Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Il Perginese Alessandro Corazza in Perù all’attacco del temuto Monte Denali

Pubblicato

-

Domenica 5 maggio 2019 parte la spedizione Italo-Peruviana per il Monte Denali 6190 metri d altezza.

Protagonisti dell’ascesa saranno Alessandro Corazza di Pergine Valsugana e Miguel Martinez di Lima che cercheranno di portare il gagliardetto del Comune di Pergine Valsugana insieme alle bandiere dei relativi Paesi sulla cima più alta del Nord America

Il Denali, che si trova in Alaska, è la terza vetta più prominente del pianeta, dopo Everest e Aconcagua.

PubblicitàPubblicità

È alto 6.190 metri, ma non è quello che spaventa gli alpinisti. No. Sono gli oltre 5.500 metri che separano la base dalla sommità. 18,000 piedi, per dirla come gli americani, che sono battuti dal vento in modo costante, perché il massiccio del Denali è anche la terza montagna più isolata al mondo.

È per questo che è così esposta al vento.

Per rendere l’idea di quanto possa essere severo il Denali, il 30 novembre 2003 la stazione meteorologica installata dal Japan Alpine Club a quota 5,710 nel 1990 registrò una temperatura minima di −59.1°C che, combinata a un vento di quasi 30 km/h, portava la percepita a –83.4°C.

Non c’è indumento che tenga, a quelle temperature.

Pubblicità
Pubblicità

La prima invernale, non senza difficoltà, è datata 28 febbraio 1967, 54 anni dopo la prima ascesa, a opera di Dave Johnston, Art Davidson e Ray Genet.

Pubblicità
Pubblicità

I nativi americani Koyukon chiamavano Deenaalee questo massiccio composto di plutone granitico.

Lo hanno sempre chiamato così. Per loro, infatti, quella parola significa “Grande Montagna”. E come abbiamo visto, il Denali non è solo grande. È un immenso ammasso di roccia e ghiaccio.

Quello che rende il Denali così bramato dagli alpinisti non è solo il fatto che è la vetta più alta del continente nord-americano. Ciò che lo rende speciale è la sua wilderness, un concetto difficile da spiegare agli europei.

Primo, perché le vette europee sono considerate “vicine”. Sono quasi tutte a ridosso di importanti centri abitati, hanno avvicinamento brevi e sono state oggetto della civilizzazione in tempi antichi. Basti pensare alle Alpi.

È vero che alcune pareti, come la Nord dell’Eiger, negli Anni Trenta del secolo scorso rappresentavano gli ultimi problemi delle Alpi, ma è altrettanto vero che erano tali per le difficoltà tecniche, più che quelle oggettive di avvicinamento. Il Denali è diverso.

È immerso nella più selvaggia natura incontaminata (sì, ancora oggi), capace da sola di sfiancare anche il più esperto alpinista.

La wilderness, appunto. Quella del Denali è estrema. Da un lato, il freddo polare. Dall’altro, la lunghezza delle vie. In mezzo, un ambiente popolato da alci e grizzly.

Come ha rammentato più volte dalle pubblicazioni dell’American Alpine Club, le condizioni a cui sottopone il corpo umano il Denali sono proibitive. Eppure, nonostante ciò, al 18 luglio scorso, su 1.126 tentativi, 676 alpinisti hanno raggiunto la sommità.

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Il Vaticano per il Natale 2019 sceglie il Presepe di Scurelle

Pubblicato

-

Scelto dal Vaticano per il Natale 2019, il Presepe allestito in Piazza San Pietro ha alle spalle oltre vent’anni di storia, di impegno e di volontariato che ha coinvolto tutta la comunità.

I bellissimi personaggi in legno a grandezza naturale raccontano la Natività e offrono uno scorcio del Trentino di inizio Novecento con le sue tradizioni, i suoi valori e i mestieri di un tempo.

È il racconto di una piccola comunità di montagna il Presepe di Scurelle: una comunità della Valsugana che vive vicina alla natura, che le dona la farina per fare la polenta ma anche il legno per costruire il tetto della propria casa, dove il solo stare insieme strappa un sorriso durante il duro lavoro nei campi e la famiglia è unita da valori forti e tramandati dagli anziani ai bimbi.

Pubblicità
Pubblicità

Al centro di questa comunità si svolge il momento della Natività con Giuseppe e Maria che adorano il Bambino Gesù appena nato, in una umile capanna in legno e pietra.

Una rappresentazione toccante pone in contatto la sacralità del momento più importante per il Cristianesimo con le tradizioni della catena montuosa del Lagorai, che domina la Valsugana. In questa meta del Trentino, oggi famosa per le sue cime e la sua natura, c’è Scurelle, un paesino di circa 1400 abitanti. Proprio qui, oltre vent’anni fa, è nata l’idea di realizzare il Presepe che quest’anno è allestito in Piazza San Pietro in Vaticano.

La ricchezza di questa opera sta prima di tutto nella comunità che l’ha realizzata. Anno dopo anno, il Comitato “Amici del Presepio e recupero tradizioni locali Scurelle” ha contato sulla collaborazione di tutto il Paese, dall’amministrazione comunale agli Alpini, dai Vigili del Fuoco Volontari ai bimbi della scuola elementare, dalla parrocchia al Gruppo Missionario, fino ai privati cittadini e alle imprese del circondario. Tutti hanno contribuito, con un oggetto di famiglia attraverso cui narrare il lavoro dei propri avi, le vesti delle statue, la costruzione delle capanne, la condivisione dei saperi di un tempo e il sostegno verso il lavoro degli artigiani.

Le statue sono state realizzate a grandezza naturale e completamente in legno. La grande espressività dei loro visi è opera dall’artigiano Felix Deflorian, con la collaborazione dei figli Tiziano e Maria Rosa. La realizzazione del presepe è stata curata dal Comitato presieduto da Ivo Tomaselli e da circa 70 volontari.

Pubblicità
Pubblicità

Il Presepe vede la presenza di due casette, anch’esse tipiche del Trentino: la stalla in cui è posta la Natività, e la Casera, tipica abitazione tradizionale del Lagorai.

Pubblicità
Pubblicità

L’allestimento è cresciuto negli anni. E così, intorno ai personaggi sacri e tradizionali del Presepe, si è sviluppata via via una piccola comunità montana, simbolo della semplicità della vita di un tempo, del rispetto della natura e dei valori della solidarietà e della bontà.

Tra i personaggi raffigurati, ci sono alcune figure tipiche di queste valli trentine, come il Kromaro, venditore itinerante di stampe religiose che girava l’Europa, ma anche la giovane casara con in mano la Pigna, strumento tradizionalmente usato per fare il burro, o la donna che fila la lana delle pecore per riscaldarsi durante i mesi più rigidi. I personaggi sono complessivamente ventitré.

Tra questi ci sono anche i tradizionali pastori accompagnati dalle pecore e dalle caprette (si tratta di animali impagliati nel rispetto di tutte le normative vigenti in materia. Nessun animale è stato soppresso per la realizzazione del Presepe).

Non mancano poi riferimenti al bosco trentino, duramente colpito nel 2018 dalla tempesta Vaia come i tronchi spezzati dalla furia del vento e alcune   radici di alberi sradicati posizionate attorno al presepe.

L’arrivo del Presepe di Scurelle per il Natale 2019 in Vaticano si concretizza dopo che nel 2016 questo Comune trentino ha donato il grande albero per Piazza San Pietro.

Un momento emozionante che ha rafforzato ancora di più l’impegno della comunità verso le iniziative del Natale. Quest’anno l’albero sarà invece donato dal Comune di Rotzo sull’Altipiano di Asiago.

Una realtà con cui Scurelle ha creato un collegamento speciale, nato dalla consapevolezza di un passato per molti versi comune, caratterizzato dalla vita spesso dura della montagna da cui molti un tempo sono fuggiti e dove oggi si lavora con tenacia e passione per tenere le comunità sempre vive, giovani e innamorate del loro territorio. L’inaugurazione del Presepe in Piazza San Pietro sarà il giorno 5 dicembre, nel pomeriggio, alla presenza di numerose persone dalla Valsugana e dal Trentino.

La partecipazione alla celebrazione del Natale in Vaticano è una grande soddisfazione per tutto il territorio trentino. L’iniziativa è stata infatti resa possibile grazie al sostegno di Provincia autonoma di Trento, Regione Trentino-Alto Adige, Comune di Scurelle, Comunità Valsugana e Tesino, Trentino Marketing, Apt Valsugana Lagorai, con il supporto di Cassa Rurale Valsugana e Tesino e Maso Energia. Hanno promosso l’iniziativa il Governatorato S.c.v. (Stato Città del Vaticano) e l’Unità Pastorale Madonna di Loreto.

Il presepe partirà alla volta di Roma, per l’allestimento, mercoledì 20 novembre, alla sera, accompagnato dai VVFF Volontari di Scurelle e dai rappresentanti del Comitato del Presepio.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Follia in Valsugana, contromano in galleria rischia una strage

Pubblicato

-

Il video incredibile, ripreso con la dash cam istallata sull’autovettura, è stato diffuso sulla pagina facebook S.O.S. Valsugana, che da anni fornisce in tempo reale un ottimo servizio sulla disastrata viabilità della Valsugana.

«Succede oggi, 17 novembre 2019 – si legge sulla pagina – il video ci è stato inviato fortunatamente da chi grazie alla sua prontezza di riflessi ha evitato il peggio ed avvisato le autorità. Qualcuno ha visto ed è riuscito a vedere modello, colore, targa del veicolo? Ore reali 16.09, orario camera non impostato correttamente»

Non è ancora chiaro dove il folle automobilista abbia potuto prendere lo svincolo contromano. Una manovra che poteva portare ad un scontro mortale viste anche le condizioni meteo di oggi. La macchina in contromano peraltro viaggia anche molto veloce mettendo a rischio l’incolumità del conducenti e della altre autovetture. 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Valsugana: il Brenta comincia a fare paura. La situazione aggiornata

Pubblicato

-

Valsugana in difficoltà per via del Maltempo.

Viene monitorato il fiume Brenta che comincia a preoccupare anche in virtù delle previsioni meteorologiche che non sono buone. Nessuna tregua quindi da parte del maltempo sul Trentino.

Da domani sera a martedì sera infatti è attesa una nuova perturbazione con quota neve a 1200 metri (sopra i 1500 metri possibili dai 30 ai 50 centimetri di neve).

PubblicitàPubblicità

Il tempo dovrebbe dare una tregua tra mercoledì e giovedì ma venerdì potrebbe tornare la pioggia per tutto il week end.

Alle 13.30 circa a causa del manto stradale c’è stato un incidente all’altezza dell’uscita Cirè direzione Trento.

Sono state coinvolte 3 macchine. Sul posto i vigili del fuoco che deviano il traffico. Non vengono registrati feriti gravi.

Questa mattina alle 9.30 quasi nello stesso punto si sono scontrate due auto. Due i feriti lievi soccorsi sul posto dai sanitari di Trentino Emergenza. Si tratta di un 18 enne e un 37 enne

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime 48 ore sono stati segnalati molti casi di macchine che sono finite in testa-coda a Cire all’altezza distributore Agip in direzione Trento per colpa della strada scivolosa o delle molte buche che si sono aperte a causa della pioggia battente.

Pubblicità
Pubblicità

In località Tomaselli una frana ha invaso la strada per il Tesino. Il traffico è stato deviato da Samone. (FOTO)

In Alta Valsugana nevica sopra i 1000 metri e le strade di rilievo sono tutte percorribili senza problematiche. Si segnala la formazione di molte buche sulla Strada Statale 47.

In bassa Valsugana e in Primiero nevica fra i 1800 e i 2000 metri. Non sono segnalate criticità per le strade di questo Settore e le strade di montagna sono percorribili con attrezzatura da neve.

Chiuso Passo Rolle per pericolo valanghe da San Martino di Castrozza a Passo Rolle. Chiuso passo Broccon lato primiero per lavori di esbosco piante.

Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del Passo Manghen da località Baessa (km  15+500) a località Ponte Stua nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 32+500).

Si registra un piccolo smottamento lungo la SP 60 di Ospedaletto con senso unico alternato, sulla SP 39 di Samone con restringimento di carreggiata e due cedimenti del sedime stradale sulla SP 79 nel tratto attualmente chiuso per permettere le operazioni di esbosco del legname.

Il Brenta a Barco alle ore 19.15 (foto Levico Per caso)

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza