Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Ricerca e innovazione a servizio delle investigazioni. Firmato il patto per la sicurezza

Pubblicato

-

Riciclaggio e finanziamento del terrorismo, traffici illeciti di sostanze stupefacenti, di prodotti contraffatti, di oli minerali: per fare un salto di qualità nel contrasto a queste e a molte altre attività illecite è necessario coniugare le strategie investigative con la ricerca scientifica.

Questo è il senso del patto per la sicurezza firmato questo pomeriggio in Rettorato dal procuratore distrettuale della Repubblica presso il Tribunale di Trento, Sandro Raimondi, dal comandante regionale della Guardia di Finanza per il Trentino-Alto-Adige, Ivano Maccani, e dal rettore dell’Università di Trento, Paolo Collini.

«L’accordo sottoscritto oggi segna un passo importante nel percorso di collaborazione tra l’Ateneo, le Forze dell’ordine e la Magistratura» ha spiegato il rettore Collini nell’illustrare i contenuti del protocollo. «Nel mettersi al servizio di obiettivi comuni di grande rilevanza per la cittadinanza, come la tutela della sicurezza e il contrasto all’illegalità, la ricerca scientifica può offrire un contributo originale e importante».

Pubblicità
Pubblicità

«La lotta alla criminalità organizzata si può e si deve vincere anche con l’innovazione. Coniugando scienze criminologiche con informatica, matematica, statistica e altre discipline è possibile non solo automatizzare molte delle funzioni di analisi delle informazioni, che normalmente verrebbero eseguite manualmente con grande dispendio di energia, ma anche ideare e realizzare straordinari strumenti investigativi», ha aggiunto il procuratore Raimondi. «Incrociando tra loro grosse moli di informazioni, anche di natura diversa e apparentemente estranee tra loro, c’è la possibilità di verificare l’esistenza o meno di legami, relazioni, rapporti che non possono emergere dall’individuale e disgiunta valutazione dei singoli atti. Non solo, ma si può anche risalire a intenzioni, proposte e strategie non ancora palesate, le cui tracce sono state lasciate inconsapevolmente su atti o rinvenute in intercettazioni di colloqui».

«Le sfide investigative di oggi e soprattutto future devono necessariamente fare i conti con scenari quali l’intelligenza artificiale, la robotica, il cyberspazio, gli algoritmi, la blockchain» ha commentato il generale Maccani. «Coscienti di dover agire velocemente, considerati i tempi estremamente rapidi con cui operano la nuova rivoluzione industriale e la criminalità organizzata, vogliamo fare un salto di qualità tramite una strategia comune in grado di produrre nuovi moduli operativi. Per perseguire e centrare l’obiettivo ci affidiamo all’ingegno, alla creatività del capitale umano, al made in Italy tecnologico che rappresenta il nostro petrolio, la nostra vera forza che tutto il mondo ci invidia. Ci confronteremo con docenti di diversi dipartimenti dell’Ateneo di Trento. Spiegando loro le nostre esigenze, tutti insieme cercheremo di cogliere, filtrare e mettere in pratica le loro idee, il loro ingegno, per tradurlo in preziosi e innovativi prototipi investigativi. Se ognuno di noi fa qualcosa, amava dire don Puglisi, allora si può fare molto».

A illustrare i contenuti e obiettivi dell’accordo di cooperazione istituzionale è stato Andrea Di Nicola, professore associato in criminologia nel Dipartimento ‘Facoltà di Giurisprudenza’.

Un primo filone riguarda l’analisi avanzata di dati, strutturati e non strutturati, pubblici e privati, anche l’incrocio con dati di fonti diverse per indentificare trend e segnalare anomalie. Si parla della creazione di strumenti per rendere più efficaci ed efficienti i controlli, ad esempio, su finanziamento del terrorismo, riciclaggio, transazioni monetarie, e movimenti di automezzi.

Un altro fronte è l’esplorazione passiva e attiva di ambienti virtuali (come social network, forum, siti di e-commerce) e l’analisi avanzata di dati online da parte di ricercatori esperti, anche supportati da avanzati sistemi di intelligenza artificiale.

Anche sul dark web. Qui la ricerca è chiamata a supportare l’attività investigativa sul traffico di esseri umani, sul mercato degli stupefacenti, sulla commercializzazione illecita di prodotti contraffatti, oli minerali, sigarette di contrabbando e altro.

Il terzo ambito si riferisce alla creazione di strumenti innovativi per potenziare le attività di controllo sui carichi degli automezzi e dei container, per il pedinamento e l’ascolto.

L’obiettivo è identificare carichi nascosti di droga, armi, migranti e sigarette di contrabbando e verificare la reale provenienza dei prodotti attraverso tecnologie a microonde, trasportabili e facili da usare, nonché migliorare le attività di pedinamento e ascolto attraverso droni e strumenti innovativi.

Infine, la task force istituzionale si occuperà della definizione avanzata delle reti criminali e di finanziamento al terrorismo. Combinando alte competenze, studi di rete (social network analysis) e altri tipi di analisi (come quelle spaziale e statistica e quella affidata a ricercatori esperti) si punta a comprendere le dinamiche dei gruppi criminali e le loro modalità di finanziamento e a ricostruire i patrimoni dei singoli associati in associazioni a delinquere e associazioni mafiose, mettendo quindi in campo migliori azioni di prevenzione e di contrasto.

Gli intenti espressi nella firma di oggi potranno concretizzarsi anche con l’avvio a breve dell’Istituto di Scienze della sicurezza (ISSTN), grande laboratorio interdisciplinare previsto nel piano strategico di Ateneo di Trento di cui Di Nicola sarà referente. Una volta entrato a regime riunirà più di 60 docenti di dieci dipartimenti e centri di UniTrento, esperti di scienze criminologiche, diritto, big data, statistica e matematica, algoritmi, scienze cognitive, biosicurezza, cybersicurezza, blockchain, intelligenza artificiale, robotica, biometria, crittografia, fisica. Assieme a loro una rete di giovani: studenti e studentesse, dottorandi e dottorande, assegnisti e assegniste di ricerca.

Il progetto dell’Istituto di Scienze della sicurezza si svilupperà sulla base di un approccio interdisciplinare alla sicurezza e alle sue sfide globali.

Punto di riferimento in Italia e laboratorio unico nel contesto internazionale, l’Istituto si occuperà di formazione di alto livello e progetti di ricerca applicata multidisciplinare.

Punto chiave attorno a cui ruota l’attività dell’Istituto sarà un patto, nuovo e virtuoso, una collaborazione proficua, tra mondo della ricerca e della formazione universitarie e mondo delle istituzioni pubbliche e delle aziende per rispondere alle sfide della sicurezza che l’Italia deve affrontare.

Pubblicità
Pubblicità

Telescopio Universitario

Tessera UniTrento Sport gratis per studenti e studentesse

Pubblicato

-

Iscritti e iscritte all’Università di Trento dall’anno accademico in corso non dovranno più versare la quota di adesione annuale (20 euro), mentre restano a pagamento le iniziative a cui decideranno di partecipare.

La novità è stata introdotta per favorire l’attività sportiva nella comunità studentesca

Studenti e studentesse non dovranno, quindi, più versare la quota di adesione annuale (20 euro), mentre restano a pagamento anche per loro le iniziative promosse da UniTrento Sport con il supporto del Cus (Centro universitario sportivo) Trento a cui decideranno di partecipare.

Pubblicità
Pubblicità

Chi non ha mai posseduto la tessera UniTrento Sport, dovrà registrarsi online (https://webapps.unitn.it/Unisport) e poi ritirare la carta servizi valida per l’anno accademico 2019/20 nella sede del Cus (Trento – Via Prati, 1). Studenti e studentesse che devono solo rinnovarla, potranno farlo senza alcun costo presentandosi al Cus con la tessera scaduta.

UniTrento Sport card favorisce la pratica di varie discipline e offre la possibilità a studenti/studentesse e dipendenti dell’Università di Trento e dell’Opera Universitaria e di altri enti di ricerca di usufruire di agevolazioni per l’utilizzo delle piscine, delle palestre e di una serie di impianti del territorio.

L’adesione annuale è ora gratuita per studenti e studentesse dell’Ateneo di Trento, resta a pagamento per alumni e personale.

Ampia la scelta di attività a cui iscriversi (a pagamento anche per studenti e studentesse), tra cui: windsurf, arrampicata, canoa, nuoto, sci alpino, tennis, volley, basket, volo a vela, aikido, yoga, pilates, zumba, corsi di vela (anche per diversamente abili).

Sport, ma anche corsi fitness, wellness e di ballo, tornei interdipartimento e altre manifestazioni sportive.

Le iniziative in programma per il primo semestre, con ogni dettaglio, sono disponibili a questo link

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Telescopio Universitario

Architettura, successo in Ohio per i progetti dell’Università di Trento

Pubblicato

-

Successo a Cleveland (Ohio, US) per il progetto presentato da tre studentesse dell’Università di Trento a un concorso di idee per la rigenerazione di una zona residenziale multiculturale del quartiere Old Brooklyn, a sud della città di Cleveland.

Tra le 34 proposte selezionate, il gruppo Tetractys di Chiara Pinton, Erica Poli e Silvia Zomelli ha vinto due primi premi per un totale di 2 mila dollari e altri sei gruppi di UniTrento sono arrivati in finale.

Pinton, Poli e Zomelli con il progetto “In_Between” hanno ottenuto sia il primo premio assoluto nella categoria studenti sia quello per il miglior concetto di unità abitativa accessoria nella categoria generale (professionisti e studenti).

Pubblicità
Pubblicità

È il secondo anno consecutivo che un progetto del corso di Composizione architettonica e urbana 2, coordinato dai docenti Mosè Ricci, Kay Bea Jones, Sara Favargiotti con Silvia Mannocci, nell’ambito del terzo anno del corso di laurea in Ingegneria edile/Architettura del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica dell’Università di Trento, vince un concorso internazionale.

La peculiarità del corso è prevedere l’insegnamento della progettazione attraverso la partecipazione dell’intera classe a un concorso internazionale di architettura. Il successo nel 2018 era arrivato per il progetto di un centro termale nel Caucaso.

Quest’anno la classe ha partecipato al concorso internazionale di architettura e design per studenti e professionisti “Zero Threshold”, bandito dalla Cleveland Foundation, che affrontava la progettazione di alloggi e centri comunitari accessibili.

Invece di rendere i dispositivi utili alla fruibilità e accessibilità il più possibile invisibili, questa competizione sfidava i designer a celebrare l’estetica dell’accessibilità.

La competizione ha visto studenti e studentesse confrontarsi con nuove costruzioni residenziali, unità abitative accessorie, interior design e retrofit di abitazioni esistenti, spazi pubblici accessibili e progettazione del paesaggio, strategie olistiche di progettazione urbana volte a eliminare le barriere fisiche e sociali nei quartieri urbani di Old Brooklyn a Cleveland.

Sono stati complessivamente 130 i progetti presentati al concorso da venti nazioni (di cui 14 del corso di Composizione architettonica e urbana 2 dall’Università di Trento). Alla finale ne sono stati ammessi 34 (tra cui i sette trentini).

Oltre al team che ha vinto il primo premio, gli altri sei gruppi finalisti erano formati da: Matteo Omilli, Jorda Arbona Miguel Angel e Gloria Zenatti (titres); Luca Franzoi, Arianna Luise e Nicolò Repetto (ALterNative); Nicola Melchiori, Luca Rossignoli e Desirè Vallenari (Keyline); Claudia Benatti e Silvai Beber (wayOUT); Marco Canale e Giacomo Sarti (A2|97); Lisa Dalle Sasse, Sofia Merci e Gabriele Migliorini (Tangram Arhcitects).

La premiazione si è svolta lo scorso 19 settembre a Cleveland e il video messaggio delle vincitrici è online (dal minuto 1:43:30).

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Secondo mandato per Andrea Fracasso e Carlo Miniussi

Pubblicato

-

Il Senato accademico ha rinnovato ai due professori l’incarico al vertice, rispettivamente, della Scuola di Studi internazionali e del Centro interdipartimentale Mente/Cervello dell’Università di Trento.

Rinnovati i vertici della Scuola di Studi internazionali e del Centro interdipartimentale Mente/Cervello dell’Università di Trento.

Il Senato accademico, nella seduta di oggi, ha rinnovato l’incarico di direttore ad Andrea Fracasso per la Scuola di Studi internazionali e a Carlo Miniussi per il CIMeC. Il loro secondo mandato inizierà il primo ottobre e avrà durata di tre anni.

Pubblicità
Pubblicità

Il direttore della Scuola di Studi internazionali, Andrea Fracasso, svolge l’attività di ricerca negli ambiti dell’economia internazionale, della macroeconomia e dell’economia regionale. In particolare, in questi ultimi anni si è occupato di integrazione europea, squilibri globali, cambiamento strutturale in Cina e spillover di produttività. La sua produzione scientifica, pubblicata in numerose riviste internazionali, include anche lavori interdisciplinari sui temi del commercio internazionale, dell’integrazione europea e degli scambi di acqua virtuale.

Il direttore del CIMeC, Carlo Miniussi, studia la mente umana e la sua complessità e svolge ricerca nel campo delle neuroscienze cognitive con riferimento agli ambiti della plasticità corticale della memoria e dell’invecchiamento. Negli ultimi anni si è dedicato al trasferimento delle conoscenze dalla ricerca di base all’ambito clinico per trasformare tali conoscenze in protocolli che possano essere utilizzati per migliorare la salute e il benessere delle persone. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche e di libri scientifici, figura tra gli scienziati citati a livello internazionale.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza