e tra questi molti elettori di sinistra, non condividendo l’immigrazione selvaggia organizzata dai governi targati PD negli ultimi anni.

Registrato il fallimento sul fronte immigrati, la sinistra ci riprova col voto ai sedicenni: sarà la carta vincente?

Non sarà facile, ma piuttosto che andare alla ricerca di astruse ipotesi non sarebbe meglio se la sinistra tornasse a fare la sinistra?

Se i sindacati tornassero a fare gli interessi dei lavoratori?

Ed invece di inseguire migranti e adolescenti non sarebbe meglio recuperare lo spirito delle Case del Popolo e tornare a lavorare per la gente italiana?

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Sondaggio Mentana: continua inesorabile il crollo dei cinque stelle

Pubblicato

-

Il sondaggio di Swg per il Tg di Enrico Mentana non lascia scampo ai Cinque Stelle.

Il Movimento, a ridosso della firma dei capigruppo della maggioranza di Camera e Senato sulla riforma della riduzione dei parlamentari, prende una grande batosta.

I pentastellati – numeri alla mano – calano del -1.1, rispetto alla scorsa settimana, arrivando al 18,5 per cento.

Pubblicità
Pubblicità

Invariata invece la posizione della Lega che si conferma – come sempre – al primo posto, diminuendo dello 0,5 per cento e raggiungendo il 32,3.

A seguire, ancora una volta, il Partito Democratico che vede i propri consensi salire (+0,6) fino al 20 per cento a dispetto dei suoi alleati di governo.

Sorprendentemente il partito di Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia) vede una contrazione, per cui passa dal 7,3 al 7,1 per cento.

Rimane tale e quale a settimana scorsa Forza Italia, ferma al 5 per cento, mentre Italia Viva di Matteo Renzi sembra vedere la luce e aumentare dello 0,7 per cento. Anche se la soglia del 5 per cento non viene superata.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza