Connect with us
Pubblicità

Trento

Trento: operazione «Predatori», arrestati 8 richiedenti asilo

Pubblicato

-

E’ di otto arresti, 12 ordinanze cautelari e 11 decreti di perquisizione il primo bilancio dell’operazione “Predatori” condotta dalla Squadra mobile di Trento.

Le ordinanze sono scattate lo scorso 16 aprile e fanno parte di una operazione generale diretta dal Vice Questore Salvatore Ascione, iniziata a marzo 2018.

A finire in manette otto su 12 cittadini centroafricani, quasi tutti nigeriani, con l’accusa di traffico di stupefacenti.

Pubblicità
Pubblicità

Gli arrestati, tutti richiedenti asilo, erano arrivati in Italia per motivi politico-umanitari e di protezione. Sul totale dei 12 richiedenti messi sotto indagine molti erano stati accolti in Trentino.

L’operazione ha portato alla luce un vasto traffico di droga tra Trento, Rovereto, Verona, Vicenza e Ferrara, gestito da quella che poi gli agenti della Questura di Trento hanno scoperto essere una vera organizzazione criminale.

Lo spunto per le indagini era partito dal lavoro della Mobile denominato “Mandinka e Bombizona, conclusasi l’anno scorso, con l’arresto, in totale, di circa 60 persone ed il coinvolgimento a vari titolo di oltre 100 persone, anche queste per la maggior parte richiedenti asilo, alcune delle quali, poi, denunciate a piede libero ed altre destinatarie di misure cautelari del divieto dell’obbligo di dimora nelle province di Trento, Verona e Vicenza.

Pubblicità
Pubblicità

“Questa ennesima operazione, nata nel solco delle direttive espresse dal Questore Garramone, per ultima quella relativa ai controlli sui treni e sugli autobus e alle relative stazioni dimostra come la risposta della Polizia di Stato sia immediata ed efficace anche nei confronti di quelle persone cosiddette “pendolari”, che alimentano il complesso mondo dello spaccio di stupefacenti pensando, erroneamente, di essere immuni dai controlli solo perché non risiedono stabilmente nel nostro territorio”, ha dichiarato il capo della Squadra Mobile Salvatore Ascione.

In seguito a quel filone dunque gli investigatori scoprirono come dietro alle richieste umanitarie ci fossero alcuni soggetti che avevano come unico obiettivo quello di organizzare una rete criminale per favorire traffici illeciti di stupefacenti.

Eroina e marijuana le tipologie prevalenti di droga immesse sul mercato cittadino del capoluogo. Sostanze che venivano spacciate nelle principali aree a rischio di Trento come piazza Dante, piazza Santa Maria e nel centro storico arrivando fino al “Muse”.

Assieme a Trento era Rovereto l’altro centro nevralgico per la circolazione della merce.

Per evitare i controlli di polizia, gli spacciatori comunicavano tra di loro tramite WhatsApp ed avevano costituito una “giro”, di cui facevano parte anche italiani tossicodipendenti, capace di aggregare la maggior parte di tossicodipendenti provenienti dalla provincia.

Grazie alle dirette conoscenze dei tossicodipendenti italiani anche provenienti dalle valli, era possibile la consegna della merce in luoghi relativamente lontani dal monitoraggio della Polizia.

La fidelizzazione causava un prezzo ribassato, ma permetteva di eludere i controlli ed evitare eventuali sequestri. Inoltre gli “associati” reinvestivano gran parte dei proventi per l’acquisto di nuove partite di droga.

Un’altra parte dei proventi dello spaccio veniva addirittura utilizzata per un meccanismo di mutuo soccorso che prevedeva il pagamento delle spese legali per le denunce o gli arresti.

A sommarsi agli otto provvedimenti già emessi dall’autorità giudiziaria, vi sono infine altri due arresti di nigeriani per un totale di 10 arresti tra custodia cautelare in carcere e flagranza di reato.

Tutta l’attività, seguita dalla Servizio Centrale Operativo, ha visto il contributo delle Squadre Mobili del Nord Italia ed in particolare di Verona, Ferrara e Vicenza e del Commissariato di P.S. di Rovereto.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Lavoratori dello spettacolo, in arrivo un Ddl con sostegni e tutele
    In arrivo un disegno di legge temporaneo per rimediare alla discontinuità del lavoro nel mondo dello spettacolo. Una sorta di bonus contributivo per pareggiare, dal punto di vista pensionistico i lavoratori dello spettacolo per gli... The post Lavoratori dello spettacolo, in arrivo un Ddl con sostegni e tutele appeared first on Benessere Economico.
  • Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin
    Dal lavoro alla vita privata, fino al tempo libero: flessibilità è sicuramente la parola dell’anno, tanto da arrivare ad influenzare anche il mondo del noleggio. Anche questo settore infatti, negli ultimi anni ha declinato la... The post Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin appeared first on Benessere Economico.
  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza