Connect with us
Pubblicità

Trento

In estate chiuderà l’osservazione breve del pronto soccorso di Trento

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Sugli infiniti tempi d’attesa, ma anche su tutti gli altri problemi del Pronto Soccorso dell’Ospedale Santa Chiara, interviene l’Ordine degli Infermieri.

La prima criticità evidenziata è quella della carenza dei medici che a quanto pare porterà alla chiusura estiva dei posti letto di osservazione breve che avrà come conseguenza diretta il sovraffollamento dei reparti.

Una causa dei tempi lunghi d’attesa – sottolineano gli infermieri – è anche l’errato utilizzo del Pronto Soccorso che dovrebbe servire solo per le emergenze, mentre al contrario in molti casi è inteso alla stregua di un ambulatorio medico.

Oltre l’80 % degli accessi sono codici bianchi o verdi e indicano la mancanza di consulenze esaustive sul territorio.

Per l’Ordine degli Infermieri è indispensabile rinforzare i presidi sanitari territoriali “ per dare risposte sanitarie e socio sanitarie – si legge nel comunicato – in una logica di prossimità e iniziativa ai bisogni sempre più complessi dei cittadini con patologie croniche e disabilità e per garantire risposte rapide e competenti anche alle persone con problemi minori che oggi si recano in pronto soccorso. L’Ordine degli Infermieri da tempo sta promuovendo, anche alla luce di orientamenti internazionali, di esperienze di altre realtà italiane e dei risultati di un’indagine di cittadinanza attiva, l’istituzione dell’infermiere di famiglia o comunità in Trentino. Figura che può contribuire in modo significativo alla presa in carico del cittadino in ambito territoriale con le proprie competenze di assistenza e triage infermieristico, di progettualità delle cure infermieristiche e per garantire continuità assistenziale fra ospedale e territorio, di attivazione di interventi assistenziali ed educativi a sostegno dell’auto cura e promozione della salute per prevenire l’utilizzo improprio dei servizi ospedalieri. Pertanto sosteniamo la sperimentazione di modelli organizzativi innovativi di presa in carico territoriale, funzionali e flessibili nella loro declinazione operativa, costituiti da team attivi sulle ventiquattro ore, dove i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, gli infermieri e altre professioni lavorano in alleanza e sinergia nel rispetto delle singole professionalità e ambiti di autonomia per aiutare a trovare le soluzioni più idonee”.

Da valutare la proposta del Direttore Generale Bordon di dare maggiore autonomia agli infermieri nella gestione dei casi meno complessi.

Pubblicità
Pubblicità

A questo proposito l’ Ordine fa notare come già adesso siano gli infermieri a assegnare il codice di intervento.

In Toscana è dal 2007 che è attuato un protocollo che prevede la formazione per una gestione autonoma dei casi minori.

Il risultato è stato la diminuzione del tempo d’attesa per la visita del 65% e del 71% quello di permanenza media nell’ambulatorio.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Io la penso così…4 settimane fa

«Il Trentino Alto Adige, un luogo da sogno con persone (spesso turisti) da incubo»

Trento3 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento1 settimana fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Valsugana e Primiero3 giorni fa

Dopo il caos attorno al video, arriva la risposta dell’APT Valsugana

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento6 giorni fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Offerte lavoro1 giorno fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Valsugana e Primiero4 giorni fa

San Valentino col bacio Gay, bufera sull’Apt della Valsugana

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza