Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Falso allarme furto a Cles: allora l’anziana regala i dolci ai Carabinieri

Pubblicato

-

Un carabiniere le tiene compagnia al telefono mentre il suo allarme di furto continua a suonare in piena notte e l’anziana che, passata la paura, lo ripaga con dei dolci fatti in casa.

Una storia d’altri tempi dove la gratitudine ha la forma di qualche dolce, ma dove le radici e la tradizione di anni addietro ritornano prepotentemente di attualità.

Il singolare episodio è accaduto a Cles qualche giorno fa, quando presso la centrale operativa della Compagnia Carabinieri è pervenuta la segnalazione di un possibile furto presso un’abitazione sita in zona Campi Neri.

Pubblicità
Pubblicità

Si trattava di un “allarme telefonico” collegato con il numero unico di emergenza 112. Riguardava l’abitazione di un’anziana signora.

È stata l’ottantenne stessa, dopo pochi minuti, a chiamare i Carabinieri.

Lo ha fatto quando la pattuglia dell’Aliquota Radiomobile stava già raggiungendo la sua abitazione, allertata proprio da chi le risponde al telefono.

Il carabiniere ha percepito chiaramente che la signora  era molto preoccupata e, intanto che le altre linee telefoniche di “emergenza” restavano in silenzio (sono pure le 2 e 20 del mattino), decide di restare al telefono con lei per tenerle compagnia e, specialmente, rassicurarla che presto due suoi colleghi la raggiungeranno per verificare che tutto sia a posto.

La telefonata dura pochi minuti e si chiude con l’arrivo dell’equipaggio dell’Aliquota Radiomobile.

L’ispezione eseguita dai militari permette di stabilire l’assenza di tentativi di intrusione, che si è trattato quindi del più classico dei falsi allarmi.

L’anziana rimane colpita dal gesto del carabiniere che era dall’altro capo del telefono e così, per ringraziarlo, decide di consegnare ai suoi colleghi, perché glieli recapitino, alcuni dolci che lei stessa aveva preparato nel pomeriggio.

La mattina seguente, in un orario più consono, sarà il carabiniere a chiamarla, questa volta in segno di riconoscenza per lo squisito dono.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Le due ruote non si fermano mai in Val di Sole: Vermiglio si prepara a ospitare la Coppa del Mondo Trials

Pubblicato

-

Le biciclette non si fermano mai in Val di Sole. Sale l’attesa a Vermiglio per la Coppa del Mondo Trials, che vedrà sfidarsi i funamboli della bici, capaci di vere e proprie acrobazie e giochi di equilibrio su due ruote. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Maso Maiano apre le porte: focus su difesa, allevamento, nuove varietà e distribuzione agrofarmaci

Pubblicato

-

Proseguono gli incontri estivi organizzati dalla Fondazione Edmund Mach per aggiornare il mondo agricolo sulle novità della sperimentazione.

Dopo il focus nei giorni scorsi sulla viticoltura biologica a San Michele all’Adige con i suoi 170 partecipanti, porte aperte a Maso Part e Denno con rispettivamente 350 e 200 frutticoltori presenti, giovedì 22 agosto è la volta di Maso Maiano.

L’appuntamento è fissato per le ore 8.30.

Pubblicità
Pubblicità

Il programma prevede il saluto di apertura del direttore generale FEM, Sergio Menapace, e la formazione dei gruppi con visita alle prove.

Ogni argomento sarà ripetuto per tre turni. Ecco i temi affrontati:

Difesa in frutticoltura biologica. Andamento della ticchiolatura e primi risultati delle esperienze di gestione del patogeno. Andamento dei principali fitofagi del melo e aggiornamento situazione degli scopazzi del melo nelle aziende della Fondazione.

Allevamento in parete stretta e reti multifunzionali.

Architettura di impianto del frutteto: come ottenere una parete fruttifera partendo dal biasse fino al multiasse e al frutteto pedonabile allevato a Guyot. Forma di allevamento e potatura verde per una “frutticoltura di precisione”. Reti anti pioggia per la difesa dalla ticchiolatura.

Distribuzione dei prodotti fitosanitari.

Tecnologie e tecniche innovative per la distribuzione dei prodotti fitosanitari: applicazioni a getto proiettato (ventilatore spento) con atomizzatore, impiego di impianti di distribuzione sovra chioma su frutteti in parete stretta, trattamenti localizzati al colletto per migliorare l’impiego degli insetticidi e ridurre la deriva.

Innovazione varietale. Presentazione di alcune delle nuove varietà di melo, standard e dotate di resistenti genetiche, frutto del programma di miglioramento genetico della Fondazione Mach e di altri programmi nazionali ed internazionali.

La manifestazione si svolgerà anche in caso di pioggia.

Nel pomeriggio del 22 agosto, alle ore 16, presso l’aula magna FEM, l’Associazione Enologi Enotecnici Italiani – Sezione Trentino, in collaborazione con la Fondazione E. Mach, organizza l’incontro prevendemmiale 2019.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Ton, ecco la nuova “casa” dei vigili del fuoco volontari

Pubblicato

-

Taglio del nastro, manovre dimostrative e applausi calorosi. A conclusione dei lavori di ampliamento, la nuova caserma è stata consegnata ai vigili del fuoco volontari di Ton.

“Questo è un giorno importante, nel quale tanti cittadini hanno voluto dimostrarvi di essere al vostro fianco: la comunità trentina sente in maniera forte l’importanza dell’operato dei suoi vigili che, mossi da un forte spirito solidaristico, mettono a disposizione il loro tempo, il loro impegno, la loro fatica e in alcuni casi persino la loro vita per il bene del prossimo” ha detto il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, rivolgendosi direttamente alle decine di pompieri schierati davanti alla struttura, che è stata oggetto di un importante intervento di ristrutturazione. “Voi – ha aggiunto il governatore – siete il fiore all’occhiello del sistema di autogoverno del Trentino”.

I lavori, iniziati nel maggio 2018, si sono conclusi nelle scorse settimane con spesa complessiva pari a 517.995,98 euro di cui 400.766,53 euro per opere ed 117.229,45 euro per somme a disposizione dell’amministrazione.

Pubblicità
Pubblicità

Prima della ristrutturazione, i vigili del fuoco volontari di Ton condividevano alcuni spazi con il cantiere comunale.

La struttura non era più adeguata a svolgere la sua funzione di caserma per via di numerose carenze di tipo logistico e funzionale. I 24 vigili attivi, ai quali si aggiungono 3 complementari, 4 onorari e 8 allievi, hanno ora a disposizione una caserma ampia e luminosa: il nuovo edificio realizzato accanto a quello esistente funge ora da autorimessa.

Grazie a questo intervento, sono stati realizzati nuovi spogliatoi, separati fra il personale maschile, femminile e allievi ed i relativi servizi igienici riservati. La sala radio si trova ora in una posizione dove è possibile avere un migliore controllo e coinvolgimento dei vigili, con le operazioni che si svolgono anche sul piazzale.

La soddisfazione questo pomeriggio era evidente sul volto dei vigili del fuoco volontari, guidati dal comandante Claudio Fedrizzi, ed emozionato è apparso anche il sindaco di Ton, Angelo Fedrizzi, accanto al quale erano presenti numerosi primi cittadini dei Comuni limitrofi e il parroco don Alessio Pellegrin. “Questa caserma è importante perché consente ai nostri vigili del fuoco volontari di poter operare con professionalità e vicinanza al territorio – sono state le parole del sindaco Fedrizzi -. Vi ringrazio per ciò che fate per la nostra comunità e per le nostre famiglie. Questa è la consegna della casa ufficiale dei vigili del fuoco volontari, ma è anche la consegna della casa della comunità: tutti i cittadini vedono in voi degli angeli custodi, pronti ad affrontare ogni emergenza e capaci di rimboccarsi le maniche anche se questo richiede di sottrarre del tempo alla famiglia e al lavoro”.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza