Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Il Lions Club Rovereto Host ospita Umberto Guidoni.

Pubblicato

-

50 anni di vita del  Lions Club Rovereto Host, da quel 25 maggio 1969, e 50 dalla conquista della Luna da parte dell’uomo, da quel 20 luglio 1969: due date che si è voluto straordinariamente unire con la venuta a Rovereto dell’astronauta e astrofisico Umberto Guidoni.

Un uomo di grande cultura e di notevole conoscenza scientifica, dimostratosi affabile, generoso e estremamente disponibile.

Accolto lunedì 6 maggio, presso la Fondazione Museo Civico di Rovereto, assieme a quasi 200 persone, giovanissime e meno giovani, che lo attendevano con una certa comprensibile ansia.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo le prime interviste a radio e TV, Umberto Guidoni ha accompagnato i presenti lungo la interessante mostra lì ospitata fino a luglio – La Luna. E poi? – soffermandosi spesso a rispondere alle domande di tutti.

Dalla mostra si è passati nella sala conferenze del Museo Civico, dove la visita è continuata con un fitto dialogo del dr.

Pubblicità
Pubblicità

Guidoni con le molte persone presenti, ben condotto dal Presidente del Museo Giovanni Laezza. La Vice Sindaco Cristina Azzolini ha portato il saluto e il sentito ringraziamento dell’Amministrazione della nostra città.

E’ seguita la nostra conviviale all’Hotel Rovereto, nel corso della quale Umberto Guidoni ha confermato, se ce ne fosse stato ancora bisogna, la propria signorilità.

Pubblicità
Pubblicità

Ha dialogato con tutti i molti presenti, ci ha raccontato della sua lunga vita fatta di incessante studio e di duro addestramento fisico e mentale, ci ha condotti per mano nello spazio infinito che circonda la nostra minuscola Terra.

L’intensa “24 ore” di Umberto Guidoni a Rovereto è proseguita questa mattina, martedì 7 maggio, con uno straordinario “sold out“ all’Auditorium “Melotti”.

Ad attendere il famoso astronauta e astrofisico italiano la Vice Sindaco di Rovereto Cristina Azzolini, la Direttrice della Fondazione Museo Civico di Rovereto Alessandra Cattoi, il Presidente del Lions Club Rovereto Host Germano Gasperotti, ma soprattutto più di 400 studenti dei nostri istituti superiori “Marconi”, “Filzi”, “Fontana”, “Veronesi” e “Rosmini”.

Guidoni ha aperto l’incontro con un esclusivo filmato, con cui ha narrato le molteplici esperienze dell’uomo nello spazio, a partire dai primi anni ’60, epoca di vera “guerra fredda” tra USA e URSS, anni in cui le due superpotenze mondiali hanno dato vita ad un’autentica competizione per la conquista dello spazio, con l’obiettivo di affermare la loro reciproca superiorità.

«La scienza e la tecnologia spaziale fin da allora – ha affermato il dr. Guidoni – hanno certamente contribuito a migliorare anche la nostra vita sulla Terra».

Dal famoso 20 luglio 1969, con le emozionanti immagini e le voci di Neil Armstrong e Buzz Aldring che posano per primi uomini i loro piedi sulla Luna, Umberto Guidoni ha condotto gli studenti lungo un viaggio affascinante, giungendo alle sue due missioni nello spazio.

La prima nel marzo 1996, quando con il Columbia compie ben 252 orbite in poco più di 15 giorni, più di 10 milioni di chilometri; poi la seconda, nell’aprile 2001, quando con lo Space Shuttle giunge come primo astronauta europeo alla Stazione Spaziale Internazionale, al cui interno lascia la bandiera italiana e lo stendardo consegnatogli dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Umberto Guidoni per oltre un’ora ha risposto alle numerosissime interessanti domande dei nostri ragazzi, i quali lo hanno certamente stupito per la loro conoscenza, la loro curiosità e il loro entusiasmo nell’affrontare un tema talmente complesso quanto affascinante quale quello della scienza spaziale.

A tutti, e più volte, Guidoni ha fatto capire quanta perseveranza, passione, coraggio richieda un’esperienza professionale nello spazio.

Come nella vita, una lezione nella lezione la sua. Sin dalla laurea, ottenuta con lode nel 1978, al 2001 Guidoni non ha mai smesso di studiare e di aggiornarsi, e continua tuttora a farlo per poter essere preparato e apprezzato divulgatore scientifico in ogni luogo del mondo. Con generosità e altissima professionalità.

Grazie alla preziosa e fattiva collaborazione con la Fondazione Museo Civico di Rovereto e l’importante supporto dell’Amministrazione comunale, il Lions Club Rovereto Host ha potuto festeggiare i propri 50 anni con un’iniziativa in favore della conoscenza dei  giovani molto significativa e molto gratificante, e che certamente rimarrà per sempre negli annali dello stesso Club cittadino.

 

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Due ragazzi di Mori salvati dal soccorso alpino in Val di Fiemme

Pubblicato

-

Si è concluso verso le 19.30 di ieri sera l’intervento in aiuto a due escursionisti trentini in difficoltà.

I due ragazzi, di 19 e 22 anni di Mori, stavano rientrando da un’escursione con le ciaspole sul sentiero che dal lago di Cece porta verso la Valmaggiore quando uno dei due, a causa di forti dolori muscolari, non è stato più in grado di proseguire autonomamente.

La chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata verso le 17.15.

Pubblicità
Pubblicità

Una squadra di tre soccorritori delle Stazioni di Moena e della Val di Fiemme del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino è riuscita a salire con la jeep fino a una quota di circa 1500 m.s.l.m. per poi raggiungere a piedi i due escursionisti, che sono stati quindi accompagnati in sicurezza fino all’automezzo del Soccorso Alpino.

Da qui sono stati portati alla loro macchina, parcheggiata a Predazzo.

Pubblicità
Pubblicità

Per loro non è stato necessario il ricovero in ospedale.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Rovereto: riprendono i furti d’appartamento. Derubata una coppia di anziani

Pubblicato

-

Presa di mira dai ladri la città della Quercia.

Nelle ultime settimane i raid in Vallagarina si sono intensificati.

A Rovereto verso le undici di mattina un uomo ha notato due ladri uscire dalla finestra al primo piano in una casa fra via Unione e via Pasubio.

Pubblicità
Pubblicità

I due malviventi, un uomo e una giovane donna stavano fuggendo dopo aver compiuto un furto d’appartamento.

L’uomo ha immediatamente chiamato la polizia e nel frattempo ha deciso di inseguire i due ladri. La loro agilità e la loro velocità non hanno però lasciato scampo all’uomo.

Pubblicità
Pubblicità

I due si sono dileguati nelle campagne fra Sacco e San Giorgio entrando in altre proprietà.

All’arrivo delle forze dell’ordine dei due non c’era più traccia.

Pubblicità
Pubblicità

Nell’appartamento svaligiato abita una coppia di anziani che era uscita per delle commissioni. I ladri si sono fatti largo scassinando gli infissi esterni e con facilità sono entrati all’interno dell’appartamento frugando dappertutto.

Una volta che i due anziani hanno fatto ritorno nella loro abitazione, ancora sotto choc, hanno chiamato la polizia per i rilievi del caso. Cambia l’orario rispetto ai furti in Vallagarina di alcune settimane fa che sono avvenuti dalle 18.00 alle 20.00 dalla banda soprannominata appunto «dell’aperitivo»

Il momento del saccheggio avverrebbe ora nelle ore mattutine approfittando magari dell’uscita per fare la spese e qualche commissione. Purtroppo spesso come obiettivi vengono scelte le persone anziane che difficilmente potrebbero reagire in caso di scoperta dei ladri dentro casa.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Ala: auguri ai nuovi maggiorenni

Pubblicato

-

Ad aver voluto rinnovare la tradizione di dedicare una serata ai neo maggiorenni in Comune è stata l’assessora Michela Speziosi, referente del piano giovani Ambra e delle politiche giovanili.

I giovani che quest’anno hanno compiuto (o stanno per compiere) 18 anni nel Comune di Ala sono 98.

«Abbiamo voluto questo momento per incontrarvi, presentarvi le opportunità che il piano giovani, il Comune o la Provincia mettono a disposizione per voi – ha detto Speziosi – ma anche per ascoltarvi, sentire i vostri bisogni e desideri».

Pubblicità
Pubblicità

All’incontro erano presenti alcuni assessori, così come il presidente del Consiglio comunale Gabriele De Rossi, il quale ha presentato il ruolo dell’istituzione da lui presieduta, come viene eletta e formata.

L’assessore Gianni Saiani ha parlato del ruolo della giunta, dei progetti di comunicazione comunali (indirizzati anche verso i giovani, utilizzando strumenti nuovi come i social network, la chatbot, il ViviAla) e sui beni comuni.

Pubblicità
Pubblicità

L’assessore Luigino Lorenzini ha spronato i giovani presenti: «Il futuro è vostro, mantenete lo spirito dei vostri 18 anni, ma non dimenticate mai, neanche in futuro, il divertimento».

A tutti è stata consegnata una copia della Costituzione e dello Statuto di autonomia.

Pubblicità
Pubblicità

Era presente la referente organizzativa del Piano giovani, Luisa Armellini, che ha presentato il ruolo e le funzioni del Piano giovani, così come il servizio civile ed altre proposte pensate dall’ente pubblico per ragazze e ragazzi.

L’incontro è divenuto anche un momento di dialogo, dai bisogni di orientamento alle richieste dei ragazzi al Comune.

«L’edificio dove siamo – ha concluso il sindaco Claudio Soini è la casa di tutta la comunità, e quindi di tutti noi. E perciò anche la vostra: è importante la partecipazione dei giovani alla vita pubblica».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza