Connect with us
Pubblicità

Politica

Sarà Mario Malossini il candidato di Forza Italia per le elezioni Europee del 26 maggio

Pubblicato

-

Sarà Mario Malossini, già Presidente della Provincia Autonoma di Trento, già assessore al turismo e inventore della farfalla del Trentino, il candidato unico della Regione Trentino Alto Adige della lista Forza Italia per le elezioni Europee del 26 maggio 2019. A darne notizia è la coordinatrice regionale Micaela Biancofiore.

«L’esperienza e la competenza riconosciute di Mario – scrive l’amazzone berlusconiana –  l’aver inventato da Presidente della provincia il coordinamento delle regioni del Nord Est, l’essere stato membro della commissione del 12 e coordinatore regionale del partito, lo hanno fatto assurgere a miglior candidato possibile per rappresentare la nostra regione e la nostra Autonomia in Europa».

«Lo abbiamo messo in campo perché crediamo, – aggiunge Biancofiore – al contrario di quanto si è detto dell’accordo storico con la Svp, che anche grazie a Mario, alla collega Savino e ovviamente al Presidente Berlusconi, riusciremo a conseguire quel 12% dei consensi nel Nord Est utile a farci eleggere due o più deputati europei e fra questo Mario è in pole position. La sua candidatura è stata condivisa con i membri del coordinamento e tutto il partito è pronto a sostenerlo con la stessa gioia e la stessa passione con la quale sosteniamo il Presidente Berlusconi».

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Separazione dei poteri: Il primato del potere Giudiziario

Pubblicato

-

La divisione dei poteri si basa sulla dottrina di Montesquieu che la teorizzò a metà del 1700.

Alla base di questo pensiero c’è l’indipendenza e il controllo reciproco dei tre poteri che governano uno stato: quello legislativo, esecutivo e giudiziario.

Questa divisione e la loro indipendenza avrebbe dovuto garantire un funzionamento più giusto ed efficiente, lontano dai giochi di potere.

Pubblicità
Pubblicità

Ma nella realtà ha creato un potere, non elettivo, capace di destabilizzare e ricattare l’intero sistema paese: La magistratura.

Non tutti sanno e percepiscono che è il magistrato a convalidare un arresto, a decidere se uno possa o no essere messo in galera.

L’ultima parola spetta al potere giudiziario che può, di fatto, interpretare la legge come meglio crede.

L’indipendenza di questo ordine può destabilizzare la classe al potere eletta perché, di fatto , è colei che può garantire l’ordine sociale.

La nostra è un’analisi politica che determina la superiorità e la responsabilità maggiore della magistratura sull’ordine sociale. Essa deve essere apolitica, priva di pregiudizi umani e capace di difendere il bene dello Stato.

Siamo in un periodo storico di forte sfiducia verso tutte le istituzioni dello Stato. La responsabilità è certamente politica ma è anche personale.

Quando si lascia libero un delinquente o una persona che commette un reato o un omicida si giustifica e si legittima il suo operato.

Tutti noi abbiamo una responsabilità sociale, più di tutti i politici e magistrati. Abbiamo la responsabilità di educare e far rispettare le regole e non di strumentalizzare il reato per delegittimare un potere politico contrario ai nostri ideali.

La magistratura ha un peso enorme nella sfera di influenza sociale. Ha una responsabilità che gli atri poteri non hanno.

Viviamo in un periodo storico nel quale si ha sempre meno fiducia verso le istituzioni, ma le Istituzioni sono fatte da uomini, gli uomini fanno lo Stato e lo Stato siamo noi.

Il potere giudiziario, deve essere sottoposto solo alla legge, di cui deve riprodurre alla lettera i contenuti (deve essere la “bouche de la lois”, “la bocca della legge”) cosi sosteneva Montesquieu, ma se l’interpretazione è troppo ampia si può, di fatto, decidere secondo la propria volontà.

Tutto si potrebbe riassumere in un famoso detto :”A grandi poteri corrispondono grandi responsabilità.”

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Dalzocchio (Lega): «Cooperazione internazionale, da Zeni giudizi sprezzanti e Fake news. Si prenda una camomilla»

Pubblicato

-

Passa al contrattacco la capogruppo della lega in consiglio provinciale Mara Dalzocchio dopo le sparate del consigliere di minoranza Luca Zeni

«Sono toni di inaudita violenza politica, quelli con cui Consigliere del Pd Luca Zeni attacca il presidente della Giunta Fugatti sulla cooperazione internazionale; toni violenti e seguiti da un buon numero di fake news. Infatti Zeni da una parte afferma che complessivamente i milioni di euro della cooperazione internazionale sono pochi rispetto al bilancio provinciale – come se quelli da lui risparmiati col taglio delle guardie mediche fossero stati chissà quanti –, dall’altra accusa la Giunta di aver perso i 5 milioni di euro contro il dissesto idrogeologico» – Attacca Dalzocchio

Poi l’esponente della Lega sposta l’attenzione sui 5 milioni non richiesti per il dissesto idrogeologico: «Peccato che i tempi tecnici per aggiudicarsi i fondi contro il dissesto – presentando quindi i progetti necessari per ottenerli – non ci fossero, essendo poco il tempo intercorso tra la calamità e le scadenze burocratiche per detti fondi; senza dimenticare che ci saranno altri modi, più avanti, per recuperare quei 5 milioni».

Pubblicità
Pubblicità

Dalzocchio incalza Luca Zeni e ricorda la bocciatura della sua maggioranza il 21 ottobre 2018: «Peccato, ancora, che la “quota fissa” di bilancio, tenuta in tutti questi anni per la cooperazione internazionale, non ci sia stata per la sanità e l’assistenza dei trentini, che infatti il 21 ottobre 2018 hanno bocciato inappellabilmente proprio il partito di Zeni e la sua coalizione».

NESSUNA CONTRAPPOSIZIONE TRA TRENTINI E STRANIERI «Tengo inoltre a rassicurare il collega consigliere che non c’è alcuna «contrapposizione» tra trentini e stranieri né la volontà di crearla, proprio per niente; solo, c’è la volontà di dare la precedenza, in tutti i provvedimenti, a chi a questa provincia ha dato tanto, oltre a viverci da anni ed anni. Se questa appare come una «contrapposizione», allora il problema è tutto in chi la vede».

«Ricordo al collega Zeni – conclude Mara Dalzocchio –  al quale mi permetto di consigliare una camomilla – che, se lui non coglie coerenza e linearità nell’operato della Giunta Fugatti, come Lega ce ne faremo presto una ragione, dal momento che siamo più che sicuri che invece i trentini, gente pragmatica ed abituata a guardare la sostanza delle cose, questa coerenza e questa linearità la vedano eccome, e la apprezzino».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Tagli solidarietà internazionale, serviranno per aiutare giovani, donne e famiglie trentine. Fugatti: «Altra promessa mantenuta»

Pubblicato

-

I tagli eseguiti alla voce «Solidarietà internazionale» serviranno per avere trasporti meno cari per studenti e disabili trentini; agevolazioni per le famiglie che fanno fare sport ai propri figli e per un’ulteriore aiuto al reddito delle donne in difficoltà.

Ancora una volta il governatore Maurizio Fugatti mantiene le promesse fatte in campagna elettorale dall’alleanza di centro destra a traino Lega.

Nessun sorpresa quindi, e appaiono strumentali gli attacchi che arrivano dalla sinistra trentina sula questione.

PubblicitàPubblicità

I tagli alle risorse della solidarietà internazionale come quelli all’accoglienza erano nel programma del centro destra autonomista. «Prima i Trentini». Ricordate?

Punto e basta. «Nessun scandalo – ha detto il governatore – era nel programma, e per noi è un’altra promessa mantenuta»

Per i progetti di solidarietà internazionale saranno investiti quasi 2 milioni di euro.

Il resto, ovvero, quasi 4 milioni serviranno per aiutare i cittadini e contribuenti Trentini.

Secondo Fugatti è molto più importante pensare al settore sociale: aiutare i giovani, le famiglie e le donne lavoratrici.

Se dai tagli dell’accoglienza dei profughi ne hanno beneficiato i pensionati ultra settantenni che potranno viaggiare gratis sui mezzi di trasporto, a trarre vantaggio dalla «compressione» dei fondi impiegati per dei progetti in giro per il mondo saranno invece i giovani, le donne e le famiglie Trentine.

La giunta provinciale è principalmente impegnata nel concedere gli abbonamenti scontati per gli studenti prima che ricomincino le lezioni.

In questo modo si cercherà di agevolare le famiglie che hanno un reddito Icef non particolarmente alto.

Mentre sono ancora in fase di studio gli interventi per facilitare i disabili a muoversi con i trasporti.

Per quanto riguarda il capitolo dei giovani e dello sport, l’idea della giunta è quella di farsi carico dell’iscrizione (parziale o totale) di un ragazzo presso una società sportiva.

Il budget non dovrebbe superare i 200 euro l’anno, che per alcune famiglie è comunque un costo insostenibile.

E’ previsto inoltre un aumento della detrazione al reddito femminile nell’ambito del calcolo Icef.

L’assessore alle Politiche Sociali ha annunciato che Itea metterà a disposizione gratuitamente alloggi inutilizzati da almeno cinque anni e dislocati in zone di montagna scarsamente popolate. A Luserna sono disponibili i primi cinque appartamenti.

Stefania Segnana ha inoltre tranquillizzato i sindacati che lamentavano un malfunzionamento nella piattaforma usata per la presentazione delle domande Icef.

Secondo l’assessore sarà tutto sistemato in poco tempo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza