Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

“Sulle tracce della storia”, memoria e impresa sportiva si uniscono in un ricordo di solidarietà

Pubblicato

-

Un archivio polveroso e invecchiato dal tempo ha fatto riemergere una vicenda dimenticata ma ancora attuale, che un progetto culturale, sportivo e di recupero di una memoria storica importante vuole riportare all’attenzione di tutta la comunità trentina: è “Sulle tracce della storia“, un evento ciclistico dedicato ai soldati trentini della Grande Guerra che hanno combattuto in Russia e all’opera umanitaria della marchesa Gemma Guerrieri Gonzaga, che quei soldati riuscì a riportare a migliaia in patria, grazie alla sua straordinaria capacità diplomatica e di mediazione.

Un gruppo di ciclisti della S.C. Avio Società Sportiva Dilettantistica ripercorrerà, infatti, i luoghi in cui furono combattute alcune delle più cruenti battaglie della prima Guerra mondiale, raggiungendo la città di Kirsanov, dove esisteva un campo di raccolta di prigionieri, tra cui tantissimi austriaci di lingua italiana e avviando da quella un itinerario di 3.000 chilometri che si concluderà, dopo una sosta presso la Campana dei Caduti di Rovereto, nella tenuta San Leonardo di Borghetto, residenza della nobildonna trentina che contribuì con la sua opera a riunire migliaia di famiglie.

Alla presentazione dell’evento ha partecipato il presidente della Provincia autonoma di Trento, che ha commentato: “Sosteniamo volentieri questa iniziativa che tocca aspetti storici, culturali, affettivi e turistici e riporta all’attenzione il grande lavoro diplomatico di questa nobildonna trentina che attraverso una fitta corrispondenza riuscì a riportare a casa tanti giovani dal fronte e che aveva una visione liberale e ancora attuale dell’Autonomia”.

Pubblicità
Pubblicità

Il progetto, che coniuga il valore della memoria con un’impresa sportiva impegnativa, vede coinvolti molti attori del territorio, oltre alla Provincia autonoma di Trento partecipano, tra gli altri, Trentino Marketing, il comune di Avio e l’Apt di Rovereto e Vallagarina.

L’intento è anche quello di coinvolgere i giovani e condividere con gli studenti trentini il bagaglio di esperienza che il percorso sulle due ruote farà riportare a casa, attraverso un diario di viaggio e una testimonianza video dei luoghi e delle vicende ripercorse con la bicicletta, che verranno poi riproposti nelle scuole.

Come già accennato, il tour partirà da Avio il 29 giugno prossimo, per concludersi il 19 luglio e vedrà impegnati sei ciclisti che visiteranno e renderanno memoria a luoghi simbolici, attraversando 7 nazioni.

Un’esperienza unica, che rappresenta un evento sportivo di grande spessore culturale e di condivisione di una vicenda che merita menzione e ricordo per i suoi risvolti umanitari.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Rovereto: per gli agenti della Polizia Locale nuove dotazioni e nuovo software

Pubblicato

-

Se notate un Vigile Urbano con un tablet non sta navigando o rispondendo alla posta personale: sta lavorando e collaborando alla messa a punto di un applicativo software di Centrale Operativa sviluppato dal Servizio Informatico denominato Inspector.

I  sistemi “mobile” stanno sempre più interessando ogni ambito della Pubblica Amministrazione perciò  è stato deciso l’utilizzo di dispositivi “mobile” anche da parte delle pattuglie in rete con il Comando.

Le attività che gli agenti possono svolgere con tablet di servizio si riferiscono al pattugliamento, al pronto intervento, ad azioni di anti degrado, a documentazione fotografica, a consultazione banche dati, alla redazione di documenti/relazioni ecc..

PubblicitàPubblicità

Il software che stanno utilizzando consente una più puntuale ed efficace programmazione dei controlli (tema prioritario per Amministrazione, Circoscrizioni e Cittadini), una più puntuale ed efficace rendicontazione effettiva e statistica di tutta l’attività svolta e una gestione “mobile” dell’applicativo che consente di inviare direttamente dalla Centrale Operativa i dati sulle attività svolte, tutte le informazioni sull’intervento in pattuglia, comprese fotografie, esami documentali ecc…

In queste settimane sono stati distribuiti i primi 8 dispositivi “mobile” ad un gruppo di agenti in servizio esterno che, per conoscenze personali e passione per la tecnologia, stanno concorrendo  al miglior sviluppo possibile della piattaforma software attualmente in fase sperimentale.

Quando la versione “mobile” di Inspector entrerà in servizio consentirà di razionalizzare ed ottimizzare controlli e servizi su strada.

Sui sistemi mobile potranno essere installate ulteriori applicazioni quali un sistema di verbalizzazione delle violazioni informatico, la consultazione di banche dati utili ai controlli su strada, la consultazione di “alert” dai sistemi di videosoeveglianza con lettura automatica delle targhe e molte altre funzionalità che possono razionalizzare ed ottimizzare i controlli sul servizio esterno.

Nel frattempo sono stati ricevuti dal Sindaco i 4 nuovi ispettori Elena Espen, Renzo Simoncelli, Vincenzo Cicerano, Ivan Ciaghi che dal 1 luglio hanno preso servizio con tale funzione.

La loro nomina scaturisce da un articolato percorso interno che ha visto l’Amministrazione Comunale interfacciarsi con le esigenze del Corpo di Polizia Locale  e che – sentite anche le organizzazioni sindacali – aveva la finalità di meglio strutturare la dotazione organica ai fini di garantire numericamente le presenze in turno e di conseguenza l’operatività dell’intero Corpo di Polizia Locale.

Questo percorso che va anche a migliorare la qualità lavorativa  e organizzativa (in caso di eventuali assenze) ha il pregio di aver reso più armonico anche il rapporto numerico tra responsabili e sottoposti.

Grazie ad un concorso interno (concordato con i sindacati nel settembre 2018) è quindi scaturito un riassetto organizzativo che va a potenziare di fatto le funzioni e i turni disposti dal Comando.

Di queste novità  e dei recenti protocolli per la sicurezza si è anche parlato ieri  sera lunedì 22 luglio, nel corso della Finestra per la Città.

dav

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

I giovani del Campus Lions Alpe – Adria in visita a Rovereto

Pubblicato

-

I 16 giovani provenienti da ben 13 nazioni di tutto il mondo e ospiti in queste settimane del Campus Lions Alpe – Adria, di base nella bella Pesina di Caprino Veronese, hanno visitato quest’ultima domenica 21 luglio Rovereto.

Guidati dalla direttrice del Campus Giovanna Leardini e da tre giovani dello staff, sono stati accolti in città dal Past Governatore Davide D’Eliseo e dai Soci Lions Giovanna Bronzini, Alessandro Benedetti e Alberto Dossi.

Il Socio Christian Verzè ha fatto loro da guida in inglese, facendo conoscere a tutti i borghi storici della città, raccontando la storia di Rovereto dei secoli trascorsi, facendone loro apprezzare le attività culturali e artigianali.

PubblicitàPubblicità

Non poteva mancare la visita alla Campana dei Caduti sul Colle di Miravalle, dove i giovani ospiti hanno potuto riflettere in maniera significativa e partecipata sul valore universale della pace e sul messaggio, in tal senso, insito nei cento rintocchi quotidiani di Maria Dolens.

La sfilata con le colorate bandiere dei loro Paesi è stata come sempre un momento molto emozionante.

Anche il Campus Alpe – Adria rientra nel fitto programma internazionale degli scambi giovanili promosso dai Lions Club. Sono migliaia i giovani che annualmente hanno la possibilità di viaggiare e di conoscere culture, abitudini, lingue e cibi diversi, nonché condividere alcune settimane con molti loro coetanei provenienti da ogni continente.

Una forma educativa apprezzata con entusiasmo dai giovani ospiti e molto efficace nella loro crescita quali persone rispettose di ogni differenza e, come tali, quali donne e uomini intelligenti e consapevoli dell’inestimabile valore della pace.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

CinemAMoRe porta il cinema all’aperto a Villa Lagarina

Pubblicato

-

La rassegna cinematografica promossa dall’Assessorato alla Cultura della Provincia Autonoma di Trento e curato dal Trento Film Festival, dalla Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico e dal Religion Today Film Festival arriva per la prima volta a Villa Lagarina: il 23 luglio tre bellissimi film verranno proiettati all’aperto, grazie alla collaborazione con Cinema du Desert.

Martedì 23 luglio a Villa Lagarina va in piazza la magia del cinema all’aperto, grazie alla collaborazione con Cinema du Desert e il Comune.

Nel Piazzale della Scuola elementare alle ore 21.15 saranno proiettate tre pellicole molto originali, tutte in linea con l’impegno sociale e culturale dei ragazzi di Cinema du Desert: La storia dimenticata degli Swahili (di Agnès Molia, Francia / 2018 / 26′), premiato alla Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico 2018 con la Menzione CinemAMoRe;  Across the Line (di Nadav Shlomo Giladi, Israele / 2018 / 29′), dal Religion Today 2018, un corto nel quale Hananel, un giovane ebreo praticante, grazie a un incontro inaspettato con Mundir, un autostoppista palestinese indesiderato e testardo, impara molto sulla comunicazione, l’amicizia e l’amore; Let’s Go to Anctartica! (di Gonzaga Manso, Spagna / 2018 / 5′), in anteprima internazionale all’ultimo Trento Film Festival, un’ironica riflessione sui viaggi contemporanei e quel che comportano.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza