Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Issate le vele della stagione 2019 nel Garda trentino

Pubblicato

-

Trentino Marketing e Garda Trentino hanno presentato a Riva Del Garda il ricco calendario di eventi velici che scandiranno la stagione 2019 sulle acque trentine del Lago di Garda: primo appuntamento il Meeting degli Optimist, con oltre 1000 partecipanti da tutto il mondo.

È tempo di issare le vele e la settimana di Pasqua segna di fatto l’avvio ufficiale della ricca stagione nelle acque del Garda Trentino, presentata quest’oggi, martedì 16 Aprile, nella prestigiosa sede della Fraglia Vela Riva.

L’incontro, organizzato da Trentino Marketing in collaborazione con Garda Trentino spa, ha visto la partecipazione – tra gli altri – dell’Assessore Provinciale allo Sport e al Turismo, del CEO di Trentino Marketing Maurizio Rossini, del Presidente di Garda Trentino Spa Marco Benedetti, del Direttore del Consorzio Turistico Val di Ledro Stefano Cronst, della Presidentessa del CONI Provinciale Trentino Paola Mora, dell’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Riva del Garda e dell’Assessore allo Sport del Comune di Arco, del Campione del Mondo di Windsurf Nicolò Renna, e dei Presidenti di tutti i circoli velici dell’Alto Garda.

Pubblicità
Pubblicità

Gli appuntamenti organizzati dai circoli storici del Garda Trentino (Fraglia Vela Riva, Lega Navale Italiana, Circolo Vela Torbole, Circolo Vela Arco, Circolo Surf Torbole e Associazione Vela Lago di Ledro) richiameranno fino a ottobre atleti e campioni da tutto il mondo.

Sono i numeri a confermare l’importanza del calendario agonistico, la qualità dei servizi e l’impegno dei club velici locali: ben 80 regate sulle acque gardesane per un totale di 273 giorni di gara che coinvolgeranno oltre 12.000 atleti a bordo di più di 7.500 derive e windsurf.

A Pasqua la festa universale dei giovani velisti:

Pubblicità
Pubblicità

La stagione velica del Garda Trentino si aprirà con il Meeting del Garda Optimist, la cui 37.sima edizione si terrà a Riva del Garda dal 18 al 21 aprile. Una vera festa della vela giovanile con più di mille e duecento iscritti, provenienti da 37 Paesi, tra i quali Emirati Arabi, Isole Vergini, Bahamas Isole Cayman, Hong Kong.

Pubblicità
Pubblicità

Quello organizzato dalla Fraglia Vela Riva, società che nel 2019 ha festeggiato i suoi 90 anni di attività, è il più grande appuntamento velico al mondo certificato – Guinness World Records – di una classe monotipo, gli Optimist, la prima barca a vela per un bambino (9-15 anni). Un’esperienza indimenticabile, per i giovani velisti e i loro accompagnatori e familiari, non solo per l’evento sportivo, ma anche per godere un territorio da vivere dal punto di vista naturalistico, storico e culturale.

Su un tratto di lago in cui la navigazione a motore è vietata se non per ragioni di sicurezza e assistenza, i partecipanti raggiungono il campo regata arrivano in bici, in skateboard, in monopattino, grazie a piste ciclabili che collegano tutta la sponda nord del lago, da Riva del Garda ad Arco e Torbole, rendendo dunque l’evento ancora più “green”.

Tanti appuntamenti mondiali ed europei – Ogni anno si alza il sipario sul Lago di Garda che diventa teatro di una intensa attività di manifestazioni, con un calendario che comprende regate di grande tradizione ed eventi della massima importanza come campionati mondiali ed europei. La presenza costante del vento e il clima mite sono due preziose caratteristiche locali che hanno reso il lago uno dei luoghi più noti e amati dai velisti e surfisti di tutto il mondo.

La fama di questa vera e propria palestra naturale è consolidata dalle numerose attività degli storici circoli velici locali che nel tempo hanno saputo valorizzare questo sport facendo apprezzare a tutti i regatanti anche i doni naturali del territorio.

Nella vela quest’anno sarà il Circolo Vela Arco ad organizzare un campionato mondiale, quello della classe “Zoom 8” (a luglio) che vedrà la partecipazione di 180 equipaggi, mentre tre campionati europei avranno svolgimento a maggio a Riva del Garda (classe “Star”), a luglio ad Arco (“29ers”) il quale, trattandosi di un doppio, coinvolgerà 250 equipaggi per un totale di 500 velisti e a giugno a Ledro quello femminile (“Match Race”) con 12 equipaggi provenienti da 10 nazioni diverse.

E’ notevole anche il volume di attività e di appuntamenti che il Garda Trentino dedica al windsurf, specialità molto praticata sulle acque gardesane. L’importante collaborazione con il Circolo Surf Torbole ha fatto sì che questo prezioso tesoro di acqua crescesse due prestigiosi ambassador con profonde radici nel territorio.

Si tratta di Bruno Martini e Nicolò Renna, quest’ultimo presente anche all’odierna presentazione.

Il primo, classe 1993, è Campione italiano di slalom 2016, vicecampione italiano di slalom 2017, 3° nella One Hour 2017 e presenza fissa nelle gare di Coppa del mondo.

Il secondo, 18 anni a maggio, atleta delle classi Techno 293-Plus e RS:X, ha chiuso un 2018 indimenticabile, con la conquista del Mondiale della categoria Techno in Lettonia, dell’Europeo e della medaglia d’argento alle Olimpiadi Giovanili di ottobre a Buenos Aires. Grande traguardo per Renna (Under 19 – CS Torbole) anche a Palma de Maiorca dove, oltre a vincere la recente Medal Race del 13 aprile, si è aggiudicato la medaglia d’argento della sua categoria a un soffio – 1 punto – dall’oro. Torbole nel 2019 ospiterà due campionati del mondo in estate: previsti 150 partecipanti per quello della classe “Kona” ad agosto e ben 250 per la classe “RS:X” a settembre.

Una perfetta macchina del vento – I comuni del Garda Trentino che si affacciano sul lago beneficiano di una presenza costante del vento. Se il tempo è buono il vento soffia da Nord al mattino e da Sud al pomeriggio, orientandosi in ragione della differenza di temperatura tra la superficie del lago e il territorio che sta a settentrione.

I venti del Garda hanno nomi molto famosi tra gli appassionati degli sport dell’acqua. Il “Pelér” soffia da Nord a partire dalle 2-3 di notte fino alle 11-12.

Quando è teso soffia anche oltre i 13 metri al secondo. Il vento più famoso del Garda si chiama “Ora” e proviene da Sud. Soffia dalle 12-13 fino al tramonto, con intensità amplificata dalla conformazione orografica dell’Alto Garda.

La discriminante tra i due venti è legata proprio alla velocità che sono in grado di generare: per questo il Pelèr è più adatto a surfisti e velisti dilettanti, mentre l’Ora è ideale per i professionisti. Ci sono poi il vento da Balim o Balinot, il Ponal e la Vinessa, che gli esperti sanno riconoscere alla perfezione e sono generati da particolari situazioni meteo.

Maurizio Rossini (CEO Trentino Marketing): “Per l’offerta turistica del Trentino, il Lago di Garda è una risorsa fondamentale. Nella mente di molti, il Trentino è vissuto come territorio alpino e nel contempo mediterraneo, grazie proprio alla presenza di questo splendido lago. Negli ultimi anni la crescita del turismo legato a quest’area e all’attività outdoor ci ha permesso di raggiungere target e mercati turistici diversi e internazionali, per noi fondamentali in una strategia di differenziazione dell’offerta che sta diventando sempre più uno dei nostri punti di forza.”

Marco Benedetti (Presidente Garda Trentino SpA): “Il Garda Trentino è un territorio naturalmente vocato alla vela, grazie anzitutto a condizioni ambientali straordinariamente favorevoli alla pratica di queste discipline, ma il suo consolidamento a livello globale è merito anche dell’impegno dei nostri circoli velici, che mettono in campo un calendario di eventi importantissimo per quantità e qualità. Il prodotto turistico legato all’acqua è inoltre fondamentale per la nostra strategia come territorio, sempre più improntata ad un turismo di qualità: un target perfettamente congruente con quello della vela e del windsurf.”

I TOP EVENTS VELICI 2019

Fraglia Vela Riva

17 – 21 aprile: 37° Lake Garda Meeting Optimist
15 – 19 maggio: 2019 Star European Championship/SSL Breeze Grand Slam
11 – 15 settembre: GC32 Riva Cup

Lega Navale Italiana sezione Riva del Garda

25 – 26 maggio: Techno 293 – Tappa Campionato XIV Zona
26 giugno: Tappa “Giro del Garda in Kayak” pro AIDO
19 – 20 ottobre: Zonale Classe Contender

Circolo Vela Torbole

30 aprile – 4 maggio: Campionato tedesco Dragoni
9 – 12 maggio: Europa Cup Laser
26 – 29 giugno: Europeo Soling

Circolo Vela Arco

14 – 20 luglio: Campionato Mondiale Zoom 8
2 – 4 agosto: Ora Cup Ora
16 – 24 agosto: Campionato Europeo 29er

Circolo Surf Torbole

24 – 28 luglio: World Trophy Windsurfer
15 – 18 agosto: Campionato Mondiale Kona
23 – 29 settembre: Campionato Mondiale RS:X

 Associazione Vela Lago di Ledro

20 – 23 giugno: Eursaf Women Match Race Europeans – Campionato Europeo Femminile di Match Race
27 – 30 giugno: OM International Ledro Match Race Grado 2
20 – 25 agosto: Optimist European Team Racing Championship

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

È stato ritrovato nella zona di Dro sano e salvo Dalmazio Scopini

Pubblicato

-

È stato ritrovato nella zona di Dro, l’uomo scomparso stamane che ha tenuto in apprensione molte persone.

L’uomo è stato trasportato all’ospedale di santa Chiara con l’elisoccorso.

A darne notizia è sua nipote Chantal sulla sua pagina social. 

Pubblicità
Pubblicità

Si chiama Dalmazio Scopini ed era scomparso stamane lunedì 23 settembre alle ore 7.50.

Dalmazio è residente a Riva del Garda e sulle sue tracce si erano subito messi i Vigili del fuoco  di Dro – Arco – Drena – Lasino – Cavedine e Calavino insieme al soccorso alpino l’elisoccorso che ha continuato a sorvolare la zona e i carabinieri.

Dalmazio era uso inviare la mattina presto un messaggio di buongiorno a molte persone.

Pubblicità
Pubblicità

Cosa che puntualmente era avvenuta anche stamane e alla quale in molti hanno risposto ma senza più avere notizie dell’uomo.

Pubblicità
Pubblicità

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Migliorano le condizioni di Davide Cattoi. E’ ritornato a parlare e a camminare

Pubblicato

-

Dopo il terribile incidente Davide Cattoi sta lentamente ricominciando a camminare.

E’ ancora ricoverato nel reparto rianimazione dell’ospedale Santa Chiara, ma le sue condizioni migliorano considerevolmente.

E’ ritornato a parlare e a camminare, e nei prossimi giorni dovrebbe iniziare la riabilitazione.

Pubblicità
Pubblicità

Il meccanico, 26 anni di Arco, facente parte dei vigili del fuoco del paese, era stato investito il 2 settembre sulle strisce pedonali a Vignole mentre attraversava il semaforo fra via Fibbie e via San Valentino da una moto con a bordo e persone di nazionalità austriaca.

La coppia di centauri stava sorpassando un camion che era fermo all’incrocio e che stava facendo passare il 26 enne sulle strisce pedonali.

Venne soccorso e trasportato d’urgenza al Santa Chiara. (qui l’articolo in dettaglio).

Pubblicità
Pubblicità

L’avvenimento sulla pagina della Contrada Vignole è stato salutato da tantissime persone attraverso messaggi di felicitazioni ed incoraggiamento.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Salviamo il tiglio di viale dei Tigli a Riva del Garda. Al via la petizione online

Pubblicato

-

Paolo Barbagli ha lanciato la petizione per cercare di salvare il tiglio che ormai da anni è radicato in via dei Tigli a Riva del Garda.

La racconta firma è diretta al Sindaco di Riva del Garda. Dopo nemmeno un giorno sono quasi 100 le firme raccolte. (clicca qui per firmare la petizione)

«Con riferimento al previsto taglio di un tiglio davanti al n. 17 di viale dei Tigli a Riva del Garda, – si legge nelle motivazioni – dopo attento sopralluogo gli “Amici della Terra dell’Alto Garda e Ledro” ritengono che tale maestoso (e sanissimo) monumento arboreo possa e debba essere salvato. Essendo l’unico nel viale a non essere stato protetto, come gli altri, da una seppur minuscola aiuola di terra con cordolo in porfido, cerca solamente di liberarsi dal manto di asfalto con il quale è a suo tempo stato quasi sommerso. E la cui unica colpa sembra soltanto quella di disturbare parzialmente l’entrata al parcheggio del civico 17. Pertanto, a nostro parere, andrebbe semplicemente liberato dall’asfalto con una microaiuola, che tra l’altro risolverebbe anche i problemi di sicurezza per passanti e ciclisti. E andrebbe semmai piantato un nuovo tiglio nell’aiuola di fronte  orfana (da quanto tempo ?) del suo tiglio». 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza