Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Doleda: Trentino Sviluppo cede le proprie quote di partecipazione ai privati

Pubblicato

-

L’uscita del socio pubblico Trentino Sviluppo dalla Doleda Impianti Funiviari Spa, che con il 2018 ha chiuso il suo sesto anno di esercizio contabile, chiude un’operazione “di mercato” favorendo lo sviluppo del territorio e un’adeguata remunerazione dell’investimento pubblico.

La società era stata costituita nel 2013, frutto della collaborazione tra Trentino Sviluppo e il socio privato SITC (Società Incremento Turistico Canazei), con l’obiettivo di realizzare il nuovo impianto a fune che collega Alba di Canazei a Col dei Rossi.

Pubblicità
Pubblicità

Un impianto innovativo entrato in servizio il 18 dicembre 2015 che ha permesso il collegamento tra diverse aree sciabili e l’accesso sostenibile, tramite fune, al comprensorio fassano (Belvedere e Col Rodella da un lato, Ciampac-Buffaure e carosello Sella Ronda dall’altro) dal versante di Alba, limitando gli accessi al traffico veicolare.

Pubblicità
Pubblicità

Il gradimento di turisti e sciatori non si è fatto attendere, come testimoniano i 596 mila passaggi registrati nell’anno solare 2018, con un consistente incremento rispetto ai 534 mila passaggi dell’anno precedente.

Alla scadenza del patto parasociale è quindi scattato il definitivo riscatto della quota di partecipazione con SITC che ha corrisposto a Trentino Sviluppo 5,64 milioni di euro, rimanendo socio unico di Doleda.

«Questo passaggio in proprietà completamente privata di Doleda Spa – commenta l’Assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo – è coerente con il rispetto del principio di sussidiarietà con il quale la Giunta provinciale intende operare a supporto dell’ambito turistico. La Provincia, attraverso Trentino Sviluppo, interviene infatti a supporto di investimenti di particolare valore strategico e che presentano una buona prospettiva economica, ritirandosi poi non appena si creano le condizioni per una gestione interamente privata».

La new.co era nata sei anni fa per realizzare la funivia bifune («sistema Funifor») lunga poco più di 2 chilometri (2.200 metri), per coprire un dislivello di 880 metri con una pendenza media del 42%.

L’impianto Alba-Col dei Rossi, costato 18,6 milioni di euro, composto da cabina per cento passeggeri e con una portata oraria di 1.120 persone, ha permesso da subito una drastica riduzione del traffico stradale da Alba e Penia verso Canazei e delle code di sciatori agli impianti di arroccamento della stessa Canazei. Un’opera che ha valorizzato dal punto di vista turistico tutto l’ambito dell’Alta Val di Fassa.

La tipologia di impianto della Alba-Col dei Rossi è stata scelta negli ultimi anni anche per altre linee funiviarie dell’arco alpino: un sistema che garantisce un’elevata stabilità al vento, grazie all’intervia tra le funi portanti molto ampia, alla continuità di servizio, consentita dagli anelli di trazione indipendenti, alla facilità di intervento per il soccorso in linea ed al ridotto impatto paesaggistico, grazie a stazioni poco impattanti e di altezza contenuta e all’assenza di disboscamento, non necessario per garantire la calata a terra dei viaggiatori in caso di emergenza.

Il nuovo impianto ha permesso, in questi anni, un ampliamento dell’area sciabile e il consolidamento del comprensorio e ha prodotto una profonda rivitalizzazione economica delle società impiantistiche delle zone del Buffaure e del Ciampac, che da ski-aree isolate di medie dimensioni sono così diventate parte integrante del vasto circuito del Sella Ronda, noto e riconosciuto a livello internazionale.

La società Doleda era stata costituita nel 2013 con un capitale sociale iniziale di 816.250 euro, per il 51% detenuto da SITC Spa e per il 49% in mano a Trentino Sviluppo. È stato poi attuato un piano di aumenti di capitale fino a 12 milioni di euro.

L’impianto di Alba è stato, per Trentino Sviluppo, un investimento strategico di contesto, nell’ambito delle stazioni sciistiche maggiori, ovvero quelle di livello sovra provinciale, nazionale o internazionale, capaci di operare alle condizioni di mercato.

Nel 2013 Trentino Sviluppo aveva impegnato una quota capitale di 5 milioni e 880 mila euro. In due annualità successive, nel 2017 e nel 2018, la società Doleda ha inoltre distribuito dividendi alla società di sistema della Provincia autonoma di Trento per complessivi 362.000 euro circa.

SITC ora corrisponde a Trentino Sviluppo 5 milioni 646 mila euro. Per Trentino Sviluppo, quindi, considerando la valorizzazione di rendimento e i dividendi, un incasso di oltre 6 milioni di euro.

Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

La Giunta provinciale a Tesero nell’anniversario della catastrofe del 1985

Pubblicato

-

Nell’anniversario della catastrofe di Stava, che il 19 luglio del 1985 provocò la morte di 268 persone, per il crollo dei bacini di decantazione della miniera di Prestavel, la Giunta provinciale, guidata dal suo presidente Maurizio Fugatti, ha deciso di tenere proprio a Tesero la sua tradizionale riunione settimanale.

Un segno di vicinanza all’insegna del ricordo ma anche della solidarietà attiva, apertosi con il benvenuto del sindaco di Tesero Elena Ceschini. “E’ un onore per noi ospitare la Giunta in questa giornata molto sentita dalla nostra comunità – ha detto il sindaco – . Purtroppo dopo l’evento di 34 anni fa altre tragedie simili si sono succedute nel mondo. Per questo è più che mai necessario preservare il valore di monito di quanto accaduto nella nostra valle“. “Il tema della sicurezza ambientale – ha detto a sua volta Fugatti – continua ad essere per noi determinante. Non a caso la Giunta ha assunto anche oggi delle decisioni in materia, nella convinzione che le risorse investite in quest’ambito non sono mai abbastanza, nonostante gli sforzi fatti dal Trentino in questi anni“.

Pubblicità
Pubblicità

Il riferimento del presidente era ad una serie di delibere riguardanti l’aggiornamento delle “carte di pericolosità”, previste dalla legge provinciale in materia di protezione civile, illustrate dal vicepresidente e assessore all’ambiente Mario Tonina. “Ogni anno – ha detto Tonina – vengono investiti in protezione e prevenzione almeno 50 milioni di euro. E’ anche grazie a questo che il territorio è riuscito a tenere testa alla tempesta Vaia, nonostante i danni patiti”. Concetto ribadito dall’assesore all’agricoltura Giulia Zanotelli, che ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito all’aggiornamento delle “carte di pericolosità”.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo la riunione, la Giunta ha visitato il centro di documentazione val di Stava della Fondazione Stava 1985.

Nel tardo pomeriggio, le cerimonie pubbliche.

Quest’anno l’anniversario è stato dedicato al ricordo di Mariano Scano, Maria Rosaria Pitzalis, Luciana Sigura e Maria Assunta Cara, i quattro ragazzi di Samassi in Sardegna, periti nel disastro.

La Santa Messa in suffragio delle Vittime è stata celebrata alle ore 18.30 presso il cimitero monumentale di San Leonardo a Tesero, preceduta dalla cerimonia di deposizione di un mazzo di fiori al monumento donato dalle popolazioni del Vajont davanti alla chiesetta “La Palanca” a Stava, per iniziativa degli Alpini delle Sezioni ANA di Tesero e Longarone.

Il Centro di documentazione – Il Centro di documentazione sulla catastrofe del 19 luglio 1985 in Val di Stava e la sede della Fondazione Stava 1985 Onlus sono ospitati in un edificio di Stava di proprietà del Comune di Tesero. Nello stesso edificio si trovano una sala esposizioni, che ospita l’esposizione permanente “La Valle di Stava nelle attività passate”  , realizzata dall’ Istituto Comprensivo Scuole Medie di Tesero (aperta al pubblico con ingresso gratuito negli stessi orari di apertura del Centro di documentazione).

Nell’edificio sono state ricavate la sala del percorso didattico, la sede della Fondazione ed una sala per attività di informazione e didattica nella quale viene proiettato il cortometraggio e si svolgono gli incontri informativi.

Elementi del Centro di documentazione sono il percorso didattico allestito su una superficie espositiva di circa 120 metri quadri e il cortometraggio docu-fiction “Stava 19 luglio”  (per la regia di Gabriele Cipollitti, regista Rai e collaboratore di Piero Angela per “Superquark” e gli “Speciali di Superquark”, con Andrea Castelli e i ragazzi di Tesero).

Con questi strumenti è possibile conoscere la storia della miniera e dell’impianto di arricchimento del minerale di Prestavel e vedere “ricostruiti”, grazie alle tecniche di ripresa e gli effetti speciali altamente sofisticati che Cipollitti utilizza per le produzioni Rai di divulgazione scientifica, la lavorazione mineraria e la crescita delle discariche dai primi anni sessanta fino al loro crollo catastrofico

L’intervista al sindaco di Tesero Elena Ceschini

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Scoperto l’autore dei danneggiamenti a Predazzo

Pubblicato

-

Aveva destato un certo disappunto tra la popolazione un danneggiamento registrato nel centro di Predazzo la notte tra il 5 ed il 6 luglio quando veniva divelta una delle graziose fioriere posta lungo la Via Cesare Battisti a delimitazione delle corsie.

Nei giorni successivi i Carabinieri del Comando Stazione di Predazzo, attraverso una specifica attività informativa, ricostruivano le dinamiche dei fatti appurando che, non si era trattato di un atto vandalico come era stato paventato in un primo momento, ma del fatto che un automobilista aveva distrattamente urtato una fioriera provocandone il suo rovesciamento.

Pubblicità
Pubblicità

L’autore dell’episodio, identificato dai Carabinieri di Predazzo, dovrà risarcire il Comune per i danni causati all’arredo urbano. Proprio al fine di prevenire episodi similari, le articolazioni della Compagnia Carabinieri di Cavalese, saranno impegnate in specifici servizi notturni al fine di scongiurare eventuali episodi di vandalismo, attraverso la proiezione di servizi nei centri delle Valli di Fiemme Fassa e Primiero, mediante l’impiego di pattuglie sia in uniforme che in abiti civili.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Trentaquattro anni fa la tragedia di Stava – Per non dimenticare!

Pubblicato

-

Oggi venerdì 19 luglio ricorre il 34° anniversario della tragedia di Stava.

Anche la Giunta provinciale di Trento vuole ricordare la catastrofe di Stava e nel giorno dell’anniversario terrà la propria riunione settimanale proprio a Tesero.

Pubblicità
Pubblicità

L’esecutivo è atteso infatti al municipio di via IV novembre nel primissimo pomeriggio di oggi venerdì 19 luglio.

PubblicitàPubblicità

Nel primo pomeriggio di 34 anni fa i primi lanci delle agenzie parlarono di tragedia di grandi proporzioni in val di Fiemme, anche se nessuno ancora si rendeva conto di quanto successo.

Poi, quando il dramma ha cominciato a prendere i suoi contorni più cupi, arrivarono notizie certe.

La colata di fango, iniziata alle 12.22, provocò la perdita di 268 vite umane, la distruzione di 3 alberghi, 53 case d’abitazione, 6 capannoni, 8 ponti furono demoliti e 9 edifici gravemente danneggiati. (qui puoi vedere il drammatico servizio/video di «la storia siamo noi» dove vengono ripresi i primi interventi dei soccorritori e vengono date le prime notizie al Tg della catastrofe con testimonianze dei sopravvissuti.)

Venne cancellata quasi completamente la frazione di Stava, località di villeggiatura gremita di turisti; il paese di Tesero venne gravemente danneggiato. La più grande tragedia di sempre che il Trentino ricordi.

PERCHÈ SI ARRIVÒ ALLA TRAGEDIA – La causa del crollo è imputabile sostanzialmente all’’instabilità delle discariche, soprattutto del bacino superiore. Entrambe le discariche, infatti, non possedevano coefficienti di sicurezza minimi per evitare il franamento. La Commissione ministeriale d’inchiesta ed i periti nominati dal Tribunale di Trento hanno accertato che tutto l’impianto di decantazione costituiva una continua minaccia incombente sulla vallata

L’impianto è crollato essenzialmente perché progettato, costruito, gestito in modo da non offrire quei margini di sicurezza che la società civile si attende da opere che possono mettere a repentaglio l’esistenza di intere comunità umane.

L’argine superiore in particolare era mal fondato, mal drenato, staticamente al limite. Non poteva che crollare alla minima modifica delle sue precarie condizioni di equilibrio.

Le cause dell’instabilità sono state individuate in particolare nel fatto che i limi depositati non erano consolidati a causa della natura acquitrinosa del terreno su cui sorgevano le discariche che non consentiva la decantazione dei fanghi, dell’errata costruzione dell’argine del bacino superiore che non consentiva un adeguato drenaggio al piede, della costruzione del bacino superiore a ridosso del bacino inferiore: crescendo, l’argine venne a poggiare in parte sui limi non consolidati del bacino inferiore, peggiorando così ulteriormente il drenaggio e la stabilità; nell’altezza e nella pendenza eccessive del rilevato:l’argine del bacino superiore aveva un’altezza di 34 metri, la pendenza raggiungeva l’80 per cento, pari ad un angolo di 40 gradi, le discariche erano costruite su un declivio con pendenza media del 25 per cento circa; nella decisione di accrescere l’argine con il sistema “a monte”, il più rapido e il più economico ma anche il più insicuro;nell’errata collocazione delle tubazioni di sfioro delle acque di decantazione:sul fondo dei bacini e attraverso gli argini.

CHI HA PAGATO PER TUTTI I MORTI – Il processo di primo grado si svolse a Trento e si concluse l’8 luglio 1988 con la condanna di 10 imputati giudicati colpevoli dei reati di disastro colposo e omicidio colposo plurimo e cioè: dei responsabili della costruzione e gestione del bacino superiore che crollò per primo: i direttori della miniera e alcuni responsabili delle società che intervennero nelle scelte circa la costruzione e la crescita del bacino superiore dal 1969 al 1985 e dei responsabili del Distretto minerario della Provincia Autonoma di Trento che omisero del tutto i controlli sulle discariche.

Durante tutto il processo campeggiò in fondo al sala del tribunale una tabella con scritti tutti i nomi dei 268 morti e con la frase: «Chiedono giustizia»

Il procedimento penale si è concluso dopo altri 4 gradi di giudizio con la seconda sentenza della Corte di Cassazione, emessa il 22 giugno 1992, che ha confermato le condanne pronunciate in primo grado. Le pene di reclusione sono state ridotte e condonate nel corso dei vari gradi di giudizio. Nessuno dei condannati ha scontato la pena detentiva.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza