Connect with us
Pubblicità

Trento

Con la Giunta Fugatti crollo dei richiedenti asilo in Trentino

Pubblicato

-

Con il blocco dei porti e il decreto sicurezza voluti dal ministro dell‘interno Salvini crolla la presenza dei richiedenti asilo sul territorio trentino.

Ad inizio aprile i profughi inseriti nel programma d’accoglienza sono diventati 1.257, mentre a dicembre erano 1.385.

Numeri ben lontani dai 1.850 accolti durante il governo del centro sinistra guidato da Ugo Rossi.

Pubblicità
Pubblicità

Le nazionalità più rappresentate sono la Nigeria (29%), il Pakistan (19%) e il Mali (9%).

Ad osservare il flusso di arrivi e presenze è il Cinformi (Centro informatico per l’immigrazione della Provincia).

Secondo le proiezioni diffuse dall’organismo di molto ridimensionato dalla giunta Fugatti, il fenomeno dell’immigrazione subirà un ulteriore calo: il prossimo 31 dicembre i migranti non supereranno quota mille.

Pubblicità
Pubblicità

Nei dati pesa l'”alleggerimento” delle strutture presenti sul territorio.

Il caso più emblematico è quello della chiusura del campo di Marco, dove dei 234 migranti non è rimasto più nessuno.

Con il governo di centrosinistra la progressione degli investimenti per l’accoglienza era stata a dir poco stupefacente, da un milione e mezzo di euro a più di 17 in pochi anni.

Inoltre, ci sono state storture e sprechi evidenti, come, ad esempio, i 60 mila euro per cibi esotici, o i soldi per mettere a disposizione il fotografo.

Erano tutti volontari quelli che lavoravano per accogliere i migranti. Almeno così diceva il Centrosinistra.

Poi però dopo il giro di vite della Giunta Fugatti si è scoperto che non era proprio così.

Chiedere ai sindacati per chi non ci crede

Ma di spese pazze la nostra provincia autonoma guidata dal centrosinistra ne aveva fatte anche nel 2014 e 2015.

Spesa che ogni anno si è quintuplicata ed è passata dai 1.345.967,03 euro del 2014 ai 5.408.693,51 del 2015 e poi agli oltre 11 milioni di euro nel 2016.

Lo stesso Zeni, quando era assessore della sanità,  (interrogazione 4492) aveva ammesso candidamente che solo 111 su oltre 1.900 avevano ricevuto lo status di profugo e che nel 2016 la spesa sostenuta per le tessere elettroniche prepagate dalla provincia di Trento è stata di 791.327,25. euro.

La spesa totale rendicontata al Commissariato del Governo per l’accoglienza straordinaria anno 2016 è stata di € 11.120.101,08. 

L’invito è di leggere con attenzione la rendicontazione pubblicata dallo stesso ex assessore. Alcune voci sfiorano la comicità. (clicca qui)

Nella lista si va dai 22 mila euro per i noleggiatori che portano in giro i migranti, ai 28 mila euro per un edicolante per i giornali per i profughi, ai 35 mila euro alla protezione civile per lavori di controllo, ai 79 mila euro per una rivendita di tabacchi, (senza sigarette i profughi non possono rimanere) ai 10 mila euro a Cisalfa per l’acquisto di materiale sportivo, più innumerevoli spese che fanno riflettere sulla gestione dell’immigrazione in Trentino.

Non mancano fotografi, agenzie di viaggi, hotel, alberghi, aziende per il servizio alle persone, il servizio della croce rossa (50 mila euro) numerose farmacie, supermercati con i conti aperti, gelaterie, aziende di fast food, rivendite tabacchi e una miriade di aziende che offrono servizi non meno precisati. Nella lista sono presenti anche gli affitti pagati ad Itea e ai cittadini privati che hanno messo a disposizione i propri appartamenti ai richiedenti asilo

C’è persino una parrocchia che ha preteso 15 mila euro per servizi non precisati, alla faccia della carità. Ma quando a pagare sono i cittadini anche quella sparisce come d’incanto.

Insomma, un vero business per tutti, finanziato dagli ignari e ingenui cittadini trentini, alcuni dei quali, che magari, faticano anche ad arrivare alla fine del mese. Altro che 35 euro al giorno, come spiegato dalla corte dei conti ogni «pseudo» richiedente asilo è costato al contribuente italiano 203,00 al giorno (leggete qui se non ci credete)

Infine parliamo dei costi delle strutture dove alloggiano i richiedenti asilo che sono tutti assorbiti dalla nostra provincia.

A Marco di Rovereto si sono spesi quasi 500 mila euro per ristrutturare la sede della protezione civile che ora dopo la chiusura dovrà essere nuovamente ristrutturata per far spazio nuovamente agli operatori della protezione civile. 

A Trento per la residenza Fersina sono stati oltre 800 mila gli euro spesi per nulla,  infatti scaduti i termini per il riconoscimento dello status di profugo la struttura rimarrò vuota. 

Un fiume di soldi dei contribuenti trentini spesi nel modo più inutile possibile, cioè per mantenere delle persone che non potranno avere nessun futuro in Italia perché senza status di profugo.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]

Categorie

di tendenza