Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Riva del Garda: ritrovato nel canale il corpo di Anna Maria Faes

Pubblicato

-

La morte di Anna Maria Faes, 64 anni di Riva del Garda è ancora avvolta nel mistero.

L’allarme era scattato venerdì nel tardo pomeriggio quando le telecamere l’avevano immortalata mentre camminava sulle sponde del canale della Rocca.

Poi aveva svoltato ed era sparita dalle telecamere di sorveglianza poste dalla parte dell’ingresso della Rocca.

Pubblicità
Pubblicità

Ieri mattina un pescatore ha ritrovato il suo corpo all’ingresso del canale della Rocca, stava galleggiando ed a prima vista sembrava solo un sacchetto.

Per ora non si conoscono le ragioni della morte.

La Procura della repubblica di Rovereto fornirà i risultati dell’autopsia nei prossimi giorni, anche se pare che sul cadavere della donna  non siano presenti segni di traumi.

L’ipotesi è che sia scivolata in acqua oppure sia stata colta da malore, anche se per ora gli inquirenti tengono aperte tutte le piste.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Un capriolo dentro il parco di Villa Garda ad Arco. Il Video

Pubblicato

-

Questa mattina intorno alle 8.30 in via Damiano Chiesa nel parco di Villa Garda è stato visto zampettare allegramente un capriolo maschio di circa 2 anni.

L’animale è stato immortalato in un video che filma il suo ingresso e la sua uscita dal parco.

Non è così frequente che i caprioli di avvicino ai centri abitati, ma a volte succede.

Pubblicità
Pubblicità

I caprioli  – secondo gli esperti – ogni tanto lasciano le colline per via di un particolare stato di siccità e si spostano in pianura attirati dalla presenza di rogge e canali.

Ricordiamo che i caprioli sono animali delicatissimi che mal sopportano lo stress, per questo non si devono assolutamente toccare o rincorrere.

Il capriolo ha bisogno solo di rispetto e di non essere disturbato

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Presentato il progetto delle boe elettriche sul Garda Trentino

Pubblicato

-

Sabato 20 luglio, prima della “Notte Sotto le stelle” con spettacolo pirotecnico, al Circolo Vela Torbole è stata presentata la boa robotica all’assessore regionale Giorgio Leonardi in rappresentanza del Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti e al CEO di Trentino Marketing Maurizio Rossini.

Presenti il Sindaco di Nago Torbole e tutti i Presidenti dei circoli dell’Alto Garda Trentino, che hanno fatto rete per portare avanti questo progetto: Circolo Vela Torbole, Circolo Surf Torbole, Circolo Vela Arco, Lega Navale di Riva del Garda e Fraglia della Vela Riva.

Un piano, che ha il duplice obbiettivo di salvaguardare il lago e offrire servizi sempre più innovativi alle numerose regate internazionali organizzate.

Pubblicità
Pubblicità

Tra le mete a lungo termini anche quella di usare motori elettrici per i gommoni di assistenza, rispettando sempre di più l’ambiente e portando avanti in modo sempre più cosciente l’dea lungimirante e green, che ha vietato la navigazione a motore sul Garda Trentino, se non per assistenza e servizi di trasporto.

Gli ospiti hanno apprezzato lo sforzo non solo di ricercare tecnologie green, ma anche quello di riunirsi insieme per raggiungere un unico importante obbiettivo: ora saranno necessari i finanziamenti per sostenere i buoni propositi dei circoli, che così tanto fanno anche per il turismo del territorio, creando notevole indotto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Automobilista imbocca la ciclabile fra Torbole e Riva del Garda

Pubblicato

-

Automobilista sbadato o poco informato sulla segnaletica del codice della strada imbocca la pista ciclabile con la sua autovettura.

È successo ieri sera tra Riva del Garda e Torbole alle 23.25

Il conducente dopo un centinaio di metri probabilmente capisce che qualcosa non funziona come dovrebbe e allora frena e in retromarcia riprende la strada normale.  Sia ben chiaro, in condizioni normali difficile compiere un errore del genere.

Pubblicità
Pubblicità

Ma durante la notte può anche succedere di sbagliare. 

Ma a Trento sono saliti alla ribalta due clamorosi casi simili successi in pieno giorno.

Un anziano signore si era infilato con la macchina lungo la ciclabile sul cavalcavia che dalla rotonda di via Maccani porta in via Brennero rimanendo incastrato fra il guard rail e le rete di delimitazione. 

Operazione difficile compiere, ma che è riuscita perfettamente al pensionato apparso all’arrivo dei vigili del Fuoco e dei Carabinieri abbastanza smarrito (qui foto ed articolo)

Il 31 gennaio del 2018  sullo stesso cavalcavia un’autovettura con a bordo 2 anziani aveva imboccato la pista ciclabile che costeggia la strada sul cavalcavia ed era cominciata a salire.

Giunta quasi in cima ha incontrato delle persone a piedi e in bicicletta che sbracciandosi hanno segnalato al conducente che la zona era vietata alla macchine.

In quel caso l’anziano alla guida si era infuriato per le grida e le urla dei pedoni pensando che fossero loro a non poter circolare su quel tratto di strada.

Poi finalmente si era reso conto di dove si trovava e in retromarcia, con una manovra da brivido, era tornato indietro imboccando la strada giusta (qui foto e articolo)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza