Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Val di Sole: politiche sociali a misura di territorio

Pubblicato

-

Conoscere le strutture, i bisogni, le persone e le problematiche sociali delle comunità per avviare una ricognizione che permetta di disegnare un quadro preciso delle necessità, al fine di verificare dove e come intervenire con una programmazione che consenta di finalizzare al meglio gli investimenti.

Questo l’obiettivo della visita, richiesta e organizzata dal presidente e dall’assessore alle politiche sociali della Comunità di Valle, che l’assessore alla salute della Provincia autonoma di Trento, insieme a Giancarlo Ruscitti, dirigente generale dell’Assessorato, ha compiuto ieri in Val di Sole.

Quattro le strutture visitate. La prima a Samoclevo, presente anche il sindaco di Caldes, dove ha visitato una Casa di accoglienza per disabili, recentemente inaugurata, gestita dalla Cooperativa GSH. La struttura accoglierà a breve gli utenti del Centro socio educativo di Terzolaz, 8 persone con disabilità eterogenee. Nell’edificio saranno anche disponibili 4 o 5 posti letto per utenti bisognosi di una soluzione residenziale.

PubblicitàPubblicità

La visita è proseguita a Malè, dove l’assessore provinciale ha incontrato gli amministratori dell’APSP “Centro servizi socio-sanitari e residenziali”, insieme al sindaco del capoluogo della Val di Sole. Una struttura con 86 posti letto e 15 alloggi protetti. Terza tappa è stata l’APSP “Bontempelli” di Pellizzano dove insieme al sindaco e agli amministratori della struttura si è discusso di un progetto di cohousing che si intende realizzare in un edificio adiacente acquistato dalla APSP.

Nel corso dell’incontro è emerso come in valle il cohousing sia un’esigenza sempre più sentita dalla popolazione. Infine, l’assessore, anche qui accolta dal sindaco, ha visitato il Centro anziani di Ossana, gestito dalla Cooperativa “Il Sole” dove gravitano, quotidianamente, circa 25 persone.

“A queste visite ne seguiranno altre – ha detto l’assessore in conclusione – perché vogliamo conoscere bene le realtà delle valli per poi decidere come programmare le nostre politiche sociali e come investire al meglio le risorse, ad esempio quelle destinate allo “Spazio Argento”. Riteniamo sbagliato, come si è fatto in passato, adottare un modello di tipo orizzontale che sia unico per tutto il Trentino, perché vi sono comunità che hanno caratteristiche e bisogni diversi. Ci sembra invece opportuno – ha detto – seguire un modello più calibrato sulle reali esigenze dei singoli territori, quanto meno nella dimensione delle Comunità di Valle, dobbiamo modulare gli interventi in maniera sinergica, creando rete tra tutte le realtà socio assistenziali di un singolo territorio nell’ottica di efficentare i costi, evitando sprechi e facilitando la coesione sociale su ogni singolo ambito territoriale”.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

La settimana prossima la Scuola Musicale C. Eccher apre le porte al pubblico

Pubblicato

-

La sede della Scuola Musicale C. Eccher al Doss di Pez, a Cles

La prossima sarà una settimana di porte aperte per la Scuola Musicale C. Eccher. Lunedì 27 maggio toccherà alle sedi di Denno e Fondo, mentre martedì 28 maggio sarà la volta di Cles e giovedì 30 maggio di Croviana. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Nuova mobilità per la Val di Tovel: nuovi pass e navetta gratis per i residenti

Pubblicato

-

Il Comune di Ville d’Anaunia e il Parco naturale Adamello Brenta hanno dato vita a una nuova convenzione, della durata di due anni, per il servizio di mobilità in Val di Tovel che comprende anche la gestione dei parcheggi nell’area naturalistica e in località ex Russia a Tuenno. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Cles: Carabinieri e studenti insieme in nome della legalità

Pubblicato

-

Alunni delle scuole superiori di Cles e Carabinieri si sono dati appuntamento, ieri, per approfondire i “valori della legalità”.

L’iniziativa – promossa dai dirigenti scolastici del liceo Russell, dell’istituto tecnico Pilati, delle scuole professionali Enaip e UPT, ed alla quale anche l’istituto di istruzione Martini di Mezzolombardo – ha coinvolto in tutto 400 studenti.

La particolare giornata è iniziativa presso l’auditorium del liceo Russell, dove il comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Trento Ten. Col. Cuccurullo ha ricordato, nella ricorrenza della strage di Capaci del 23 maggio 1992, la figura del giudice Falcone sensibilizzando i presenti sugli effetti negativi di “indifferenza”, “complicità”, “compromesso morale”, comportamenti comuni alla gente di malaffare, contro i quali il magistrato si era battuto fermamente auspicando, accanto ad un’azione di repressione, la nascita di movimenti culturali e morali che vedessero come protagonisti proprio le giovani generazioni.

Pubblicità
Pubblicità

I ragazzi hanno poi potuto ascoltare il Mar. OSLER, responsabile del laboratorio analisi sostanze stupefacenti per il Trentino Alto Adige, il quale li ha messi in guardia sulle conseguenze, fisiche e giuridiche, dell’assunzione e dello smercio di sostanze stupefacenti, come anche sugli effetti delle c.d. “nuove droghe”, prodotti sintetici di sempre più elevata tossicità.

Gli studenti hanno trascorso la seconda parte della mattinata presso il centro per lo sport ed il tempo libero di Cles.

Qui hanno potuto conoscere da vicino il lavoro del personale specializzato nel “sopralluogo” (in una stanza è stato inscenato un delitto, così i ragazzi hanno potuto vedere il lavoro di esaltazione e repertamento di impronte e gli effetti del luminol, composto chimico usato per rilevare la presenza di sangue), vedere all’opera il cane anti-esplosivo Faust del Nucleo Cinofili di Laives (l’animale ha individuato un’arma da sparo nascosta all’interno di un bagaglio), conoscere da vicino il lavoro, in patria ed all’esterno, nell’ambito delle missioni di pace, dei carabinieri del 7° Reggimento Trentino Alto Adige in Laives, essere informati sulle competenze del comandante la stazione e del personale dell’Aliquota Radiomobile, chiamato all’attività di c.d. pronto intervento.

Qualcuno ha anche messo in pratica le proprie abilità esaltando, con pennello e polvere, le impronte di qualche compagno di classe o di un insegnante.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza