Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Anche ai Playoff 2019, Trento risponde: “Presente!”

Pubblicato

-

Ci siamo. Anche quest’anno i giocatori dell’Aquila Basket ci hanno portati alle porte della parte di stagione più interessante: i Playoff.

Per la quinta volta in cinque anni, ovvero da quando sono in Serie A, i ragazzi della squadra trentina hanno dimostrato quanto il loro sia un gioco sempre in crescita.

Fin dal primo anno, da quando avevano fatto loro la definizione di “terribile matricola”, hanno provato a tutti quanto possa essere efficace il gioco di squadra ed il credere fermamente nelle proprie capacità e negli obbiettivi che ci si pone anche quando i risultati non sono immediati.

PubblicitàPubblicità

Il volo di questo team è poi proseguito negli anni successivi confermando sempre più questi principi. Nonostante gli alti e bassi che ci sono stati soprattutto in questa stagione, bisogna riconoscere l’incrollabile tenacia dello staff e della squadra che li ha portati sempre ai massimi livelli della serie.

Nella giornata di ieri, con ben cinque giocatori in doppia cifra (Devyn Marble con 17 punti, Toto Forray con 16, Dustin Hogue, Beto Gomes e Diego Flaccadori con 14) in una partita combattuta fino all’ultimo secondo, tutti i presenti hanno avuto l’occasione di vedere una squadra trentina già in “modalità Playoff”: combattiva e pronta a tutto per strappare l’ultima vittoria nella regular season. 

In Puglia, l’Aquila è scesa in campo a testa alta così come avrebbe fatto l’animale di cui porta il nome e non ha deluso le aspettative. 

Quello che ci aspetta ora sono due partite di grande difficoltà in casa Venezia: qui, il gioco si fa duro e la vittoria sarà fondamentale per arrivare ai quarti di finale. Bisogna però ricordare che l’Aquila è reduce da due finali di scudetto dove la vittoria è sempre stata persa per un soffio contro squadre decisamente più ricche a livello di esperienza, di giocatori e non solo.

Una tenacia che rende onore alla squadra trentina di cui siamo immensamente orgogliosi nonostante le stagioni al cardiopalma che puntualmente ci regala.

La vittoria ottenuta ieri contro Brindisi (76-81) ci proietta verso la Gara-1 dei quarti di finale di scudetto in programma al Taliercio di Venezia domenica 19 maggio a partire dalle 20:45, a cui seguiranno le partite di Gara-2 al Taliercio martedì 21 e Gara-3 a Trento giovedì 23 (ed, eventualmente, a Trento sabato 25).

Nel post-partita, inoltre, arriva una bella notizia per Aaron Craft: è lui il vincitore del titolo di Miglior Difensore della Regular Season 2018/2019.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Pallamano: Bolzano è campione d’Italia 2018 -’19

Pubblicato

-

Bolzano riconquista il titolo tricolore ed è la squadra campione d’Italia 2018-’19.

Quello con Pressano sarebbe dovuto essere un derby scoppiettante, giocato al massimo da due squadre che per tutta la stagione si sono confrontate in sostanziale equilibrio.

Al contrario Pressano ha bucato gara 1 frenato dagli infortuni, fuori subito Dallago e Di Maggio e poi oggi anche D’Antino e così il miracolo nel quale Dumnic sperava, non si è potuto realizzare.

PubblicitàPubblicità

Diciamo che i pronostici della vigilia erano già favorevoli al Bolzano e poi lo svolgimento delle due partite, hanno definitivamente giocato a favore della squadra altoatesina che conquista il suo quinto scudetto nell’arco di dieci anni, a conferma di come il team altoatesino sia il protagonista assoluto di questa ultimo periodo di storia dell’handball nazionale.

Il primo tempo si è concluso col Pressano doppiato col punteggio di 14 a 7 e che ha giocato l’ultimo pallone a tempo scaduto.

La punizione di Argentin però è stata parata senza riuscire a cambiare il punteggio.

Il secondo tempo è andato via liscio con un Pressano che non era più in grado di provare ad incidere e che ha giocato aggrappandosi all’orgoglio e a quello spirito combattivo che non è mai mancato in tutta la stagione.

Ha onorato l’impegno ed ha fatto tutto quello che era possibile nelle sue condizioni, oltretutto con un roster troppo corto.

Il Bolzano ha affondato i colpi sin dal primo minuto della prima partita, concretizzando in campo quella volontà di conquistare il tricolore dimostrata con un campionato che lo ha visto sempre al comando della classifica.

Il punteggio finale della partita che ha assegnato lo scudetto a Bolzano è stato di 28 a 18.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Quarti di finale Playoff Gara 4: Trento vince 61-51 e si porta 2-2 nella serie!

Pubblicato

-

La Dolomiti Energia Trentino in un’altra serata “spalle al muro” tira fuori una prova difensiva ai limiti della perfezione e vince 61-51 contro l’Umana Reyer Venezia in gara-4 dei quarti di finale LBA Playoff PostaMobile 2019 pareggiando la serie sul 2-2.

Di fronte ad una trascinante BLM Group Arena ancora una volta sold-out, i bianconeri ingabbiano il talento offensivo degli ospiti e grazie ad una folata di Marble in avvio di partita conducono per 40’, resistendo ai momenti di difficoltà con la forza di un gruppo che si è ricompattato e trasformato a tempo di record dopo il doppio k.o. del Taliercio in avvio di serie.

Gara-5 è in programma lunedì sera a Mestre: palla a due alle 20.45, appuntamento per tutti i tifosi bianconeri in Club House Aquila Basket per vedere insieme il decisivo ultimo atto della serie.

PubblicitàPubblicità

Miglior realizzatore del match Devyn Marble, 16 punti e 3 assist a referto (5-11 FG, 4-8 3-PT), che ha aperto la partita segnando i primi 11 punti della Dolomiti Energia. Grande doppia-doppia per Dustin Hogue che mette a segno 12 punti (4-9 FG), cattura 12 rimbalzi (quattro dei quali offensivi) e subisce nove falli.

Nove punti in 9’ invece per Nikola Jovanovic (sui 12 complessivi della panchina bianconera).

Il primo quarto è poi proseguito con Trento in vantaggio 17-11, ma l’andamento di questo match è stato chiaro fin da subito: sarebbe stata una partita vissuta al 110%… e così è stato. 

«Anche oggi dovevamo mettere in campo le nostre energie per allungare la serie e portarla a gara-5: la priorità della nostra intensità e presenza era per la nostra metà campo difensiva provando a tenere qualità in attacco. Abbiamo alzato il livello dell’energia nella nostra metà campo anche rispetto ad un’ottima gara-3, sia a livello di squadra che di singoli giocatori. Abbiamo catturato 42 rimbalzi di cui 15 in attacco, mosso bene il pallone nei momenti difficili della partita da cui siamo usciti di gruppo con solidità e carattere. Queste sono partite di livello, sono partite di playoff. Manteniamo alti i nostri standard sui due lati del campo e andiamo a giocarci al massimo delle nostre possibilità questa gara-5 che ci aspetta» – Così a caldo alla fine della partita Maurizio Buscaglia Coach trentino

LA CRONACA -La Dolomiti Energia Trentino apre la partita con uno show offensivo a firma Devyn Marble: il numero 1 bianconero segna 11 punti consecutivi con tre triple a referto e costringe al timeout coach De Raffaele nonostante un buon impatto anche degli ospiti (11-7).

I bianconeri arrivano anche a +10, ma un paio di giocate di Watt e la seconda tripla di serata di Bramos tiene a contatto la Reyer nonostante due canestri di Forray (19-14).

Il protagonista offensivo dell’avvio di secondo quarto di Trento è Beto Gomes: in gara-3 i punti consecutivi del portoghese erano stati nove, in gara-4 invece ne arrivano sei (tutti dall’arco) che aiutano i padroni di casa a ripristinare il vantaggio in doppia cifra (27-17), poi sono i punti da sotto di Pascolo e Hogue (otto rimbalzi all’intervallo lungo) a tenere a bada il tentativo di reazione di una Venezia stordita dalla straordinaria intensità dei padroni di casa ma capace di contenere i danni e presentarsi al 20’ sotto di otto (33-25).

La squadra di Buscaglia però smette improvvisamente di trovare continuità in attacco e apre il terzo quarto con 4’30” senza punti: in quel lasso di tempo infinito agli occhi dei 4.000 della BLM Group Arena però i bianconeri hanno il merito di concedere appena 6 punti alla Reyer, due bombe di Haynes e Bramos.

Nel momento di massima difficoltà nella serata i trascinatori dell’Aquila diventano il “solito” Craft e soprattutto un pimpante Jovanovic. Il centro serbo contiene Vidmar e Watt e segna punti di qualità dal campo e a cronometro fermo, permettendo ai padroni di casa di riallungare sul 43-31.

Avanti 45-36 dopo 30’ di match, la Dolomiti Energia approccia l’ultimo quarto con lo sguardo di chi di chiudere in gara-4 la propria stagione non ne ha la minima voglia: Forray suona la carica, Marble colpisce con la quarta tripla di serata dopo due bombe consecutive di un incandescente Bramos da 5/7 da tre e tiene i suoi a +12 (55-43).

Venezia da quel momento in poi di fatto non segna praticamente più: Craft mette la partita in ghiaccio con la solita leadership totale, Hogue e Beto sbarrano la strada in area.

Per la prima volta nella propria storia in Serie A la Dolomiti Energia giocherà una “bella” per decidere la serie: lunedì a Venezia si deciderà chi raggiunge Cremona in semifinale.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Pressano alle corde, a Bressanone serve un colpo di scena. Lo sfogo dei tifosi

Pubblicato

-

Mugugni da parte di alcuni tifosi gialloneri in merito ai due pesantissimi infortuni subiti in gara 1 dal Pressano.

È un bollettino pesantissimo infatti quello riscontrato dalla Pallamano Pressano CR Lavis dopo la finale scudetto di gara 1 persa al Palavis contro il Bolzano.

Peggio non poteva andare per la squadra di Dumnic che ha perso Adriano Di Maggio ed Alessandro Dallago per infortunio durante l’incontro e per i quali la stagione è finita in anticipo.

Pubblicità
Pubblicità

La critica riguarda l’arbitraggio e i giocatori del Bolzano: «Forse se gli arbitri fossero stati più attenti in molte situazioni questo non sarebbe successo – scrivono alla nostra redazione alcuni tifosi del Pressano – meglio comunque 100 partite con il Fasano e 100 con il Conversano piuttosto che con il Bolzano che ha nella rosa giocatori spietati. Siamo tifosi ma quando è troppo è troppo e gli incontri di resling si fanno sul ring e non in un campo di pallamano, ma comunque vada forza Pressano e sempre». 

Ma torniamo alla partita di domani.

Si va verso  gara 2 di finale scudetto (ore 17.15 a Bressanone, diretta su Sportitalia).

Purtroppo alla non prevista sconfitta casalinga in gara 1, si sono sommati anche i due gravi infortuni a Di Maggio e Dallago che domani renderenno in salita la difficile scalata tricolore dei gialloneri.

Ma non sarà una partita scontata perché gli atleti del Pressano hanno orgoglio e grinta da vendere.

Approdare a gara 3 quindi non è un miracolo, ma sul neutro di Bressanone sarà la madre di tutte le battaglie.

Pressano è pronta per giocarsi il tutto per tutto, con la convinzione di poter dire ancora la propria: e la voce giungerà soprattutto dalle tribune di Bressanone dove si attendono diverse centinaia di tifosi gialloneri, pronti a sostenere i propri beniamini. “Crediamo fermamente di poter fare risultato e di poter portare la serie a gara-3” – dichiara Valerio Sampaolo,(nella foto) attraverso una breve nota della società – “Indubbiamente arriveremo in difficoltà per le assenze, ma cercheremo di sfruttare al massimo le nostre armi e soprattutto di fare noi la partita. Contro Bolzano non puoi giocare sui loro errori: sono una squadra con giocatori di altissimo livello e con tante soluzioni a disposizione. Faremo il massimo e in questi ultimi allenamenti prima di gara-2 ci prepareremo al meglio, cercando anche un po’ di sorprenderli. Il nostro obiettivo è portare questa serie di finale a gara-3”. Fischio d’inizio alle ore 17.15 sul campo di Bressanone, arbitrano i sig. Cosenza e Schiavone; diretta TV su Sportitalia, online sulla piattaforma PallamanoTV.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza