Connect with us
Pubblicità

Trento

Trento: Piazza Fiera gremita per la tradizionale benedizione primaverile delle moto

Pubblicato

-

Una domenica quasi autunnale non ha impedito a motociclisti e appassionati di ritrovarsi in Piazza Fiera per la tradizionale benedizione primaverile.

Giunta alla ventunesima edizione, ha portato in piazza – secondo il presidente del Motoclub Trento – oltre 2.500 moto. 

Dal palco lo speaker ha invitato a più riprese a “non sgasare” prima della benedizione, arrivata da Don Daniele Longhi: “Signore, benedici queste moto e chi le guida. Dona su tutti i percorsi la grazia di guidare con prudenza e il rispetto di tutti. Possano tornare a casa felici, alle loro famiglie”.

Pubblicità
Pubblicità

Presenti al raduno l’assessore alla cultura Mirko Bisesti, l’assessore comunale Roberto Stanchina, il presidente del consiglio provinciale Walter Kaswalder e Alessandro Trinco vicepresidente del Moto Club Pippo Zanini di Rovereto.

Tanta commozione all’arrivo sul palco di Serena, moglie di Maurizio Zanni, 39enne di Mori, scomparso lo scorso 14 aprile in un incidente in moto.

Presenti gli amici di Maurizio, circa una settantina, che hanno scelto di indossare un bandana sotto il casco con la scritta: “La strada è un fertile terreno per le emozioni e la vita“.

Quest’anno il deflusso delle moto da Piazza Fiera è durato solo sette minuti e mezzo, un vero record.

Pubblicità
Pubblicità

In prima fila i Carabinieri con le Bmw 850 del 2000 e Polizia locale di Trento con una Honda 800.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

A San Donà, Martignano, Montevaccino e Terre d’Adige in arrivo santa Lucia

Pubblicato

-

Aspettando Santa Lucia può essere l’occasione per trascorrere qualche ora all’aperto creando la giusta atmosfera che accompagnerà i più piccoli alla sorpresa dei regali portati nella notte appunto da Santa Lucia e dal suo asinello.

Di seguito gli appuntamenti più vicini alla città.

A San Donà dalle 19 di giovedì sarà “Strozega di S. Lucia” con ritrovo in piazza della Chiesa.

PubblicitàPubblicità

Alle 19.15 spettacolo “Il girasole” e intrattenimento per bambini. A seguire via alla Strozega.

Alle 19.45 accensione albero di Natale, arrivo di S. Lucia e distribuzione dei doni. Pandoro e bevande calde per tutti.

A Martignano e Montevaccino – “Arriva Santa Lucia” – Come ogni anno la Santa arriva in oratorio e prima ci sarà la “strozega” in giro per il paese con questi punti di ritrovo: piazzale della pizzeria Strapizzami, la “busa dei cavai”.

Ritrovo ore 17 con barattoli o tutto quello che può fare rumore.

Pubblicità
Pubblicità

Ci sarà accompagnamento con musica e strumenti. In caso di maltempo l’evento si farà ugualmente.

A Terre d’Adige con inizio alle 16,30 sempre di giovedì sarà “Santa Lucia Fantasy Show” presso il Teatro S. Rocco e a seguire merenda per tutti e distribuzione dei sacchettini di S. Lucia. Organizza la Pro Loco di Nave S. Rocco.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Terrore a Romagnano: tenta di bruciare la macchina del vicino e di far saltare la casa

Pubblicato

-

Sono stati minuti di autentico terrore quelli passati da molti residenti di via alle Porte a Romagnano ieri sera verso le 19.30.

Un  uomo di 55 anni dopo aver tentato di dar fuoco alla macchina del vicino in garage ha minacciato di far saltare la palazzina dove abita.

Allertati dai vicini sono subito intervenuti in forze i vigili del fuoco insieme alle forze dell’ordine ed a due ambulanze del 118.

PubblicitàPubblicità

Per convincere l’uomo a desistere dal suo intento sono dovuti intervenire anche due medici, constatato che purtroppo l’uomo era ubriaco e conosciuto per gravi problemi di alcolismo.

Dopo una lunga ed estenuante trattativa durata circa un’ora l’uomo è stato sedato e caricato sull’ambulanza che lo ha trasportato all’ospedale santa Chiara di Trento.

Il 55 enne, un artista del ferro molto conosciuto per la sua bravura e competenza, sono da parecchi anni che da problemi alla comunità.

Non è infatti il primo episodio che allarma Romagnano ma solo l’ultimo di una lunga serie.

Pubblicità
Pubblicità

Il soggetto, che per colpa della sua dipendenza dall’alcool ha perso tutto, ieri sera completamente ubriaco si è scagliato contro il vicino di casa a cui aveva «dovuto» vendere la casa e nel garage ha appiccato le fiamme sotto alla sua auto.

L’intervento dei pompieri ha scongiurato guai peggiori.

Come detto l’uomo da anni soffre di problemi di alcolismo che lo trasformano da buono e gentile con tutti ad una vera furia umana. Vive con la mamma anziana e gravemente malata che spesso viene minacciata quando il figlio è ubriaco. I vicini parlano anche di episodi legati ad un coltello e di degrado sociale abbastanza gravi.

La cornice non è delle migliori, per questo i vicini si chiedono continuamente come mai le istituzioni non intervengano.

In questo caso le istituzioni potrebbero fare di più conoscendo la situazione.

La cosa viene anche confermata da un Antonio Menegatti, storico commerciante di Trento che abita nella stessa via e che suo malgrado rientrando dal lavoro ieri sera ha assistito all’episodio. «La gente ha paura perché gli episodi continuano e prendono connotati sempre più gravi. Le parole dei medici pronunciate ieri sera sono emblematiche»Spiega il commerciante.

Capita la situazione infatti i vigili del fuoco hanno fatto intervenire due medici che hanno subito detto che «il soggetto a questo punto è pericoloso per se stesso e per gli altri», da qui l’intervento di sedazione.

«Non è possibile non fare nulla – continua Menegatti – di fronte a casi simili ben conosciuti. Le istituzioni sono ancora una volta assenti in attesa che succeda la tragedia. Il soggetto andava monitorato settimanalmente nel tentativo di disintossicarlo. Purtroppo non si capisce che questi personaggi quando bevono diventano vere bombe per la comunità. Non è la prima volta che minaccia di far saltare la casa e ha fare le spese della  dipendenza dall’alcool è la mamma costretta a subire di tutto. Qui non si tratta di privare qualcuno della libertà  ma di curare un malato, perché gli alcolizzati vanno trattati come tali»

Quello di Antonio Menegatti è uno sfogo in virtù anche della lunga amicizia che lo lega al 55 enne. «Queste persone vanno recuperate, lui è bravissimo e un vero artista, le istituzione devo recuperare queste persone e seguirle perché mantengano il loro equilibrio, servono anche a questo no?»

L’alcolizzato spesso è autolesionista, il 55 enne infatti più di una volta ha sfidato e rischiato di essere sbranato da 3 Rottweiler che sono custoditi nel giardino di fronte. Insomma, l’ennesima bomba sociale, lasciata da sola in barba al pericolo verso se stesso e gli altri.

Sotto l’uomo portato via dalle forze dell’ordine 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

A Santa Massenza grande successo per «La notte degli alambicchi accesi»

Pubblicato

-

Oltre 1.200 persone, suddivise in cinque spettacoli, nel corso della tre giorni sono state guidate dalla inconfondibile voce narrante di Patrizio Roversi che li ha condotti attraverso le cinque distillerie del paese, in cui attori e produttori hanno potuto illustrare, in maniera ironica e divertente, aspetti storici e antropologici della grappa trentina.

Numerosissimi ospiti, molti dei quali da fuori provincia, hanno affollato anche quest’anno le stradine del piccolo borgo di Santa Massenza di Vallelaghi, rapiti dalla magia dello spettacolo proposto dalla compagnia teatrale Koiné per La notte degli alambicchi accesi, facendo registrare un tutto esaurito in tutte le cinque performance andate in scena dal 6 all’8 dicembre.

La grande partecipazione fa dunque archiviare all’Associazione culturale “Santa Massenza Piccola Nizza de Trent” un’altra edizione di successo per la manifestazione nata 12 anni fa con l’intento di celebrare la grappa trentina e raccontarne storia, curiosità e caratteristiche.

Pubblicità
Pubblicità

Un evento ormai entrato a far parte della tradizione, organizzato grazie al supporto di APT Trento Monte Bondone Valle dei Laghi e di Trentino Marketing e con il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito della promozione delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest.

L’attenzione mediatica e un fortissimo passaparola – ha commentato Paola Aldrighetti, Presidente dell’Associazione Piccola Nizza de Trentportano ogni anno a Santa Massenza moltissimi nuovi ospiti che si affiancano ad uno zoccolo duro di fedelissimi per il quale questo è ormai diventato un appuntamento irrinunciabile. Credo che il merito sia di una formula vincente e di qualità, in grado di proporre intrattenimento,storia e tradizione facendo al contempo cultura su un prodotto artigianale di assoluta eccellenza come la grappa“.

Significativo il dato che un buon 70% proviene da fuori provincia, soprattutto Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana, portando di conseguenza una interessante ricaduta turistica sul territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza