Connect with us
Pubblicità

Trento

Zuffo, apre oggi il ciclo-parcheggio per i pendolari

Pubblicato

-

Da oggi chi lascia l’auto al parcheggio Zuffo può usufruire di una struttura sicura e moderna in cui lasciare la propria bicicletta.

Infatti, dopo il completamento della pista ciclopedonale di collegamento con il centro città (attraverso via Druso, via Fratelli Fontana e via Vannetti), l’Amministrazione comunale ha dato il via alla costruzione di un nuovo ciclo–parcheggio di interscambio auto-bicicletta, in modo da favorire la mobilità sostenibile e ridurre il traffico.

Il progetto è stato pensato in particolare per i pendolari che raggiungono quotidianamente la città per lavoro.

PubblicitàPubblicità

Il nuovo ciclo parcheggio è stato costruito all’estremità sud del piazzale ex Zuffo, in prossimità del Doss Trento, ed è di proprietà del Comune.

Sono stati ricavati 244 stalli per biciclette: 12 postazioni “e–motion” per bici elettriche, 16 postazioni per bici “in–centro” e 216 postazioni per le biciclette private.

Gli stalli sono serviti da corsie di 2 metri e mezzo di larghezza; una quota dei parcheggi (equivalente a circa 60 stalli) è coperta da una tettoia, ma in futuro sarà possibile aumentare la superficie fino a coprire circa 200 stalli.

Molta importanza è stata data alla sicurezza, assicurata da una recinzione alta tre metri e dall’impianto per la videosorveglianza, pensato per scoraggiare furti e vandalismi.

L’ingresso è previsto in corrispondenza del fronte ovest ed è caratterizzato da pannellature colorate che lo rendono facilmente individuabile.

Al ciclo-parcheggio si può accedere utilizzando la tessera del trasporto pubblico (quella personale, non la tessera a scalare), come già avviene per i cicloparcheggi “Port’Aquila” di via Saluga e “Trento stazione” di via Dogana.

Nel caso in cui il ciclista non fosse in possesso dell’abbonamento, può richiedere il rilascio del badge a Trentino Mobilità, che garantisce il controllo e la gestione degli accessi. E’ previsto inoltre un ingresso carrabile per i mezzi di servizio. Il costo complessivo dell’intervento è di 100 mila euro.

I lavori sono stati progettati e diretti dai tecnici del servizio Attività Edilizia (il progetto è dell’architetto Giancarlo Conci, la direzione dei lavori è stata affidata al geometra Renzo Buglioli per la parte edile e all’ingegner Alberto Ricci per la parte impianti).

I lavori sono stati eseguiti da Metalcarpenterie Dalfovo di Mezzolombardo e Mb Costruzioni Elettriche di Vezzano.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Anziana donna contromano in via Brennero

Pubblicato

-

Un’anziana signora ignara di procedere in contromano in via Brenneno ha rischiato di provocare un serio incidente.

Solo gli avvertimenti dei molti automobilisti hanno evitato guai peggiori.

La signora, apparsa molto smarrita, dopo aver capito lo sbaglio ha girato l’automobile ed è ripartita, stavolta per la direzione giusta.

Pubblicità
Pubblicità

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Si ribalta dopo la galleria di Martignano, 4 feriti

Pubblicato

-

Incidente «spettacolare» poco dopo la galleria di Martignano verso le 15.00 di oggi.

Sul viadotto poco prima di entrare della galleria dei Crozi direzione Pergine Valsugana un’autovettura è finita con le ruote per aria.

Per il momento la dinamica dell’incidente è ancora sconosciuta. Sul posto sono intervenute due ambulanze di Trentino Emergenza che hanno trasportato in ospedale 4 persone ferite solo lievemente. Fra di loro una ragazza di 25 anni e un ragazzo di 29.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Finanziamento mondiali di sci nordico in val di Fiemme: arrivano le nuove balle spaziali e fake news de «ildolomiti.it»

Pubblicato

-

Continuano le balle spaziali e le fake news de «ildolomiti.it» il giornale dei centri sociali Trentini e voce del PD Trentino

Dopo le ennesime fake news emerse in alcuni nostri precedenti articoli che hanno testimoniato come le accuse infamanti rivolte alla nostra testata da parte di Luca Pianesi fossero completamente false, smentite dall’accoglimento del ricorso all’ordine dei giornalisti di Roma che ha certificato la correttezza dei nostri articoli (qui articolo) e a nuova fake News sulla possibile assunzione di Luisa Zappini come  responsabile della struttura privata Solatrix, cosa vera invece e confermata da numerosi infermieri. (qui articolo), continua la linea diffamatoria da parte del ildolomiti.it

Nell’articolo a firma di Luca Andreazza il giornale di Luca Pianesi , in piena trance da elezioni, prende un’altra grossolana cantonata incolpando la giunta Fugatti per aver deliberato 990 mila euro per i mondiali di sci nordico della val di Fiemme.

PubblicitàPubblicità

Delibera che invece era stata firmata dal precedente governo di centro sinistra con Luca Zeni solo 9 giorni prima delle elezioni del 21 ottobre 2018, che avrebbe decretato la fine dei governi di centro sinistra dopo 25 anni in Trentino.

L’assessore allo sport Roberto Failoni cascando dalle nuvole spiega che di solito non è suo uso rispondere alle inesattezze o alle fake nesw di qualche media, «Ma in questo caso ho deciso di trasgredire le miei regole perché la cosa è davvero pazzesca e incredibile» – Spiega

Failoni precisa che la delibera di approvazione dell’accordo biennale che ha stanziato 520 mila euro per il 2019 e 470 mila euro per il 2020 per la promozione e la realizzazione delle gare di coppa del mondo di sci nordico in val di Fiemme (la numero 1969 del 12 ottobre 2018) è stata approvata dal centro sinistra e firmata da Luca Zeni che a suo tempo aveva in carico le deleghe di Tiziano Mellarini che aveva dato le dimissioni dall’incarico di assessore.

«La delibera approvata nei giorni scorsi non è che un passaggio tecnico e dovuto – aggiunge l’assessore Failoni – e sarebbe necessaria più attenzione prima di pubblicare articoli pretenziosi dai contenuti assolutamente falsi».

L’assessore Failoni inoltre precisa: «Quando ho visto le delibera ho subito chiesto spiegazioni al dirigente competente, infatti la cifra mi pareva spropositata. Anzi, era mia intenzione annullare il finanziamento. Purtroppo mi è stato detto che era impossibile annullare in maniera retroattiva la delibera in questione firmata e approvata dalla giunta Rossi»

Nell’articolo de ildolomiti.it dal titolo tendenzioso «La provincia taglia ovunque, ma per i mondiali in val di Fiemme trova 100 mila euro in più» viene anche omessa la risposta dell’assessore Stefania Segnana in merito ai tagli.

Nel concreto infatti non si tratta di tagli ma come precisa Segnana di «un passaggio che è stato condiviso con la Presidenza ai fini dell’impostazione della prossima manovra di bilancio 2020-2022, avuto riguardo alla futura decrescita complessiva del bilancio provinciale, dal momento che la spesa sanitaria vale oltre 1,3 miliardi di euro all’anno».

«In buona sostanza – spiega l’Assessorato – è stato richiesto alla direzione aziendale lo sforzo di individuare e quantificare dal punto di vista tecnico i possibili e percorribili efficientamenti che consentono di mantenere in maniera stabile e duratura per il futuro l’equilibrio di bilancio.»

E ancora: «E’ di tutta evidenza che un piano di efficientamento per essere costruito presuppone alcune indicazioni e direttrici di minima, fra le quali vi sono gli obiettivi finanziari; in questo senso l’Assessorato ha ritenuto di stimare i valori target secondo una logica di progressività nel tempo e comunque in misura minore rispetto alla reale decrescita del Bilancio PAT – questa sì da considerarsi “draconiana” – se rapportata all’incidenza della spesa sanitaria sul totale anche tenuto conto, come noto, che la spesa sanitaria, per sua natura, è una tipologia di spesa in crescita fisiologica».

Una nuova sbandata del quotidiano della sinistra trentina che ormai sta naufragando fra una fake news e l’altra e che per campare si è visto costretto a chiedere l’elemosina ai propri lettori raccogliendo solo però pochi spiccioli.

Una clamoroso autogol, che fa anche emergere che la giunta di centro sinistra solo 9 giorni prima delle elezioni del 21 ottobre ha firmato una delibera per la concessione di quasi un milione di euro per l’evento della val di Fiemme.

Come sempre ai posteri e ai nostro lettori le riflessioni e l’ardua sentenza.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza