Connect with us
Pubblicità

Piana Rotaliana

Tutta la fame del mondo a Solstizio d’Estate

Pubblicato

-

Fame, all’italiana, non fame, la fama all’inglese. Fame, di cibo, di conoscenza, di libertà, di giustizia, di spensieratezza.

Alla fame, compagna atavica dell’umanità dalla sua alba, nemica da sconfiggere in ogni battaglia di civiltà, è dedicata la 29^ edizione del Solstizio D’estate 2019, presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa da Alessia Gabrielli, direttrice artistica di Solstizio d’estate, e da Federico Dorigati, presidente del Gruppo Arte Mezzocorona.

Perché parlare di fame è parlare del mondo: di quei due terzi dei terrestri che patiscono la fame mentre il terzo restante fa la dieta, di quella fame di progresso e crescita che sta mettendo in ginocchio l’ambiente, di quella fame di vita e di esperienze che si trasforma in fame di cibo.

PubblicitàPubblicità

All’interno del festival di teatro, musica, ed arti performative che dal 5 al 21 giugno animerà la Rotaliana, si racconterà il cibo, come motore di coesione e condivisione, cibo inteso anche come cibo per l’anima, come gioia e spensieratezza, come riflessione e ispirazione.

Perché, anche se “con la cultura non si mangia”, come dicono un po’ tutti, con il teatro, la danza, la musica e la performance speriamo di nutrire la voglia di stare insieme e conoscere il mondo, di indagare le storie di vite, anche quelle degli ultimi della Terra, di saziare la fame di civiltà, di bellezza, di umanità.

Quest’edizione di Solstizio, alla vigilia del trentennale, si aprirà a Roverè della Luna il 5 giugno: con “Fame mia, quasi una biografia” di Annagaia Marchioro, per la regia di Serena Sinigaglia. Un teatro d’attore liberamente ispirato al romanzo di Amèlie Nothomb.

Dopo la tappa a Roverè, la rassegna curata dal Gruppo Arte Mezzocorona, proseguirà con un fitto programma fra teatro, cinema, circo e balletto: Il 7 giugno andrà in scena a Mezzocorona il cinema di “Cinema Amore”, selezione di pellicole dalla Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico, dal Trento Film Festival e dal Religion Today Film Festival.

Sarà poi la volta del balletto con “Golden Days”, spettacolo di danza gioioso ed esplosivo della compagnia Aterballetto, per la regia di Johan Inger, il 9 giugno sul palco delle cantine Rotari a Mezzocorona.

L’11 giugno tornerà il teatro, a Mezzocorona, con lo spettacolo “Il problema”, intenso corale dedicato al delicato tema della sindrome di Alzheimer.

Ancora teatro, ma questa volta attorno ad un tavolo, con lo spettacolo da mangiare del Teatro delle Ariette, a San Michele all’Adige il 13 e 14 giugno, prima della giornata di “Sol in Festa” che sabato 15 giugno animerà la piazza della Chiesa di Mezzocorona con teatro di strada, clownerie acrobatica e laboratori di circo, e si concluderà con la musica Irish degli Alban Fùam in concerto e il teatro scientifico del giocoliere della scienza Federico Benuzzi.

Giro di boa della Rassegna con “Mi abbatto e sono felice,” il monologo eco-sostenibile di Daniele Ronco che andrà in scena a Faedo il 19 giugno.

Con un programma così, la conclusione non potrà essere da meno: il 21 giugno, per il solstizio d’estate, l’omonimo festival si concluderà con il grandissimo teatro d’autore: Ascanio Celestini porterà sul palco, a casa Menestrina, la sua “Ballata dei Senzatetto.

Pubblicità
Pubblicità

Piana Rotaliana

Fallimento Mercatone Uno: Valdero Rigoni indagato per bancarotta fraudolenta

Pubblicato

-

Nella foto Valdero Rigoni amministratore unico di Shernon Holding

Valdero Rigoni, amministrazione unico della Shernon Holding, è indagato dal Tribunale di Milano per l’ipotesi di bancarotta fraudolenta.

Un provvedimento che è diretta conseguenza della relazione presentata dal Curatore Fallimentare avvocato Marco Angelo Russo.

All’atto dell’acquisizione dei 55 punti vendita tra i quali anche quello di San Michele all’Adige, Valdero Rigoni si era impegnato a migliorare l’offerta, alzando i livelli di qualità, ristrutturando e riposizionando taluni punti vendita.

Pubblicità
Pubblicità

Invece nell’arco di pochi mesi, Shernon ha presentato la richiesta di concordato preventivo per evitare la dichiarazione di fallimento.

Richiesta respinta perché i giudici avevano riscontrato un indebitamento complessivo di 90 milioni di euro, maturato in 9 mesi di attività, con perdite gestionali fisse nell’ordine dei sei milioni mensili, in assenza di credito bancario e di fiducia da parte dei fornitori.

Da parte del Tribunale di Milano sono in esame gli ultimi mesi di gestione della holding, mentre quello di Bologna aveva già aperto un’inchiesta per bancarotta fraudolenta che aveva portato ad una serie di sequestri ad inizio del 2017 dopo l’amministrazione straordinaria scattata nel 2015, quando ormai Mercatone Uno aveva maturato un indebitamento di 500 milioni di euro

A livello nazionale l’attuale urgenza, è quella di attivare la procedura per arrivare a selezionare i nuovi commissari.

Mentre sono di interesse comune, i provvedimenti che verranno adottati dal Consiglio Regionale dell’Emilia Romagna dove risiedono 200 dipendenti dei 1860 totali.

Infatti ogni decisione locale come agevolazioni sulla Tari, rette e ticket sanitari potrebbero poi essere adottati anche dalle altre regioni.

La situazione è di fatto gravissima perché molte sono le famiglie monoreddito o con entrambi i coniugi dipendenti di Mercatone Uno e ci si trova pertanto di fronte ad una reale emergenza reddituale.

Come spiegato in modo approfondito nell’articolo di ieri dopo le dimissioni dei commissari straordinari si allunga la possibilità di erogazione della cassa integrazione.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

Incidente sull’A22 all’altezza di san Michele all’adige

Pubblicato

-

Grave incidente stradale questa mattina (13 giugno) verso le 8.30 sulla corsia sud dell’A22, poco prima dell’uscita San Michele.

A causare il sinistro un violento tamponamento tra un furgone e un tir, con il mezzo più piccolo quasi “sparito” tanto era rimasto incastrato sotto l’autoarticolato.

Nel violento impatto l’autista del furgone è rimasto prigioniero tra le lamiere e i vigili del fuoco sono dovuti intervenire con le pinze idrauliche per poterlo liberare.

PubblicitàPubblicità

L’uomo è stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale con l’elicottero di emergenza Pelikan 1.

Le sue condizioni sarebbero critiche.

Sul posto i vigili del fuoco volontari di San Michele all’Adige e di Egna oltre ai vigili del corpo permanente di Bolzano e Trento, la Croce Bianca, la Polizia stradale e il personale del Centro assistenza A22.

Il traffico in transito è rimasto bloccato, con la formazione di una lunga coda, per tutto il tempo dei lavori di sgombero e messa in sicurezza della carreggiata.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

A Lavis campetti da calcetto e volley prenotabili

Pubblicato

-

Il Comune di Lavis ha affidato la gestione dei campetti in via Rosmini al CRCSD Paganella: durante il giorno il loro utilizzo è libero e gratuito, mentre la sera, dopo l’orario indicato, potranno essere utilizzati su prenotazione. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza