Connect with us
Pubblicità

Lo sport in provincia

Pressano, devi vincere! Tutti al Palavis: c’è Gara-2 con Conversano

Pubblicato

-

Win or go home. Vincere oppure salutare la stagione 2018/2019.

Una Pallamano Pressano CR Lavis con le spalle al muro si gioca tutto o quasi in una serata.

Sconfitta malamente a Conversano sabato in Gara-1, la squadra trentina arriva a giocare fra le mura amiche del Palavis Gara-2 con l’obbligo di vittoria per portare la serie sull’1-1 e giocarsi tutto nella “bella” eventualmente sabato sempre al Palavis.

Pubblicità
Pubblicità

Una situazione non facile per i gialloneri capitanati da Alessio Giongo che devono riscattarsi sotto ogni aspetto ed avranno tutte le carte in regola per farlo, partendo dal fattore campo.

Alle 20.30 le “spalle al muro” giallonere sanno tuttavia di potersi appoggiare sul muro di calore del catino giallonero che per questa formidabile semifinale ormai da giorni va verso il tutto esaurito.

Una spinta unanime per trascinare i gialloneri che cercano risposte sul campo e soprattutto cercano quella brillantezza di gioco che in stagione aveva permesso di giocarsela più che alla pari proprio con l’avversario pugliese.

Sarà un grande mix di emozioni e pensieri: partendo dalla netta vittoria di novembre contro Conversano al Palavis, fin troppo lontano per farne un paragone, per finire con l’evitare i tantissimi errori tecnici e mentali commessi in terra di Puglia.

Dovrà essere un coro di riscatto, dal campo agli spalti, un’onda giallonera: con la convinzione che Pressano può e deve vincere, pur affrontando una squadra di qualità.

Ridurre all’osso gli errori, difendere da Pressano ed attaccare con precisione: tre ingredienti per assicurarsi Gara-3 nel mezzo di uno slalom di ostacoli ed emozioni che il Palavis, più che mai in questa occasione, saprà regalare al foltissimo pubblico.

L’ex di turno Adriano Di Maggio – ormai trentino da 9 anni – non ci sta a chiudere anzitempo una stagione ricca di possibilità:”Arriviamo all’appuntamento di Gara-2 con le spalle al muro – commenta l’ala mancina di origini pugliesi – ma sappiamo di poter sfruttare tanti fattori a nostro favore per prevalere. In Gara-1 abbiamo commesso tanti errori ed abbiamo esaltato le grandi qualità del Conversano: dovremo tenere d’occhio soprattutto questo aspetto e reagire sotto ogni punto di vista. Il secondo posto in Regular Season ci ha dato la possibilità di sfruttare il fattore campo e noi dovremo essere capaci di giocarci tutto sul nostro campo dove un grande pubblico per quella che a tutti gli effetti è la partita dell’anno.

La semifinale scatterà alle ore 20.30 sul parquet del Palavis tirato a lucido per l’evento di cartello della stagione: live streaming sulla piattaforma Pallamano TV e sulla pagina Facebook Ufficiale della Pallamano Pressano. Dirigono l’incontro i giovani fischietti Carrino e Pellegrino.

Pubblicità
Pubblicità

Lo sport in provincia

Buon compleanno Jannik Sinner

Pubblicato

-

Oggi Jannik Sinner compie 18 anni, ma festeggia con un palmares di successi sportivi praticamente unico tra i suoi coetanei.

Battezzato” sportivamente con lo sci, Sinner si trova però decisamente più a suo agio col tennis dove inizia un percorso di crescita tecnica decisamente particolare: nessun torneo Junior, ma un lavoro di costruzione tecnica e fisica.

Sinner quando arriva alla ribalta delle cronache, lo fa praticamente da sconosciuto; ma è già numero 135 del ranking mondiale.

Pubblicità
Pubblicità

Il suo compleanno, Sinner lo festeggia negli Stati Uniti in attesa di giocare le qualificazioni per gli Us Open.

Ma Jannik Sinner non l’unico “ Millenial” che sta contribuendo al ricambio generazione dello sport non solo italiano.

Con lui anche Benedetta Pilato quattordici anni, ma già medaglia d’argento nei mondiali nei 50 rana per lei un’ipotesi accattivante.

Se la sua attività agonistica di livello durasse come quella della Pellegrini nuovamente iridata a 31 anni, potrebbe partecipare al minimo a 5 Olimpiadi: dal 2020 al 2036! Davvero non male.

Nel ciclismo abbiamo un diciannovenne, Remco Evenpoel; un classe 2000 che una volta che ha deciso di pedalare a livello agonistico, è entrato nel gruppo degli imprendibili.

In Spagna ha vinto la “ Clasica di San Sebastian” con lo stesso stile perentorio che ricorda un altro ciclista belga: Eddy Merckx.

Certo tutti talenti da confermare, ma l’inizio dell’avventura è davvero promettente.

L’essere campioni in età giovanile è già successo a molti: Pelè lo fu a 16 anni, poi Nadia Comaneci e Jennifer Capriati, senza tralasciare Rivera, Mazzola e Mancini per citare solo alcuni di una lunga lista.

Quando si emerge a questi livelli, arriva anche la fase più difficile: quella della conferma.

Non è facile restare umili e concentrati, sotto i riflettori, ma Jannik Sinner sta dimostrando notevole maturità indipendentemente dall’essere molto giovane.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Lo sport in provincia

Maronato trionfa su Manica nella Coppa “Città della Pace”

Pubblicato

-

Alessandro Maronato trionfando in finale su Marco Manica conquista l’edizione 2019 della Coppa “Città della Pace” andata in scena martedì sera sui campi da tennis della Baldresca a Rovereto.

Il tradizionale appuntamento estivo organizzato dal Tennis Club C10, ha visto darsi battaglia gli atleti protagonisti del positivo campionato di serie D1 disputato dal club.

I due gironi preliminari hanno promosso alla fase finale ad eliminazione diretta Alessandro Maronato, Gianluca Caputo, Franco Rizzi e Marco Manica.

Pubblicità
Pubblicità

Nella prima semifinale Maronato prevaleva abbastanza agevolmente su Caputo per 4-1 4-0, mentre nella parte bassa del tabellone Manica e Rizzi davano vita ad un incontro spettacolare in cui Manica si imponeva solamente al tie-break della terza frazione di gioco.

Dopo aver vinto il primo set per 4-3 e perso il secondo per 4-0, Manica riusciva a contenere Rizzi nel finale aggiudicandosi il tie-break per 8-6. La finale, dopo un avvio equilibrato, evidenziava tutto il valore di Maronato, che nonostante le buone soluzioni di gioco di Manica, si imponeva col punteggio di 4-1 4-0, bissando il successo dello scorso.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Lo sport in provincia

Su channel Valsugana on line la sesta puntata di «Atletica Magazine»

Pubblicato

-

Non solo Atletica in questa sesta puntata di «Atletica Magazine» su Channel Valsugana

La nostra redazione è andata infatti a trovare la nazionale di Rugby che si sta preparando nella struttura di Pergine Valsugana per i mondiali che si disputeranno in Giappone.

Ma i ritiri delle squadre blasonate hanno poi delle vere ricadute sul territorio?

Pubblicità
Pubblicità

A questa domanda risponderà l’amministratore delegato dell’APT Valsugana Stefano Ravelli che è stato ospite in studio.

In questa puntata vedremo anche il servizio dedicato alla finale oro a squadre disputata a Firenze il 15 e 16 giugno che ha visto protagonista anche l’unica squadra trentina; il G.S. Valsugana.

A seguire i risultati della Caldonazzo Lake Running, l’affascinante gara giunta alla sua seconda edizione e una breve telefonata con Aldo Andrei che sta preparando i campionati europei juniores in sardegna

Non mancherà il momento nostalgia che riguarda una clamorosa tripletta che tre grandissimi atleti italiani hanno portato a termine in un’Europeo che per l’Italia ha dato grandi soddisfazioni.

Qui puoi vedere la playlist con tutte le puntate

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza