Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Discriminazione, razzismo e violazione della privacy. Andrea Caputo nella bufera

Pubblicato

-

Se il roveretano Andrea Caputo (foto) titolare del salone “ Studio Bellezza” di Corso Rosmini a Rovereto invece di cercare un dipendente gay, se ne fosse uscito con un semplice “ cercasi collaboratore eterosessuale e possibilmente di razza bianca” sarebbe scoppiato il caos.

Invece, al di la del fatto che in tempi di crisi si fa ormai di tutto per un po’ di pubblicità gratuita, Andrea Caputo si è trovato con tanto di foto nelle prime pagine dei giornali e citato come esempio di imprenditore illuminato.

Invece non è proprio così.

Pubblicità
Pubblicità

Prima di tutto perché quel suo annuncio affidato alle pagine di Facebook appare come una palese violazione della privacy perché chiunque andrà a lavorare allo “Studio Bellezza” sarà considerato gay a prescindere, quando il proprio orientamento sessuale fa parte della sfera personale e non dovrebbero di certo essere terzi, a reclamizzarlo.

Ma si tratta anche di una discriminazione di genere: perché unicamente gay e non lesbica, transgender o semplicemente bisessuale?

A ruoli invertiti l’accusa di razzismo sessuale, sarebbe stata automatica.

Ma il razzismo non dovrebbe essere un concetto modellabile alle situazioni o alle opportunità ed allora Andrea Caputo ne ha pensata un’altra.

Del tutto ingenuo il suo annuncio: “Cerco parrucchiere uomo e gay e ovviamente bravo da assumere. Spero che non sia discriminatorio il mio annuncio”.

Ma Andrea Caputo cosa stai dicendo?

Cerchi un uomo e non una donna; gay e non lesbica o di altri orientamenti sessuali e speri di non essere discriminatorio?

Oltre all’esserlo, sei anche sessista, razzista sessuale e violi la privacy che a quanto pare è pure un reato.

Hai però una fortuna.

Hai scritto quello che adesso fa piacere che venga detto. Di certo la sinistra, i sindacati, l’Arci Lesbica, l’Anpi non ti creeranno difficoltà come si sarebbero mobilitati per un annuncio del tipo” cercasi eterosessuale di razza bianca” e quindi le selezioni del personale saranno del tutto tranquille.

Qualche timore ci potrebbe essere per la violazione della privacy, ma tutto sommato ci sono molte probabilità che Andrea Caputo possa starsene tranquillo nel suo salone che è riuscito a pubblicizzare al meglio.

Ma poi alla fine una domanda sorge spontanea: il nuovo dipendente come potrà dimostrare che è gay per davvero?

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Scout Cngei Roveretani in West Virgina

Pubblicato

-

Gli Scout Cngei della sezione di Rovereto stanno per partire per il West Virginia, destinazione il 24° World scout Jamboree (raduno) mondiale in programma dal 22 luglio al 2 agosto.

La delegazione è composta da 8 esploratori, 1 rover e 1 capo.

Sono giovani di Rovereto e Isera e, nei giorni scorsi, hanno incontrato gli amministratori comunali.

Pubblicità
Pubblicità

L’evento vedrà la partecipazione di 45.000 Scout, provenienti da tutto il mondo.

Martedì il gruppo era dal sindaco di Rovereto Francesco Valduga, che si è detto orgoglioso per una così ampia rappresentanza della città al Jamboree. Ha inoltre affermato di sentire i temi del raduno molto vicini alla comunità e alla situazione attuale del mondo ed espresso l’auspicio che il modo di fare degli Scout, le loro azioni e le loro abitudini riescano davvero a creare un positivo cambiamento globale. Attenderà inoltre i ragazzi al loro rientro per un confronto anche sulle azioni che si possono mettere in atto a Rovereto.

Mercoledì l’incontro è stato in municipio a Isera, per ricevere il saluto della sindaca Enrica Rigotti e dell’intero consiglio comunale.

L’amministrazione ha fatto riferimento al piacere dell’avventura, ai valori dell’amicizia e dell’apertura a nuove culture, oltre che alla sostenibilità, all’essere leader nel senso di saper essere trascinatori rispetto ai grandi temi dell’esistenza umana e dello scoutismo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Mori: finita la bonifica dell’area Piccoli

Pubblicato

-

Mercoledì mattina il sindaco di Mori Stefano Barozzi ha visitato il cantiere dell’area ex Marmi Piccoli. I lavori di demolizione e rimozione dei materiali risultano conclusi e, nel giro di pochi giorni, la presa in carico dell’area, da parte del Comune, sarà completata.

Assieme al primo cittadino erano presenti l’architetto Bais coi geometri Marasca e Larcher dell’ufficio tecnico comunale, i direttori lavori Cipriani e Salvetti, la proprietà rappresentata dalla famiglia Piccoli e dal loro consulente il commercialista Paolo Bresciani, i referenti della ditta Edilsalvetti che ha curato la demolizione.

Spiega il sindaco: «Abbiamo effettuato un sopralluogo per verificare la consistenza dei lavori di demolizione e bonifica. L’intervento può dirsi completato e dunque, a giorni, potremo firmare il verbale di fine lavori e procedere con la presa in carico che, come stabilito, sarebbe avvenuta al termine di questo cantiere.

Pubblicità
Pubblicità

È un momento epocale per Mori, che si riappropria di uno spazio importantissimo a livello urbano. Quanto alla progettazione futura, sarà fondamentale il coinvolgimento dei cittadini, che potranno esprimere la propria opinione relativamente alla destinazione dell’area».

Resta chiaro, come già manifestato, che il terreno sarà dedicato a servizi pubblici, quali ad esempio un parco, un’area giochi per bambini e una porzione con parcheggi per le automobili. «Ma è fondamentale per l’amministrazione – spiega ancora il sindacosondare i desideri dei cittadini. Per questo attiveremo la bacheca delle idee. La si troverà all’ingresso dell’area e si potranno lasciare note scritte, anche con un semplice post-it, ben vengano anche i disegni dei bambini che vogliono dire la loro.

Si potrà del resto contribuire anche in forma elettronica: attraverso il sito internet del Comune, cui accedere da computer o da cellulare. È un’iniziativa che spiegheremo pubblicamente, illustrandone finalità e metodi».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Cazzano di Brentonico: ritrovato marsupio con dentro marijuana, hashish e cocaina

Pubblicato

-

Anche Cazzano di Brentonico non è immune dal traffico di droga.

La presenza di stupefacenti è stata scoperta lunedì mattina nel corso di un’operazione di controllo del territorio da parte della Compagnia di Rovereto della Guardia di Finanza.

Durante l’operazione è stato ritrovato un marsupio abbandonato sotto un cespuglio, in una zona poco frequentata del parco del paese.

Pubblicità
Pubblicità

All’interno del marsupio i finanzieri hanno rinvenuto 31,7 grammi di marijuana accuratamente impacchettata, 6 grammi di hashish e mezzo grammo di cocaina.

Vista la quantità è stato escluso l’uso personale, anche perché i consumatori non acquistano droghe diverse fra loro.

Dalle indagini è molto più probabile che si sia trattato di una filiera di spaccio.

Secondo i militari il proprietario  si sarebbe disfatto del marsupio non appena si è accorto che il parco stava per essere setacciato dalla Guardia di Finanza.

Al momento non c’e nessun indagato.

Da qui la denuncia nei confronti di ignoti per spaccio di sostanza stupefacente e il sequestro penale di quasi mezzo etto di droga.

Resta da capire se la droga sia stata abbandonata da qualcuno di passaggio oppure se si sia di fronte ad un giro locale di spaccio.

I militari continuano a indagare nella piccola frazione  (150 abitanti) facente parte del comune montano di Brentonico.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza