Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

In un libro i 500 anni della Pieve di Santo Stefano a Revò

Pubblicato

-

Il comitato scientifico al gran completo: da sinistra Gianantonio Agosti, Andrea Biasi, Alessandro Rigatti, Lorenzo Ferrari e Walter Iori

Cinquecento anni sono un traguardo non da poco e a Revò si sta festeggiando alla grande il “compleanno” della Pieve di Santo Stefano, vero gioiellino storico e artistico della Val di Non.

Proseguono infatti sulle ali dell’entusiasmo gli appuntamenti organizzati dal comitato scientifico per celebrare un pezzetto di storia revodana.

Numerosi sono gli eventi in programma per il mese di maggio che, come sottolineato tra il serio e l’ironico dall’assessore alla cultura di Revò Alessandro Rigatti, “è il mese della Madonna ma è anche il mese della pieve di Santo Stefano. Saranno cinque gli appuntamenti da non perdere, il più importante dei quali è il convegno in tre serate, ciascuna con quattro diversi relatori, studiosi e ricercatori – spiega Rigatti –. Verrà analizzato e indagato sotto diversi aspetti ogni angolo della pieve: una sorta di degustazione di ciò che troveremo a fine anno all’interno della pubblicazione curata da Andrea Biasi”.

Pubblicità
Pubblicità

Il 26 dicembre prossimo, infatti, è prevista l’uscita di un libro che raccoglierà tutti gli interventi del convegno di studi, che si svolgerà nelle serate di mercoledì 15, 22 e 29 maggio.

Andrea Biasi, a sinistra, insieme ad Alessandro Rigatti, a destra, che illustra i dettagli del convegno

Da parte mia non posso che sottolineare la crescita in termini di soddisfazione e entusiasmo per questo progetto iniziato il giorno di Santo Stefano e che sta proseguendo nel migliore dei modi – prosegue l’assessore –. Stiamo coltivando un grande interesse nella gente: sono sempre di più le persone coinvolte e partecipi durante gli appuntamenti proposti”.

Pubblicità
Pubblicità

Il curatore della pubblicazione, Andrea Biasi, non nasconde la propria soddisfazione per un progetto che lo vedrà impegnato nel raccogliere testimonianze e approfondimenti durante il convegno. “In questi appuntamenti si parte dal profilo archeologico per arrivare fino alla fede – spiega Biasi –. Si studierà quindi la struttura della chiesa come patrimonio storico e artistico e poi dal punto di vista della fede, un’analisi sia materiale che immateriale. Il libro sarà poi corredato con delle fotografie appositamente realizzate. L’augurio è che possa essere d’ispirazione per altri progetti di questo genere”.

Fanno parte del comitato scientifico anche Walter Iori, presidente dell’associazione G.B. Lampi, e Gianantonio Agosti, presidente dell’associazione Anastasia Val di Non.

La nostra associazione non poteva non prendersi a cuore questo progetto, atteso da anni – dichiara Iori, revodano doc –. Questa è l’occasione per raccogliere in un libro le varie sfaccettature della chiesa e può essere un tassello di quella che potrebbe diventare una collana sulle pievi della Val di Non: ce ne sono ancora tante da scoprire e conoscere. Mi preme evidenziare l’importanza di dare alle stampe un libro, un’occasione per fare un po’ di ordine e per proporre un progetto pilota che potrebbe estendersi ad altri territori. Senza dimenticare la grande sensibilità che la popolazione ha manifestato nei confronti di questo edificio”.

Anche Anastasia Val di Non, attraverso le parole del presidente, ha manifestato il proprio orgoglio nel fare parte dell’iniziativa. “Siamo naturalmente felici di questa proposta – afferma Agosti –. Dal mio punto di vista sono due gli aspetti importanti del libro: il valore storico-artistico e, forse ancora più importante, la valenza nello sviluppare la consapevolezza della gente riguardo alla grandezza dei propri beni. Questo è un esempio fondamentale, ma non scontato, e solo così si può crescere e porre le basi anche per uno sviluppo turistico della valle”.

Domani a partire dalle 14 sarà possibile entrare nella Pieve di Santo Stefano e visitarla in una maniera particolare

Tra i membri del comitato scientifico, in qualità di rappresentante della parrocchia, c’è anche Lorenzo Ferrari. “La bellezza di questi 500 anni è che non sono finiti – spiega – è qualcosa che continua: anche le argenterie e i tessuti si utilizzano ancora. Studiamo dunque qualcosa di vivo”.

Domani, domenica 12 maggio a partire dalle 14, la chiesa sarà visitabile e si potrà andare alla scoperta di oggetti quasi mai svelati prima.

Sabato prossimo, 18 maggio alle 20.45, la pieve di Santo Stefano farà infine da cornice al concerto “Note di Maggio”, che vedrà protagonisti il Coro Maddalene di Revò, il Coro Santa Lucia di Magras e il Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio “Bonporti” di Trento.

Non si tratterà solo dell’ascolto di musica, ma sarà anche un’occasione di approfondimento storico su come la musica si è evoluta nei secoli” conclude Alessandro Rigatti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro
    Dopo l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea, i contributi a fondo perduto per le P.Iva disposti dal Decreto Sostegni Bis vengono sbloccati e arriveranno entro l’anno. I dettagli della misura Il sostegno finanziato con 4,5... The post P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti
    Con l’avvicinarsi delle festività si incomincia a parlare di Bonus Natale, una misura di sostegno al reddito introdotta dalla legge finanziaria del 2001 e rifinanziata nell’ultimo decreto legge. Si tratta quindi di un voucher, erogato... The post Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti appeared first on Benessere Economico.
  • Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa
    Anche nel mese di ottobre il tasso di inflazione ha continuato a salire. In particolare, per il quarto mese consecutivo l’ISTAT ha registrato una crescita più alta di quanto previsto in precedenza. L’aumento del prezzo... The post Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa appeared first on Benessere Economico.
  • Cybersicurezza, forte carenza nel settore: i profili più richiesti
    L’accelerazione verso un mondo sempre più digitalizzato ha portato come conseguenza anche ad un aumento della criminalità online. Nei primi mesi del 2021 l’Italia è stata uno dei Paesi al mondo più colpito dalle minacce... The post Cybersicurezza, forte carenza nel settore: i profili più richiesti appeared first on Benessere Economico.

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza