Connect with us
Pubblicità

Benessere e Salute

Partorire in casa o in ospedale: i pro e i contro

Pubblicato

-

Il 2018 è stato l’anno che ha registrato il minor tasso di natalità in assoluto dall’Unità di Italia ad oggi: 449 mila neonati, 9 mila in meno rispetto al 2017.

Ma quando si entra nel mondo della natalità si mette in discussione tutto.

La scorsa settimana abbiamo parlato di allattamento naturale o artificiale e adesso è la volta del parto casalingo o ospedaliero.

Pubblicità
Pubblicità

Partorire in casa è un diritto delle mamme o una scelta alternativa in stile radical chic?

Da una parte le mamme che vorrebbero avere libera scelta, dall’altra i ginecologi che per motivi di sicurezza per madri e neonati, puntano al parto ospedaliero.

In mezzo le ostetriche che reclamano criteri certi perché il parto possa essere affidato in autonomia non solo in aree dedicate.

Oggi le scelte a disposizione della futura mamma sono teoricamente quattro: il parto in casa propria assistita da due ostetriche; le case maternità per il “parto dolce” che sono una decina in Italia; il parto ospedaliero e quello in una delle tre grandi strutture nazionali – a Genova, Torino e Firenze – autogestite dalle ostetriche.

Vediamo quali sono i punti di discussione.

Il parto sarebbe più sicuro in ospedale in considerazione di quel 40% di complicazioni inaspettate che richiedono l’intervento urgente di un medico.

Quella del parto in casa è una scelta molto costosa in quanto il servizio sanitario non lo ha inserito nelle priorità, in considerazione del basso numero di richieste.

Costa 2500 euro con rimborsi che variano da regione e regione. Ma in una clinica privata costa anche di più.

A cambiare è però la filosofia dello stesso parto: quello casalingo diventa un evento sociale e non sanitario con le mamme che possono vivere un’esperienza più intima.

Infine in discussione anche il ruolo dello Stato che dovrebbe garantire o meno la libera scelta della mamma o solo il diritto di partorire in qualsiasi struttura ospedaliera in assoluta sicurezza?

Nelle nazioni del Nord Europa la pratica tra le mure domestiche è molto diffusa: in Olanda, se una gravidanza è fisiologica, cioè non ha complicazioni, il ginecologo non entra quasi mai in gioco.

Se visita a spese pubbliche una donna con una gestazione regolare rischia un richiamo: l’attesa di un bimbo non è una malattia. Ci pensano le ostetriche. Ma intanto fra molte mamme è rivolta.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]

Categorie

di tendenza