Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

A Castel Thun il convegno “Sigismondo Thun l’oratore”

Pubblicato

-

Sabato 18 maggio a partire dalle ore 9 sarà organizzato un convegno per ricordare la complessa figura di Sigismondo Thun, “l’oratore”, in occasione dei 450 anni della morte.

Iprase ha riconosciuto tale iniziativa valida per l’aggiornamento del personale docente della Provincia autonoma di Trento.

Il periodo storico nel quale visse lo vide protagonista nella repressione delle lotte contadine, ma fu anche consigliere e amico intimo dei principi vescovi Bernardo Cles, Cristoforo Madruzzo e Ludovico Madruzzo, degli imperatori Carlo V d’Asburgo e Ferdinando I, del quale fu rappresentante e delegato ufficiale nelle fasi cruciali del Concilio di Trento e per il quale curò fra l’altro lunghe trattative di pace con la Repubblica di Venezia. Collaborò anche con il re di Spagna Filippo II.

Pubblicità
Pubblicità

Nato nel 1487 da Genovefa von Wolkenstein-Rodenegg e da Antonio Maria “il potente”, Sigismondo non volle sposarsi per dedicarsi in pieno a reggere con polso e generosità le sorti della famiglia. Studiò in Germania e in Italia laureandosi in legge (in “utroque iure”).

Normalmente abitava nel palazzo in Contrada Larga ma morì tragicamente, a causa di un incendio, nel suo castello nel 1569.

Per inquadrare questa figura così complessa è stato organizzato un convegno a cura dell’Associazione Castelli del Trentino e del Comune di Ton, il quale metterà gratuitamente a disposizione dei partecipanti il parcheggio P1 sotto Castel Thun.

Aperto al pubblico di interessati e studiosi, il convegno vede la partecipazione di relatori di indiscussa e sperimentata affidabilità, notorietà e serietà accademica.

Porteranno i loro saluti istituzionali l’assessore provinciale alla cultura, il sindaco del Comune di Ton, nonché Laura Dal Prà, direttore del Castello del Buonconsiglio, monumenti e collezioni provinciali, e Bruno Kaisermann, presidente dell’Associazione Castelli del Trentino.

Pietro Marsilli, vicepresidente dell’Associazione Castelli del Trentino e storico dell’arte, terrà l’intervento introduttivo: “Perché questo convegno”. Il giornalista e storico Alberto Mosca tratterà di “Sigismondo Thun: aspetti familiari e dinastici, politici e patrimoniali”. Alessandro Paris, ricercatore FBK-ISIG, approfondirà il tema:

“Un aristocratico trentino-tirolese sullo scenario politico-religioso del Cinquecento”. Francesca de Gramatica, conservatore del Castello del Buon consiglio e storica dell’arte, svilupperà “Dorotea e Sigismondo: committenze artistiche e vicende storiche della famiglia Thun nel primo Cinquecento”.

La neolaureata in storia dell’arte Federica Rigotti illustrerà “L’osteria di San Michele all’Adige e la committenza Thun”. Infine, Emanuela Rollandini, conservatore del Castello del Buonconsiglio e storica dell’arte, curerà una visita guidata al castello mirata sulla figura di Sigismondo.

Il convegno costituisce un’ occasione unica per approfondire la conoscenza di un personaggio di caratura internazionale e al contempo, con logica “glocal”, l’alibi per trattare di tematiche storiche, araldiche, genealogiche, politiche, religiose, artistiche e di committenza artistica di valenza ampia.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Ancora un triplo oro per Eleonora Berti e Francesco Endrizzi ai Campionati Italiani Fids

Pubblicato

-

Eleonora Berti e Francesco Endrizzi hanno bissato il triplo oro dell'anno scorso ai Campionati Italiani Fids

Per Eleonora Berti e Francesco Endrizzi, 14 anni entrambi, anche la stagione agonistica 2019 si è conclusa con risultati di eccellenza. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Lo scrittore Davide Mosca e la cantautrice Caterina Cropelli protagonisti della seconda serata della rassegna “Incontro con l’autore”

Pubblicato

-

La cantautrice solandra Caterina Cropelli sarà l'ospite d'eccezione della seconda serata della rassegna "Incontro con l'autore" (foto Raffaella Vismara)

Prosegue con il secondo appuntamento, in programma mercoledì prossimo (24 luglio), la rassegna letteraria “Incontro con l’autore” che stavolta vedrà protagonisti Davide Mosca, scrittore che vive e lavora a Milano, dove dirige la libreria Verso, e Caterina Cropelli, giovane cantautrice della Val di Sole, scelta da Fedez a X-Factor nel 2016 che, dopo questa avventura, ha iniziato a scrivere e a comporre i suoi brani. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A Sanzeno si torna a “L’età del ferro” con le opere di Luciano e Ivan Zanoni

Pubblicato

-

Sabato 20 luglio scorso è stata inaugurata a Casa de Gentili di Sanzeno la mostra “Zanoni – L’età del ferro”, le opere di Luciano e Ivan Zanoni dialogano con la storia d’Anaunia.

La mostra, organizzata dal Centro Culturale d’Anaunia, espone le opere di due grandi artisti del ferro battuto, gli artigiani Luciano e Ivan Zanoni.

Luciano e Ivan sono padre e figlio di Caldes in Val di Sole, dove vivono e lavorano nella loro fucina, da tempo portavoci della scultura trentina nel panorama artistico, non solo locale e italiano, ma anche internazionale.

PubblicitàPubblicità

I Zanoni, dall’alto della loro esperienza, hanno colto la sfida di riallacciare un pezzo di antica storia d’Anaune all’arte contemporanea, e hanno presentato riproduzioni di manufatti preistorici, reperti archeologici custoditi nel Museo Retico di Sanzeno, ispirati e sviluppati attraverso la loro vena creativa.

Il curatore della mostra è Marcello Nebl. Per questo percorso espositivo Nebl è riuscito ad ottenere un connubio perfetto tra arte e archeologia, inserendo sapientemente le sculture dei Zanoni nelle antiche stanze dello storico palazzo De Gentili.

Lo spettatore percepisce una sensazione naturale, come se fosse normale vedere le opere posizionate lì. Nebl ha dato a questa mostra una ventata di freschezza, di leggerezza, nonostante la pesantezza del ferro.

Le sculture qui appaiono contestualmente semplici ma al contempo complesse, con toni di vita quotidiana abbinati a momenti ancestrali, come la stanza dedicata a Mitra, volutamente semibuia, e, come dice Marcello, “molto rock”.


Apre la serata la coordinatrice Lucia Barison: “Qui a Sanzeno si celebra un matrimonio, quello tra arte e archeologia, grazie a due persone, Luciano e Ivan, che hanno unito la loro conoscenza per creare un percorso espositivo legato alla storia d’Anaunia”.

Hanno presenziato all’inaugurazione molte autorità, a partire dall’Assessore alle attività culturali del Comune di Sanzeno Serena Cicolini, che sottolinea l’entusiasmo con il quale i due artisti hanno accolto la proposta di realizzare questo progetto; segue un breve intervento dell’Assessore alle attività culturali della Comunità della Val di Non Fabrizio Borzaga, che ricorda gli appuntamenti collegati alla mostra che si terranno in parecchi luoghi del territorio anauniense.


La parola passa al Soprintendente per i Beni Culturali della Provincia di Trento, Dott. Franco Marzatico: “Il rapporto tra arte contemporanea e passato crea stimoli per un opportunità di crescita a livello culturale e turistico. La Val di Non possiede enormi potenzialità, adesso ulteriormente aumentati dopo la recente apertura al pubblico di Castel Coredo, e la prossima apertura di Castel Belasi. Il richiamo turistico è in crescita; abbiamo la consapevolezza che l’Italia, oltre che fondata sul lavoro, è fondata sulla cultura. A livello di relazioni europee siamo in dirittura d’arrivo con gli accordi presi con i partner europei”.

Il Sindaco di Caldes, Antonio Maini, si definisce ‘orgoglioso’ di avere come concittadini due artisti del calibro dei Zanoni, che attraverso le loro opere, cariche di emozioni e sentimenti, danno un miglior significato di ‘futuro’.

Il Consigliere Provinciale Lorenzo Ossanna esterna i propri apprezzamenti in merito alla mostra, e ringrazia gli Enti locali per le iniziative culturali sempre di grande livello.

Commenta Marcello Nebl: “L’arte qui appare figlia del territorio, come fosse frutto del territorio. Da sempre Val di Non e Val di Sole hanno un legame importantissimo, e questa idea ‘spinta’, ha rafforzato il legame fra i due territori. La mostra esprimere il dialogo fra antico/contemporaneo, padre/figlio, arte/archeologia. Mentre Luciano, il padre, ha creato la leggerezza delle viti, l’eleganza unica dei cereali, del mondo vegetale, Ivan, il figlio, ha svolto un lavoro diverso con gli animali, esprimendo la forza, il dinamismo, la drammaticità, ha dato vita ad animali di ferro, fissità eterna e al contempo dinamismo”.


L’archeologo Gianluca Fondriest ha curato la mostra insieme a Nebl: “La mostra affronta temi complessi, aperti al grande pubblico, creando una connessione con il cibo, la botanica, l’artigianato, ispirandosi ai reperti esposti al museo Retico. La mostra si compone di due sezioni, una antologica ed una a tema libero riferita all’archeologia, all’agricoltura, alla guerra ed al sacro. Il divino ha preso spunto dalla via sacra dei Campi Neri a Cles; la sala buia dai riti volti all’adorazione del dio Mitra che si svolgevano in grotte naturali. C’è anche un collegamento con l’astrologia, tra astri e costellazioni, rappresentati sottoforma di animali. Tutto ha un senso di sacralità, ma anche di semplicità, tale da comprendere il luogo in cui viviamo, e provare ammirazione per la maestria degli artisti”.


Nel percorso espositivo, al quale ha collaborato Lorenza Endrizzi dell’Ufficio Beni Archeologici della Provincia di Trento, si può guardare un interessante video-intervista con gli artisti realizzata da Marco Rauzi di Ananas Video con Salamon Fine Art di Milano. In vendita un prezioso catalogo della mostra, con le significative fotografie di Francesca Padovan.


Partner della mostra sono la Provincia Autonoma di Trento, la Comunità della Val di Non, il Comune di Sanzeno, l’Associazione Culturale G.B. Lampi, presente all’inaugurazione con il suo Presidente Walter Iori, il Consorzio BIM dell’Adige, a l’A.P.T. Val di Non. Hanno contribuito in veste di sponsor la Cassa Rurale Val di Non, la Cassa Rurale Bank Novella e Alta Anaunia, Zadra Franco Cles, la Miniera di San Romedio, l’Osteria Casa de Gentili.

“L’età del ferro” comprende una serie di conferenze ed appuntamenti su archeologia e storia dell’arte, che avranno luogo da luglio ad ottobre in vari paesi della Val di Non; il programma è scaricabile dal sito del Centro Culturale d’Anaunia. Sul sito anche gli orari della mostra visitabile fino al 13 ottobre prossimo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza