Connect with us
Pubblicità

Trento

Tecnologie pervasive digitali per la cura della salute

Pubblicato

-

Se ne parla alla FBK di Trento dal 20 al 23 maggio con oltre 100 esperti internazionali.

La 13° conferenza scientifica internazionale “Pervasive Health”, co-organizzata da EAI, la European Alliance for Innovation e dalla Fondazione Bruno Kessler con TrentinoSalute4.0, si terrà presso la sede FBK di Povo, in via Sommarive, da lunedì 20 a giovedì 23 maggio 2019.

All’appuntamento, che per la prima volta si svolge a Trento, saranno riuniti oltre 100 esperti di tecnologie digitali, professionisti della sanità, rappresentanti di aziende e autorità internazionali.

Pubblicità
Pubblicità

Cosa è la “pervasive health”? Letteralmente è la “salute pervasiva”, ma si intende quell’ambito di ricerca in cui le tecnologie digitali permettono di rendere accessibili a tutte le persone, ovunque e in ogni momento, i servizi per la prevenzione delle malattie e la cura della salute.

Promuovere e diffondere gli studi delle “Pervasive Computing Technologies for Healthcare” significa quindi conoscere varie discipline tecniche e scientifiche per la salute e il benessere, identificare e comprendere i problemi anche da un punto di vista sociale, medico, legale e finanziario (con particolare attenzione alla comprensione e al supporto dei bisogni dei pazienti e dei professionisti); capire i processi di trasformazione in atto, i bisogni e le abitudini delle persone, le problematiche organizzative; saper progettare, implementare e valutare infrastrutture hardware, software, algoritmi, servizi e applicazioni di supporto che consentano di finalizzare al meglio gli investimenti per la gestione dei luoghi dove si prestano le cure.

Nelle tre giornate trentine, gli esperti cercheranno di avviare nuove collaborazioni tra i diversi ambiti di studio che permettano di adottare un approccio multidisciplinare alla ricerca e allo sviluppo di queste tecnologie.

È essenziale creare luoghi in cui le tecnologie, attraverso un approccio combinato alla raccolta, alla correlazione e alla presentazione dei dati, aiutino gli operatori sanitari a fornire elevati livelli di assistenza ai pazienti e responsabilizzino gli individui e le loro famiglie alla cura di sé e alla gestione della propria salute.

Due le relazioni più significative della conferenza: martedì 21 maggio, alle ore 9:30, Wendy Nilsen, della NSF – National Science Foundation e direttrice del programma “Smart and Connected Health” (Virginia, Stati Uniti), parlerà di come rendere la salute più intelligente (Making Health Smarter).

Il giorno successivo, mercoledì 22 maggio, alle ore 14:00, Oliver Harrison, medico e responsabile del progetto innovativo “Alpha Health” di Telefónica (Barcellona, Spagna), affronterà le sfide della cura di malattie croniche con un approccio a “ciclo chiuso” scalabile a tutta la popolazione (Bringing digital innovation to scale – closed-loop public health).

“Pervasive Health si tiene per la prima volta a Trento, dove è stata concepita nel lontano 2005 e da allora portata in giro per il mondo” – afferma Oscar Mayora, ricercatore del gruppo e-health di FBK, fondatore e organizzatore della conferenza.

“Siamo molto soddisfatti di aver organizzato qui questo importante appuntamento che ci permette di mostrare alla comunità internazionale anche le ricerche che facciamo in Trentino grazie al centro di competenza per la sanità digitale TrentinoSalute4.0”.

La medicina personalizzata e gli approcci di prevenzione, grazie ai nuovi metodi di rilevamento, analisi, linguaggio, visualizzazione e interfaccia, hanno il potenziale per adattare il modello di cura della salute alle caratteristiche individuali.

Affinché questo accada sono necessari nuovi progressi scientifici nel campo dell’informatica, dell’ingegneria, delle scienze comportamentali e sociali, che devono evolvere di pari passo con la ricerca biomedica.

Queste collaborazioni tra discipline diverse sono necessarie perché le soluzioni a problemi e processi sanitari complessi devono soddisfare in modo efficace una moltitudine di vincoli derivanti dall’eterogeneità dei dati, dal disallineamento semantico, dalle limitazioni degli attuali sistemi cibernetici, dalla mancanza di informazioni derivanti da osservazioni dirette, dalle dinamiche culturali, dai limiti cognitivi e gli ostacoli al cambiamento comportamentale del paziente, del fornitore e dei caregiver.

La relazione esplora le opportunità e le sfide per lo sviluppo di un ecosistema più intelligente della salute e mette in luce promettenti nuove aree di ricerca.

Oliver Harrison, Telefónica (mercoledì 22 maggio, ore 14:00 – 15:00)

Titolo: Bringing digital innovation to scale – closed-loop public health (Portare l’innovazione digitale in scala – salute pubblica a “ciclo chiuso”)

Dal 1960, la percentuale del PIL spesa per l’assistenza sanitaria è aumentata dal ± 4% a oltre il 10%, ma allo stesso tempo la storica crescita dell’aspettativa di vita si è stabilizzata. La ragione va ricercata nel cambiamento dell’incidenza delle malattie infettive e degli incidenti, rispetto alle malattie croniche.

In tutto il mondo i sistemi sanitari sono impegnati per gestire queste malattie con molte difficoltà a causa della loro caratteristica di cronicità e delle loro radici nel comportamento quotidiano delle persone (al di là dell’influenza dell’ambiente clinico).

Per curare le malattie croniche è necessario un sistema a “ciclo chiuso” in grado di osservare la salute e i comportamenti, comprendere le cause e fornire interventi mirati.

Oggi i progressi nel mondo dei sensori digitali per il monitoraggio della salute, nella progettazione di sistemi per il coinvolgimento degli utenti, nelle neuroscienze e nell’economia comportamentale hanno creato un’opportunità storica per fornire servizi di cura della salute secondo un modello a “ciclo chiuso” scalabile a tutta la popolazione.

Le opportunità economiche sono enormi, così come la promessa di trasformare la salute delle persone in tutto il pianeta e approfondire la nostra comprensione del comportamento umano.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Studi post-diploma, il sostegno alle famiglie con il Contributo provinciale

Pubblicato

-

Sostenere economicamente gli studenti trentini che affronteranno un percorso di studi post diploma, con un contributo provinciale proporzionale a quanto accantoneranno le famiglie di ciascuno studente durante la scuola superiore.

Questo, in sintesi, l’obiettivo della misura che fissa al 31 agosto la scadenza per effettuare il versamento annuale per gli studenti del secondo ciclo di studi.

Un’iniziativa di aiuto alle famiglie, che potranno così dare vita a un piano di risparmio al quale concorrerà la Provincia al momento dell’iscrizione all’università, con una somma in denaro tale da aumentare in maniera importante il capitale accumulato per le spese universitarie.

Pubblicità
Pubblicità

Si continua così ad investire nelle risorse umane, nella convinzione che una maggiore preparazione sia per i giovani un elemento determinante nella ricerca di lavoro.

Il contributo per gli studi post diploma è una misura voluta dalla Provincia autonoma di Trento per aiutare le famiglie trentine a sostenere le spese per gli studi dei propri figli.

La misura prevede, a fronte di un piano di risparmio effettuato dalla famiglia, l’erogazione di una somma di denaro al momento dell’iscrizione  ai percorsi di studi post-diploma, universitari e di alta formazione proporzionale a quanto accantonato.

Accedere al contributo è facile, sarà sufficiente:

– aprire un libretto di risparmio o un conto corrente o un piano di accumulo di capitale (PAC) o polizze assicurative;

– versare per ogni anno scolastico, entro il 31 agosto, una somma di denaro per un periodo da 3 a 5 anni precedenti all’iscrizione a percorsi di studio post diploma;

– accumulare una somma complessiva compresa tra 3.000 e 6.000 euro;

– avere un indicatore ISEE famigliare compreso tra 23.001 e 32.000 euro.

Si tratta di una misura importante se si pensa che, se una famiglia risparmia una cifra tra i 3.000 e i 6.000 euro negli anni delle scuole superiori, quando lo studente si iscriverà a un corso post-diploma, sia in Trentino che fuori provincia o all’estero, potrà ricevere un aiuto pubblico provinciale fino al doppio di quanto risparmiato.

La domanda dovrà essere presentata agli Uffici provinciali nell’anno di iscrizione ai percorsi post diploma, completa della documentazione che attesta l’avvenuto accumulo e dell’indicatore ISEE della famiglia. Ogni anno viene pubblicato un bando con le modalità e le scadenze per inoltrare la richiesta.

I versamenti per costituire il risparmio dovranno essere effettuati entro il 31 agosto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Santa Chiara: ora arrivano anche i venditori di penne abusivi

Pubblicato

-

Il posto è il più frequentato di Trento, cioè, l’ospedale santa Chiara di Trento, il trucco è il solito ed è vecchio come il «cucco».

Da stamane due venditori di penne abusivi stazionano davanti all’entrata dell’ospedale tentanto di ricavare qualche offerta dai parenti in visita ai malati.

«Ti danno in mano due penne e ti dicono che devi fare un’offerta» – spiega un nostro lettore.

Pubblicità
Pubblicità

Alla domanda a chi andassero poi i soldi ecco la risposta: «siamo un associazione che con il ricavato aiuta i disoccupati».

Il dubbio che al primo posto tra i disoccupati ci siano proprio loro due, diviene certezza, specie dopo aver capito che non viene rilasciata nessuna ricevuta.

I due, intorno ai 40 anni, italiani, ma con accento meridionale durante la mattinata pare siano comunque riusciti a convincere qualche anziano a versare l’obolo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Orso M49: gli ultimi aggiornamenti

Pubblicato

-

Prosegue l’attività di monitoraggio, di informazione, supporto e presidio territoriale da parte del personale forestale nell’area interessata dalla presenza dell’orso M49 fuggito lunedì scorso dal recinto del Casteller.

Una nuova fotografia scattata da una fototrappola testimonia la presenza di M49 sui pendii della Marzola.

L’ultimo scatto risale alle 22.54 della scorsa notte in un’area non molto distante da quella dove è stata rilevata la sua presenza ieri mattina.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza