Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Il Presidente del Consiglio ha ricevuto i tre ragazzi del Degasperi di Borgo premiati per la loro app della solidarietà.

Pubblicato

-

Filippo Pasquazzo, Enrico Cescato, Samuele Ropelato, i tre giovani studenti del quarto anno, indirizzo scienze applicate, del Liceo Scientifico “Alcide Degasperi” di Borgo, Alfieri della Repubblica per la solidarietà e il loro impegno per la comunità, sono stati accolti venerdì  mattina dal Presidente del Consiglio provinciale.

Elegantissimi, con il distintivo sulla giacca di Alfiere della Repubblica che è stato loro consegnato, il 12 marzo scorso, dalla Presidente della Repubblica, accompagnati dai loro genitori Rodolfo Ropelato, Ezio Cescato e Monica Ropele, hanno presentato al Presidente del Consiglio l’app che hanno inventato per un loro amico disabile, per facilitarne la comunicazione, per rendere la sua vita migliore e migliore la vita di tutti grazie all’esempio della loro solidarietà.

Un po’ stupiti della risonanza mediatica del loro gesto, hanno ribadito che si sono messi a studiare questa app solo in nome dell’amicizia. Nessuno di loro ha cercato fama o riconoscimenti. Un gesto (o meglio, un impegno) gratuito e spontaneo. Tutto qui. Però, come ha sottolineato il Presidente del Consiglio, il loro è un esempio importante.

Pubblicità
Pubblicità

Un esempio di solidarietà, certo, ma anche di capacità. Una somma di cuore e mente che ha dato vita, con tante ore di lavoro, alla app “My Voices”.

Il Presidente del Consiglio, consegnando loro la spilla del Consiglio e un libro sul Trentino, si è quindi complimentato con Filippo, Enrico e Samuele, con i loro genitori, con i loro insegnanti (in primo luogo quello di informatica e di sostegno che hanno seguito i tre giovani), con l’intero “Degasperi” diretto dal professor Paolo Pendenza.

Pubblicità
Pubblicità

Infine, ha sottolineando l’importanza della formazione per lo sviluppo del Trentino e ha esortato i ragazzi ad andare a completare la loro formazione all’estero ma senza dimenticare la loro terra. Perché il Trentino, per migliorare il suo futuro, ha ricordato, ha bisogno di veder rientrare i talenti e le menti migliori.

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Pergine: domani il saluto ufficiale della nazionale italiana di rugby in piazza del Municipio

Pubblicato

-

Ultimi giorni in Valsugana per i campioni del rugby, ormai pronti a partire per affrontare i campionati mondiali in Giappone.

Giovedì la nazionale lascerà definitivamente la cittadina di Pergine, dove nei mesi scorsi ha trascorso quattro settimane di ritiro per un concentrato di sport ed allenamenti.

Un’esperienza che ha permesso ai giovani campioni di affiancare la dura preparazione tecnica a qualche momento di svago e relax per apprezzare le bellezze della vallata.

PubblicitàPubblicità

Per salutare ufficialmente la squadra, la comunità perginese ha organizzato un momento di incontro tra i campioni della pallovale e i loro fan.

L’appuntamento è fissato per martedì 23 luglio alle ore 18.30 in piazza del Municipio, dove per l’occasione si terrà un aperitivo con prodotti tipici, animazione e tanti giochi per grandi e piccini.

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso dell’evento i partecipanti avranno l’opportunità di incontrare i campioni del rugby, farsi fare un autografo o una fotografia e fare loro i migliori auguri per l’avventura mondiale che sta per cominciare.

Un ultimo momento di convivialità per salutare la nazionale con un arrivederci… al prossimo ritiro!

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Borgo: Mercoledì 24 Luglio il primo “vero” Consiglio Comunale, due mozioni di Civitas e Innova

Pubblicato

-

E’ stato convocato  Mercoledì 24 Luglio ad ore 18:00 il primo consiglio comunale di Borgo Valsugana dal presidente Emanuele Deanesi

Sono 10 i punti all’ordine del giorno dove si evidenziano due mozioni da parte del Polo Civico guidato da Martina Ferrai e Marco Galvan e Innova guidato da Samuele Campestrin.

La vecchia sinistra di Borgo  dopo la terza sconfitta elettorale consecutiva,  ora rappresentata da Civitas e quello che resta dell’Upt  trasformato in Innova punta l’attenzione su l’adozione del  sistema di monitoraggio denominato “Sensor Civico” e su l’aggiornamento del sito internet comunale nei punti 4 e 5 con due mozioni a riguardo.

PubblicitàPubblicità

Per quanto riguarda la “coalizione del cambiamento”  guidata da Marika Sbetta nessun atto politico è stato avviato in questo primo consiglio comunale.

All’interno della coalizione si registrano però diversi “mal di pancia” con Agire per il Trentino che ha attaccato duramente Sbetta con una nota ufficiale (qui articolo)

Pubblicità
Pubblicità

In questi giorni alcuni cittadini hanno evidenziato su i social network il degrado (nella foto alcuni cestini urbani) dei cestini pubblici di Borgo, un degrado che insieme alle isole ecologiche trasformate in discariche a cielo aperto senza controllo affigge la comunità di Borgo Olle e la Val di Sella

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Era volato nella scarpata per 30 metri, positivo agli esami tossicologici. Rischia fino a 12 mila euro di multa e l’arresto per 2 anni.

Pubblicato

-

Nel primo pomeriggio del 18 maggio 2019 il settantanovenne Dario Orsingher era rimasto coinvolto in un incidente stradale lungo la strada che da Caoria scende verso Canal San Bovo.

Pochi minuti dopo le 13, a meno di cinque chilometri dall’abitato di Caoria, Dario Orsingher aveva improvvisamente perso il controllo della sua Fiat Panda nell’affrontare una semicurva.

L’auto era uscita fuori strada finendo lungo la scarpata che scende verso il torrente Vanoi.

Pubblicità
Pubblicità

La vettura aveva fatto un volo di circa trenta metri per poi finire sul prato che costeggia il torrente. (qui articolo)

I Carabinieri di Primiero San Martino di Castrozza, intervenuti per i rilievi non rilevavano tracce che potessero far pensare al coinvolgimento di altri veicoli, suffragando la tesi di una fuoriuscita di strada “autonoma”.

Pubblicità
Pubblicità

La spiegazione a quanto successo, gli inquirenti, l’hanno avuta pochi giorni fa, quando il conducente originario del Vanoi, è stato in grado di firmare il consenso all’utilizzo dei dati relativi al test sull’alcol che i carabinieri avevano immediatamente richiesto all’ospedale Santa Chiara di Trento, dove l’anziano era stato trasportato in elicottero.

Dal successivo esame, emergeva come il conducente finito in ospedale aveva una concentrazione di alcol etilico nel sangue pari a 1,77 g/l.

I Carabinieri, impegnati in specifiche attività di prevenzione disposte dal Comando Provinciale Carabinieri di Trento al fine di arginare la recrudescenza degli incidenti stradali, informano come anche il rifiuto all’accertamento avrebbe comportato comunque la sanzione prevista per l’ipotesi più grave, fanno sapere che ora l’uomo rischia la revoca della patente, una ammenda che va da euro 3000 ad euro 12000 e l’arresto da un anno a 2 anni.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza