Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

La parola al presidente Diego Mosna: «Da 19 anni la pallavolo entusiasma tutto il Trentino»

Pubblicato

-

Il prossimo 23 maggio Trentino Volley compirà diciannove anni.

Oggi, durante il programma televisivo “Mattina insieme”, trasmesso da un media Trentino, il Presidente Diego Mosna ha ripercorso, fra ricordi ed aneddoti, la sempre più articolata storia della Società che lui stesso fondò nella primavera del 2000.

Ma prima di riassumere quanto detto dal presidentissimo della Trentino Volley ricapitoliamo il palmares di una squadra che è ormai salito sul tetto del mondo.

Pubblicità
Pubblicità

5 mondiali per club 4 dei quali conquistati consecutivamente (2009-2010-2011-2012 e 2018),  3 Cev Champions League, una Cev Cup, 4 scudetti, 3 coppe Italia, 2 supercoppe Italiane

“Ricordo bene quel maggio di diciannove anni fa – ha spiegato su precisa domanda della conduttrice – ; ai tempi ero già appassionato di pallavolo e seguivo il Volley Mezzolombardo. In quel periodo venni sollecitato da amici come Massimo Dalfovo ed Alberto Ciurletti e successivamente anche da Edo Benedetti ad intraprendere una nuova avventura sportiva.  All’orizzonte c’era la possibilità di acquistare i diritti di Serie A1 da Ravenna ed iniziare un percorso inedito per la pallavolo regionale, dopo che Mezzolombardo aveva di fatto concluso il suo pochi giorni prima in Serie A2. Era un progetto ambizioso, non semplice, ma mi dissi che non c’erano motivi per non provarci.

L’entusiasmo che generò questa scelta in tutta la provincia è stato contagioso e lo è tutt’ora. Non mi sono mai pentito di aver compiuto quel passo; rifarei tutto, errori compresi, perché anche quelli ci hanno permesso di diventare quello che siamo. Non ho particolari rimpianti e tutt’oggi lavoro per garantire un futuro a questo Club. Ci ho creduto per primo, convinto che l’idea fosse valida e, anche quando negli anni si sono creati dubbi, ho cercato di infondere fiducia e certezze”.

“Ci sono tantissimi ricordi indelebili che mi porto dietro questi primi diciannove anni di attività di Trentino Volley – ha proseguito il Presidente Mosna – , ma i più significativi sono sicuramente legati alle vittorie del primo scudetto nel 2008 e all’ultimo nel 2015. La vittoria del Mondiale 2018 è stata poi bella ed eccezionale al tempo stesso; mi preme però sottolineare anche la conquista della salvezza nella prima stagione, nel campionato 2000/01.

Fu un passaggio chiave della nostra storia, perché ci permise di restare nel torneo più bello del mondo e soprattutto ci fece capire gli errori commessi. Fu utile per crescere, ispirando il nostro percorso che nel tempo è diventato sempre più importante.

Questo Club ha una forte connotazione territoriale e sociale; lo dimostra anche quanto facciamo ogni anno con il settore giovanile, uno fra i migliori d’Italia e d’Europa che, oltre a produrre atleti di livello anche per la Nazionale, ci permette di stringere ancora meglio il rapporto con la nostra regione”.

“Il lavoro svolto dal General Manager Bruno Da Re ha offerto ancora maggior impulso a Trentino Volley – ha sottolineato Mosna – , offrendole una  definitiva affermazione ad alto livello anche dal punto di vista societario. Il suo stile ha offerto un’impronta importantissima, permettendoci di somigliare sempre più a quella Sisley Treviso in cui lui aveva operato per tanti anni e che da sempre è stato per noi un modello da cui prendere esempio.

La prossima stagione sarà la ventesima di attività; vogliamo affrontarla confermando la nostra formazione titolare per essere ancora molto competitivi, ma ci piacerebbe festeggiare la ricorrenza anche con qualcosa di particolare. Abbiamo sul tavolo diverse idee, fra cui anche quella di una maglia da gioco celebrativa. Ne stiamo parlando proprio in questi giorni”.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Franco Torresani e Carlotta Uber dominano la 24°edizione del Trofeo Panarotta

Pubblicato

-

Si è conclusa sabato sera la 24° edizione del Trofeo Panarotta, organizzata dalla società di atletica GS Valsugana. L’edizione è l’ottava tappa del circuito montagne trentine, promosso dal comitato Fidal Trentino. Nella splendida cornice dell’Alta Valsugana sono stati circa 150 gli atleti che hanno partecipato alla manifestazione.

La categoria assoluta maschile è stata vinta da Franco Torresani. L’atleta noneso della società Atletico Paratico alla veneranda età di 57 anni è riuscito a imporsi su partecipanti anche di trent’anni più giovani.

Il dislivello di ben 1020 metri non è parso per lui un problema, ma grazie ad una freschezza muscolare è riuscito a compiere l’allungo finale e a portarsi a casa il primo posto con un tempo di 43’15.

Pubblicità
Pubblicità

Al secondo posto Igor Targhettini (44’25) della società Valchiese, e sul gradino più basso del podio il fiemmese Gianluca Genuin (44’53) della Fornace Tesero. In quarta posizione si è affiacciato Stefano Gretter dell’Atletica Trento seguito da Andrea Cesaro della Trentino Running Team, Maximilian Franceschini dell’Us Quercia Trentingrana e Daniele Cappelletti dell’Atletica Valle di Cembra arrivato però primo nella categoria juniores.

Nella categoria assoluta femminile ha dominato la gara Carlotta Uber (32’58). La ragazza classe 2001 di Brentonico e iscritta alla società Lagarina Crus Team è parsa a proprio agio durante tutto il tragitto, nonostante la difficoltà nello scavalcare alcuni ostacoli.

Benchè fossero solo due anni che ha scelto questo sport è già riuscita a portarsi a casa un risultato formidabile. Fin da piccola è stata una specialista dello sci di fondo, ma con il passare del tempo si è trovata più a suo agio con la corsa campestre.

Al secondo posto è giunta con otto secondi di ritardo la compagna di team Silvia Battisti, seguita da Elena Sassudelli (33’04) dell’Atletica Trento. La padrona di casa Cinzia Zanei della GS Valsugana Trentino si è classificata al quarto posto, davanti a Sara Baroni dell’Us Quercia Trentingrana e alla figlia d’arte Ester Molinari dell’Atletica Trento.

Nella categoria over 60 a salire sul gradino più alto del podio è stato Fulvio Corradini dell’Atletica Valli di Non e Sole.

Oltre alle prove senior il Trofeo Panarotta ha dato ampio spazio alle competizioni giovanili valide per il Trofeo Scoiattoli Trentini. Nella categoria allievi hanno tagliato il traguardo in prima posizione Francesco Castellan dell’Atletica Trento nel maschile e Giulia Bertini del Gs Triculam nel femminile.

Tra i cadetti si sono affermati Gabriel Bazzoli del Gs Bondo e Beatrice Facchinelli dell’Atletica Trento. Infine nella categoria ragazzi sono emersi Fabio Mozzi dell’Atletica Team Loppio e Ilaria Rossi dell’Atletica Clarina.

La classifica per società ha quindi premiato l’Atletica Team Loppio con 484 punti, al secondo posto il Lagarina Crus Team (293 punti) e al terzo posto l’Atletica Valle di Cembra con 223 punti.

È stato un percorso anche all’insegna della riflessione e della memoria storica. Per tutti gli atleti è stato previsto il passaggio all’interno del tunnel del Forte Busa Granda, costruito dalle milizie durante la prima guerra mondiale. Il forte con la sua batteria di obici corazzati venne costruito fra il marzo e il maggio del 1915. Dopo la restaurazione del 2016 è aperto al pubblico.

Oltre alla componente culturale non è mancata la componente paesaggistica. Per tutti l’arrivo è stato previsto sulla cima del Monte Orno (1538 m s.lm.), la parte occidentale della dorsale del monte Panarotta. La vista mozzafiato sui laghi di Levico e Caldonazzo e in generale su tutta la Valsugana ha ripagato di ogni sforzo.

La manifestazione ha avuto fra gli scopi la promozione del territorio di Vignola Falesina.

Le bellezze storiche e paesaggistiche rendono questo territorio di 172 anime incastonato nell’Alta Valsugana di un’importanza unica. Le premiazioni si sono svolte nel tardo pomeriggio nel paese di Vignola, sede comunale, in concomitanza con la festa del patrono.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

ASD Pergine basket: al via la stagione sportiva 2019 – 2020

Pubblicato

-

Tutto è pronto in casa dell’Asd Pergine per dare il via alla stagione sportiva 2019 – ‘20 di basket

Ma non sarà solo Pergine, ma anche Civezzano, Calceranica, Caldonazzo e Pieve Tesino, dove saranno operativi i centri di minibasket e di reclutamento dei giocatori di età maggiore.

Ovviamente lo sport non è solo agonismo, ma anche impegno sociale ed è per questo che la società sta ultimando le fasi di accreditamento per poter accettare i Buoni di Servizio e far risparmiare le famiglie sulla quota d’iscrizione.

Pubblicità
Pubblicità

Aspetto particolarmente utile nel caso di fratelli che vogliano iniziare a giocare a basket.

A livello di prima squadra è confermata la partecipazione al campionato di serie D Regionale che sarà il naturale sbocco per i ragazzi del vivaio.

Inoltre l’Asd Pergine prenderà parte a tutti i campionati giovanili.

Gli interessati per avere maggiori informazioni ,si potranno a rivolgere a Luca Pascucci 328- 065 5737 oppure scrivere a info@pergineaudace.it

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Trofeo Lago di Caldonazzo: un altro trionfo per i draghi di Pinè!

Pubblicato

-

Nella terzultima tappa del Campionato trentino Dragon Boat UISP vince la squadra di Pinè, che si conferma così in testa della classifica.

Venezia vince la gara femminile, mentre tra gli Junior gli ospiti del Canoa Sile fanno il bis dopo il successo del 2018

Terzultima tappa del Campionato Trentino Dragon Boat / Coppa UISP, sulle acque del lago di Caldonazzo: il Trofeo Lago di Caldonazzo, sulla distanza dei 500 metri, ha visto il successo dell’equipaggio di Pinè, che così conquista i 35 punti che gli permette di rinsaldare la prima posizione nella classifica del Campionato, in attesa della penultima tappa sulle acque della Brenta, a Borgo Valsugana, e della Dracus Longa, ancora una volta sul Lago di Caldonazzo.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco le classifiche definitive:

Finale Open 500 mt.

  1. Dragon Piné (tempo finale 2.03.16)

  2. Canoa Club Sile Senior

  3. Paniza Pirat

  4. Borgo

  5. Tchen Tchen

  6. Uni Venezia Open

  7. La Remenga

  8. La Famigerata 2.0

  9. Bardolino Open

  10. I Brozi del Tenna

Finale femminile

  1. Uni Venezia Femminile (tempo finale 2.19.59)

  2. Bardolino Femminile

  3. Dragon Limite

  4. Paniza Ladies

  5. Canoa Club Sile Femminile

Finale Junior

  1. Canoa Sile Junior (tempo finale 4.31.06– due batterie)

  2. Borgo Junior

  3. Tchen Tchen Junior

  4. Paniza Pirat Junior

  5. Dragon Pinè Junior

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza