Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Ruba un borsello da un’autovettura con 400 euro e usa il bancomat, denunciato 25 enne pregiudicato

Pubblicato

-

Parcheggiare l’auto per concedersi un’escursione o anche soltanto una breve passeggiata può qualche volta riservare brutte sorprese.

Specialmente se, prima di scendere dal veicolo, ci si attarda nel sistemare – sotto il sedile, nel bagagliaio o in un vano porta oggetti, come spesso succede – la propria ingombrante borsa o soltanto il portafogli.

È proprio quello che ha fatto a Cles, un mesetto fa, una signora.

Pubblicità
Pubblicità

I suoi movimenti, per quanto la sua sensazione fosse stata un’altra (ai militari, quando ha formalizzato la denuncia, ha convintamente detto di non aver visto nessun altro nel parcheggio del centro sportivo), sono stati ben notati da un venticinquenne di Trento, già altre volte denunciato per fatti analoghi.

Nascosto da qualche parte proprio per poter individuare la sua prossima vittima, questi ha potuto colpire indisturbato infrangendo il vetro dell’auto per impossessarsi del borsello e così racimolare un bel bottino, vale a dire quattrocento euro in contanti.

Reperita la “tessera bancomat” e vicino ad essa un “ingenuo” post-it con sopra riportati cinque numeri, il ladruncolo ha potuto poi raggiungere il più vicino bancomat per eseguire alcuni prelevamenti.

Pubblicità
Pubblicità

Le indagini condotte dalla Stazione di Cles hanno portato alla indubbia identificazione del responsabile.

Pubblicità
Pubblicità

I militari, esaminando le immagini immortalate da alcuni sistemi di videosorveglianza, sono riusciti a collocare sul luogo del furto, prima, e presso lo sportello bancomat, poi, il venticinquenne pregiudicato trentino.

«Poiché episodi del genere raccontato non sono infrequenti, è consigliabile, in generale, non lasciare in auto oggetti di valore e, soprattutto, di non farlo mai dopo aver parcheggiato nella convinzione di non essere visti. Così, quando si esce per una camminata, è preferibile portare con sé l’indispensabile (il documento di guida, per esempio), comunque oggetti che non diventino di impaccio. Quanto alla tessera bancomat, è del tutto imprudente scrivere il codice PIN su un’agenda o su un promemoria e conservarli accanto alla carta stessa. In caso di furto o di smarrimento, il rischio di prelievi fraudolenti è evidentemente alto» – Spiega il Maggiore dei Carabinieri di Cles Nunzio Stanco

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Grande successo per la stagione culturale di Ossana “Oltre le mura: tempo di viaggi, viaggi nel tempo”

Pubblicato

-

Il castello di San Michele, a Ossana, ha ospitato parecchi appuntamenti della rassegna "Oltre le mura"

La rassegna culturale “Oltre le mura: tempo di viaggi, viaggi nel tempo” che ha animato l’estate di Ossana e della Val di Sole, giunge ormai al termine con un grandissimo successo di pubblico. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Inaugurato a Santa Giustina il 28esimo punto vendita della Famiglia Cooperativa Val di Non

Pubblicato

-

Ieri pomeriggio l’inaugurazione, oggi l’apertura al pubblico del 28esimo punto vendita della Famiglia Cooperativa Val di Non in località Santa Giustina di Tassullo. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

L’ultimo volo di Damljan, che amava “passeggiare” nel cielo

Pubblicato

-

Damljan amava volare. Era la sua grande passione. Appena poteva saliva su un paramotore e “passeggiava” nel cielo. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza