Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Lavis – Maia Alta. La partita che decide la stagione finisce 1-1

Pubblicato

-

Lavis e Maia Alta, rispettivamente terza e quarta forza del campionato, si contendono il pass per la Serie D. Nel frattempo la sconfitta della Rotaliana sul campo del Dro ha portato un  altro verdetto: il Dro è algebricamente promosso fra i dilettanti.

Folta la zona playoff: a due giornate dalla fine Maia Alta e Lavis sono appaiate al secondo posto con 54 punti, mentre la Rotaliana segue a 53.

Come di routine, giornata molto ventosa. Il vento che ha accompagnato gli spettatori durante tutto l’inverno, fortunatamente inizia ad essere più mite e gradevole.

Pubblicità
Pubblicità

Tomaselli, non ancora al meglio, lascia nuovamente la fascia destra al giovane Coiro.

I ritmi sono subito elevatissimi. Al secondo minuto Lanthaler delizia la platea ospite con un pallonetto che finisce di poco alto. La risposta del Lavis è fulminea: Gorla dopo aver percorso tutta la fascia sinistra, con un tunnel di brasiliana memoria, si libera di Gomper e va al cross. Il traversone taglia tutta l’area avversaria ma non trova compagni.

Al ventesimo sempre Gorla dialoga a memoria con Loyola, e scarica un diagonale che si stampa sul palo. È il preludio al gol del vantaggio. Il cross con il contagiri del solito Loyola pesca la testa di Conci, che non può far altro che insaccare in rete. È 1-0.

Non c’è un attimo di respiro. Una decina di minuti più tardi il Maia Alta trova il pareggio. Lanthaler sfonda come un ariete per vie centrali, resiste alla carica di più avversari e con un diagonale batte il portiere Bertè. 1-1.

Pubblicità
Pubblicità

Il Lavis, colto alla sprovvista, si affida come di consueto al talento di Loyola. Sul finire del primo tempo una punizione magistrale  fa già alzare in piedi i tifosi, ma il portiere Wieser con un miracolo sventa il pericolo.

Un primo tempo frizzante e piacevole. Il ritmo forsennato e le giocate d’alta classe hanno tenuto il pubblico sempre sull’attenti. Il tifo ospite, sempre molto caldo, è stato più contenuto rispetto agli episodi successi a Mezzolombardo poche giornate prima.

Neanche il tempo di ripartire e l’altoatesino Jamal si trova solo davanti al portiere. Anziché appoggiare in porta, calcia alle stelle. Sul ribaltamento di fronte Gorla, saltato puntualmente con un tunnel Gamper, fa partire un altro traversone sul quale Coiro non arriva per questione di millimetri.

Al settantesimo il biancoblu Malleier calcia in area, ma il pallone viene respinto in maniera dubbia da Caldato (forse con il braccio). L’arbitro fa proseguire e scatena la forte protesta del tifo ospite, che fa fatica a contenersi. Si continua su ritmi infuocati fino alla fine. Quasi allo scadere il neo-entrato Schvartz fa partire un bolide che si stampa all’incrocio dei pali.

Il ritmo indiavolato ha fatto dimenticare che si è verso la fine del campionato. Un pareggio che va stretto ad entrambe le squadre, desiderose di compiere l’allungata vincente verso la meta playoff. Un Maia Alta estremamente motivato e aggressivo ha sfondato più volte il muro difensivo lavisiano. Non succede spesso.

US LAVIS ASD: Bertè, Coiro (30°st Santuari), Sebastiani, Marchi (37°st Dauriz), Gretter, Coppi, Gorla, Loyola, Conci (31°st Donati), Raffaelli, Caldato. All:Bandera
FC OBERMAIS: Wieser, Höller, Gamper, Tratter, Hasa (41°st Schvartz), Rungg, Schöpf (33°st Pamer), Jamai, Lanthaler, Ciaghi e Malleier (25°st Drescher). All: Lomi
Arbitro: Morello di Tivoli (RM) Frediani/Repetto (BZ)
Reti: 20°pt Conci (L), 29°pt Lanthaler (O)
Ammoniti: Hasa, Jamai e Lanthaler (O)
Angoli: 6-8 Fc Obermais
Recupero: 0’+4′

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Gentile, Mezzanotte e Pascolo nei 24 pre-convocati in Nazionale

Pubblicato

-

Alessandro Gentile, Andrea Mezzanotte e Davide Pascolo sono stati inseriti dal CT Meo Sacchetti nella lista dei 24 giocatori che potrebbero essere convocati per la prima finestra delle Nazionali FIBA in programma tra il 17 e il 23 febbraio prossimi, in cui gli Azzurri affronteranno Russia ed Estonia.

Il comunicato ufficiale FIP: A poco meno di un mese dalla gara di Napoli contro la Russia, il CT Meo Sacchetti ha diramato la lista dei 24 giocatori che potrebbero essere convocati per la prima finestra di FIBA EuroBasket 2021 Qualifiers (17-23 febbraio).

Nei prossimi giorni coach Sacchetti ridurrà la lista ai 16 giocatori che prenderanno parte al raduno di Napoli.

PubblicitàPubblicità

Nell’evento di scena il 20 febbraio al PalaBarbuto, organizzato dall’advisor commerciale della FIP Master Group Sport, gli Azzurri affronteranno per il primo impegno del Gruppo B delle Qualificazioni all’Europeo 2021 la squadra di coach Bazarevich (ore 20.30, diretta su Sky Sport). Tre giorni dopo invece, la sfida a Tallinn contro l’Estonia (23 febbraio, ore 18.00 italiane. Diretta su Sky Sport).
L’Italia, che ospiterà a Milano uno dei quattro Gironi di FIBA EuroBasket 2021, partecipa fuori classifica alle Qualificazioni.

I 24 della lista FIBA per le gare contro la Russia e l’Estonia:

Awudu Abass (1993, 198, A, Germani Basket Brescia)
Nicola Akele (1995, 203, A, Vanoli Cremona)
Filippo Baldi Rossi (1991, 207, A/C, Segafredo Virtus Bologna)
Giordano Bortolani (2000, 193, G, Edinol Biella)
Luca Campogrande (1996, 198, G, Happy Casa Brindisi)
Leonardo Candi (1997, 191, G, Grissin Bon Reggio Emilia)
Francesco Candussi (1994, 211, C, Tezenis Verona)
Andrea De Nicolao (1991, 185, P, Umana Reyer Venezia)
Matteo Fantinelli (1993, 195, P, Pompea Fortitudo Bologna)
Simone Fontecchio (1995, 203, Grissin Bon Reggio Emilia)
Raphael Gaspardo (1993, 207, A, Happy Casa Brindisi)
Alessandro Gentile (1992, 201, G, Dolomiti Energia Trentino)
Andrea Mezzanotte (1998, 208, A, Dolomiti Energia Trentino)
Davide Pascolo (1990, 202, A, Dolomiti Energia Trentino)
Andrea Pecchia (1997, 197, G/A, Acqua San Bernardo Cantù)
Giampaolo Ricci (1991, 202, A, Segafredo Virtus Bologna)
Michele Ruzzier (1993, 183, P, Vanoli Cremona)
Matteo Spagnolo (2003, 191, P, Real Madrid – Spa)
Marco Spissu (1995, 184, P, Banco di Sardegna Sassari)
Matteo Tambone (1994, 192, P, Openjobmetis Varese)
Amedeo Tessitori (1994, 208, C, De’ Longhi Treviso)
Stefano Tonut (1993, 194, G, Umana Reyer Venezia)
Leonardo Totè (1997, 210, A, Carpegna Prosciutto Basket Pesaro)
Michele Vitali (1991, 196, G, Banco di Sardegna Sassari)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Coach Brienza: «Per vincere un’altra difficile partita in trasferta serveno presenza mentale e il contributo di tutti»

Pubblicato

-

Domani sera (ore 21.00) Dolomiti Energia in campo al PalaDozza nel Round 4 di Top 16 in 7DAYS EuroCup contro la Segafredo Virtus Bologna: diretta Eurosport 2 ed Eurosport Player anche in Club House Aquila Basket

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Quella contro la Virtus è una partita per noi importante per confermare quanto di buono fatto nella nostra vittoria in trasferta a Sassari e anche per tenere viva, per quanto possibile, la chance di qualificazione al prossimo turno di coppa. Conosciamo bene le qualità e la forza di Bologna, nelle due precedenti partite contro di loro nelle ultime settimane però abbiamo fatto partite di alto livello: dovremo provare a ripeterle, magari provando ad avere più “killer instinct” nel finale. Non è facile limitare tutte le bocche da fuoco della Virtus, perché hanno un roster profondo e con tanti ottimi giocatori e rispetto alle ultime uscite hanno pure aggiunto Devyn Marble: la loro vittoria al Taliercio contro Venezia nel weekend ha dimostrato una volta di più il loro valore, e credo che allo stesso tempo abbia dimostrato il valore delle nostre performance recenti contro Bologna. Dobbiamo scendere in campo con grande presenza mentale, con tutti i giocatori pronti a dare un contributo determinante: lo abbiamo fatto a Sassari sabato, lo abbiamo fatto in stagione su campi difficili e contro grandi avversarie, proveremo a ripeterci. Vogliamo mettere un mattoncino in più e sfruttare questa partita per crescere e consolidarci».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Un punto e qualche rammarico: con il Cortefranca termina 1-1

Pubblicato

-

Il Trento non va oltre il pareggio sul campo del Cortefranca. Succede tutto nel finale di primo tempo: Rovea apre le marcature ma Picchi pareggia i conti a pochi istanti dall’intervallo. Nel secondo tempo le padrone di casa ci provano su palla inattiva ma è la squadra di Pavan a rendersi più pericolosa.

Per la delicata sfida con il Cortefranca, mister Pavan ripropone Linda Tonelli in difesa e capitan Torresani a centrocampo dal primo minuto, mentre in attacco torna titolare Rosa dopo un turno di riposo.

La partita stenta a decollare e per vedere la prima occasione da goal c’è da attendere diciotto minuti: Alessandra Tonelli trova l’imbucata per Rovea che però fatica ad imprimere forza al pallone.

PubblicitàPubblicità

Poco più tardi è ancora la squadra di mister Pavan a rendersi pericolosa ma l’eccesso di altruismo di Poli finisce per sorprendere Rovea al momento della conclusione, che termina di poco a lato della porta.

Al 44’ il Trento riesce però a passare a condurre: la sventagliata di Poli premia l’inserimento in profondità di Rosa che addomestica il pallone e serve a Rovea l’assist del vantaggio. L’esterno trentino spinge in rete e sigla il vantaggio gialloblù.

Nel momento migliore della formazione di mister Pavan, però, il Cortefranca ristabilisce la parità: Picchi approfitta dell’incomprensione tra Torresani e Linda Tonelli per infilare la difesa in velocità e per battere Valzolgher a tu per tu, firmando l’uno a uno a pochi istanti dall’intervallo.

Nella ripresa il copione non cambia, nonostante le padrone di casa appaiano più propositive ad inizio frazione. È ancora un passaggio di Poli ad infiammare il secondo tempo, Torresani aggancia in area ma non riesce a centrare lo specchio.

Pubblicità
Pubblicità

Poco più tardi Alessandra Tonelli pesca Rovea che raddoppia, l’arbitro però annulla per posizione irregolare. Il Cortefranca prova allora a rendersi pericoloso su palla inattiva ma sono le traiettorie di Alessandra Tonelli su punizione ad impensierire di più la controparte nel finale di gara.

Il risultato resta comunque invariato e il Trento deve accontentarsi di un punto che permette di smuovere poco la classifica. Le prossime sfide contro Sudtirol e San Paolo diranno molto del futuro di questa stagione.

CORTEFRANCA: C. Belotti, Leali, S. Belotti, Macchi, Valtulini, Freddi (33’st Mottinelli), Valesi, Muraro (40’st Giudici), Picchi, Scarpellini.
A disposizione: Ferrari, Sirelli, Beltrami, De Giglio, Fenaroli, Lavezzi, Gervasi.
Allenatore: Mauro Antonio Predari
TRENTO: Valzolgher, Varrone, L. Tonelli, Ruaben, Chierchia (18’st Lucin), Fuganti, Torresani, Poli (45’st Tononi), A. Tonelli, Rosa (26’st Paqsualini), Rovea (33’st Daprà).
A disposizione: Callegari, Maurina, Regini.
Allenatore: Libero Pavan
ARBITRO: Arnaut di Padova
RETI: 44’pt Rovea (T), 48’pt Picchi (C).

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza