Connect with us
Pubblicità

Benessere e Salute

Partorire in casa o in ospedale: i pro e i contro

Pubblicato

-

Il 2018 è stato l’anno che ha registrato il minor tasso di natalità in assoluto dall’Unità di Italia ad oggi: 449 mila neonati, 9 mila in meno rispetto al 2017.

Ma quando si entra nel mondo della natalità si mette in discussione tutto.

La scorsa settimana abbiamo parlato di allattamento naturale o artificiale e adesso è la volta del parto casalingo o ospedaliero.

Pubblicità
Pubblicità

Partorire in casa è un diritto delle mamme o una scelta alternativa in stile radical chic?

Da una parte le mamme che vorrebbero avere libera scelta, dall’altra i ginecologi che per motivi di sicurezza per madri e neonati, puntano al parto ospedaliero.

In mezzo le ostetriche che reclamano criteri certi perché il parto possa essere affidato in autonomia non solo in aree dedicate.

Oggi le scelte a disposizione della futura mamma sono teoricamente quattro: il parto in casa propria assistita da due ostetriche; le case maternità per il “parto dolce” che sono una decina in Italia; il parto ospedaliero e quello in una delle tre grandi strutture nazionali – a Genova, Torino e Firenze – autogestite dalle ostetriche.

Pubblicità
Pubblicità

Vediamo quali sono i punti di discussione.

Il parto sarebbe più sicuro in ospedale in considerazione di quel 40% di complicazioni inaspettate che richiedono l’intervento urgente di un medico.

Quella del parto in casa è una scelta molto costosa in quanto il servizio sanitario non lo ha inserito nelle priorità, in considerazione del basso numero di richieste.

Costa 2500 euro con rimborsi che variano da regione e regione. Ma in una clinica privata costa anche di più.

A cambiare è però la filosofia dello stesso parto: quello casalingo diventa un evento sociale e non sanitario con le mamme che possono vivere un’esperienza più intima.

Infine in discussione anche il ruolo dello Stato che dovrebbe garantire o meno la libera scelta della mamma o solo il diritto di partorire in qualsiasi struttura ospedaliera in assoluta sicurezza?

Nelle nazioni del Nord Europa la pratica tra le mure domestiche è molto diffusa: in Olanda, se una gravidanza è fisiologica, cioè non ha complicazioni, il ginecologo non entra quasi mai in gioco.

Se visita a spese pubbliche una donna con una gestazione regolare rischia un richiamo: l’attesa di un bimbo non è una malattia. Ci pensano le ostetriche. Ma intanto fra molte mamme è rivolta.

Pubblicità
Pubblicità

Benessere e Salute

Tumore al seno, colpisce una donna su otto. Se ne parla in una serata dedicata al tema

Pubblicato

-

Il tumore al seno colpisce 1 donna su 8 nell’arco della vita.

È il tumore più frequente nel sesso femminile e rappresenta il 29 per cento di tutti i tumori che colpiscono le donne.

Quasi tutte le donne con un tumore al seno, indipendentemente dallo stadio, subiscono un intervento chirurgico per rimuovere i tessuti malati.

Pubblicità
Pubblicità

Sia prima che dopo la terapia chirurgica gli specialisti coinvolti (radiologi, oncologi, radioterapisti) lavorano in un team integrato, che garantisce un reciproco scambio di informazioni sullo stato di malattia della singola paziente.

La Rete Clinica Breast Unit coinvolge tutti questi esperti, la cui collaborazione è fondamentale nella cura integrata del tumore al seno.

In Ottobre, mese della prevenzione al tumore al seno, l’Unità di Chirurgia Plastica dell’Ospedale Santa Chiara di Trento ha deciso di approfondire il tema organizzando, in collaborazione con LILT, un congresso tenuto dalle professionalità coinvolte nella Rete Clinica Breast Unit di Trento.

Le relazioni presenteranno al pubblico con linguaggio comprensibile informazioni sulla cura del tumore al seno in Trentino, fornendo dati aggiornati sulla terapia della malattia oltre alle tecniche chirurgiche attualmente praticate all’Ospedale S. Chiara.

Pubblicità
Pubblicità

L’appuntamento è per il 25 ottobre alle 17 all’hotel NH – Le Albere- di Trento.

Alla conferenza seguirà un aperitivo per il pubblico, un momento informale (alle ore 18:15) durante il quale si potranno approfondire le tematiche con gli esperti.

Sarà l’occasione per porre domande direttamente ai medici e ai rappresentanti delle associazioni presenti in sala. L’ingresso all’evento è libero, gratuito e aperto a tutti.

Durante la conferenza si alterneranno sul palco diversi esperti e approfondimenti sul tema, ed in particolare: La rete clinica Breast Unit – Dr.ssa Antonella Ferro, Oncologa, Responsabile della rete clinica Breast Unit di Trento; La prevenzione del tumore mammario – Dr. Marco Pellegrini, Radiologo, Primario della Senologia clinica di Trento; Progetto chirurgia senologica Santa Chiara – Dr. Paolo Cristofolini, Chirurgo Plastico, Responsabile SSD di Chirurgia Plastica e Senologica dell’Ospedale S. Chiara di Trento; Quadrantectomia e mastectomia: stato dell’arte e trend – Dr. Fabio Gasperetti, Chirurgo senologo dell’Ospedale S. Chiara di Trento; Il linfonodo sentinella e lo svuotamento ascellare – Dr.ssa Gabriella Berlanda, Chirurga senologo dell’Ospedale S. Chiara di Trento; Chirurgia plastica e tumore al seno – Dr. Andrea Piedimonte, Chirurgo Plastico, SSD di Chirurgia Plastica e Senologica dell’Ospedale S. Chiara di Trento; La Case manager della Breast Unit – Infermiera Professionale Silvia Lazzeri, Ospedale S. Chiara di Trento .

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Benessere e Salute

Autunno senza stress, la soluzione è a tavola: ecco gli alimenti e le vitamine perfetti

Pubblicato

-

L’arrivo dell’autunno porta con sé giornate più brevi e una natura dai colori più caldi, con questa stagione si iniziano però a sentire gli effetti del cosiddetto “mal d’autunno” che, come sintomi, comporta stanchezza, ansia, irritabilità e malinconia.

Gli americani lo chiamano “back-to- school blues”, ma è un fenomeno diffuso in tutto il mondo e i dati ISTAT confermano che riguarda addirittura 4 italiani su 5.

Uno dei rimedi per combattere questo malessere è sicuramente quello di porre maggiore attenzione a ciò che portiamo ogni giorno in tavola, assumendo alcuni alimenti in particolare con alto contenuto di vitamine. Andiamoli a vedere.

Pubblicità
Pubblicità

L’AUTUNNO IN TAVOLA: GLI ALIMENTI E LE  VITAMINE CONSIGLIATE – I nutrizionisti consigliano di assumere i seguenti alimenti: la melagrana, ricca di sali minerali e vitamine A, C e K, l’uva, ricca di antiossidanti, le castagne che, oltre ad essere ricche di sali minerali e proteine, contengono anche carboidrati e quindi bisogna star attenti a non eccedere.

Continuando in questa lista troviamo anche la zucca, ricca di vitamine proprio come come i cavoli, i broccoli e gli spinaci.

Tra gli altri alimenti assolutamente consigliati in autunno troviamo molta della frutta di stagione: mele e pere contengono fibre e vitamine, i kiwi rafforzano il sistema immunitario grazie al loro alto contenuto di vitamina C, proprio come gli agrumi (come ad esempio limone, arancia e bergamotto).

DALLA C ALLA D, TUTTE LE VITAMINE DELL’AUTUNNO –  In autunno, come durante tutto l’anno, è dunque fondamentale avere il giusto apporto di vitamine e avere un’alimentazione bilanciata. In aggiunta ad un corretto piano alimentare si può anche scegliere di completare la propria dieta con alcuni integratori specifici, come quelli presenti tra i prodotti benessere dello store online di shop-farmacia ad esempio, così da assicurarsi di assumere il corretto apporto di vitamine e nutrienti per affrontare al meglio questa stagione.

Pubblicità
Pubblicità

Passando nello specifico alle vitamine ecco quelle più importanti:  

Vitamina C: rafforza le difese immunitarie e ha una funzione antiossidante sui nostri tessuti.

Vitamina B: rinforza i muscoli e regola i processi cognitivi.

Vitamina D: molto importante per il suo effetto sulle ossa, dato che ha il compito di aiutare il calcio a fissarsi sulle strutture ossee e a renderle più resistenti.

Stesso discorso vale anche per i carboidrati e le proteine, visto che sono molto importanti per il corretto funzionamento del nostro fisico.

I primi servono a darci l’energia per affrontare tutti gli sforzi giornalieri che aumentano maggiormente in autunno dopo il periodo estivo dedicato al relax, mentre le seconde costituiscono la struttura del nostro corpo.

Oltre all’alimentazione ricca di vitamine e proteine, per “vivere al meglio” l’autunno, è fondamentale dormire con regolarità, con un sonno di almeno sette ore.

Al contempo è molto importante non abusare di caffeina e teina, limitandone quindi l’uso, e aumentare l’assunzione di acqua: alcuni specialisti consigliano di bere almeno otto bicchieri d’acqua al giorno così da restare sempre idratati e di buon umore.

Insomma in autunno più che mai bisogna tenere sempre alte le difese immunitari e cercare sempre di prendersi del tempo per la cura della propria persona senza stressarsi troppo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Benessere e Salute

Stop per lotti Buscopan Antiacido, Zantac e Ranidil perché cancerogeni

Pubblicato

-

 Si allunga la lista dei lotti di farmaci per trattare problemi gastrici e contenenti il principio attivo ranitidina, fermati in via precauzionale dal Ministero della Salute a causa della presenza di una impurità considerata potenzialmente cancerogena.

Con l’ultimo provvedimento pubblicato dall‘Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), arrivano a quota 700 e vi rientrano anche 13 lotti di Buscopan Antiacido.

Lo scorso 20 settembre è stata diffusa una prima lista di lotti di farmaci con il principio attivo ranitidina prodotto dall’officina SARACA LABORATORIES LTD in India, ritirati in quanto contenti la N-nitrosodimetilammina (Ndma).

Pubblicità
Pubblicità

Con il nuovo aggiornamento, passano da 195 a circa 700 i lotti di farmaci ritirati in via precauzionale, in attesa di accertamenti: tra questi 13 lotti di Buscopan antiacido da 75 mg in compresse effervescenti con scadenza il primo maggio 202.

Nella lunga lista si trovano inoltre 34 lotti di Zantac tra compresse, fiale e sciroppo. E, ancora, tra gli altri, 22 lotti di Ranibloc, diversi lotti di Raniben, Ranidil, Ulcex, Ranitidina Zentiva, Ranitidina Hexa.

La lista completa è sul sito dell’Aifa

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza