Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

«Lavorare meno, lavorare tutti», ecco il piano Di Maio che fa discutere

Pubblicato

-

“Lavorare meno, lavorare tutti” era uno slogan dei cortei degli operai di fine anni sessanta, ma è un concetto che oggi il “Piano Di Maio”, ripropone con gli incentivi per diminuire l’orario di lavoro, assumendo utilizzando il Reddito di Cittadinanza.

Il Piano, ancor prima di diventare un disegno di legge, fa già discutere.

Esaminiamolo nel dettaglio.

PubblicitàPubblicità

In pratica si tratterebbe di una nuova assunzione ogni quattro dipendenti che a parità di salario, lavorerebbero un giorno in meno alla settimana.

Si tratterebbe di un’ipotesi che andrebbe ad integrare il reddito di cittadinanza secondo un progetto ideato da Giovanni Alleva professore giuslavorista consigliere informale sia presidente grillino dell’Inps Pasquale Tridico che dello stesso Di Maio.

I 780 euro mensili del sussidio andrebbero a coprire un bonus Irpef per la riduzione degli orari di lavoro.

In pratica il reddito di cittadinanza che andrebbe ad un disoccupato, verrebbe diviso tra i quattro lavoratori già occupati che volontariamente accetterebbero di ridurre la loro settimana lavorativa da cinque a quattro giorni, aprendo così uno spazio per l’assunzione di un disoccupato.

Il nuovo lavoratore verrebbe assunto con un contratto di apprendistato per un costo basso per l’impresa.

Nel caso in cui la compensazione fiscale non dovesse essere sufficiente come nel caso di retribuzioni mensili superiori ai 1300 euro, oppure l’assunzione dovesse riguardare un disoccupato che non ha diritto al Reddito di Cittadinanza; in questi casi a finanziare l’intera operazione sarebbe il welfare aziendale, sotto forma di buoni acquisto spendibili nei punti vendita convenzionati della Grande Distribuzione.

La soluzione Alleva non prevederebbe obblighi di legge per la riduzione dell’orario di lavoro quanto un sistema di incentivazioni concordato tra sindacati e imprese.

Sarebbe anche l’applicazione del contratto di solidarietà espansiva previsto da uno dei decreti attuativi del Jobs Act, ma di fatto mai applicato perché sindacati ed imprese non hanno interesse a renderlo operativo.

Alleva, oltre a essere consigliere economico dei grillini, lo è anche della Regione Emilia Romagna, quale esponente di “ L’Altra Emilia Romagna”, formazione di estrema sinistra e si dichiara comunista per nulla pentito.

A livello europeo, l’Italia con le sue 36 ore settimanali è con la Svezia lo Stato col maggior numero, mentre l’Olanda con 29 è la nazionale col minore monte ore settimanale.

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Padrone muore, cane lo aspetta da 18 mesi sul luogo dell’incidente

Pubblicato

-

La storia di questo cane fedele che ha commosso il mondo arriva da Nafpaktos (Lepanto), in Grecia.

Il quattrozampe protagonista è stato soprannominato “Hachiko greco”.

La sua vicenda, infatti, ricorda molto quella dell’Akita giapponese, diventato famoso per la fedeltà dimostrata nei confronti del suo padrone, attendendolo per 10 anni dopo la sua morte alla stazione Shibuya di Tokyo.

Pubblicità
Pubblicità

Il cane di questa storia apparteneva ad un uomo di 40 anni, morto tragicamente in un incidente stradale ormai 18 mesi fa.

Ebbene, questo cane da quel giorno non ha mai voluto lasciare il luogo dell’incidente: probabilmente convinto del fatto che il suo umano, prima o poi, andrà a riprenderlo proprio lì, dove lo ha visto per l’ultima volta. Da circa un anno e mezzo vive sotto la lapide votiva costruita in memoria dell’uomo.

Il luogo si trova a circa 12 km da dove l’uomo abitava, ma lì il cane non è mai più tornato. Qualcuno ha provato ad adottarlo, ma lui continua a scappare e a tornare lì, sotto quella lapide.

Gli amici del suo padrone scomparso, in una intervista rilasciata alla testata locale Nafpaktianews, convinti dalla determinazione del cane, hanno raccontato: “Abbiamo deciso di costruirgli una cuccia e di portargli, ogni giorno, acqua e cibo“.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Panico a Lagos: uomo si arrampica sull’ala dell’aeroplano mentre decolla. Il video

Pubblicato

-

Il cellulare di un passeggero su un volo Azman Air di Lagos ha ripreso una scena strana ma pericolosa venerdì 19 luglio.

Il video finito sui social mostra come un uomo sale sull’ala e cammina verso la cabina dell’aereo, scatenando il panico tra i passeggeri prima del decollo.

Lo strano incidente è avvenuto all’aeroporto di Lagos, in Nigeria: l’aereo stava aspettando il permesso per decollare quando l’uomo ha effettuato la pericolosissima manovra.

PubblicitàPubblicità

Secondo la NAN, l’agenzia di stampa nigeriana, non si sa come l’uomo sia riuscito a superare i controlli di sicurezza.

I passeggeri a bordo, andati nel panico, avrebbero chiesto al pilota e all’equipaggio di poter scendere dall’aereo.

L’uomo, che è stato poi arrestato, avrebbe detto di voler andare in Ghana, ma si è rifiutato di rivelare come è riuscito a superare i controlli e accedere in quel settore dell’aeroporto.

 L’aeroporto di Lagos, già in passato aveva avuto ‘buchi’ nella sicurezza.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Tensioni pericolose nel Governo, vicini a nuove elezioni.

Pubblicato

-

Tira un forte vento di crisi tra chi, da 13 mesi è alla guida dell’Italia.

Al centro della tempesta di queste ultime ore ci sono loro: Di Maio, Slavini e Conte.

Le prime bacchettate sono cominciate ieri mattina, quando Salvini in un intervista avverte: “ La Lega è disposta ad andare avanti ma se i Cinque Stelle dicono altri 3 no, cambia tutto.”

Pubblicità
Pubblicità

Il leader leghista riserva anche una battuta a Giuseppe Conte in merito alla decisione del Premier di riferire in Parlamento riguardo alla vicenda russa.

La reazione del Premier a queste giornate di tensione si legge già di prima mattina, dove ammette di non voler far parte di operazioni ambigue qualora cadesse il Governo.

Anche Di Maio non si fa attendere e in giornata parla ai suoi come di una coltellata alle spalle da parte di Salvini e dice:“ Se la Lega non vuole più che questo Governo vada avanti e se ne prenda la responsabilità.”

Il botta e risposta tra i Vice Premier continua ad Helsinki dove Salvini rimarca il distaccamento tra i due alleati: “ La sua è quasi la diagnosi della crisi, evoca la perdita del requisito indispensabile: la fiducia”.

La tensione anche personale è talmente elevata che Salvini annuncia la non presenza al Consiglio dei Ministri programmato per la giornata di oggi.

Quanto agli scenari futuri, per il Vice Premier la finestra utile per chiudere anticipatamente la legislatura senza compromettere la prossima finanziaria, con scadenza tra 72 ore, non esiste.

La finestra per votare è sempre aperta sottolinea, ma fortunatamente esiste un Presidente della Repubblica garante del fatto che questo, rimanga un Paese democratico.

Presidente della Repubblica, da cui è salito ieri il Sottosegretario Giorgetti.

L’esponente del carroccio più accreditato per un ruolo a Bruxelles ha comunicato al Capo dello Stato la propria indisponibilità per ricoprire la carica a commissario europeo.

Ormai è evidente che la rottura personale e professionale tra i due alleati è quasi definitiva e a margine di tutto questo, incalzano anche altre notizie sul caso Russia riguardati il proseguo di quella famosa riunione all’ hotel Metropol di Mosca.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza